Call To Action: aumenta le registrazioni e le vendite del tuo sito web

Immagine avatar per Andrea Di Rocco

di Andrea Di Rocco Aggiornato il

Come creare call to action per aumentare le conversioni

Una delle domande che ci vengono rivolte regolarmente è: come posso creare call to action (CTA) efficaci?

Conoscere le call to action e sapere come utilizzarle può veramente fare la differenza per il tuo business online.

Sono lo strumento più importante per permetterti di vendere i tuoi prodotti o servizi, per ottenere contatti o, più in generale, aumentare le conversioni.

Con il termine “conversioni” si indicano non solo le “vendite”, ma ci si riferisce semplicemente a delle azioni che tu vuoi far compiere ai visitatori del tuo sito.

Si tratta quindi di attività diverse in base a quelli che sono i tuoi obiettivi e in quale momento del funnel si trovano i tuoi clienti.

Per esempio, se ti stai rivolgendo a un visitatore che è appena arrivato sul tuo sito e ancora non ti conosce, la conversione che ti interessa potrebbe semplicemente riguardare l’invito a visualizzare un’altra pagina.

Potresti poi offrire un bonus gratuito alle persone che si iscrivono alla tua newsletter, così da incentivarle a lasciarti il loro contatto, e anche questa è una conversione.

Se, invece, ti rivolgi a un cliente affezionato, potresti mirare a vendere un servizio o un prodotto di livello top, e quindi la CTA va studiata in maniera diversa.

Ecco, quindi, per te una guida su come utilizzare le call to action sulle pagine del tuo sito per aumentare le conversioni.

Come prima cosa, illustrerò brevemente cosa sono, quindi ti fornirò 10 consigli per crearne di efficaci, includendo alcuni esempi utili.

Per ampliare sull’argomento puoi anche consultare la nostra guida sulla comunicazione persuasiva nel web.

Se il tuo scopo è quello di creare uno shop online, puoi seguire i consigli di questa guida insieme a quelli che ti suggerisco nel corso WordPress, dove trovi un modulo che ti insegna a creare e gestire un eCommerce in totale autonomia.

Molto bene, cominciamo!

Innanzitutto, cosa sono le CTA?

Call to action: cosa sono?

Le call to action sono brevi messaggi che invitano gli utenti a compiere un’azione sul tuo sito.

Le azioni che si possono suggerire all’utente attraverso le call-to-action sono moltissime:

  • acquistare o aggiungere al carrello un prodotto
  • scaricare un file gratuito
  • iscriversi alla newsletter
  • richiedere ulteriori informazioni su prodotti o servizi offerti
  • iniziare una prova gratuita

…e molte altre ancora.

Anche i formati utilizzati per le CTA possono essere diversi:

  • un semplice link all’interno del testo;
  • un pulsante;
  • un banner nella sidebar;
  • un banner in mezzo o alla fine dell’articolo;
  • un popup che si apre dopo un certo periodo trascorso sulla pagina;
  • una barra fissa nella parte alta della pagina che contiene un link, un pulsante o un form…

Questi sono solo alcuni semplici esempi, ma le call to action hanno tantissime forme diverse.

In questo articolo ti mostrerò anche alcuni esempi, così potrai trarre ispirazione e trovare il formato che per te potrebbe essere più efficace.

In realtà, devi sapere che non esiste un tipo di CTA più efficace di un altro in assoluto. Quello che ti suggerisco è di effettuare sempre dei test per capire quale funzioni meglio nel tuo sito web.

Come potrai immaginare, gli utenti del web sono sottoposti giornalmente a centinaia di questo tipo di messaggi.

È quindi fondamentale creare call to action che si distinguano e siano in grado di trasformare una semplice visita in una vera e propria conversione.

Call to action: come crearne di efficaci

1) CTA: Un messaggio breve ed efficace

Per creare call to action che aumentino le tue conversioni dovrai utilizzare un messaggio conciso, ma che sia anche in grado di descrivere in modo completo ciò che vuoi offrire.

Per esempio: “Clicca per scaricare l’ebook SEO gratuitamente”, piuttosto che “Clicca qui”.

Un esempio di questo formato è quello usato da Google per il suo servizio di archiviazione file online Google Drive.

Il messaggio riportato sul pulsante è “Prova Drive per il tuo team”: queste poche parole comunicano più informazioni di quel che sembra:

  • la parola “prova” fa capire che probabilmente non c’è nulla da pagare, potrai vedere di cosa si tratta prima di fare un qualsiasi acquisto;
  • “per il tuo team” ci comunica invece che il servizio è l’ideale per chi lavora con diversi collaboratori, quindi saranno incluse funzionalità utili per le aziende.

Il tutto supportato da un titolo di grande effetto: facilità e sicurezza sono i punti chiave che vengono messi in evidenza.

Infine, un’immagine chiara e piena di significato fornisce ulteriori informazioni. Essa infatti rappresenta:

  • smartphone e computer – il servizio è utilizzabile su tutti i dispositivi;
  • interfaccia chiara e ordinata – è quindi facile da usare, non ci sono complicati pannelli di gestione.
Call to action di Google Drive

2) Call to action: devi descrivere chiaramente l’azione richiesta

Affinché il tuo utente sappia esattamente l’effetto che otterrà cliccando sulla call to action, indica esplicitamente l’azione richiesta. Includi quindi verbi come “Iscriviti”, “Scarica”, “Richiedi informazioni”, ecc…

I verbi all’imperativo sono quindi molto efficaci, utilizzati da soli o con degli avverbi che implicano una certa urgenza nel compiere l’azione.

Questo ci porta dritti al prossimo consiglio.

3) Call to action che crea un senso di urgenza

Sempre legato al messaggio della tua call-to-action è il concetto di urgenza.

Attraverso il tuo testo cerca di mettere fretta agli utenti, in modo da non dare loro l’opportunità di prendere tempo per decidere se cliccare o meno il tuo bottone.

Se dai l’impressione che l’occasione potrebbe svanire in breve tempo, sfrutterai il meccanismo psicologico dell'”ora o mai più“.

Messaggi del tipo “Iscriviti entro domenica!” pongono un limite temporale, mentre nei messaggi come “Sconto del 50% ai primi 100 clienti” l’urgenza dipende dal fatto che bisognerà arrivare prima degli altri.

4) Includi qualche informazione extra

Talvolta, per creare call to action efficaci, può essere utile includere nel suo testo qualche informazione extra.

Da un lato, questo può rassicurare l’utente: se offri un periodo di prova, specifica che questo è gratuito.

Dall’altro, fornire informazioni utili. Per esempio, indica la durata dell’offerta. Ecco il risultato: “Prova il software gratis per 30 giorni”.

Un esempio di questo approccio è usato da Stripe (un competitor di Paypal) che sulla pagina principale mette in mostra ben due call-to-action: “Inizia ora” e “Contatta il team commerciale”.

In supporto ai pulsanti, è presente anche un testo molto convincente che spiega in breve i punti di forza del servizio.

Call to action di Stripe - esempio

5) Scegli la posizione giusta

Se vuoi creare call-to-action efficaci, devi assicurarti di selezionare per esse una posizione ben visibile.

La prima regola è quella di posizionarle necessariamente nella porzione della pagina cosiddetta above the fold, ossia nella parte visibile senza che l’utente debba scorrere verso il basso.

Fai molta attenzione anche alla versione mobile del tuo sito.

Imposta il layout in modo che, anche su smartphone, la tua CTA sia ben visibile non appena il sito viene aperto.

Il sito del software Skype è un esempio ottimo per illustrare questo punto: qui, la call-to-actionEffettua gratuitamente una videochiamata” si trova al centro della homepage.

Esempio di call to action sul sito di Skype

6) Colore, font e spazi

Per creare call to action che siano ben visibili, usa colori a contrasto e font di dimensioni abbastanza grandi e ben leggibili.

Inoltre, assicurati che ci sia dello spazio vuoto attorno al tuo bottone, in modo che esso non “scompaia” tra le altre informazioni presenti sulla pagina.

In questo caso, propongo come esempio la landing page del sito Netflix, dove il bottone call-to-action è di un colore a forte contrasto con lo sfondo ed ha uno spazio generoso intorno ad esso.

Call to action Netflix

Un altro esempio di questa tecnica è dato dalla call-to-action usata da Duracell.

La nota marca di batterie mostra in home page delle slide, una delle quali riguarda una tecnologia per prevenire l’ingestione di batterie a bottone da parte dei bambini.

Qui troviamo due call to action, “Compra adesso” e “Per saperne di più”:

  • la prima sfrutta la notorietà del marchio per proporre subito un acquisto, anche a chi non conosce questa tecnologia;
  • la seconda propone di scoprire maggiori informazioni sul prodotto.

7) Call To Action: ordinale secondo una gerarchia ben precisa

Sulla stessa pagina, potresti decidere di utilizzare più di una call-to-action.

Questo va benissimo; assicurati però di rendere maggiormente visibile quella che ritieni essere più importante.

Come?

Utilizza un colore di maggiore contrasto, oppure semplicemente un bottone più grande.

Qui ti propongo l’esempio di eDreams, dove il colore del bottone è utilizzato per indicare chiaramente qual è il bottone call-to-action di maggiore importanza.

eDreams - la gerarchia della call-to-action

8) Immagini e icone

Ove opportuno, puoi scegliere di creare call to action utilizzando immagini e/o icone per rendere più chiaro ciò che esse offrono o invitano l’utente a fare.

Per esempio, se il tuo bottone legge “Scarica gratuitamente il software”, potresti includere l’icona con la freccia verso il basso che, per convenzione, rappresenta il download.

9) Crea Call-To-Action (appropriate) per ogni pagina del tuo sito

Le call-to-action sono un invito ad agire e a interagire con il tuo sito.

Creane di appropriate per ogni pagina; queste non devono sempre invitare l’utente ad acquistare o iscriversi alla newsletter.

Attraverso le CTA, puoi suggerire di scaricare risorse gratuite che arricchiscono, per esempio, l’articolo che l’utente sta leggendo, o di richiedere maggiori informazioni sul servizio descritto.

10) Testare

Ricorda che creare call-to-action efficaci è un processo ripetitivo che richiede molte prove e modifiche.

Ti suggerisco, quindi, di preparare diverse opzioni di bottoni e testarli uno per uno, monitorando attentamente quali attraggono più click.

Cambia il testo al loro interno, la loro posizione, il formato, il colore…

In questo modo, potrai creare un messaggio e un design sempre più efficace.

Conclusione

Abbiamo visto 10 consigli per creare call to action efficaci

Ricorda che queste sono uno strumento potentissimo per aumentare le tue conversioni, qualunque cosa per te sia una conversione. Tutto dipende dai tuoi obiettivi.

È importante investire tempo e risorse per testare le call-to-action; quello che funziona in un settore, non necessariamente sarà una scelta valida per tutti gli altri.

Hai già provato ad inserire CTA sulle tue pagine?

Hai ottenuto i risultati che speravi?

Condividi la tua esperienza lasciando un messaggio nella sezione commenti.

CTA, cosa sono?

Si tratta di elementi grafici, come ad esempio un bottone o una scritta, che invitano gli utenti a fare qualcosa.

Call to action, a cosa servono?

Servono a spingere l’utente a compiere un’azione precisa (acquistare un prodotto, lasciare dei dati, richiedere ulteriori info, ecc…).

Call to action, come devono essere inserite nei contenuti?

Devono essere inserite seguendo una precisa gerarchia, che dia maggiore visibilità a quelle ritenute più importanti.

È importante testarne l’efficacia?

Sì, il processo per crearle è lungo e ripetitivo, quindi bisogna essere sicuri che siano efficaci e funzionanti.

Guide correlate:

Immagine di Andrea Di Rocco autore articoli SOS WP
Andrea Di Rocco Fondatore di SOS WP™
La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero che troverai utili le oltre 700 guide su WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Se ne hai voglia ti invito a leggere la mia storia, cliccando sul pulsante qui sotto.
6Commenti
Lascia un commento
  1. Immagine avatar per Maurizio
    Maurizio

    Articolo esauriente, manca però la spiegazione del passaggio tecnico dal momento in cui il lead clicca sulla CTA a quello in cui è veicolato sulla pagina seguente , che sia un form o un e book da scaricare

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Maurizio, cosa vorresti sapere nello specifico?

  2. Immagine avatar per Mattia
    Mattia

    Articolo interessante come sempre, grazie Andrea.

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Grazie, sono contento e spero che il post ti sia utile!

  3. Immagine avatar per Davide
    Davide

    Sono anni ormai che seguo i vostri consigli. Ad oggi mi stupisco ancora di quanto siano utili e dettagliate le informazioni che offrite generosamente a chi come me le cerca.
    Grazie.

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Ciao Davide,
      grazie a te del tuo bel commento, continua a seguirci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *