fbpx
SOS WP Logo

Chiedi un preventivo
06 92 93 90 73

Costruire un sito WordPress con area membri che funziona, 5 consigli per il tuo 2024

perchè i siti membership funzionano e come costruire il tuo
Tabella dei Contenuti

Uno dei trend più nuovi per quello che riguarda chi decide di aprire una propria presenza online è chi mette a disposizione ciò che sai sa fare attraverso un sito WordPress con area membri.

Ci sono piattaforme che mettono creativi di ogni tipo nelle condizioni di costruire il proprio spazio in poche mosse ma è chiaro che se vuoi portare il tuo gioco su un altro livello la prima cosa da fare è abbandonare le piattaforme esterne e indirizzare i tuoi fan verso il tuo sito appositamente costruito anche per accoglierli.

un sito worpdress con area membri può elevare il tuo business
Porta il tuo business a un altro livello con gli abbonamenti – sos-wp.it

L’esperienza che viene agli utenti che decidono di abbonarsi ai contenuti o ai servizi offerti da qualcuno deve essere un’esperienza diversa rispetto a chi capita per esempio per puro caso sul tuo sito web cercando qualcosa attraverso Google. Devi sempre mantenere alta, altissima, l’asticella della qualità ma ci sono poi alcune cose che vanno fatte in maniera diversa, perché chi decide di darti il suo denaro sotto forma di abbonamento deve ricevere da te qualcosa di più e di diverso rispetto a un utente passeggero. Per questo motivo abbiamo preso spunto da Paid Membership Pro e dalla loro lista di 29 pillole di saggezza scegliendone alcune che possono darti una spinta per partire nel 2024 con il piede giusto.

Consiglio numero 1, non tutto si paga

Un sito WordPress con area membri è sostanzialmente un modo in cui il proprietario del sito web chiede denaro in cambio di informazioni, conoscenze, prodotti, servizi che non vengono forniti a chi invece si accontenta di ciò che c’è gratuitamente disponibile sul sito. Ma che cosa devi rendere disponibile gratuitamente e che cosa invece deve rimanere destinato ai membri che si abbonano?

La strategia che viene utilizzata molte volte da chi decide di mettere su un abbonamento è quella di spargere sul proprio sito web tutta una serie di bricioline che lasciano intendere quanto il contenuto a pagamento sia valido, bello, buono, fatto bene. Le bricioline dovrebbero convincere poi ad aprire il portafoglio. Ma in realtà con i contenuti funziona la tecnica opposta: i tuoi contenuti migliori dovrebbero essere disponibili per tutti. Non è un’eresia.

Prima di pensare a come avere membri paganti devi pensare a come costruirti un’autorità per cui chi esegue una ricerca su internet trova i tuoi contenuti e li valuta positivamente. Dichiarare di essere un esperto senza fornire le prove alla lunga non vende. Non si tratta di rendere tutto free ma di creare contenuti solidi. Potrebbero essere contenuti un po’ più generici ma devono essere sempre contenuti in cui la qualità è altissima.

E sempre parlando di contenuti dati liberamente, ricordati anche di sfruttare la community online che per esempio potresti creare attraverso i social dove, di nuovo, tanti commettono l’errore di nascondere la maggior parte della roba buona dietro i paywall. La tua community online è lo strumento di marketing più forte che hai, perché se c’è una pagina o un gruppo Facebook su cui un utente, interessato da ciò che proponi, può vedere altri utenti e interagire con loro hai più possibilità che quell’utente si trasformi a sua volta in un membro entusiasta e pagante.

Consiglio numero 2, la questione del pallottoliere

Soprattutto se sei un creativo, riuscire a dare un valore matematico oggettivo economico a quello che fai e che produci è un’impresa titanica. Trovare il giusto prezzo per quello che offri può non essere sempre facile e ci sarà comunque qualcuno che ti dirà che sei troppo caro.

Pensare però che chi dice che sei troppo caro debba per forza costringerti ad abbassare i tuoi prezzi è un errore. Ciò che deve interessarti è creare contenuti di qualità, seguendo il consiglio numero 1, ma farlo a un prezzo che è giusto e che rende a sua volta giustizia alla qualità di ciò che offri.

scegliere il giusto prezzo per i tuoi contenuti
Abbonamenti low cost o di boutique? La risposta sta nel contenuto – sos-wp.it

Hai passato anni ad affinare le tue tecniche, hai speso moltissimo per arrivare a conoscere tutto ciò che conosci dell’argomento di cui ora ti senti un esperto e anche se non devono essere i membri paganti del tuo sito WordPress a rimborsarti di tutto ciò che hai speso è giusto che tu venga remunerato per la qualità che offri. Per questo motivo, non sempre può essere la strada giusta per esempio quella di avere un periodo di prova gratuito. Per tanti servizi in abbonamento è un’idea che funziona ma, facci caso, di solito si tratta di quei servizi in abbonamento di massa.

Chi offre contenuti ed esperienze più da boutique, personalizzati e mirati tante volte non predispone il periodo di prova gratuita. Da ultimo tieni presente che puoi sempre creare livelli diversi di abbonamento.

A tal proposito esistono ottimi plugin che ti permettono di gestire il tuo sito WordPress con area membri e tra questi c’è proprio quello prodotto da Paid Membership Pro . Se hai paura che qualcuno possa pensare che il prezzo che chiedi è troppo alto, crea una area membri a un prezzo più basso e con contenuti ritagliati di conseguenza.

Consiglio numero 3, i guru non ti servono

Riuscire ad avere la tua community di utenti paganti significa riuscire a creare una connessione con altre persone. Il modo migliore per creare questa connessione però non è quella di scimmiottare quelli che tu pensi siano i business di successo. Semplicemente perché tu non sei loro e loro non sono te. Se qualcuno risulta interessato a ciò che scrivi, e torniamo di nuovo all’idea che per prima cosa devi produrre contenuti di qualità che attirino l’attenzione, lo fa perché quel qualcosa è stato scritto da te.

Nel momento in cui, all’interno del tuo sito WordPress, questa persona si ritrova nell’area membri deve essere messa nelle condizioni di ritrovare quell’esperienza e di ritrovare te non il guru che ti ha detto quante parole usare nei titoli dei tuoi post. L’esperienza autentica è forse quello che, insieme all’autorevolezza, si trova alla base delle esperienze membership più di successo. E parlando di esperienza autentica potresti anche pensare di aggiungere a tutti i contenuti digitali anche qualcosa di fisico: chi non ama ricevere regali? E nell’epoca in cui tutto è virtuale trovare qualcosa nella cassetta della posta che si può fisicamente tenere in mano può aiutarti ad elevare il tuo business tra i competitor.

Consiglio numero 4, non tutti sono la tua tribù

Costruire un sito WordPress con area membri significa dare vita ad una community in cui i membri si ritrovano per ricevere consigli, servizi, oggetti digitali o fisici che ritengono di qualità superiore ad altri. Ma il tuo sito WordPress deve essere costruito per accogliere il tuo pubblico e non attirare migliaia di persone che poi però non si trasformano in membri paganti.

come costruire un sito wordpress con area membri di successo
Come accogliere i tuoi membri paganti al meglio? “Zii te ZteZZo!” diceva il Genio – sos-wp.it

Nel momento in cui costruisci i tuoi contenuti gratuiti devi fare un’analisi preliminare del pubblico a cui ti stai rivolgendo. Qual è il problema che il tuo pubblico ha? Qual è la soluzione che tu offri al tuo pubblico? Perché la tua soluzione è migliore rispetto a quella di qualcun altro? La tua community potrebbe sovrapporsi a quella di altri che hanno a loro volta aperto una propria sezione in abbonamento e per spiccare devi riuscire a conoscere fin nel dettaglio chi è il tuo pubblico. Anche perché arrivare lì dov’è il tuo pubblico potenziale può voler dire anche spendere soldi e tempo e, soprattutto se sei all’inizio, si tratta entrambe di risorse che vanno centellinate e utilizzate al meglio.

Consiglio numero 5, non dimenticare che stai vendendo

Abbiamo visto i consigli che riguardano la costruzione dei contenuti e abbiamo anche visto come dovresti approcciarti nei confronti del tuo pubblico, di quello presente e di quello potenziale. Qualcosa che però non va mai dimenticato è che anche nel caso di un abbonamento si tratta di una esperienza di acquisto. Come accade per i siti di e-commerce tradizionali devi organizzare un’esperienza di check out che non si trasformi in un rebus.

Non molto tempo fa abbiamo affrontato la questione dell’esperienza check out è di quanto sia importante che gli utenti non si sentano né abbandonati né presi in giro nel momento in cui devono aprire il portafoglio. Gli stessi consigli che valgono per un sito di e-commerce possono essere messi in pratica sul tuo sito WordPress con area membri. Riduci al minimo lo stress e diventa trasparente ricordandoti sempre di fornire il più alto livello di sicurezza possibile.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Hai già ricevuto i nostri Webinar gratuiti?

Impostazioni privacy