Guide

3 plugin per creare funnel su WordPress

Un funnel ben progettato ti può aiutare a migliorare il tasso di conversione e rendere più facile trovare e attrarre dei lead davvero interessati ai tuoi prodotti e servizi. In questa guida ti presento 3 plugin per creare funnel su WordPress.

Implementare un funnel su WordPress ti permette di presentare i giusti contenuti agli utenti che si trovano nelle varie fasi del processo decisionale, aiutandoli a riconoscere un problema, pensare alle varie soluzioni e, infine, conquistare la loro fiducia, convincendoli ad acquistare.

3 plugin per creare funnel su WordPress

Molti business costruiscono i loro contenuti assumendo che chi visita il loro sito web sia pronto ad acquistare e presentano subito un unico form di contatto, chiedendo agli utenti di chiamare per discutere delle loro esigenze, oppure presentano solo il prodotto. La conversione durante la prima visita non è, in molti casi, la via giusta da seguire.

Molti dei visitatori non sono pronti ad acquistare la prima volta che interagiscono con i tuoi contenuti, ma questo non significa che siano una causa persa, anzi. Grazie all’utilizzo di un funnel, potrai creare contenuti che seguano le varie fasi del processo decisionale di acquisto, parlando in modo più efficace a prospect, lead e clienti.

Riassumendo, quando arrivano sul tuo sito, gli utenti si trovano solitamente nelle fasi iniziali del processo decisionale. Sanno di avere un problema o essere di fronte a una sfida e sono alla ricerca di possibili risposte. Magari hanno la casa fredda o hanno notato un calo nelle vendite, ma non sanno come affrontare la questione.

È poco probabile che i visitatori alzino la cornetta per chiamarti ed è per questo che metter loro davanti un modulo di contatto che permette di avere una consulenza gratuita difficilmente funzionerà.

Vediamo 3 plugin per creare funnel su WordPress

La cosa migliore è mettere a disposizione del contenuto generale che li aiuti a identificare il problema, fornendo maggiori dettagli per permetter loro di inquadrare la situazione. Se hai un blog puoi parlare di isolamento termico e vari metodi di riscaldamento, oppure dei recenti cambiamenti nell’algoritmo di Google che potrebbero aver impattato il loro sito web.

In questi articoli dovresti poi inserire una Call-to-action, ad esempio finalizzata a raccogliere iscrizioni per la tua newsletter, in cui copri in modo più dettagliato gli stessi argomenti. Nelle email puoi anche inserire dei link a contenuti addizionali, in modo da facilitare la transizione verso lo stadio successivo del processo, quella di valutazione o considerazione.

I contenuti sono incentrati su come hai aiutato dei clienti simili a risolvere problemi analoghi. Focalizzati sulle soluzioni, includendo case studies o risposte a domande comuni. Puoi iniziare a introdurre offerte specifiche per dare l’occasione ai visitatori di chiedere informazioni aggiuntive.

Nello stadio successivo, inizia a presentare offerte più specifiche, per aiutare gli utenti a scegliere il prodotto o il servizio giusto per loro. Hanno già investito tempo per conoscere quello che hai da offrire, è quindi tempo di pensare alla conversione. Il metodo dipende da come conduci il tuo business: può trattarsi di offerte di prova, demo, oppure pagina di vendita del prodotto.

Dopo aver visto cosa sono i funnel e quali benefici possono apportare alla tua strategia di vendita, abbiamo anche visto come monitorarli tramite Google Analytics. Passiamo adesso a parlare di 3 plugin per WordPress che possono aiutarti a costruire un percorso di conversione per i visitatori del tuo sito.

ClickFunnels

ClickFunnel plugin per WordPress

A differenza di molti plugin che servono a creare delle landing page singole, ClickFunnels ti permette di creare dei veri e propri funnel di vendita.

Si tratta di una serie di pagine che gli utenti visitano per raggiungere un certo obiettivo. Nei casi più semplici può trattarsi di 2 pagine, finalizzate a catturare l’indirizzo email degli utenti e, poi, a ringraziarli per l’avvenuta iscrizione.

Il plugin include diversi template di funnel, permettendoti di creare facilmente:

  • processi di raccolta email o dettagli di contatto
  • vendita prodotti o servizi
  • webinar
  • siti con abbonamenti

Tipologie di Funnel disponibili su ClickFunnels

In alternativa, puoi creare delle pagine dal nulla utilizzando l’editor incluso nel plugin. Non hai bisogno di scrivere codice, devi solo selezionare e trascinare i vari elementi sulla pagina.

In base alla tipologia di funnel scelto, ClickFunnels genera automaticamente delle pagine per le varie fasi. Ad esempio per quello di vendita, crea una landing page per attirare gli utenti, una pagina di vendita, una di conferma dell’ordine e una di download.

Il plugin ti permette anche di personalizzare gli URL delle pagine, creare una pagina per l’errore 404, gestire e modificare le pagine esistenti e impostare qualsiasi di essa come homepage.

Pur essendo user-friendly, il plugin presenta moltissime opzioni, che possono renderlo più complesso da utilizzare rispetto ad altri strumenti più limitati. Ma se hai la pazienza di esplorare le opzioni disponibili, ti permette di aver eun elevato livello di controllo sui contenuti che crei.

La qualità ha un prezzo e in questo caso si tratta di $97 al mese. Puoi, però, provare gratuitamente ClickFunnels per 14 giorni prima di decidere se continuare a utlizzarlo.

LeadPages

LeadPages - creazione funnel e landing pages su WordPress

LeadPages è uno degli strumenti più popolari per creare landing page. A differenza di ClickFunnels, questo strumento crea delle pagine individuali, non necessariamente connesse tra loro.

Una volta creato un account, hai accesso a tantissimi template, oppure puoi creare una pagina personalizzata trascinando i vari elementi disponibili, in base alle tue esigenze di design. Puoi anche creare dei pop up per raccogliere i dettagli degli utenti.

Dal tuo account puoi anche scaricare il plugin per WordPress, che ti serve per installare le pagine e i box che crei con LeadPages sul tuo sito WordPress.

Lo scopo principale di LeadPages è raccogliere informazioni di contatto. Per questa ragione, lo strumento si integra com molti strumenti di email e di Webinar e, recentemente, anche con metodi di pagamento, permettendoti di creare una pagina per vendere online prodotti e servizi. Quest’ultima funzione è disponibile solo per i piani Professional e Advanced.

I piani di pagamento partono da $25 al mese, fino ad arrivare a $199 al mese per l’account Advanced, adatto ai siti di grandi dimensioni.

Instapage

Instapage plugin per creare landin page e pop up

Instapage ti consente di creare velocemente delle landing page da utilizzare per gestire i tuoi funnel su WordPress. I template disponibili sono responsive e si adattano a vari scopi: lead generation, webinar, download di app mobile, pagine relative a prodotti e servizi. Ci sono anche delle pagine di ringraziamento da usare dopo la conversione.

Questo strumento include anche funzionalità dedicate all’A/B testing e agli analytics, che ti permetteno di effettuare test per cercare di ottimizzare il tuo funnel.

Gli sviluppatori hanno reso Instapage compatibile con vari strumenti di marketing:

  • pubblicità: Adwords e Facebook Ads
  • Analytics: Tag Managerm Google Analytics, KISSmetrics
  • CRM: Salesforce, ActiveCampaign
  • email: MailChimp, AWeber, GetResponse
  • pop-ups: OptinMonster, Sumo, OptiMonk
  • chat: Zendesk
  • automazione: Marketo, HubSpot
  • integrazione: Zapier.

Anche in questo caso, per usare Instapage con WordPress, devi installare un plugin.

I prezzi per gli abbonamenti a Instapage partono da $68 al mese e anche in questo caso puoi provare gratuitamente il prodotto per 14 giorni.

A cosa servono i funnel e quali benefici possono portare al tuo sito?

Conclusione

Come abbiamo visto oggi, puoi usare vari strumenti per costruire un funnel per il tuo sito web. Puoi utilizzare ClickFunnels che, a fronte di un prezzo più elevato, ti guida della creazione di funnel di pagine interconnesse.

In alternativa, puoi progettare il tuo funnel a partire dalla creazione delle landing page dalle quali gli utenti entrano nel tuo sito. Per fare questo puoi utilizzare degli strumenti popolari come Instapage e LeadPages.

In questo caso avrai delle opzioni semplificate per la creazione di funnel su WordPress. Potrai creare delle pagine di raccolta di dati di contatto, o anche creare delle pagine di vendita e pagamento.

Continua a seguire gli articoli che pubblichiamo, perché nel prossimo ti mostrerò più dettagliatamente come utilizzare ClickFunnel.

Cosa pensi degli strumenti che ti ho presentato oggi?

Ne hai mai usato qualcuno e, se sì, come ti ci sei trovato?

Condividi le tue esperienze e presentaci i tuoi dubbi utilizzando la sezione dedicata ai commenti, che trovi qui sotto.

Altre guide della stessa
categoria

11 COMMENTI
Commenta
    • Team

      Ciao Lorenzo, non ne conosciamo con le stesse caratteristiche dei plugin indicati nella guida, a nostro avviso i migliori. Un saluto e grazie del commento!

      Rispondi
  1. simone

    Grazie della Risposta ! Non non l’ho mai utilizzato …ma penso che incomincerò :) , se oltre a creare dei funnel posso integrare Mailchimp o qualsiasi altra piattaforma di email marketing , direi ottimo

    Grazie ancora

    Rispondi
  2. simone

    Ciao Andrea , come reputi Optimizepress in alternativa a Clickfunnel ? Mi sembra di capire che si possono creare delle pagine sequenziali come clickfunnell …è corretto ? Via API è poi possibile integrarlo via Zapier per automatizzare email ed esportare i contatti in un CRM ?

    Grazie

    Rispondi

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *