Cosa è Google Analytics e come usarlo al meglio

Immagine avatar per Andrea Di Rocco

Pubblicato da Andrea Di Rocco in

662 Visite sul post corrente.

Che cos'è Google Analytics

In questa guida ti spiegherò che cos’è Google Analytics e vedremo insieme quali sono le sue principali funzioni che ti aiuteranno a monitorare le visite del tuo sito.

Se saprai interpretare correttamente i dati forniti da questo strumento, sarà anche più facile elaborare delle strategie che ti permetteranno di aumentare le visite, tenere gli utenti più tempo sul tuo sito, ottenere la loro fiducia e trasformarli in visitatori di ritorno.

Andiamo subito a vedere cos’è Google Analytics e cosa ti permette di fare.

Che cos’è Google Analytics?

Google Analytics è lo strumento gratuito di Google che ti permette di conoscere il comportamento degli utenti all’interno del tuo sito. Insieme alla Google Search Console, è uno degli strumenti più utili per portare il tuo sito web al successo.

Insegno ad utilizzare entrambi questi strumenti nel corso TUTTO SEO, dedicando un intero modulo a ciascuno.

Spieghiamo meglio che cos’è Google Analytics e cosa può fare. Essenzialmente, si tratta di un insieme di grafici e tabelle che mostrano quanti utenti visitano il tuo sito, come navigano al suo interno, da dove arrivano, in quale pagina abbandonano la navigazione.

Ma ci sono anche tanti altri importanti dati che potrai conoscere, ad esempio potrai sapere l’area geografica da cui arrivano gli utenti, con che tipo di dispositivo accedono al tuo sito, e perfino qual è la loro fascia di età e i loro interessi principali!

Come puoi vedere, le informazioni fornite da questo strumento sono molto interessanti!

Come funziona Google Analytics?

Per poter funzionare, Google Analytics usa un codice che dovrai aggiungere al tuo sito. Per prima cosa, dovrai creare un account Analytics utilizzando un indirizzo Gmail. Poi, aggiungi alcune informazioni relative al tuo sito: il suo nome e dominio, l’argomento di cui tratta, l’area geografica in cui ti trovi.

Una volta impostati tutti i parametri, otterrai l’ID di monitoraggio, cioè il codice che servirà a Google per tenere traccia delle visite sul tuo sito. Il codice di monitoraggio ti servirà per collegare Analytics al tuo sito.

codice monitoraggio analytics

Puoi aggiungere il codice alla head delle tue pagine andando a modificare il file head.php di WordPress, oppure utilizzare un plugin come Google Analytics for WordPress by MonsterInsights.

Una volta aggiunto il codice, inizierai a ricevere dati nel tuo account di Google Analytics.

Procediamo e capiamo meglio cos’è Google Analytics.

Quali grafici rappresenta Google Analytics?

Osservando la home page, è molto semplice capire cos’è Google Analytics. Se hai creato l’account e collegato correttamente il tuo sito, in questa pagina inizierai a visualizzare i dati del traffico.

Troverai alcuni grafici che riassumono in maniera generale le visite sul tuo sito. In particolare, avrai un grafico che mostra quanti visitatori sono entrati nel tuo sito nell’ultima settimana. Potrai comunque selezionare un periodo di tempo diverso.

Sulla destra, invece, vedrai quanti visitatori sono presenti sul tuo sito in questo momento e quali pagine stanno visualizzando.

cos'è Google Analytics - home page

Da dove arrivano questi visitatori? Lo potrai vedere nella sezione dedicata. Organic Search sta ad indicare le visite giunte da ricerche effettuate sui motori di ricerca.

Scorrendo ancora più in basso, potrai anche vedere una mappa che mostra le aree geografiche da cui arrivano gli utenti, i dispositivi utilizzati (desktop, smartphone o tablet) e perfino le ore del giorno in cui ricevi più visite.

Infine, ecco la lista delle pagine visitate, in ordine a partire da quella visualizzata più di frequente.

Credo che la panoramica che trovi nella pagina principale di dia un’idea piuttosto precisa di che cos’è Google Analytics.

Il menu di Google Analytics

Il menu sulla sinistra ti permette di accedere alle varie sezioni, nelle quali troverai grafici e rapporti molto più dettagliati rispetto a quelli della panoramica iniziale.

La sezione In tempo reale mostra tutti i dati relativi ai visitatori che sono presenti in questo momento sul tuo sito.

Potrai quindi scoprire quante persone sono presenti, da quale area geografica arrivano, come sono giunti sul tuo sito (da un motore di ricerca o da un backlink, oppure hanno digitato l’URL direttamente nel browser). Vedrai anche esattamente quali pagine sono visualizzate e se gli utenti hanno cliccato in elementi di particolare interesse, come un link affiliato o il download di un ebook.

Ma quindi cos’è Google Analytics? Un semplice contatore visite? Assolutamente no! È molto di più! Entrando nella sezione Pubblico, infatti, vedrai perfino i dati demografici degli utenti, come età e sesso, e i loro interessi principali.

Questi dati possono essere raccolti da Google grazie a dei particolari cookies, che l’utente che naviga potrebbe anche aver deciso di disattivare. Inoltre, si basano più su un campione che su tutti gli utenti, perciò non si tratta di dati molto precisi. In ogni caso, sono molto utili per stabilire il profilo del tuo visitatore “tipo”, e questo ti permetterà di fornire contenuti sempre più adatti al tuo pubblico.

dati demografici Google Analytics

Se poi hai bisogno di report ancora più dettagliati, grazie all’uso dei filtri potrai ottenere dati sempre più precisi, o addirittura visualizzare le tue visite escludendo il traffico generato dai bot di spam.

A cosa serve Google Analytics

Ora che abbiamo visto in generale cos’è Google Analytics, ti spiego brevemente a cosa potrebbe servirti. Qual è lo scopo di conoscere tutti questi dati? Solo per la gloria di dire “Wow, oggi ho ricevuto 100 visite in più”? Certo che no.

Puoi usare i dati raccolti con questi rapporti per migliorare le tue strategie di SEO e di marketing, per migliorare i contenuti, per vedere cosa funziona e cosa no.

Un esempio. Ricevi poche visite dai motori di ricerca, ma la tua pagina si trova in un’ottima posizione nella SERP? Probabilmente devi migliorare title e description, perché l’utente non ritiene il contenuto abbastanza interessante.

Con Analytics puoi anche testare l’efficacia di determinati eventi in tempo reale.

Ad esempio, hai appena pubblicato un post su Facebook con un link ad un contenuto. Cosa fare? Vai subito a vedere il rapporto in tempo reale. Quante persone hanno cliccato sul tuo post? E quanto tempo trascorrono all’interno di quella pagina? E poi, dove vanno? Abbandonano subito il sito oppure continuano la navigazione?

La risposta a queste domande ti potrà dare informazioni molto utili. Se, per esempio, non ricevi molte visite, probabilmente non hai pubblicato nell’ora giusta, o ancora non sei stato abbastanza convincente.

Un altro report importante è quello che riguarda i dati demografici, perché potresti scoprire, per esempio, di avere un particolare successo in una determinata area geografica e quindi valuta il potenziamento del tuo business in quella regione.

Come vedi, ci sono tantissime informazioni davvero utili nei rapporti di Google Analytics.

Conclusione

In questo articolo ho voluto darti una panoramica generale di questo strumento, giusto per farti capire cos’è Google Analytics. Si tratta comunque di un tool molto ricco di dati, che vanno anche saputi interpretate nel modo giusto, e di funzionalità, che vanno configurate correttamente.

Ti consiglio perciò di iniziare a studiarlo, entrando anche nel gruppo Facebook TUTTO SEO, dove parleremo abbondantemente anche di come usare Analytics.

Hai delle domande su come funziona Google Analytics?

Scrivici subito all’interno del gruppo TUTTO SEO.

Guide correlate:

Immagine di Andrea Di Rocco autore articoli SOS WP
Andrea Di Rocco Fondatore di SOS WP™
La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero che troverai utili le oltre 700 guide su WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Se ne hai voglia ti invito a leggere la mia storia, cliccando sul pulsante qui sotto.
6Commenti
Lascia un commento
  1. Immagine avatar per Antonio
    Antonio

    ma come si fa a vedere i grafici io non trovo niente per visualizzarli

  2. Immagine avatar per susanna
    susanna

    Ciao Sos-wp team, in qualche vostro video o post (non ricordo), mi sembra di aver capito che sarebbe meglio inserire eventuali script nel footer anzichè nell’heater, per un discorso di velocità/ottimizzazione. Se ho inteso bene, lo stesso discorso vale anche per lo script di google analyzer?
    Grazie
    Susanna

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Susanna, si anche per questo script vale lo stesso. Se aggiungi però il tuo codice di monitoraggio di Analytics al piè di pagina e esegui molti altri JavaScript sul tuo sito, è probabile che Analytics non seguirà con precisione i tuoi dati sul traffico.
      Questo principalmente è dovuto perché gli snippet di JavaScript vengono attivati ​​nell’ordine in cui sono incorporati nella tua pagina. La tua pagina potrebbe quindi impedire l’esecuzione degli script del tuo footer a causa di altri errori JavaScript o problemi di prestazioni di altri script / componenti. Ecco perché si preferisce generalmente inserire tale script nell’header del tema child. Un saluto, grazie del tuo commento1

  3. Immagine avatar per Mattia
    Mattia

    Ciao Andrea, bell’articolo. Come si può massimizzare Analytics quando si usa woocommerce?
    Immagino sia molto utile analizzare i dati sui prodotti, ad esempio capire cosa clicca l’utente quando è nella pagina prodotto, capire come è arrivato a quel prodotto, vedere quali prodotti vengono aggiunti più spesso al carrello, ecc.

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Mattia, esattamente. Per studiare al meglio le interazioni degli utenti con l’ecommerce e ampliare la panoramica, si può anche usare questo plugin. Un saluto!

  4. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
    Andrea Di Rocco

    Ciao Antonio, nella parte superiore della maggior parte delle schede Esplorazione viene visualizzato un grafico dei dati. Non riesci ad accedere a questa sezione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *