Guide

I 10 elementi da testare su una landing page per aumentare le conversioni

Hai una landing page? Sono sicuro che per crearla ti sei affidato alle varie guide disponibili sul web e hai creato un design in linea col tuo sito. Hai mai pensato però di testare diverse varianti della landing page?

10 elementi da testare su una landing page

Come facciamo a sapere se la nostra landing page sta funzionando? In questo articolo, ti presentiamo alcuni elementi da testare su una landing page per scoprire come sfruttare al massimo il suo potenziale e generare più conversioni possibili.

Nella guida sull’A/B split testing, ho parlato di un metodo scientifico di ottimizzazione delle pagine per ottenere il massimo dei risultati. Infatti, l’A/B split testing è l’osservazione in contemporanea di più varianti dello stesso elemento, per poter identificare quale abbia più successo.

Oggi ti presenterò i singoli elementi da testare su una landing page in più varianti per poter creare una landing page che funziona.

Non sempre è così semplice individuare gli elementi che hanno importanza nell’aumento o nel calo delle conversioni. Perciò ti consiglio di tenere sempre a portata di mano la lista che sto per esporti.

Credo che questo articolo ti sarà utile perché la landing page è fondamentale per raccogliere contatti. Se la lista di contatti è veramente, come dicono, il tesoro di qualunque attività online, la landing page non va sottovalutata e per questo è importante monitorarla costantemente per migliorarla e renderla più produttiva possibile.

I 10 elementi da testare su una landing page

#1 Layout

Il layout è il modo in cui gli elementi sono posizionati nella pagina, la sua struttura.

Di una stessa pagina si possono avere layout differenti. Ad esempio, se abbiamo una pagina con un video di presentazione e un form di iscrizione alla newsletter, potremmo creare tre varianti:

  1. singola colonna centrale con video sopra e form di iscrizione sotto
  2. due colonne, con video a sinistra e form di iscrizione a destra
  3. viceversa, sempre due colonne, ma con video a destra e form di iscrizione a sinistra.

I contenuti sono sempre gli stessi, mentre la disposizione cambia.

Quando fai i test della landing page, prova a variare la posizione di un singolo elemento per volta.

#2 Unique Value Proposition

La Unique Value Proposition (o Unique Selling Proposition) è una chiara dichiarazione di quale sia il prodotto che offri e quali sono i suoi vantaggi. Se non hai mai sentito parlare di UVP, ti consiglio di leggere la guida che scrissi per il TagliaBlog qualche tempo fa.

Nella maggior parte dei casi, la UVP viene proposta nel titolo della landing page.

La Unique Value Proposition è uno dei più importanti elementi da testare su una landing page, perciò formula la tua dichiarazione in maniera diversa e identifica quale di esse genera maggiori conversioni.

#3 Immagine

Come creare un blog di successo - landing page

Un elemento di impatto immediato sulla landing page è l’immagine, che può essere una tua foto, la copertina del tuo ebook o un’immagine che esprime metaforicamente la tua idea.

Anche in questo caso, le diverse immagini sono un altro degli elementi da testare su una landing page.

Importante: molto spesso, un’immagine che ti sembra semplicemente bella può non avere l’effetto desiderato. Lo scopo non è che venga ammirata, ma che generi conversioni. Usa l’A/B split testing e verifica quale immagine genera più conversioni.

#4 Call To Action

Servizi web e assistenza WP - landing page

La call to action, o invito all’azione, è una breve frase, un link o un pulsante che contiene un imperativo, che spinga l’utente, in sintesi, a cliccare.

Il testo della call to action è molto importante, per questo dovresti sviluppare diverse varianti, per esempio:

  • usa verbi diversi – Entra, Clicca, Leggi…
  • aumenta il senso di urgenza – immediatamente, ora, subito, punti esclamativi…
  • includi informazioni aggiuntive – il numero di pagine dell’ebook, gli orari in cui sei disponibile…

In questa guida su come ottimizzare la tua call to action troverai molti altri consigli che potresti provare.

#5 Domande e problemi

Il copy, il testo vero e proprio della landing page, è uno degli elementi sul quale rivolgere particolare attenzione. Una strategia molto efficace è quella di coinvolgere il lettore ponendo domande nelle quali riconosce il suo problema.

  • Vorresti creare un sito web da solo ma non hai le conoscenze tecniche per farlo?
  • Vuoi creare un blog di successo ma non hai il tempo per pubblicare nuovi articoli giornalmente?
  • Hai un prodotto valido ma non riesci a trovare nuovi clienti?

Osserva la loro struttura. Iniziano con un desiderio o una qualità, al quale viene contrapposto un ostacolo. Il lettore si identifica nella tua domanda, hai catturato la sua attenzione. A questo punto puoi presentare il tuo prodotto, ossia la soluzione che cercava per quel problema.

Prepara diverse domande e testale su varie versioni della tua landing page per scoprire quella che funziona meglio.

#6 Benefici

Nel testo della landing, è importante mostrare i benefici del tuo prodotto, della tua newsletter o del tuo servizio.

Crea diverse liste dei benefici presentando diversi vantaggi o riformulandoli con parole diverse, e fai A/B split testing.

Non tralasciare le liste di vantaggi, perché sono utili elementi da testare su una landing page.

#7 Garanzie

Gli utenti spesso sono spaventati dall’intraprendere un’azione sul web. Cosa ne sarà dei miei dati personali? Che faccio se lo compro e poi non sono soddisfatto?

Devi sempre essere estremamente chiaro nell’esporre le garanzie che offri all’utente:

  • per le iscrizioni alle newsletter, “Non cederemo i tuoi dati a terzi e non riceverai spam
  • per l’acquisto di prodotti o servizi, “Soddisfatto o rimborsato entro 60 giorni
  • eccetera.

Forse non ci avevi mai pensato, ma anche in questo caso, crea diverse varianti e, facendo A/B split testing, vedrai quale versione ha più successo.

#8 Testimonial

Recensioni - landing page

Per guadagnarsi la fiducia del cliente, possono non essere sufficienti le garanzie che esponi. Per questo è fondamentale che ricorri alle testimonianze di altri utenti che già hanno usufruito del tuo servizio.

Non tutte le testimonianze funzionano. Quelle più efficaci sono sicuramente le più dettagliate, con informazioni specifiche, e che raccontano come è cambiata la loro vita dopo aver usato il tuo prodotto.

Puoi approfondire questo argomento, leggendo la mia guida su come usare i testimonial.

Ti consiglio di raccogliere le varie testimonianze in un documento, che poi utilizzerai come elementi da testare sulla tua landing page facendo A/B split testing.

#9 Colori

Passiamo ora ad un elemento molto interessante della pagina landing: il colore.

Anche possiamo ritenerlo un elemento di poco conto, poiché non fornisce alcuna informazione sul servizio che offri, il colore ha una fortissima influenza emotiva sugli utenti.

È stato dimostrato che cambiare il colore di un pulsante da rosso a verde ha un risultato decisivo sulle conversioni.

Leggi la mia guida sull’uso dei colori nel web per scoprire quali sono le reazioni degli utenti ai diversi colori.

Quindi, sii creativo e cambia i colori dei vari elementi da testare nella landing page, dalla call to action allo sfondo, al colore del titolo o del testo.

#10 Form

L’ultimo elemento che ti consiglio di testare è il form, cioè l’elemento chiave che realmente genera conversioni.

Se il form di iscrizione o acquisto contiene troppi campi da compilare, l’utente rinuncia. Verifica se realmente hai bisogno di tutte le informazioni che chiedi: è davvero essenziale conoscere il cognome degli iscritti alla newsletter?

Elabora un piano di A/B split testing in cui includi form più o meno ricchi di informazioni, e verifica quale genera più conversioni.

Vuoi creare una landing page professionale? Leggi la nostra guida!

Conclusione

Dopo aver analizzato questi 10 elementi da testare sulla tua landing page, ti renderai conto che probabilmente ci vorrà un po’ di tempo e di lavoro per raccogliere tutti i dati necessari.

Con la giusta dose di pazienza, però, ti ritroverai una buona quantità di dati scientifici che ti guideranno sulla strada giusta per aumentare le conversioni e, di conseguenza, i tuoi guadagni.

Hai mai fatto dei test su diverse varianti della landing page?

Cosa ne è emerso?

Ti invito a raccontarci qui sotto la tua esperienza.

Altre guide della stessa
categoria

1 COMMENTI
Commenta

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *