Come passare da http a https nel rispetto della SEO: guida operativa

Hai un sito web e stai considerando se passare da HTTP a HTTPS? Oggi voglio parlarti dei benefici SEO di effettuare questa migrazione e dei vantaggi per i tuoi utenti.

Ti spiegherò inoltre come effettuare il passaggio senza perdere alcun valore SEO.

Per prima cosa parliamo della differenza tra HTTP e HTTPS. HTTP sta per Hyper Text transfer Protocol (protocollo di trasferimento di un ipertesto). Si tratta di un protocollo che serve a trasmettere le informazioni sul web. HTTPS è la versione sicura dello stesso protocollo. La differenza consiste nel fatto che la comunicazione avviene all’interno di una connessione criptata, come il Secure Sockets Layer (SSL). Questo garantisce l’autenticazione del sito e l’integrità dei dati trasmessi. Le informazioni scambiate vengono protette da eventuali intercettazioni e compromissioni.

Controllare se il sito usa http o https

Per capire se un sito web utilizza il protocollo HTTPS basta guardare l’URL del sito. Se inizia con https://, allora il sito utilizza un SSL per trasmettere i dati. Alcuni browser evidenziano in verde questo tipo di indirizzi.

Perchè passare da http a https

Proteggere la privacy e i dati dei tuoi utenti è sicuramente la ragione principale per passare a questo tipo di protocollo. Si tratta di un fattore indispensabile se gli utenti devono inserire credenziali di accesso o effettuare pagamenti online.

Nel 2014 Google ha lanciato la campagna “HTTPS Everywhere”, indicando che tutte le comunicazioni dovrebbero essere sicure. L’utilizzo del protocollo HTTPS sarebbe, inoltre, diventato un segnale di ranking per la SEO e l’algoritmo avrebbe quindi iniziato a preferire l’indicizzazione delle pagine sicure rispetto a quelle HTTP.

Passare da HTTP a HTTS seguendo la raccomandazione di Google costituisce una decisione semplice e intelligente per chi ha un sito, specie se si occupa di e-commerce. Non vedrai il posizionamento del tuo sito tra i risultati di ricerca cambiare dall’oggi al domani, ma il peso di questo fattore potrebbe aumentare in futuro e la maggior fiducia degli utenti può portarti più traffico e più conversioni. Per questo gli esperti di SEO già lo raccomandano.

Vedrai anche una differenza nel traffico dai referral su Google Analytics. Se il traffico passa da un sito HTTPS a uno HTTP, il traffico appare come “Diretto”.

Come effettuare il passaggio

Per passare da HTTP a HTTPS dovrai effettuare queste operazioni:

  1. Inizia con il test server, per assicurarti che tutto funzioni prima di modificare la versione live del sito. Ti consiglio anche di effettuare il back up del tuo sito.
  2. Acquistare un certificato SSL.
  3. Installare il certificato SSL sull’account hosting del sito.
  4. Controllare che tutti i link vengano aggiornati da HTTP a HTTPS in modo da evitare che non funzionino più.
  5. Aggiornare i link sui template, sui plugin e su eventuali form in uso. Se usi Disqus per gestire i commenti sulsito, assicurati di aggiornare l’URL.
  6. Notificare i cambiamenti a Google e agli altri motori di ricerca. Imposta delle ridirezioni 301 da HTTP a HTTPS. In questo modo, chiunque abbia messo tra i preferiti o linkato il tuo sito verrà automaticamente reindirizzato al giusto URL. Questo ti eviterà di perdere il valore SEO guadagnato e di venir penalizzato perchè Google trova un errore 404. Ricordati quindi di verificare che i reindirizzamenti funzionino correttamente.
  7. Effettua la scansione del sito con uno strumento come Screaming Frog per accertarti di non aver dimenticato alcun link.
  8. Aggiorna il file robots.txt, il file disavow (se li usi) e la sitemap del tuo sito.
  9. Visto che Google Search Console tratta HTTP e HTTPS separatamente, se li usi entrambi, dovrai creare una proprietà separata per ciascuno.
  10. Se tutto funziona correttamente, effettua la migrazione sul sito live.
  11. Controlla che Google Analytics raccolga correttamente dati per il nuovo URL. Aggiornalo nelle impostazioni della proprietà.
  12. Aggiorna i link sugli account social, i widget di social sharing (il conteggio dovrebbe aggiornarsi automaticamente, ma non si sa mai), le pubblicità , le email ed eventuali strumenti di marketing che usi.
  13. Controlla che i tag canonical siano stati aggiornati dal CMS.

passare da http a https senza perdere valore SEO

Con SiteGround puoi passare da http a https con 1 clic

Come vedi, passare da HTTP a HTTPS può avere effetti positivi sulla SEO e sulla fiducia dei tuoi utenti. Si tratta, però, di un’operazione abbastanza complessa, specie per chi non è totalmente a suo agio con server e questioni tecniche.

La buona notizia è che il tuo provider di hosting può occuparsi della migrazione. Ad esempio, SiteGround, che abbiamo più volte consigliato per rapporto qualità/prezzo e servizio eccellente (in italiano), offre un certificato SSL gratuito e l’installazione gratuita del certificato Let’s Encrypt per tutti i piani. Il certificato SSL premium viene incluso a partire dal piano intermedio, chiamato GrowBig.

In pratica, una volta acquistato il certificato, basta attivarlo dal pannello di controllo di SiteGround, con un clic.

In più, se decidi di passare a SiteGround, ti consiglio di farlo tramite il nostro link, in modo da ottenere l’Assistenza Prioritaria gratuita di SOS WP. Si tratta di un servizio in cui ti rispondiamo tramite email a qualsiasi domanda tu possa avere rispetto alla gestione e alla costruzione del tuo sito.

Conclusione

Oggi abbiamo parlato dei benefici di passare da HTTP a HTTPS per la SEO del tuo sito e per la sicurezza dei tuoi utenti. Ti ho spiegato come effettuare la migrazione e cosa controllare per assicurarti che tutto sia andato a buon fine, che tutti gli elementi del tuo sito funzionino correttamente e che chi ti cerca possa raggiungerti, grazie alle ridirezioni.

Si tratta di un processo piuttosto complicato, che può essere ridotto a un semplice clic se si usa un hosting SiteGround, che in più può farti avere accesso all’Assistenza Prioritaria di SOS WP.

Hai mai pensato di passare da HTTP a HTTPS per il tuo sito? Se lo hai fatto, hai effettuato la migrazione da solo, oppure ti sei affidato al tuo provider di hosting o al tuo webmaster? Controlli mai che i siti che visiti o a cui accedi utilizzino il protocollo sicuro prima di inserire i tuoi dati?

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea Di Rocco, il fondatore di SOS WP. La mia missione - insieme al mio Team - è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *