Il nuovo sito di SOS WP è finalmente online

Ti diamo il benvenuto sul nuovo sito di SOS WP

La nuova versione del sito di SOS WP è finalmente online!

Che faticaccia, ragazzi!

Ma grazie a un fantastico lavoro di squadra, siamo riusciti nell’impresa che sembrava impossibile.

Forse ti stai chiedendo…

“Ma Andrea, era così bello il vecchio sito, perché hai deciso di rifarlo?”

Questa è un’ottima domanda.

Infatti, “bello” non vuol dire sempre “ottimale”.

C’erano delle cose che, detto fra noi, non andavano affatto bene.

Ad esempio, come alcuni di voi mi hanno fatto notare, per quanto fosse accattivante, ben strutturato e performante, alcune analisi dimostravano il contrario (leggi Speed test).

Le prestazioni, in effetti, erano molto buone considerato lo stato in cui si trovava il vecchio sito, considerata, cioè, la presenza di tanti plugin e un tema un po’ sovraccarico di personalizzazioni.

Queste osservazioni, e anche molte altre critiche un po’ più pesanti da parte dei membri del mio team, mi hanno messo la pulce nell’orecchio.

Chi mi suggeriva di correggere questo, chi mi suggeriva di migliorare quello… insomma, alla fine mi hanno convinto.

Non solo un semplice restyling

Lavoro di squadra

Stavolta, però, avremmo agito diversamente. Stavolta volevo fare davvero un lavoro fatto bene.

Ci è quindi venuta in mente l’idea di realizzare un tema custom, che includesse tutte le funzionalità di cui avevamo bisogno e le personalizzazioni di layout necessarie.

Si è trattato di un’impresa folle, è vero, lo ammetto, ma mettendo sulla bilancia la fatica e i vantaggi che ne avremmo tratto, abbiamo deciso di prendere questa strada.

Questo era l’unico modo per ottenere il sito che volevamo, ma stavolta con prestazioni nettamente migliori e senza essere vincolati a strumenti di terze parti.

Ci siamo quindi messi d’impegno e ogni giornata è stata dedicata ad analizzare le varie sezioni del sito in base ad una scaletta ordinata e precisa.

Ogni minimo problema che veniva rilevato, o anche se solo si riusciva ad intravedere un barlume di miglioramento, si rifletteva tutti insieme su come si potesse implementare una soluzione.

Valutavamo poi se determinate funzionalità potessero essere aggiunte senza vincoli, come l’uso eccessivo di plugin.

Usare i plugin è sicuramente utile, decisamente facile, ma spesso troppo vincolante.

Il lavoro è proseguito quindi in ottica “semplificazione totale”, strutturando una scaletta a blocchi programmati e costante rendiconto sull’avanzamento dei lavori.

Le fasi del lavoro

Progettazione sito web SOS WP

Per prima cosa, abbiamo installato WordPress su un sito di staging, su cui abbiamo iniziato a lavorare al nuovo tema.

Abbiamo stabilito quali plugin fossero estremamente fondamentali e abbiamo installato solo quelli, neanche uno di più dello stretto necessario.

Siamo partiti quindi con la creazione delle pagine, chiedendoci cosa ci fosse di buono nel vecchio sito e cosa si potesse migliorare a livello di grafica e di user experience.

Ogni giorno ci si confrontava con il team di sviluppo, per riscontrare inevitabili imprevisti che, puntualmente, causavano uno slittamento delle scadenze che con tanta precisione ci eravamo impegnati a stabilire.

Questa forse è stata per me la fase più dura.

Quando le cose non vanno come avevo deciso, mi sento un po’ sconfitto.

Però è una sensazione solo iniziale, perché in un attimo si trasforma in una grinta ancora più grande e un desiderio ancora più forte di raggiungere i miei obiettivi.

Man mano che si procedeva con i lavori, quindi, si analizzava in modo direi maniacale ogni stringa di codice e ogni risorsa utilizzata.

Ad ogni pagina ultimata, sono seguiti innumerevoli test delle performance e altrettante innumerevoli ottimizzazioni.

Soddisfatti delle pagine, siamo poi passati ad importare i contenuti del blog.

Svincolarsi da temi e plugin

Una delle parti più noiose è stata dover rimuovere tutti gli shortcodes generati dal vecchio tema, Enfold, e altri plugin.

Ogni elemento generato da uno shortcode, infatti, doveva essere ricreato manualmente. Questo è un aspetto che anche tu dovrai tenere in considerazione quando realizzi il tuo sito.

Gli shortcodes sono sicuramente utili e aiutano a velocizzare il lavoro di creazione di un sito.

Se un giorno anche tu decidessi di cambiare tema e plugin, il problema degli shortcodes può diventare piuttosto fastidioso e impegnarti in un lavoro lungo e meticoloso.

Dopo aver fatto questo lavoro di pulizia, e aver effettuato un ulteriore test delle performance finale, abbiamo coinvolto tutto il team per analizzare pagina per pagina a caccia di bug ed errori, fino ai minimi dettagli che potessero aiutare a migliorare lo stile e la user experience.

Ed ecco qui il risultato finale!

Io, personalmente, sono molto soddisfatto. Il lavoro di squadra è stato eccellente e ringrazio tutti i ragazzi che hanno collaborato a realizzare questo progetto.

Ora tocca a te, ti va di aiutarmi?

Se trovi errori, bug, o noti qualcosa che potrebbe essere migliorato, inviaci un messaggio inserendo l’URL della pagina in cui hai trovato il problema e spiegaci di cosa si tratta.

Intanto, lascia qui sotto un commento con le tue opinioni riguardo al nuovo sito.

Guide correlate:

Tags:
Immagine di Andrea Di Rocco autore articoli SOS WP
Andrea Di Rocco Fondatore di SOS WP™
La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero che troverai utili le oltre 700 guide su WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Se ne hai voglia ti invito a leggere la mia storia, cliccando sul pulsante qui sotto.
14Commenti
Lascia un commento
  1. Immagine avatar per Nino Faccì
    Nino Faccì

    Buongiorno Andrea e staff, segnalo solo che, andando a pescare la guida “Checklist definitiva” segnalata sul widget dedicato alle “Risorse gratuite” nella sidebar a destra dell’articolo sul precedente restyling, non permette di scaricarla. Forse non più disponibile?

    1. Immagine avatar per SOS WP Team
      SOS WP Team

      Ciao Nino, grazie mille per la segnalazione, ci stiamo occupando di risolvere il problema. A presto!

  2. Immagine avatar per Nino Faccì
    Nino Faccì

    WTF! Solo qualche mese che vi conosco, fino a diventare tappa obbligata di lettura quotidiana come quella delle varie testate, poi per varie vicissitudini salto per un paio di giorni e al mio ritorno è cambiato il mondo! Beh, che dire? Prime impressioni a caldo sicuramente ottime, confesso che mi manca un po’ il faccione di Andrea che ti ammicca braccia incrociate alla Magnum P.I. nella vecchia foto a mezzo busto, ora sostituita da una in miniatura del widget inserito in cima ad una sidebar un po’ più classica, ma in compenso, funziona finalmente a dovere il tasto “cerca” (prima era un po’ un casino…), e tante altre cosine che, sono sicuro, scoprirò pian piano. Leggo inoltre che avete optato per un tema custom, roba che io non saprei nemmeno da dove cominciare e… accidenti ragazzi, chapeau!

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Nino, grazie del commento e dei complimenti! Sono contento che il sito ti piaccia e che trovi la funzione di ricerca finalmente più facile da usare. Un abbraccio e grazie ancora. Andrea

  3. Immagine avatar per Sal
    Sal

    Ciao,
    Innanzitutto ti faccio i complimenti. La performance e l’ux è nettamente migliorata, ma anche il design lo trovo più pulito, oltre che più coerente all’idea.

    Poi ho letto che sei passato a rankmath. Benvenuto nella famiglia! 🙂 … Rankmath è decisamente superiore a Yoast (almeno per la mia esperienza), non solo in termini di offerta (la versione gratuita è praticamente la versione premium di yoast), ma anche per via della leggerezza del plugin, rispetto al concorrente.
    Da quando l’ho installato, infatti, ho notato un miglioramento degli speed test notevole. Insomma, è andata a finire che ormai è di base su tutti i siti che gestisco! Fantastico.

    Ancora complimenti!

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Sal, grazie mille del tuo commento e dei complimenti 🙂 Sì Rankmath è nettamente superiore lato performance e anche lato funzionalità. A presto!

  4. Immagine avatar per Igor
    Igor

    Ciao Andrea, ho visto che siete passati a RankMath, io avevo qualche dubbio al riguardo ma vedendo voi mi sento più tranquillo nel fare il passaggio.
    Vale davvero la pena la versione pro?

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Igor, per averlo messo sul nostro sito, ti dico che ne vale la pena al 100% 🙂

  5. Immagine avatar per Giuseppe Luca
    Giuseppe Luca

    Gran bel lavoro. Complimenti.

    Puoi avere un sito ospitato sul miglior server del pianeta terra, ci si può affidare alla miglior CDN, si possono ottimizzare al massimo immagini e minificare css e js quanto si vuole e NON basta. Il problema è alla base.

    Per ottenere punteggi di pagespeed così alti con wordpress l’unico modo è sviluppare un tema da zero (fatto a dovere) e non affidarsi a temi preconfezionati che inevitabilmente richiedono l’installazione di plugin di terze parti; certo a meno che non si voglia solo un foglio bianco on line sul quale scrivere e pubblicare articoli (come i temi . Avete fatto un lavoro egregio che vi ha premiato.

    Pro: con un lavoro del genere si raggiunge una indipendenza molto alta (ci sarà da effettuare solo gli aggiornamenti di wp e dei pochissimi plugin di terze parti installate)

    Contro: Di contro non c’è assolutamente nulla (immagino, o comunque non me ne vengono in mente). Di “contro” c’è stato sicuramente il tempo occorso per sviluppare il tutto fino al rilascio della versione stabile del template. Ed è ovvio che mentre un Enfold ti costa 40 euro, un tema custom costa molto molto più. Andrea immagino abbia vuotato le tasche 😀

    Quindi dipende tutto da: “Che budget si ha a disposizione?”

    Ad ogni modo, è da tempo che mi chiedo: “E’ possibile raggiungere un page speed che sfiora il 100% sia su Mobile che su Desktop?” (risultati che ottieni solo quando fai la prima installazione pura di un wordpress con uno dei suoi temi base – improponibili – e con l’aggiunta di max 2/3 plugin di base).

    Siete i primi ad aver risposto alla mia domanda. Si Può Fare!

    Complimenti.

    Questa cosa che stiamo andando verso la grafica “minimal” è figa.

    Sono sicuro – o almeno lo spero – che a partire da quest’anno molti sviluppatori di temi gettonati come enfold, avada, etc. si daranno da fare per “analizzare e correggere” i template e rilasciare i major update in modo da consentire agli acquirenti dei temi stessi di ottenere risultati di pagespeed migliori.

    p.s. produrre un tema tipo quello installato su sos-wp e metterlo in vendita ?

    1. Immagine avatar per SOS WP Team
      SOS WP Team

      Ciao Giuseppe, grazie per il tuo bel commento e per i complimenti! Raggiungere certi risultati con un sito complesso non è per niente facile e noi ce l’abbiamo veramente messa tutta. Gli sviluppatori di temi naturalmente devono accontentare le esigenze di un vasto numero di utenti e quindi includono una grande varietà di funzionalità. Con un tema custom, appositamente sviluppato per le proprie necessità, è possibile concentrarsi solo su ciò che realmente serve. Grazie ancora e continua a seguirci!

  6. Immagine avatar per Roberto
    Roberto

    Si sono convinto che faccia bene alla velocità per avere un buon ranking su google , ma non hai tolto anche gli script esterni , oltre a analytics e hotsuite , mantieni anche quello dei pop up ???

    1. Immagine avatar per SOS WP Team
      SOS WP Team

      Ciao Roberto, perdonaci ma potresti per cortesia spiegarci meglio la tua domanda?

  7. Immagine avatar per Fabrizio
    Fabrizio

    Leggendo l’articolo una domanda sorge spontanea: che tema avete usato?

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Fabrizio, lo abbiamo sviluppato tutto a mano internamente, nessun tema e nessun page builder. Una bella fatica ma i risultati a livello di performance si vedono 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *