Come mettere in sicurezza il tuo sito in WordPress con Login LockDown

Metti in sicurezza il tuo sito WordPress

Ti sarà capitato di mettere in secondo piano l’importanza di mettere in sicurezza il tuo sito WordPress.

Grave errore, perché non possiamo mai veramente ritenerci protetti dall’attacco di un hacker.

La rete, infatti, porta molte insidie, e per ovviare a tutto devi imparare a difenderti.

La prima regola è quella di scegliere un hosting estremamente stabile e sicuro, come SiteGround.

Dopo questo, ci sono centinaia di plugin progettati appositamente per la messa in sicurezza del sito.

Oggi in particolare ne presentiamo uno che non tutti conoscono, ma che è estremamente utile per evitare che un hacker tenti e ritenti una password per entrare nella tua dashboard di WordPress.

Per scongiurare questa eventualità oggi ti presentiamo Login LockDown, uno strumento che riteniamo davvero utile e facile da utilizzare.

Come mettere in sicurezza il tuo sito WordPress con Login Lockdown

Come funziona Login LockDown?

Quando devi accedere alla tua area admin di WordPress, solitamente devi inserire la username e password che ti è stata assegnata o che hai scelto.


Questo plugin ti permetterà di bloccare tutte quelle altre persone che tentano di entrare in questa area protetta

Infatti con questo strumento puoi riconoscere e rendere inattivo l’IP di tutte quelle persone che tentano di entrare nella tua area privata di WordPress, settando il numero massimo di volte in cui possono sbagliare la password.

Una volta superato questo limite,  il loro IP viene bloccato per una durata di tempo che deciderai tu, in cui non potranno ritentare l’inserimento di una password.

Come si installa Login LockDown?

Installarlo è molto semplice. Segui questa procedura:

  1. Scarica il file zip dalla directory dei plugin di WordPress.org;
  2. Vai nella sezione “Plugin” e clicca “Aggiungi Nuovo”;
  3. Seleziona dai tuoi file lo zip in cui c’è il plugin e clicca “Carica”;
  4. Ora clicca su “Installa” e poi su “Attiva”.

Una volta completata la procedura, finalmente potrai mantenere in sicurezza il tuo sito WordPress, senza troppi pericoli di attacchi esterni.

Come si configura Login LockDown?

Adesso è importante impostare le caratteristiche che vuoi che abbia il plugin. Cliccando su “Modifica” accederai ad un pannello come nella foto.


mettere in sicurezza il tuo sito WordPress con Login Lockdown

Ora puoi decidere il numero di volte in cui può essere inserita la password errata prima di bloccare l’IP e per quanto tempo dovrà rimanere in questo stato.

In genere, i tentativi che vengono inseriti non sono meno di tre. Può capitare a tutti di sbagliare una password, anche al proprietario del sito web.

Vuoi personalizzare la pagina di Login del tuo sito WordPress? Puoi farlo con gli strumenti che ti presentiamo!

Conclusione

Bene, in questo articolo abbiamo visto mettere in sicurezza il tuo sito WordPress da possibili attacchi di hacker.

Conoscevi già questo plugin? Quali altri strumenti utilizzi per garantire maggiore sicurezza al tuo sito WordPress? Lasciaci un commento nel box qui sotto, e facci conoscere la tua opinione.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

[PROMO LIMITATA] 50% SU HOSTING SITEGROUND + ASSISTENZA SOS WP GRATIS

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
5 commenti
  1. dice:

    Andrea, ma io quando faccio modifica, si apre una pagina in html e non il pannello che fai vedere tu nella foto. Perché?

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Marcella, grazie per il commento. Hai per caso aggiornato il tuo sito a WP 3.9? Hai installato il plugin cercandolo direttamente sulla Bacheca WP oppure caricando la cartella? Da quanto scrivi sembra che potrebbe esserci qualche problema con il CSS ;)

      Rispondi
  2. dice:

    È un plug in non aggiornato da oltre quattro anni, è consigliato ugualmente utilizzarlo?
    Ultimo update 17-9-2009 e viene indicato anche come non supportato :(

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *