Come aggiungere notifiche push al tuo sito web

Aggiornato il da | 36 commenti | Disclaimer I nostri contenuti sono supportati dai lettori. Questo significa che se clicchi su uno dei link ai servizi che raccomandiamo e poi effettui un acquisto, è possibile che ci venga accreditata una commissione. È così che finanziamo questo sito web, lo manteniamo attivo e ti forniamo continuamente le informazioni più affidabili.

Come aggiungere notifiche push al tuo sito web

Andiamo con ordine e cerchiamo prima di capire a cosa serve aggiungere delle notifiche push al tuo sito web.

Questo tipo di messaggi ti avvisa delle nuove attività avvenute su un sito o un’app mentre non sono aperti e sono più che altro simili agli annunci pop-up che appaiono sul tuo mobile.

Indice dei contenuti
Visualizza altro

Nel caso di un sito visualizzato su un computer, dei messaggi cliccabili possono essere visualizzati sul desktop, anche quando il browser non è aperto.

Per tornare all’esempio di Facebook sullo smartphone, l’app ti invia delle notifiche quando a qualcuno piace lo status che hai pubblicato.

Per poter essere visualizzate, l’utente dovrà acconsentire al loro uso.

Quali sono i benefici di aggiungere le notifiche push al tuo sito?

Quali sono i benefici di aggiungere le notifiche push al tuo sito

È evidente che il vantaggio principale di aggiungere notifiche push al tuo sito web è sicuramente l’opportunità di raggiungere i propri utenti ovunque siano sul web.

Puoi usarle, quindi, per aumentare il numero di visite da utenti di ritorno sul sito.

Se qualcuno non visita il tuo sito da un po’, puoi ricordargli della sua esistenza ed evitare di farlo finire nel dimenticatoio.

A giudicare dai case study pubblicati da PushCrew, il tasso di click sulle notifiche push è intorno al 15-20%.

Si tratta di una percentuale estremamente interessante, anche confrontata ai tassi di apertura delle email.

Inoltre, il processo di sottoscrizione alle notifiche push è molto più immediato e veloce di compilare il form per ricevere una newsletter.

Attenzione, però, al contenuto delle notifiche push.

Secondo un sondaggio citato da CrazyEgg, la metà degli utenti le definiscono una distrazione.

Ciò significa, però, che gli altri le vedono in modo positivo.

Come al solito, l’importante è fornire contenuto e offerte di valore per i visitatori.

La chiave sembra essere la personalizzazione.

Come per le email, gli utenti vogliono vedere contenuti e offerte rilevanti, basati sulla loro posizione e le loro preferenze.

Impostare le notifiche push su WordPress con OneSignal

Per prima cosa installa e attiva il plugin OneSignal – Free Web Push Notifications.

Una nuova voce verrà aggiunta al menu:

OneSignal - come aggiungere notifiche push al tuo sito web - configurazione

Per configurare OneSignal, avrai bisogno di aggiungere diverse API Key e Application ID nelle campi corrispondenti.

Nella scheda Setup, troverai tutti i passaggi per configurare il plugin.

Vediamo come ottenere questi dati.

1. Configurazione delle notifiche push per Chrome e Firefox

Visita il sito di OneSignal per creare un account.

Apparirà un pop up di benvenuto, alla fine del quale potrai cliccare su Add a new app.

Aggiungere notifiche push al sito WordPress - creazione account OneSignal

Scegli un nome per la tua app, poi clicca su Create per confermare.

OneSignal configurazione notifiche push

Clicca su App Settings sulla barra a sinistra e poi sul bottone Configure che trovi nella lista accanto a Google Chrome and Mozilla Firefox.

OneSignal notifiche push per WordPress

Aggiungi l’URL del tuo sito senza includere lo slash alla fine.

Questo passaggio serve a impedire ai malintenzionati di utilizzare le tue chiavi per “impersonare” il tuo sito e inviare notifiche push spacciandosi per te.

Poi aggiungi un’icona per personalizzare le notifiche.

Puoi utilizzare il tuo logo per questo, ricorda solo che l’immagine deve misurare 80×80 pixel.

Se non carichi un’immagine, il plugin userà il logo standard di OneSignal.

Spunta la casella accanto a My site is not fully HTTPS se il tuo sito serve alcune pagine con il protocollo HTTP e altre con quello HTTPS.

2. Configurazione delle notifiche push per Chrome e Firefox

Dopo aver cliccato su Save, OneSignal ti chiederà di scegliere un dominio secondario.

Selezionalo attentamente perché non potrai cambiarlo, altrimenti gli utenti riceveranno un duplicato di tutte le notifiche.

2. Ottenimento delle Chiavi OneSignal

Clicca sulla scheda Keys and IDs su OneSignal. Si trova accanto alla scheda su cui hai appena finito di lavorare.

3. Ottenimento delle Chiavi OneSignal per WordPress

Copia la OneSignal App ID e la REST API Key nella scheda di configurazione del plugin in WordPress.

Poi clicca su Save per confermare.

Consiglio: lascia la scheda con il tuo account OneSignal aperta, perchè ti servirà di nuovo tra poco.

3. Configurazione dell’iscrizione per gli utenti

Adesso che le notifiche push sono attive sul sito, devi configurare come i visitatori potranno iscriversi per riceverle.

Esistono 2 opzioni: il pop up HTTP/HTTPS e il pulsante Notifica.

OneSignal notifiche push opzioni iscrizione

Il pop up HTTP/HTTPS chiede automaticamente ai nuovi visitatori di iscriversi alle notifiche push.

Il bottone Notifica è un widget interattivo, visualizzato nell’angolo in basso a destra del sito.

Il widget riconosce se gli utenti sono già iscritti, se si sono cancellati dalla lista o se hanno bloccato il tuo sito, mostrando le istruzioni per sbloccarlo.

Permette ai visitatori di iscriversi temporaneamente, cancellarsi e poi iscriversi di nuovo.

OneSignal configurazione bottone

Puoi gestire queste opzioni dal menu Configuration di OneSignal, direttamente in WordPress.

4. Configurazione delle notifiche push per Safari

Il prossimo passaggio serve ad aggiungere notifiche push al tuo sito su Safari, per gli utenti che usano Mac.

Per farlo devi tornare al tuo account OneSignal, cliccare su App Settings e poi navigare fino alla scheda Platform.

L’hai già usata per il punto 1.

Adesso dovrai, però, selezionare Apple Safari e cliccare su Configure.

Si aprirà la finestra qui sotto:

5. Configurazione delle notifiche push per Safari

Inserisci l’URL del sito, come hai fatto prima.

Per quanto riguarda il Site Name, inserisci quello che vorresti che gli utenti vedessero, come il nome del tuo sito.

Poi spunta la casella I’d like to upload my own notification icons per caricare le tue icone personalizzate.

Avrai bisogno di un’immagine da 256×256 pixel.

Salva per attivare le notifiche push per il tuo sito anche su Safari, e quindi uscire dalla configurazione guidata.

Tornerai alla schermata Platforms, dove vedrai l’ID delle notifiche per Safari.

Copialo e poi torna nella scheda di configurazione del plugin su WordPress per incollare l’ID nel campo corrispondente.

Salva le modifiche.

5. Test delle notifiche push per il web sul tuo sito WordPress

Visitando il sito con i vari browser potrai testare le notifiche push che hai aggiunto al tuo sito web.

Nel mio caso, qui sotto puoi vedere le notifiche push che ho attivato sul sito che uso per compiere test.

OneSignal notifiche push Firefox

Se il visitatore (nel mio caso, io stesso) decide di iscriversi, un pop up di ringraziamento viene visualizzato.

OneSignal messaggio di ringraziamento in inglese

Come avrai notato, i messaggi sono in inglese, ma è possibile personalizzarli direttamente su WordPress.

Clicca su OneSignal Push per accedere alla configurazione del plugin, poi scorri verso il fondo della pagina.

Vedrai un modulo chiamato Notify Button Text Customization.

Qui potrai personalizzare i messaggi di iscrizione, di dialogo e il testo per i bottoni.

OneSignal notifiche personalizzazione messaggi

Continuando a scorrere verso il basso troverai le opzioni per cambiare l’aspetto dei bottoni, del pop up e della notifica di benvenuto.

Potrai, inoltre, impostare delle notifiche push automatiche (ad esempio quando pubblichi un nuovo post) e aggiungere dei parametri per tracciare il traffico in Google Analytics.

Dal tuo account OneSignal potrai, invece, inviare messaggi agli utenti iscritti, impostare dei test per valutare i risultati di diversi messaggi e perfino segmentare gli utenti iscritti in base a parametri come provenienza geografica e tipologia di visita (durata, nuovo utente o di ritorno, ecc…).

Conclusione

Oggi ti ho parlato di come aggiungere notifiche push al tuo sito web su WordPress.

Si tratta di un altro strumento che puoi utilizzare per aumentare il coinvolgimento del tuo pubblico e incoraggiare gli utenti a tornare sul tuo sito.

Pensi di aggiungere notifiche push al tuo sito WordPress?

Come pensi di utilizzare questo strumento? O lo utilizzi già?

Che effetto hanno avuto le notifiche sul traffico verso il tuo sito, e sul coinvolgimento dei tuoi utenti?

Come al solito, ti invito a condividere la tua esperienza e a farmi delle domande utilizzando la sezione commenti che trovi qui sotto.

Guide correlate che ti potrebbero interessare:

Domande? Lascia un commento!

  1. Immagine avatar per Alessandra
    Alessandra

    Salve, le avevo già scritto per delucidazioni sul mio sito word press…ora girando per internet ho visto qsto suo articolo, nn so se si tratta di notifiche push…ma di recente, sull’icona del mio sito, è comparso un numeretto, cioè 1, e penso si tratti di qche notifica…ma dentro il sito nn trovo nè visite, nè altro di nuovo e perciò nn so cosa sia il numeretto 1 che è presente sull’icona del sito, come già detto…

    1. Immagine avatar per SOS WP Team
      SOS WP Team

      Ciao Alessandra, per questo sarebbe meglio che tu ti rivolga direttamente alla nostra Assistenza WordPress. A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati*