3 plugin per creare funnel su WordPress

di Andrea Di Rocco Pubblicato il 22 Maggio, 2019

Plugin per creare funnel su WordPress

Quando un utente arriva sul tuo sito, dovrà essere preso per mano e condotto attraverso il processo decisionale fino a giungere all’acquisto. Per questo è importantissimo costruire un funnel su WordPress.

Potrai così presentargli i giusti contenuti, aiutandoli a riconoscere un problema e proponendogli delle soluzioni. Conquistando la sua fiducia, si convincerà ad acquistare.

L’errore che molti business compiono è assumere che il visitatore appena giunto sul sito sia già pronto ad acquistare, quindi non fanno altro che presentare il prodotto e invitare a contattarli.

In realtà, è ancora troppo presto per sperare in una conversione: un nuovo utente, per esempio, non è lì per acquistare, ma per capire se può fidarsi di te.

Grazie alla creazione di un funnel su WordPress, potrai creare contenuti che seguano le varie fasi del processo decisionale di acquisto, rivolgendoti in maniera diversa a lead (l’utente potenzialmente interessato), prospect (l’utente che realmente intende acquistare) e cliente (l’utente che ha effettuato l’acquisto).

Dunque, tieni bene a mente che un utente, appena arriva sul tuo sito, si trova nella fase in cui ha un problema ed è alla ricerca di una soluzione. Ti assicuro che NON è questo il momento in cui ti contatterà, neanche per avere una consulenza gratuita.

Ti consiglio di consultare la nostra guida su Cosa sono i funnel e come gestirli con WordPress per maggiori informazioni.

“Ho capito, Andrea, ma cosa me ne faccio di tutta questa psicologia?! Cosa devo fare per vendere di più?”

Te lo mostro subito!

Fortunatamente WordPress ti aiuta a strutturare un buon funnel dall’inizio alla fine e a trasformare gli utenti in clienti.

Se poi ti dovesse servire una consulenza per sviluppare al meglio la tua strategia, possiamo aiutarti anche noi! Vai alla pagina Servizi per contattarci.

Come creare un funnel su WordPress

La corretta realizzazione di un funnel è alla base di qualsiasi strategia SEM di successo. Ma da dove iniziare?

La prima cosa da fare è presentare un contenuto generale che aiuti gli utenti a riconoscere il problema (tanto da fargli esclamare “Ecco, è proprio quello che è successo a me!”) fornendo diversi dettagli per permettere loro di identificarsi in una certa situazione.

Per esempio: vendi impianti di riscaldamento? Spiega come funziona l’isolamento termico. Vendi servizi SEO? Parla dei recenti aggiornamenti dell’algoritmo di Google e come questi abbiano avuto un impatto negativo su una determinata categoria di siti web.

In questi articoli dovresti poi inserire una Call-to-action, ad esempio finalizzata a raccogliere iscrizioni per la tua newsletter, in cui copri in modo più dettagliato gli stessi argomenti. Nelle email puoi anche inserire dei link a contenuti di approfondimento, in modo da facilitare la transizione verso lo stadio successivo del processo, quella di valutazione o considerazione.

Racconta come hai aiutato clienti simili a risolvere problemi analoghi. Focalizzati sulle soluzioni, includendo case studies o risposte a domande comuni. Puoi iniziare a introdurre offerte specifiche per dare l’occasione ai visitatori di chiedere informazioni aggiuntive.

Nello stadio successivo, inizia a presentare offerte più specifiche, per aiutare gli utenti a scegliere il prodotto o il servizio giusto per loro.

Hanno già investito tempo per conoscere quello che hai da offrire, è quindi tempo di pensare alla conversione. Il metodo dipende da come conduci il tuo business: può trattarsi di offerte di prova, demo, oppure pagina di vendita del prodotto.

“Mi sta venendo il mal di testa! Non so da dove cominciare!”

Non preoccuparti! Ecco 3 plugin che ti permetteranno di mettere immediatamente in pratica questi concetti.

3 plugin per creare funnel su WordPress

Ora che abbiamo visto come funziona un funnel, quali sono le fasi che attraversa un utente per diventare cliente e quali tipi di contenuto puoi proporre in ciascuna fase, passiamo alla pratica.

Questi 3 plugin sono veramente utilissimi per aiutarti a creare un funnel su WordPress.

LeadPages

Creare funnel su WordPress con Leadpages
Il primo strumento che ti presento è LeadPages, uno dei più popolari per la creazione di landing page. La landing page è un elemento fondamentale della creazione del tuo funnel in tutte le sue fasi, poiché ti permette di acquisire leads, di creare pagine di vendita e di rimanere in contatto con i tuoi clienti proponendo loro ulteriori servizi.

Una volta creato un account di LeadPages, hai accesso a tantissimi template, oppure puoi creare una pagina personalizzata trascinando i vari elementi disponibili. Ma la cosa straordinaria è che potrai contare su una guida integrata che ti permetterà di migliorare il design della pagina e ottenere il miglior risultato possibile.

Grazie a questo strumento, puoi anche creare dei pop up form per raccogliere i dettagli degli utenti, o anche delle alert bar per mettere in evidenza una call to action.

Il plugin per WordPress è scaricabile direttamente dal tuo account e ti servirà per implementare le pagine create con LeadPages nel tuo sito WordPress.

Infine, potrai integrarlo con numerosissimi servizi, tra cui Google Analytics, GetResponse, MailChimp, LiveChat, PayPal, Facebook e anche YouTube.

I piani di pagamento partono da $25 al mese, fino ad arrivare a $199 al mese per l’account Advanced, adatto ai siti di grandi dimensioni. Hai a disposizione una prova gratuita di 14 giorni prima di acquistare.

Instapage

Creare un funnel su WordPress con Instapage
Instapage ti consente di creare velocemente delle landing page da utilizzare per creare i tuoi funnel su WordPress e gestirli con facilità. I template disponibili sono responsive e si adattano a vari scopi: lead generation, webinar, download di app mobile, pagine relative a prodotti e servizi. Ci sono anche delle pagine di ringraziamento da usare dopo la conversione.

Questo strumento include anche funzionalità dedicate all’A/B testing e agli analytics, che ti permettono di effettuare test per cercare di ottimizzare il tuo funnel.

Gli sviluppatori hanno reso Instapage compatibile con vari strumenti di marketing:

  • pubblicità: Adwords e Facebook Ads
  • Analytics: Tag Managerm Google Analytics, KISSmetrics
  • CRM: Salesforce, ActiveCampaign
  • email: MailChimp, AWeber, GetResponse
  • pop-ups: OptinMonster, Sumo, OptiMonk
  • chat: Zendesk
  • automazione: Marketo, HubSpot
  • integrazione: Zapier.

Anche in questo caso, per usare Instapage con WordPress, devi installare un plugin.

I prezzi per gli abbonamenti a Instapage partono da 99$ all’anno ma, anche in questo caso, puoi approfittare del periodo di prova gratuita della durata di 14 giorni.

Poptin

Poptin - Creare funnel su WordPress
Il nome completo di questo plugin è “Free Popups, WordPress Lead Generation Opt in, Email Popup, Exit-Intent Popup” – per gli amici, Poptin.

Si tratta di un plugin gratuito che ti permette non solo di creare pop up form, ma anche di monitorare il comportamento del visitatore e mostrare il messaggio giusto al momento giusto.

Un esempio è la possibilità di rintracciare il momento in cui l’utente intende lasciare la pagina per poter visualizzare un messaggio con, ad esempio, un’offerta molto allettante che potrebbe far cambiare idea al visitatore.

L’uso di determinati cookies permette inoltre a Poptin di raccogliere informazioni preziose sui tuoi visitatori, ad esempio dal loro carrello, in modo da mostrare poi dei pop up personalizzati in base ai loro interessi.

Puoi collegare Poptin a diversi servizi tra cui Mailchimp o GetResponse, Zapier e molti altri.

Se necessiti anche di un autoresponder, potrai sfruttare i piani premium a partire da 15$ al mese.

Conclusione

Come abbiamo visto oggi, puoi usare vari strumenti per costruire il tuo funnel su WordPress. Partire dalla creazione di landing page dalle quali gli utenti entreranno nel tuo sito è sicuramente un’ottima strategia.

Cosa pensi degli strumenti che ti ho presentato oggi?

Ne hai mai usato qualcuno e, se sì, come ti sei trovato?

Condividi le tue esperienze e presentaci i tuoi dubbi utilizzando la sezione dedicata ai commenti, che trovi qui sotto.

Guide correlate:

Immagine di Andrea Di Rocco autore articoli SOS WP
Andrea Di Rocco Fondatore di SOS WP™
La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero che troverai utili le oltre 700 guide su WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Se ne hai voglia ti invito a leggere la mia storia, cliccando sul pulsante qui sotto.
20Commenti
Lascia un commento
  1. Giovanni

    Ottimo articolo, soprattutto per l’importanza dell’email marketing tramite un sito web, ancora oggi sottovalutata!
    Grazie dei contenuti che pubblicate ogni giorno

    1. SOS WP Team

      Grazie Giovanni del tuo apprezzamento, continua a seguirci!

  2. Carmine Rinaldi

    Ciao articolo ben fatto, spiegato bene, ma cosa ne pensi di Leadpage per creare un Sito, ho visto che puoi creare un sito ma conviene o meglio wordpress?

    Grazie per la risposta.

    1. SOS WP Team

      Ciao Carmine, sia per un discorso di SEO che di maggiore personalizzazione, consigliamo senz’altro WordPress. Un saluto!

  3. Silvia

    Bisogna per forza installare uno di quei plugin per creare una efficiente ed efficace landing page?
    Creare una landing page direttamente su WordPress monitorandola con Google Analytics, non puo’ portare a risultati simili?

    1. SOS WP Team

      Ciao Silvia, non è obbligatorio installare un plugin per realizzare belle e funzionali landing page. Ci sono ottimi temi che permettono (grazie ai loro builder integrati) di crearle facilmente, personalizzandole al meglio. Un saluto!

  4. Salvatore

    Ciao Andrea invece come reputi profit builder e bitrix24? Paghi una tantum a vita…….. Poi ti volevo chiedere se i funnel si possono creare semplicemente con wordpress….. Ciao.

    1. Andrea Di Rocco

      Ciao Salvatore, non conosciamo questi strumenti, cercheremo di testarli presto. Serve comunque un plugin dedicato (come quelli indicati nella guida, ce ne sono però diversi) per generare un funnel gestito dal proprio sito WordPress. Un saluto!

  5. Mattia Rasulo

    Clickfunnels non è un plugin! È un servizio self-hosted!

    1. Andrea Di Rocco

      Ciao Mattia, è anche un plugin.. presto perl aggiorneremo la guida, visto che tale strumento non è aggiornato da tempo. Un saluto!

    2. Mattia

      Ah ma dai mai sentito come plugin..

    3. Luca Chirico

      Interessante…ci sarebbe da capire come applicarlo al mio sito…

  6. Lorenzo

    Ciao, esistono software per funnel gratuiti?

    1. Andrea Di Rocco

      Ciao Lorenzo, non ne conosciamo con le stesse caratteristiche dei plugin indicati nella guida, a nostro avviso i migliori. Un saluto e grazie del commento!

  7. Peter

    Ciao Andrea

    cosa puoi dirmi su queste due alternative (link in basso) al costoso Clickfunnels?

    http://www.thrivethemes.com
    http://www.builderall.com

    1. Andrea Di Rocco

      Ciao Peter, siamo in fase di test al riguardo. Rilasceremo al più presto una guida, un saluto!

  8. simone

    Grazie della Risposta ! Non non l’ho mai utilizzato …ma penso che incomincerò 🙂 , se oltre a creare dei funnel posso integrare Mailchimp o qualsiasi altra piattaforma di email marketing , direi ottimo

    Grazie ancora

    1. Andrea Di Rocco

      Ottimo Simone, dacci poi un tuo feedback!

  9. simone

    Ciao Andrea , come reputi Optimizepress in alternativa a Clickfunnel ? Mi sembra di capire che si possono creare delle pagine sequenziali come clickfunnell …è corretto ? Via API è poi possibile integrarlo via Zapier per automatizzare email ed esportare i contatti in un CRM ?

    Grazie

    1. Andrea Di Rocco

      Ciao Simone, con OptimizePress potrai creare dei Funnel e anche integrare la risorsa con Zapier. Lo hai già utilizzato in passato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *