Guide

Quanto costa creare un blog o sito web in WordPress da soli in autonomia

Sicuramente ti sei chiesto più volte in quali costi potresti imbatterti per aprire il tuo sito web. Se vuoi una risposta chiara alla tua domanda, leggi questo articolo.

“Quanto costa creare un blog o sito web da solo?” Sono molti gli utenti di SOS WP che mi fanno questa domanda.

Infatti, WordPress offre la possibilità a chiunque – anche a chi non ha alcuna conoscenza di programmazione o web design – di realizzare il proprio sito in completa autonomia.

Se vuoi creare un sito o un blog in autonomia, WordPress.org è senza dubbio un’ottima soluzione. Infatti, offre un giusto compromesso tra flessibilità e facilità di utilizzo.

È importante però notare che creare un sito con WordPress comporta dei costi, seppur questi siano molto (molto!) più contenuti rispetto a quanto costerebbe rivolgersi ad un programmatore o ad una web agency.

Dal momento che esistono piattaforme che permettono invece di creare blog gratuitamente (per esempio, Blogger, WordPress.com e altre), diversi utenti si chiedono quindi perché sceglierne una che comporta dei costi (seppur minimi). Semplice: perché è un vero e proprio investimento e la qualità del risultato finale sarà nettamente superiore.

Quanto costa creare un sito web o blog con WordPress.org, la versione senza limiti di WordPress

Vediamo, dunque, su cosa dovrai investire per realizzare un sito da solo con WordPress, e quanto ti costerà in totale.

Un’idea su cui lavorare – gratis

Prima di iniziare la realizzazione del tuo sito, ti consiglio di aver ben definito la tua idea, gli argomenti che tratterai ed il tuo pubblico ideale. Infatti, chi non ha un progetto ben definito cambia spesso idea in corso e si ritrova a dover spendere più di quanto sarebbe necessario.

Prima di iniziare a lavorare con WordPress, assicurati di aver ben chiaro:

  • il tipo di sito web che vuoi realizzare (blog, sito vetrina, sito eCommerce, eccetera)
  • tutte le funzionalità di cui avrai bisogno
  • l’impostazione grafica del tuo spazio web: colori, font, immagini (le immagini stock hanno un aspetto molto professionale però hanno un costo da non sottovalutare. Qui trovi una lista di piattaforme dove acquistarle o anche scaricarne di gratuite.)
  • icontenuti che pubblicherai. Prima di tutto, la tipologia di contenuti: pubblicherai post, video, podcast, o altro? In secondo luogo, dovrai decidere se produrre i contenuti da solo, oppure commissionarli.

Fatto questo, sei pronto per partire.

Dominio e spazio web su SiteGround – meno di 4€ al mese dal migliore provider in circolazione con dominio incluso gratis

Per creare un sito su piattaforma WordPress.org, cioè self-hosted, avrai bisogno di un dominio e di uno spazio server (anche chiamato hosting).

Il dominio è l’URL che gli utenti inseriranno nella barra di ricerca Google per trovare il tuo sito: in poche parole il suo “indirizzo”. Lo spazio server è dove tutti i file ed il database che compongono il tuo sito saranno ospitati.

Quando ci si appresta a sottoscrivere un piano di hosting, è importante scegliere un provider in grado di offrire:

  • ottime performance e stabilità,
  • misure di sicurezza per proteggere i siti,
  • strumenti di facile utilizzo per la gestione del sito,
  • ed un eccellente servizio di supporto.

Tra tutti i provider che ho testato negli ultimi anni, SiteGround è sicuramente quello che ha il migliore rapporto qualità/prezzo.

Non a caso, ho deciso di usarlo anche per SOS WP. Da quando ho spostato il sito su SiteGround, ho notato miglioramenti sia in termini di performance che di stabilità, che hanno portato ad un conseguente e sensibile aumento del traffico.

I piani di hosting condiviso hanno un costo a partire da 3.95€/mese ed includono la registrazione del dominio gratuita .

Su SiteGround installi WordPress facilmente, e in pochi minuti. Clicca sull’immagine sottostante, e segui la procedura spiegata da me in video.

Ti spiego come installare WordPress in pochi e semplice passaggi, per poter iniziare subito a creare il tuo sito web in autonomia.

Un tema professionale – 40/60€

Esistono centinaia e centinaia di temi WordPress, gratuiti e a pagamento. Come già approfondito in questa guida, i temi a pagamento sono solitamente più potenti, robusti, flessibili e meglio supportati.

Usare un tema premium comporta un piccolo investimento ma permette di avere un design professionale, supporto da parte dello sviluppatore e, ancora più importante, aggiornamenti nel corso del tempo.

La piattaforma migliore per trovare temi WordPress è secondo me Themeforest. Quando scegli il tuo tema, non concentrarti però unicamente sul design.

Purtroppo, esistono anche temi a pagamento che non sono di ottima qualità. Per questo, ti suggerisco di sceglierne uno che rifletta il tuo gusto a livello di grafica, ma che sia anche stato venduto migliaia di volte, che abbia almeno 4.5 stelle da parte degli utenti e che sia ben supportato dagli sviluppatori.

Noi usiamo Enfold, che permette, praticamente, di realizzare qualsiasi sito si abbia in mente.

themeforest

Con le giuste istruzioni, chiunque può creare un sito funzionale e dall’aspetto molto professionale usando WordPress.

Questa piattaforma è estremamente flessibile. Le possibilità di personalizzazione sono pressoché infinite, l’importante è sapere come usare al meglio tutte le opzioni, come configurare il proprio tema e quali plugin installare.

Ovviamente, con il nostro aiuto tutto sarà ancora più semplice! Ricordati che possiamo offrirti un helpdesk dedicato per rispondere alle tue domande in tempi super, e accesso libero alla nostra Area Membri.

Costo totale per creare il tuo sito professionale con WordPress – meno di 120€!

Con meno di 120€ avrai a disposizione tutti gli strumenti per creare un sito WordPress molto professionale.

Inoltre, è importante notare che sul sito ufficiale WordPress sono disponibili migliaia di plugin per arricchire le funzionalità già presenti nel tuo tema.

Esistono strumenti gratuiti praticamente per tutto. Ti consiglio di visitare la categoria Plugin del blog per trovare quelli che fanno al caso tuo. Se non trovi il plugin per implementare le funzionalità di cui hai bisogno, non esitare a lasciare un commento.

Conclusione

Come vedi, farsi un sito da soli con WordPress, con un tema premium ed un eccellente servizio di hosting, ha costi veramente ridotti. Sicuramente, scegliere una piattaforma self-hosted comporta un investimento leggermente superiore rispetto ad una hosted gratuita come Blogger.

La differenza, sia in termini di qualità che di flessibilità, sarà però notevole. Se vuoi un sito professionale, non indugiare oltre!

Non solo, imparando ad usare WordPress con le nostre lezioni, potrai gestire il tuo sito web in completa autonomia, senza dover dipendere da alcuna web agency per aggiornare i tuoi contenuti.

Cosa ne dici? Pensi che investirai in un tema premium e in uno spazio server per creare il tuo sito WordPress? Oppure, l’hai già fatto e sei stato soddisfatto del risultato ottenuto?

Per qualunque domanda e/o suggerimento, ti invito a lasciare un commento.

Altre guide della stessa
categoria

67 COMMENTI
Commenta
  1. Monica

    Buongiorno Andrea, lavoro per una associazione sportiva e stiamo valutando i costi per la realizzazione del sito. Tenendo conto che gestirò tutto io direttamente (dalla realizzazione all’aggiornamento dei contenuti) il costo del sito sarà solo quello mensile dell’acquisto del l’hosting giusto? Nel nostro caso, prendendo la tariffa da 3,95€ la cifra si aggirerebbe sui 50€ annui, è corretto o devo aggiungere altro?
    Grazie

    Rispondi
      • Monica

        Grazie mille. Sicuramente mi iscriverò all’assistenza perché componendo il sito ho visto che ho alcuni problemi. Un’altra domanda: vedo che i costi sono un’offerta, ma vale per il primo anno e poi va a tariffa piena per i successivi o presa l’offerta resta quella cifra?

        Rispondi
        • Team

          Il prezzo del piano base è scontato al 50% il primo anno, quindi gli anni successivi pagheresti il prezzo pieno.
          Se vuoi comunque mantenere fisso il prezzo, puoi prendere per due o tre anni subito il piano desiderato.

          Rispondi
  2. Benedetta

    Ho un blog su WordPress con piano gratuito (non pago nulla). Non ho alcun servizio di newsletter e non utilizzo i dati dei miei follower in alcuno modo. Devo adeguarmi ugualmente al GDPR? E, in caso di risposta affermativa, qual è la soluzione più adatta?

    Rispondi
  3. martina

    Ciao

    io mi sono totalmente arenata. Ho costruito un sito inizialmente su Wix e ho acquistato il dominio con google, adesso volevo collegarli. Sembra pero che questa cosa non si possa fare se non dopo 60 giorni e non vorrei lanciare il sito con quelle mega estensioni. Allora, avendo notato che anche il servizio assistenza Wix e` un po scadente, ho pensato di ricominciare da capo con WordPress che conosco piuttosto bene. La mia domanda e`, anche per wordpress poi dovro aspettare 60 giorni? Consigliate il rimborso del dominio con google e di acquistare tutto conw WordPress? Inoltre non capisco, una volta che pago il dominio devo pagare anche un abbonamento mensile per i servizi giusto? Perche una cosa che non ho capito di Wix, e` che se io sposto il sito fatto con loro rischio di perdere molte funzionalita, dal SEO ad altri tracking perche smuovo il sito da una piattaforma ad un` altra. Sono proprio una frana! Grazieee

    Rispondi
    • Team

      Ciao Martina no. Puoi comunque modificare i name servers del dominio e puntarli subito all’hosting su cui installerai WordPress. Non preoccuparti per la SEO, con WordPress potrai ottenere un ottimo posizionamento :)

      Rispondi
  4. Cristina

    Ciao Andrea, ti seguo da tempo e ora ho una domanda da farti. Ho da pochissimo aperto un blog su WordPress.com. L’ho costruito con la struttura di un sito e sto via via inserendo i contenuti. Il lavoro è stato lungo, ma ora sto pensando che forse sarebbe meglio avere un sito con il mio dominio registrato. Non l’ho mai fatto, quindi ho alcuni dubbi, tra cui uno in particolare: nel caso, seguendo le tue indicazioni e completando la procedura, sarà poi possibile utilizzare la grafica e i contenuti del blog già esistente? O dovrò impostare tutto di nuovo? Grazie in anticipo per la risposta.

    Rispondi
  5. Angela Bisello

    Ciao ho letto con attenzione quanto indicato e, reduce da poco da un corso su come gestire il proprio business su Facebook, mi sono resa conto della necessità urgentissima di crearmi un sito per promuovere con le sponsorizzate il mio prodotto (network marketing), un sistema che mi permetta di effettuare anche il retargeting. Cosa mi consigliate?
    Potrei avere un ordine di idee di spesa per la creazione del sito ed eventuale assistenza aggiuntiva oltre al costo di mantenimento annuale?
    Grazie.
    Angela

    Rispondi
  6. cristina

    Ciao!
    ho letto con interesse tutti i tuoi articoli in merito…sono una mamma bis e architetto e volevo aprire un mio blog… mi sto quindi informando bene in merito a costi – hosting ecc… Come soluzione migliore e più affidabile ho capito che sicuramente è attraverso SITEGROUND come da te consigliato…non sapendo però bene se riuscirò davvero a gestire fin dall’inizio al 100 % il blog non volevo sostenere subito grandi spese…ero partita con l’idea di iniziare con un blog del tutto gratuito per vedere come va… forse però così ho davvero poco margine di libertà e sicurezza… ho letto che Aruba non offre tantissimo, però i prezzi sono decisamente buoni per chi non è ancora certo di riuscire a gestire tutto da subito…chiedo quindi a te che sei esperto: se comprassi un hosting wordpress con un dominio da Aruba oggi…e per un annetto vedo come procede…eventualmente potrei successivamente passare ad un piano con siteground mantenendo però il mio blog senza perdere i dati?? Grazie mille…ogni consiglio è ben accetto!!!!

    Rispondi
    • Team

      Ciao Cristina, grazie del tuo messaggio. A nostro avviso conviene partire subito con le migliori garanzie in termini di prestazioni, sicurezza e supporto. Sono aspetti che spesso vengono trascurati, soprattutto all’inizio; per realizzare un progetto professionale (anche un blog lo è) consigliamo di partire al meglio, e utilizzando anche la nostra Assistenza Prioritaria. La conosci già?

      Rispondi
  7. Sara

    Salve avrei in informazione io ho un blog su blogger e vorrei creare un sito in cui vendere dei video per pubblico maggiorenne non ci sono limiti in questo ? Inoltre mi chiedevo aprendo il sito posso in qualche maniera asportare il contenuto del mio blog direttamente sul sito per non perdere il lavoro ? Se si come dovrei fare !? Trovo l’ opzione acquistando qualche pacchetto ??? Grazie

    Rispondi
  8. Nicola

    Ciao, sto valutando di fare un sito e-commerce per la mia attività di vendita calzature, ma non ho esperienza in merito e volevo capire se con il WP posso gestire in modo idoneo e completo la gestione delle vendite. Quanto mi costa per avere il dominio e tutto ciò che può servire? Posso vedere degli esempi di siti?
    Grazie

    Rispondi
  9. Simone

    Ciao Andrea, ho letto l’articolo ed e’ veramente interessante! Vorrei creare un blog sul fai-da-te, e vorrei quindi elencare tutti i miei articoli nella pagina “Home” del mio sito! Esistono dei tutorial su come strutturare il blog? O altrimenti hai dei consigli da darmi? Grazie e a presto, Simone.

    Rispondi
  10. Pamela

    Buongiorno Andrea,
    da tempo penso che mi piacerebbe creare un blog come “secondo lavoro”.
    Ho girato parecchi siti e trovo il tuo molto completo e interessante.
    Sono però ignorante in materia informatica per cui chiedevo se potrei avere un vostro supporto forte in fase iniziale… dall’inizio cioè! puoi aiutarmi?
    Grazie mille
    Pamela

    Rispondi
Mostra più commenti

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *