Che cos’è la tecnica SEO URL Friendly?

di Andrea Di Rocco Pubblicato il 20 Novembre, 2020

Che cos'è la tecnica SEO Friendly URL

Chiunque abbia già qualche esperienza con la SEO, sa bene che le keyword sono una parte fondamentale per riuscire a posizionarsi in alto sui motori di ricerca (ma naturalmente la SEO non è tutta qui). È per questo che bisogna anche fare attenzione a creare degli URL SEO Friendly, ossia URL che sono “amici” della SEO.

I SEO Friendly URL permettono a Google, ma anche agli utenti, di capire immediatamente di cosa tratta l’articolo e quindi sapere se esso risponde alla domanda posta nella query di ricerca.

Vediamo come si costruiscono.

Come creare un URL SEO Friendly

SEO Friendly URL

Un URL SEO Friendly è rappresentato dalla costruzione dell’URL focalizzata sull’uso delle keyword per le quali si desidera posizionare la pagina.

Il nome del dominio principale non ha rilevanza a livello di parole chiave, sebbene l’abbia avuta in passato. Al momento, Google non fa distinzioni tra domini con keyword e domini che invece non le contengono.

Puoi quindi focalizzare l’intero contenuto del tuo sito su un determinato gruppo di parole chiave, ma usare il tuo nome e cognome come dominio, o il nome della tua azienda.

La parte importante che deve essere costruita secondo la regola dei SEO Friendly URL è invece lo slug.

Lo slug è la parte finale dell’URL, che compare dopo il dominio e che identifica nello specifico la pagina sulla quale ci troviamo.

Il primo passo per costruire un SEO Friendly URL è impostare i permalink di WordPress con la struttura “nome-articolo”. In questo modo, verrà generato automaticamente uno slug che riprende il titolo dell’articolo o della pagina, separando le parole con un trattino.

struttura permalink

Ripulire l’URL per renderlo ancora più “SEO Friendly”

Una volta generato automaticamente il tuo URL, è necessario intervenire manualmente per “ripulirlo” da tutto ciò che non è necessario.

Infatti, più sarà breve e conciso, più sarà efficace.

Elimina tutte le preposizioni, gli articoli e le congiunzioni e cerca di essere più telegrafico possibile. Queste parole sono chiamate anche “stop words” e sono tranquillamente trascurabili perché non arricchiscono il significato.

Possono esserci delle eccezioni come, per esempio, “Come viaggiare da Milano a Palermo”, dove “da” e “a” possono avere un valore ben preciso poiché indicano la direzione del viaggio.

Evita inoltre di utilizzare più di 4 o 5 parole nello slug.

Vediamo qualche esempio.

Supponiamo di avere un articolo dal titolo “I migliori scarponi da trekking del 2020 in vendita su Amazon”. L’URL generato in automatico sarà miosito.it/i-migliori-scarponi-da-trekking-del-2020-in-vendita-su-amazon.

Come puoi notare, lo slug è molto lungo, anche se contiene comunque le parole chiave per le quali vogliamo posizionare l’articolo.

  1. Primo passo – eliminiamo tutte le preposizioni e gli articoli: miosito.it/migliori-scarponi-trekking -2020 -vendita- amazon.
  2. Secondo passo – eliminiamo tutte le parole che non sono strettamente necessarie per comprendere il contenuto: miosito.it/migliori-scarponi-trekking-amazon.

Se volessimo evidenziare che la guida è relativa al 2020, lasciamo anche l’anno: miosito.it/migliori-scarponi-trekking-amazon-2020 oppure miosito.it/migliori-scarponi-trekking-2020-amazon.

Abbiamo quindi generato un SEO Friendly URL.

Altri suggerimenti per i tuoi slug

  • Non utilizzare punteggiatura, a parte il trattino per separare le parole. I simboli potrebbero creare problemi di codifica caratteri che renderebbero la tua pagina irraggiungibile.
  • Evita di utilizzare percorsi lunghi come catene di categorie e sottocategorie. Meglio avere la semplice struttura dominio+slug. Quindi, no a it/categoria/sotto-categoria/mio-articolo, sì a miosito.it/mio-articolo.
  • Usa solo caratteri minuscoli. Utilizzare caratteri maiuscoli può confondere il server e in caso di errore la pagina potrebbe risultare non esistente.
  • Usa il trattino (-) e non l’underscore (_) per separare le parole. In realtà, sembrerebbe che non ci sia differenza tra l’uno e l’altro, ma WordPress in automatico usa il trattino, per cui meglio uniformarsi a un unico standard ed evitare confusione.
  • Evita in ogni modo URL che contengano stringhe alfanumeriche come slug, evita cioè strutture come miosito.it/abcd1234efgh5678.

Puoi approfondire l’argomento visitando la pagina Keep a simple URL structure di Google Search Central.

Conclusione

Utilizzare la tecnica dei SEO Friendly URL non è sicuramente un fattore di posizionamento così importante da poter stravolgere completamente la tua situazione. Si tratta comunque pur sempre di un piccolo mattoncino che ti aiuterà a conquistare gli obiettivi che ti sei prefissato e ad aumentare la tua visibilità sui motori di ricerca.

Non trascurare mai tutti gli altri aspetti della SEO!

Conoscevi l’uso degli URL SEO Friendly?

Come generavi i tuoi slug prima di conoscere questa tecnica?

Se hai domande o vuoi contribuire anche tu con qualche altro consiglio, lascia un commento!

Guide correlate:

Immagine di Andrea Di Rocco autore articoli SOS WP
Andrea Di Rocco Fondatore di SOS WP™
La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero che troverai utili le oltre 700 guide su WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Se ne hai voglia ti invito a leggere la mia storia, cliccando sul pulsante qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *