Guide

Quanto costa creare un blog o sito web in WordPress da soli in autonomia

Sicuramente ti sei chiesto più volte in quali costi potresti imbatterti per aprire il tuo sito web. Se vuoi una risposta chiara alla tua domanda, leggi questo articolo.

“Quanto costa creare un blog o sito web da solo?” Sono molti gli utenti di SOS WP che mi fanno questa domanda.

Infatti, WordPress offre la possibilità a chiunque – anche a chi non ha alcuna conoscenza di programmazione o web design – di realizzare il proprio sito in completa autonomia.

Se vuoi creare un sito o un blog in autonomia, WordPress.org è senza dubbio un’ottima soluzione. Infatti, offre un giusto compromesso tra flessibilità e facilità di utilizzo.

È importante però notare che creare un sito con WordPress comporta dei costi, seppur questi siano molto (molto!) più contenuti rispetto a quanto costerebbe rivolgersi ad un programmatore o ad una web agency.

Dal momento che esistono piattaforme che permettono invece di creare blog gratuitamente (per esempio, Blogger, WordPress.com e altre), diversi utenti si chiedono quindi perché sceglierne una che comporta dei costi (seppur minimi). Semplice: perché è un vero e proprio investimento e la qualità del risultato finale sarà nettamente superiore.

Quanto costa creare un sito web o blog con WordPress.org, la versione senza limiti di WordPress

Vediamo, dunque, su cosa dovrai investire per realizzare un sito da solo con WordPress, e quanto ti costerà in totale.

Un’idea su cui lavorare – gratis

Prima di iniziare la realizzazione del tuo sito, ti consiglio di aver ben definito la tua idea, gli argomenti che tratterai ed il tuo pubblico ideale. Infatti, chi non ha un progetto ben definito cambia spesso idea in corso e si ritrova a dover spendere più di quanto sarebbe necessario.

Prima di iniziare a lavorare con WordPress, assicurati di aver ben chiaro:

  • il tipo di sito web che vuoi realizzare (blog, sito vetrina, sito eCommerce, eccetera)
  • tutte le funzionalità di cui avrai bisogno
  • l’impostazione grafica del tuo spazio web: colori, font, immagini (le immagini stock hanno un aspetto molto professionale però hanno un costo da non sottovalutare. Qui trovi una lista di piattaforme dove acquistarle o anche scaricarne di gratuite.)
  • icontenuti che pubblicherai. Prima di tutto, la tipologia di contenuti: pubblicherai post, video, podcast, o altro? In secondo luogo, dovrai decidere se produrre i contenuti da solo, oppure commissionarli.

Fatto questo, sei pronto per partire.

Dominio e spazio web – meno di 60€ dal migliore provider in circolazione

Per creare un sito su piattaforma WordPress.org, cioè self-hosted, avrai bisogno di un dominio e di uno spazio server (anche chiamato hosting).

Il dominio è l’URL che gli utenti inseriranno nella barra di ricerca Google per trovare il tuo sito: in poche parole il suo “indirizzo”. Lo spazio server è dove tutti i file ed il database che compongono il tuo sito saranno ospitati.

Quando ci si appresta a sottoscrivere un piano di hosting, è importante scegliere un provider in grado di offrire:

  • ottime performance e stabilità,
  • misure di sicurezza per proteggere i siti,
  • strumenti di facile utilizzo per la gestione del sito,
  • ed un eccellente servizio di supporto.

Tra tutti i provider che ho testato negli ultimi anni, SiteGround è sicuramente quello che ha il migliore rapporto qualità/prezzo.

Non a caso, ho deciso di usarlo anche per SOS WP. Da quando ho spostato il sito su SiteGround, ho notato miglioramenti sia in termini di performance che di stabilità, che hanno portato ad un conseguente e sensibile aumento del traffico.

I piani di hosting condiviso hanno un costo a partire da 3.95€/mese ed includono la registrazione del dominio gratuita .

Su SiteGround installi WordPress facilmente, e in pochi minuti. Clicca sull’immagine sottostante, e segui la procedura spiegata da me in video.

Ti spiego come installare WordPress in pochi e semplice passaggi, per poter iniziare subito a creare il tuo sito web in autonomia.

IMPORTANTE:

Se acquisti SiteGround, puoi attivare la nostra assistenza gratuita, senza limiti temporali!
Clicca qui https://sos-wp.it/assistenza-prioritaria/ e ottieni tutte le info per averla.

Un tema professionale – 40/60€

Esistono centinaia e centinaia di temi WordPress, gratuiti e a pagamento. Come già approfondito in questa guida, i temi a pagamento sono solitamente più potenti, robusti, flessibili e meglio supportati.

Usare un tema premium comporta un piccolo investimento ma permette di avere un design professionale, supporto da parte dello sviluppatore e, ancora più importante, aggiornamenti nel corso del tempo.

La piattaforma migliore per trovare temi WordPress è secondo me Themeforest. Quando scegli il tuo tema, non concentrarti però unicamente sul design.

Purtroppo, esistono anche temi a pagamento che non sono di ottima qualità. Per questo, ti suggerisco di sceglierne uno che rifletta il tuo gusto a livello di grafica, ma che sia anche stato venduto migliaia di volte, che abbia almeno 4.5 stelle da parte degli utenti e che sia ben supportato dagli sviluppatori.

Noi usiamo Enfold, che permette, praticamente, di realizzare qualsiasi sito si abbia in mente.

themeforest

Con le giuste istruzioni, chiunque può creare un sito funzionale e dall’aspetto molto professionale usando WordPress.

Questa piattaforma è estremamente flessibile. Le possibilità di personalizzazione sono pressoché infinite, l’importante è sapere come usare al meglio tutte le opzioni, come configurare il proprio tema e quali plugin installare.

Ovviamente, con il nostro aiuto tutto sarà ancora più semplice! Ricordati che possiamo offrirti un helpdesk dedicato per rispondere alle tue domande in tempi super, e accesso libero alla nostra Area Membri.

Costo totale per creare il tuo sito professionale con WordPress – meno di 120€!

Con meno di 120€ avrai a disposizione tutti gli strumenti per creare un sito WordPress molto professionale.

Inoltre, è importante notare che sul sito ufficiale WordPress sono disponibili migliaia di plugin per arricchire le funzionalità già presenti nel tuo tema.

Esistono strumenti gratuiti praticamente per tutto. Ti consiglio di visitare la categoria Plugin del blog per trovare quelli che fanno al caso tuo. Se non trovi il plugin per implementare le funzionalità di cui hai bisogno, non esitare a lasciare un commento.

Conclusione

Come vedi, farsi un sito da soli con WordPress, con un tema premium ed un eccellente servizio di hosting, ha costi veramente ridotti. Sicuramente, scegliere una piattaforma self-hosted comporta un investimento leggermente superiore rispetto ad una hosted gratuita come Blogger.

La differenza, sia in termini di qualità che di flessibilità, sarà però notevole. Se vuoi un sito professionale, non indugiare oltre!

Non solo, imparando ad usare WordPress con le nostre lezioni, potrai gestire il tuo sito web in completa autonomia, senza dover dipendere da alcuna web agency per aggiornare i tuoi contenuti.

Cosa ne dici? Pensi che investirai in un tema premium e in uno spazio server per creare il tuo sito WordPress? Oppure, l’hai già fatto e sei stato soddisfatto del risultato ottenuto?

Per qualunque domanda e/o suggerimento, ti invito a lasciare un commento.

Altre guide della stessa
categoria

59 COMMENTI
Commenta
  1. Cristina

    Ciao Andrea, ti seguo da tempo e ora ho una domanda da farti. Ho da pochissimo aperto un blog su WordPress.com. L’ho costruito con la struttura di un sito e sto via via inserendo i contenuti. Il lavoro è stato lungo, ma ora sto pensando che forse sarebbe meglio avere un sito con il mio dominio registrato. Non l’ho mai fatto, quindi ho alcuni dubbi, tra cui uno in particolare: nel caso, seguendo le tue indicazioni e completando la procedura, sarà poi possibile utilizzare la grafica e i contenuti del blog già esistente? O dovrò impostare tutto di nuovo? Grazie in anticipo per la risposta.

    Rispondi
  2. Angela Bisello

    Ciao ho letto con attenzione quanto indicato e, reduce da poco da un corso su come gestire il proprio business su Facebook, mi sono resa conto della necessità urgentissima di crearmi un sito per promuovere con le sponsorizzate il mio prodotto (network marketing), un sistema che mi permetta di effettuare anche il retargeting. Cosa mi consigliate?
    Potrei avere un ordine di idee di spesa per la creazione del sito ed eventuale assistenza aggiuntiva oltre al costo di mantenimento annuale?
    Grazie.
    Angela

    Rispondi
  3. cristina

    Ciao!
    ho letto con interesse tutti i tuoi articoli in merito…sono una mamma bis e architetto e volevo aprire un mio blog… mi sto quindi informando bene in merito a costi – hosting ecc… Come soluzione migliore e più affidabile ho capito che sicuramente è attraverso SITEGROUND come da te consigliato…non sapendo però bene se riuscirò davvero a gestire fin dall’inizio al 100 % il blog non volevo sostenere subito grandi spese…ero partita con l’idea di iniziare con un blog del tutto gratuito per vedere come va… forse però così ho davvero poco margine di libertà e sicurezza… ho letto che Aruba non offre tantissimo, però i prezzi sono decisamente buoni per chi non è ancora certo di riuscire a gestire tutto da subito…chiedo quindi a te che sei esperto: se comprassi un hosting wordpress con un dominio da Aruba oggi…e per un annetto vedo come procede…eventualmente potrei successivamente passare ad un piano con siteground mantenendo però il mio blog senza perdere i dati?? Grazie mille…ogni consiglio è ben accetto!!!!

    Rispondi
    • Team

      Ciao Cristina, grazie del tuo messaggio. A nostro avviso conviene partire subito con le migliori garanzie in termini di prestazioni, sicurezza e supporto. Sono aspetti che spesso vengono trascurati, soprattutto all’inizio; per realizzare un progetto professionale (anche un blog lo è) consigliamo di partire al meglio, e utilizzando anche la nostra Assistenza Prioritaria. La conosci già?

      Rispondi
  4. Sara

    Salve avrei in informazione io ho un blog su blogger e vorrei creare un sito in cui vendere dei video per pubblico maggiorenne non ci sono limiti in questo ? Inoltre mi chiedevo aprendo il sito posso in qualche maniera asportare il contenuto del mio blog direttamente sul sito per non perdere il lavoro ? Se si come dovrei fare !? Trovo l’ opzione acquistando qualche pacchetto ??? Grazie

    Rispondi
  5. Nicola

    Ciao, sto valutando di fare un sito e-commerce per la mia attività di vendita calzature, ma non ho esperienza in merito e volevo capire se con il WP posso gestire in modo idoneo e completo la gestione delle vendite. Quanto mi costa per avere il dominio e tutto ciò che può servire? Posso vedere degli esempi di siti?
    Grazie

    Rispondi
  6. Simone

    Ciao Andrea, ho letto l’articolo ed e’ veramente interessante! Vorrei creare un blog sul fai-da-te, e vorrei quindi elencare tutti i miei articoli nella pagina “Home” del mio sito! Esistono dei tutorial su come strutturare il blog? O altrimenti hai dei consigli da darmi? Grazie e a presto, Simone.

    Rispondi
  7. Pamela

    Buongiorno Andrea,
    da tempo penso che mi piacerebbe creare un blog come “secondo lavoro”.
    Ho girato parecchi siti e trovo il tuo molto completo e interessante.
    Sono però ignorante in materia informatica per cui chiedevo se potrei avere un vostro supporto forte in fase iniziale… dall’inizio cioè! puoi aiutarmi?
    Grazie mille
    Pamela

    Rispondi
  8. Francesco

    Buongiorno,
    vi chiedo una info. Come faccio ad aggiornare i feed RSS con articoli già pubblicati? Tipo aggiorno un articolo già pubblicato ma vorrei che sul feed rss fosse inviata una notifica di aggiornamento dell’articolo? Esiste un plugin per wordpress?

    Rispondi
  9. peppe

    Ciao Andrea,
    non ho capito il fatto di dover scegliere per forza un tema premium.
    i temi gratuiti non possono essere modificati?

    Rispondi
  10. Giovanni

    Io penso che si possa fare da solo un sito con wordpress e che non importi molto la scelta del tema, purché sia un tema premium.
    Quello che conta é avere almeno le basi di visual e di gráfica necessarie per non ritrovarsi con un sito davvero brutto.
    Comunque tutto si impara.
    Complimenti per l’articolo comunque.

    Rispondi
  11. matteo

    Ciao!

    Ho letto volentieri questo articolo e oggi pomeriggio guarderó le vostre videoguide per farmi un’ idea.

    Sono stato incaricato di seguire la parte ” marketing on line ” da un amico che ha un negozio di birre.

    Dovró creare un sito internet da zero, una landing page, un infoprodotto da regalare ai clienti…

    Le solite cose dai.

    Idee ne ho parecchie.

    La domanda alla quale vorrei tu rispondessi è : c’è già un negozio di birre con lo stesso nome in un’ altra città, ma il suo sito è un
    E-commerce.

    A me interessebbe invece creare un blog dove descrivere tutti i tipi di birra, le sue qualitá, etc. etc.

    Ha senso dare un nome diverso da quello del negozio al sito ( visto che è già impegnato ) , ma che comunque richiami il marchio?

    Il negozio si chiama ” passionebirra “, avrebbe senso chiamare il sito ” birra che passione ” , tanto per fare un esempio?

    Se quello che ti chiedo è da considerarsi una domanda per la quale serve una consulenza privata, basta saperlo.

    Grazie mille per l’ aiuto che dai a tutti noi.

    Rispondi
  12. massimiliano

    Ciaoo
    domandona
    anche io ho preso DIVI e’ davvero sopra le aspettative
    Grazieee
    il widget che ti si ferma qui a destra ( MIGLIORE HOSTING WORPRESS ) come si fa a farlo fermare
    come il tuo MENTRE SCROLLI CON MOUSE ?
    e un plugin esterno o un azione dentro DIVI ?
    graziee

    Rispondi
  13. Andrea

    Ciao Andrea!
    Innanzitutto complimenti per il tuo blog. Ho intenzione di aprire un blog di viaggi e, dopo vari mesi di studio sulla SEO e sui passi da fare per aprire il blog, credo di essere pronto a passare alla pratica. Stavo giusto valutando l’acquisto del servizio di hosting. Sono indeciso tra il piano StartUp e GrowBig di SiteGround, nel senso che io per iniziare sarei tentato di acquistare il piano StartUp, però ho letto che è adatto per un massimo di 10.000 visite mensili. Premesso che il mio blog soprattutto all’inizio non avrà tutte queste visite, cosa succede se con un buon posizionamento in termini di SEO si dovessero superare le 10.000 visite mensili? Non essendo esperto, non riesco a rendermi conto se 10.000 visite mensili sono tante e se si riesce a raggiungerle facilmente. Potresti per favore darmi un consiglio in merito? Mi consigli lo StartUp o il GrowBig?

    Rispondi
  14. Antonella M.

    Ciao Andrea,
    Io ho un blog che quasi 4 anni fa, in fase iniziale, fu aperto su piattaforma blogger – dopo circa un’annetto, presa una piega più professionale ho acquistato un dominio personalizzato (.com) su go-daddy e sono andata avanti su blogger con dominio .com sino ad oggi. Grazie al blog sono diventata una freelance “felice”, ma nonostante abbia fatto rifare l’intera grafica ad un professionista, mi è stato consigliato di passare a wordpress; Ti chiedo: è possibile effettuare tale migrazione senza perdere il dominio attuale e senza perdere il reindirizzamento dei vari link ai post sparsi in rete e magari preservando l’attuale grafica?…spero in un Tuo gradito riscontro e qualora Vi fosse parere di fattibilità, chiedo se potresti occupartene personalmente perché Io sicuramente sarei incapace di svolgere la procedura sicuramente non semplice – in tal caso lascio mio indirizzo mail per sentirci in pvt per eventuale preventivo di spesa.

    Grazie moltissimo anticipatamente,
    Antonella.

    Rispondi
    • Team

      Ciao Antonella, è possibile effettuare la migrazione, mantenere il dominio e altro.
      Scrivi la tua richiesta qui: https://sos-wp.it/servizi/, e ti rispondiamo al più presto.. intanto, complimenti per la tua idea, riuscirai a trarre molti vantaggi da WordPress. Un saluto e a presto!

      Rispondi
  15. Ivana

    Ciao Andrea,
    complimenti per il tuo blog…davvero interessante!
    Avrei una domanda, ma considera che sono una principiante: è possibile creare un blog wordpress ed integrarlo ad un sito già esistente che non è wordpress ed ha un altro piano di hosting? Vorrei che sul mio sito (fatto da specialisti) apparisse la pagina “Blog” e, naturalmente, il collegamento diretto.
    Grazie

    Rispondi
  16. Andrea Di Rocco

    Ciao Simone!
    ti consiglio di lavorare in locale, installando wordpress.org.
    Se crei un blog su wordpress.com, avrai molti limiti, che puoi leggere qui: https://sos-wp.it/conosci-le-differenze-tra-wordpress-com-e-wordpress-org/.
    Leggi come installare wordpress in locale: https://sos-wp.it/installare-wordpress-in-locale-su-windows-con-wamp/ (se usi Mac, abbiamo una altra guida, https://sos-wp.it/installare-wordpress-in-locale-su-mac-con-mamp/).
    Spero di esserti stato di aiuto, continua a seguirci!

    Rispondi
  17. Maurizio

    ciao Andrea, volendo costruire un blog volevo sapere se i passi da fare che ti sto per dire sono giusti:
    1.acquistare un host, per esempio su siteground( ossia da 3,95 euro/mese totale intorno a 50 euro annui).
    2.una volta acquistato l’host, andare su wordpress.org per cosruirsi il blog( a un costo altrettanto annuo).

    questi ovviamente saranno i costi base a cui io devo far fronte ogni anno, se voglio mantenere e espadere il mio blog.
    Essendo alle primissime ma proprio primissime armi e affidandomi solo ed esclusivsmente alla mia volonta’ di imparare, volevo sapere se sono questi i primi veri passi da fare e se ce ne sono altri contemporanei a questi, che non ho considerato, che generano costi.grazie per l’attenzione e complimenti per questo vostro modo di comunicare che mi ha coinvolto immediatamente facendomi introdurre in un modo, questo, per me non addetto ai lavori e neanche esperto di social o blog in genere.ciao

    Rispondi
    • Team

      Ciao Andrea,
      per utilizzare la versione self-hosted di WordPress (ovvero, WordPress.org), devi procedere all’acquisto di uno spazio hosting, come spiego nel dettaglio in questo video: https://sos-wp.it/come-installare-wordpress/.
      I prezzi partono da 3.95€ al mese con quello che consideriamo attualmente il miglior provider in circolazione, ovvero SiteGround.
      Spero di esserti stato di aiuto, rimango a tua disposizione!

      Rispondi
  18. Riccardo Di Pasquale

    Ciao Andrea :-)

    Complimenti per i suggerimenti: mirati, coincisi, diretti
    Mi viene in mente una domanda: all’inizio della propria attività non potrebbe convenire aprire il proprio sito/blog sulla piattaforma gratuita di WordPress?
    E dunque mi chiedo anche: è possibile spostare l’intero sito, prima creato gratuitamente, sul servizio a pagamento? In che modo ne risentono i contenuti

    A presto ;-)

    Rispondi
    • Team

      Ciao Riccardo,
      potrai trasferire i contenuti del blog costruito su wordpress.com su un nuovo spazio hosting come SiteGround.
      Ricordati però che non potrai esportare il tema, e che nella versione limitata di wordpress.com non potrai installare plugin e di conseguenza non potrai testare tante funzionalità di cui potresti avere bisogno nel breve termine. Leggi questo post per saperne di più: https://sos-wp.it/conosci-le-differenze-tra-wordpress-com-e-wordpress-org/.
      Se hai delle ambizioni di crescita, ti consiglio di partire subito con un piano self-hosted.
      Spero di esserti stato di aiuto, continua a seguirci!

      Rispondi
  19. Tina

    Ciao Andrea grazie per i tuoi sempre preziosi consigli. Noi abbiamo creato il nostro blog circa un anno fa e ci dà molte soddisfazioni però ora siamo pronte per fare un passo avanti. Vorremmo fare in modo che le foto della nostra galleria widget porti il lettore direttamente alla pagina dove si trova la ricetta a cui è collegata. Vorremmo anche migliorare la nostra visibilità online. Siamo cmq alle prime armi e non siamo molto esperte ma pensavamo di passare a qualche cosa a pagamento sempre con WordPress. Cosa ne pensi e cosa ci consigli? Grazie infinite!
    Buon lavoro e buona giornata, Tina e Cristiana, Emozioni Culinarie :-)

    Rispondi
    • Team

      Ciao Tina!
      Intanto complimenti per il tuo blog ;-).
      Adesso dovreste spostare il blog su un provider hosting eccellente come SiteGround, iniziando a curare l’aspetto e i contenuti in modo da garantire una migliore indicizzazione, e iniziare a crescere davvero attirando sempre più traffico.
      Hai dato una occhiata a questo post, dedicato ai migliori temi per siti di cucina?
      Resto a tua disposizione, un saluto a te, a Cristina e alle vostre.. Emozioni Culinarie!!

      Rispondi
  20. Susanna

    Ciao Andrea, complimenti per questo post…e anche per tutti gli altri! Io me li bevo tutti…come fossero Coca Cola!
    Posso permettermi un suggerimento per uno dei futuri post?? Come sostituire un tema di WP! E non intendo installare un tema, ma “sostituire”, ovvero il sito ha già un tema e io lo voglio cambiare. Nel processo di cambio non è detto che tutto vada bene…ecco, quali sono i problemi che più comunemente si incontrano nel fare questa azione? Scusami la libertà…ma siccome a breve io dovrò affrontare operativamente l’argomento, egoisticamente mi farebbe comodo avere qualche informazione :) :) :)

    Rispondi
    • Andrea Di Rocco

      Ciao Susanna,
      grazie mille del suggerimento, cercheremo di fornire a breve un contenuto che soddisfi la tua richiesta.
      Intanto, grazie ancora del tuo commento, continua a seguirci!

      Rispondi
  21. Valentina

    Ciao andrea ho letto i tuoi post, li trovo molto interessanti. Sono un aspirante giornalista, scrivo già su un quotidiano e mi piacerebbe aprire un blog. Mi daresti qualche minimo consiglio sul dafarsi?? Secondo te il guadagno potrebbe esserci anche non avendo acquistato subito un dominio proprio?
    Grazie

    Rispondi
    • Andrea Di Rocco

      Ciao Valentina!
      Su una piattaforma gratuita come wordpress.com non ti sarà possibile attivare una forma di pubblicità, o altra modalità che possa portarti guadagno.
      In più, la nuova normativa sui cookies scoraggia chi vuole aprire uno spazio gratuito perché non è ancora molto chiara la procedura di adeguamento.
      Spero di esserti stato di aiuto, un saluto!

      Rispondi
  22. Alex

    Ciao Andrea di Rocco, se ad esempio voglio creare un sito B&B, che differenza c’è tra i Temi Premium di Themeforest, “Regular License” e “Extended License” ? Puoi spiegarmelo ?

    Rispondi
  23. Silvia Camnasio

    Ciao Andrea, prima di tutto ti ringrazio per questo articolo, io ho seguito il tuo consiglio e da un sito su wordpress.com sono passato ad acquistare un dominio su siteground ed adesso anche un tema di e-commerce su I-themes.
    Certo non è stato facile e sto ancora studiando il tuo post sulla scrittura css… che fatica, ma tutto è possibile, anche senza competenze come me, che faceva il veterinario… .
    Ti devo chiedere ancora un consiglio però.
    Ho analizzato il mio sito su GTmetrix ed ho riscontrato un errore in quanto mancano gli expires headers. Sullo stesso sito ho trovato le indicazioni su come risolverlo, http://gtmetrix.com/add-expires-headers.html, qui il link all’articolo.

    Visto che seguendo i tuoi consigli mi sono sempre trovata bene, non potresti dirmi se queste indicazioni vanno bene??
    Ti ringrazio se vorrai rispndermi e ti saluto cordialmente.

    Rispondi
    • Andrea Di Rocco

      Ciao,
      innanzitutto.. grazie per i tuoi ringraziamenti!
      Sono felice di esserti stato di aiuto.
      Per quanto riguarda la tua domanda, segui pure la procedura, ma vedi di salvare prima una copia del file .htaccess per sicurezza.
      Un saluto, continua a seguirci!

      Rispondi
  24. ElenaTerenzi

    Ciao Andrea, mi sono messa a leggere questo articolo molto interessante perchè ho un blog su WordPress.com e lo vorrei trasformare. Vorrei acquistare il dominio e inserire un e-commerce. Sarei tentata di fare tutto da sola ma non ho ancora avuto il coraggio! Prima di tutto ho una domanda: come faccio per mantenere tutti i contenuti e i gli iscritti che ho adesso? Grazie e complimenti per il sito davvero ben fatto!

    Rispondi
    • Andrea Di Rocco

      Ciao Elena,
      complimenti per la tua voglia di fare!

      Ti assicuro che con un po’ di buona volontà, nuove competenze e i consigli giusti, puoi realizzare il tuo sito e ottenere il successo che merita.

      Puoi trasferire il tuo sito sullo spazio che acquisterai, e non avrai poi problemi a recuperare i vecchi iscritti che accorreranno sul nuovo dominio con un buon redirect.

      Un saluto, continua a seguirci :-)

      Rispondi
  25. Daniele

    Tutto bello ma manca la premessa: per imparare a utilizzare WordPress occorre tanto tempo. Il tempo è denaro.

    Ai 134 euro aggiungerei un 20 euro orari moltiplicato per 40/50 ore?

    Rispondi
    • Andrea Di Rocco

      Ciao Daniele,
      il post è dedicato a chi ha la volontà e il desiderio di realizzare in maniera autonoma un sito web, ed anche vuole aumentare le proprie competenze.
      In questo senso, il tempo impiegato può essere valutato come risorsa, perché cosa si apprende potrà tornare utile anche nel futuro ;-)!
      Comunque, si tratta sempre di considerazioni soggettive, ed ho indicato un valore di denaro che considero il minimo che si possa spendere per creare una piattaforma online.
      Grazie per il tuo commento, continua a seguirci!

      Rispondi

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *