I migliori strumenti per testare le prestazioni di WordPress

I migliori strumenti per testare le prestazioni di WordPress

Vuoi testare le prestazioni di WordPress? Individuare le aree di miglioramento del tuo sito, così da renderlo ancora più veloce? Migliorare l’esperienza degli utenti, facendo caricare le pagine “alla velocità della luce”?

Nel post di oggi ti presenterò alcuni strumenti molto utili per testare le prestazioni del tuo sito e anche per raccogliere indicazioni sugli aspetti che necessitano un po’ di attenzione.

Iniziamo.

Strumenti gratuiti per testare le prestazioni di WordPress

PageSpeed Insights di Google

Strumenti per testare velocità sito

Questo strumento è gratuito e produce risultati immediati. Quando incolli il tuo URL e clicchi “Analizza”, in pochi secondi viene generato un report contenente informazioni sulle prestazioni del sito, sia per desktop che per mobile.

Google fornisce anche una lista di soluzioni per migliorare il tuo sito: quelle in rosso sono importanti e dovrebbero essere implementate il prima possibile. Quelle arancioni non sono prioritarie ma comunque consigliate. In verde, sono invece indicate le aree in cui il tuo sito eccelle!

Per Google, l’esperienza degli utenti da mobile è estremamente importante. Se ti interessa, oltre alla velocità puoi anche testare la compatibilità mobile del tuo sito con lo strumento “Test di compatibilità con dispositivi mobili”.

Pingdom Website Speed Test

Pingdom Website Speed Test per testare velocità sito web

Questo è il secondo strumento più popolare della rete (dopo quello ufficiale Google) per testare le prestazioni di WordPress.

Prima di fare il test, ti consiglio di espandere la sezione “Settings”. Qui trovi due opzioni utili:

Per prima cosa, puoi togliere la spunta alla voce “Save test and make it public” per evitare che i risultati del test siano visibili pubblicamente (ovviamente, non previene però che qualcun altro testi il tuo sito con questo stesso strumento).

Inoltre, puoi scegliere da dove testare il tuo sito. La distanza dell’utente dal server dove è ospitato il tuo sito è uno dei tanti fattori che impattano il tempo di caricamento delle pagine. Se ti rivolgi ad un pubblico italiano, ti consiglio di testare le prestazioni di WordPress selezionando la voce “Amsterdam, Netherlands”. In questo modo, il tuo sito sarà testato dall’Europa.

Anche in questo caso, in pochi secondi sarà visualizzato un report contenente dati relativi alla performance del tuo sito.

Rispetto allo strumento di Google, Pingdom non fornisce tante informazioni su come rendere il tuo sito più veloce. Avrai quindi bisogno di più conoscenze tecniche per analizzare il report e, soprattutto, identificare le soluzioni da applicare.

Quello che però è molto interessante è che se analizzi il sito regolarmente lasciando spuntata la voce “Save test and make it public” avrai poi a disposizione uno storico dei test effettuati. Cliccando sulla tab “History” vedrai quando il tuo sito è stato più lento e quando più veloce.

GTmetrix

GTmetrix per testare le prestazioni di WordPress

Online sono disponibili tantissimi strumenti per testare le prestazioni del tuo sito WordPress. In questa guida ti segnalo anche GTmetrix, che raccoglie i dati da PageSpeed e YSlow e crea un report dove gli elementi sono ordinati per priorità.

Rispetto ai due strumenti precedenti ha funzionalità un po’ più limitate, però vale comunque dargli un’occhiata per comparare i dati.

P3 Plugin Performance Profiler

Questo plugin WordPress è un po’ diverso dagli strumenti segnalati qui sopra. Infatti, ti permette di testare le prestazioni di WordPress analizzando l’utilizzo di risorse da parte dei singoli plugin installati sul tuo sito.

Se hai già implementato le soluzioni suggerite da PageSpeed Insights di Google ma il tuo sito continua comunque a risultare lento, potrebbe essere colpa di un plugin.

P3 serve proprio a questo: ad identificare gli strumenti WordPress che impattano maggiormente sulla performance del tuo sito.

Puoi leggere la guida dedicata a  P3 Plugin Performance Profiler qui.

Scopri come velocizzare il tuo sito WordPress.

Strumenti premium

Se la performance del tuo sito è un fattore di massima importanza, ci sono anche alcuni strumenti premium che ti permettono di monitorarla ed analizzarla in modo molto più approfondito.

In particolare, ti segnalo New Relic e Load Impact. Su Load Impact puoi anche provare a fare un test gratuitamente.

Se sei uno sviluppatore

Se hai conoscenze approfondite di programmazione e della piattaforma WordPress, ti consiglio di dare un’occhiata a questa pagina sul sito ufficiale WordPress (nota però che questa guida è ancora in bozza. Questo significa che non è stata verificata e potrebbe subire modifiche/correzioni da parte dell’autore). Questa pagina illustra l’utilizzo dell’estensione Xdebug e della libreria MySQLnd.

Conclusione

Sei pronto a testare le prestazioni di WordPress con uno o più degli strumenti consigliati? Quello che ti consiglio di fare è testare i vari strumenti e scegliere quello con cui ti senti più a tuo agio. Quindi, monitorare il tuo sito regolarmente così da individuare eventuali variazioni.

Come sempre, se hai domande, suggerimenti o vuoi semplicemente farci un saluto, puoi lasciare il tuo commento qui sotto. Alla prossima guida.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!
Andrea Di Rocco

Latest posts by Andrea Di Rocco (see all)


PROMOZIONE HOSTING WORDPRESS SITEGROUND

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
2 commenti
  1. dice:

    Personalmente faccio largo uso degli strumenti messi a disposizione da Google come PageSpeed Insights, e di vari plugin come il P3…ma sono dell’idea che un secondo parere è sempre positivo :)
    Grazie per la condivisione.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *