Problemi di CPU su WordPress? Ecco le possibili cause e soluzioni

come risolvere problemi di CPU su wordpress

Stai riscontrando problemi di CPU su WordPress? Hai ricevuto un’email dal tuo hosting provider in cui ti viene segnalato che hai usato tutte le risorse a te allocate? Tutto questo ti sembra impossibile, visto che il tuo sito è ancora in fase di crescita?

I problemi di CPU su WordPress possono avere diverse cause: 

  • Traffico troppo elevato per il piano di hosting che hai scelto,
  • errori o problemi con temi e plugin,
  • strumenti sul sito che funzionano correttamente ma che usano comunque troppe risorse,
  • un database poco ottimizzato,
  • attacchi DoS,

eccetera.

Se hai riscontrato un picco di traffico genuino, dovrai forse sottoscrivere un piano di hosting superiore. Significa però che le cose per il tuo sito stanno andando bene!

Se invece non hai notato variazioni nel traffico, ma il consumo di CPU è alle stelle, ti consiglio di analizzare il problema con calma per cercare di individuarne (e risolvere) la causa di questo problema.

Come monitorare il consumo di CPU sul tuo sito

Prima di addentrarci tra cause e soluzioni ai problemi relativi al consumo di CPU, vediamo che cos’è la CPU!

Che cos’è la CPU

CPU sta per central processing unit, in italiano unità di elaborazione centrale. In parole molto semplici, è l’unità all’interno del server fisico dove è ospitato il tuo sito che si occupa di processare tutte le richieste inviate al server stesso, ed eseguire le azioni previste.

Per esempio, visualizzare la pagina home del tuo sito o salvare i commenti degli utenti nel database sono azioni che prevedono un consumo di CPU. Queste azioni vengono in informatica anche chiamate esecuzioni. Ogni volta che si verifica un’esecuzione, la CPU si mette al lavoro. Tutte le esecuzioni si vanno quindi a sommare per determinare il consumo di CPU. Se si verifica un numero molto alto di esecuzioni, o se si presentano errori, l’utilizzo di CPU potrebbe superare il limite previsto dal tuo piano di hosting.

Esistono diversi strumenti per monitorare il consumo di CPU per il tuo sito. Se hai ricevuto una notifica da parte del tuo hosting provider riguardo alla CPU, ti consiglio di partire proprio da qui per individuare meglio il problema.

Usa gli strumenti forniti dal tuo hosting provider

Diversi servizi di hosting offrono strumenti specifici per monitorare il consumo di risorse del proprio piano di hosting. 

Per esempio, il nostro servizio di hosting (SiteGround) mette a disposizione uno strumento chiamato Awstats. 

Questo strumento, disponibile all’interno del cPanel, fornisce alcune informazioni molto utili, tra cui:

  • Pagine-URL (Prime 25). Questo è l’elenco dei 25 file che generano più esecuzioni.
  • Host (Prime 25). Questa è la lista degli indirizzi IP da cui proviene più traffico. Se in questa lista noti un indirizzo IP che genera centinaia (se non migliaia) di visite al giorno, potrebbe trattarsi di un attacco DoS o comunque di visite non genuine. In questo caso, potresti bloccare l’indirizzo IP in questione.
  • Accessi di Robot e Spider (Prime 25). Come forse già sai, il tuo sito è visitato da utenti, ma anche da bot automatici. Per esempio, i siti sono visitati dai bot dei motori di ricerca. Se ci sono dei bot che visitano il tuo sito troppo frequentemente, potresti ridurre la frequenza di crawling.

awstats pagine url

Come vedi, usare uno strumento come Awstats è utile per iniziare a capire la cause di un consumo eccessivo di CPU.

Usa un plugin WordPress

Se il tuo hosting provider non offre uno strumento come Awstats, o se comunque vuoi avere maggiori informazioni sul consumo di CPU del tuo sito, ci sono degli utili plugin che puoi installare sul tuo sito.

Attenzione! Come sempre, prima di installare nuovi plugin sul tuo sito fai un backup integrale del database, dei contenuti e di tutti i file.

Query Monitor

Fino a qualche tempo fa, era possibile usare P3 (Plugin Performance Profiler) per monitorare l’utilizzo di risorse da parte dei singoli plugin. Dal momento che questo plugin non viene però aggiornato da oltre due anni, oggi ti propongo una valida alternativa.

Lo strumento che ti suggerisco di usare si chiama, appunto, Query Monitor. Ti avviso che si tratta di uno strumento senza dubbio rivolto ad un utenza un po’ più esperta (per esempio, ai programmatori). Detto questo, sapendo quali informazioni cercare si possono trovare spunti molto utili per risolvere i problemi di CPU su WordPress. 

Installato ed attivato il plugin, vedrai una serie di numeri nella barra in testa alla Bacheca. Cliccaci sopra per visualizzare i dati forniti da Query Monitor.

Ora, appariranno sulla pagina un sacco di dati – non ti preoccupare se al momento ti sembrano incomprensibili!

Cerca la tabella chiamata ‘Le query di Component’. Qui, guardando la colonna chiamata Data puoi capire quali componenti (cioè, tema, WordPress stesso, plugin, eccetera), hanno i processi più lunghi. Non farti confondere dal termine Data, nella versione del plugin in inglese questa colonna è chiamata Time, termine che può essere letteralmente tradotto con Tempo.

plugin query monitor

Cliccando sui singoli componenti, vedrai poi una tabella con la lista di tutte le query relative a quello strumento. Saranno anche evidenziate in rosso quelle che richiedono un tempo medio/alto. 

Come vedi, questo strumento è molto utile per capire quali sono gli strumenti che usano più risorse. Ovviamente, se noti qualcosa di particolarmente inusuale – per esempio, un plugin per cui c’è un lungo elenco di esecuzioni che richiedono molte tempo – è proprio da lì che vorrai iniziare ad agire per risolvere i problemi di CPU su WordPress.

Bene, ora passiamo all’azione.

Consigli pratici per risolvere i problemi di CPU su WordPress

Questi accorgimenti presuppongono che il tuo sito non abbia registrato un picco genuino di traffico. Se così fosse, potresti infatti adottare degli accorgimenti, però dovresti eventualmente sottoscrivere un piano di hosting dalle prestazioni superiori.

Blocca eventuali indirizzi IP che inviano troppe richieste al tuo sito

Per richieste, intendiamo richieste al server. Quindi, se identifichi un indirizzo IP che manda centinaia o migliaia di richieste al giorno al tuo sito, potrebbe trattarsi di un tentativo di attacco DoS, cioè, di una tipologia di attacco informatico che ha proprio l’obiettivo di esaurire le risorse disponibili per il tuo sito, così che questo non sia più visibili agli utenti.

Per bloccare indirizzi IP è necessario lavorare sul file .htaccess del tuo sito. Si tratta di un passaggio abbastanza complesso; quindi se non hai esperienza in materia, ti consigliamo di farti aiutare da un tecnico.

Vedi un errore sul tuo sito? Non riesci più ad accedere alla Bacheca? Abbiamo raccolto in una guida le cose che dovresti fare per risolvere il problema.

Aggiorna WordPress, tema e plugin

Talvolta, vecchie versioni di strumenti installati sul tuo sito possono generare errori, che a loro volta aumentano il consumo di CPU. Assicurati che tutti gli strumenti installati sul tuo sito siano sempre aggiornati. 

Se c’è uno strumento ‘problematico’, attivati per trovare una soluzione

Se nella fase di analisi hai individuato un plugin o un tema che crea problemi di CPU su WordPress, attivati per trovare una soluzione:

  • Come abbiamo già visto, assicurati che lo strumento in questione sia aggiornato all’ultima versione, possibilmente compatibile con con la versione di WordPress installata sul tuo sito.
  • Se il problema persiste, contatta lo sviluppatore dello strumento in questione. Query Monitor ti segnala anche errori nell’esecuzione dei codici. Ti consiglio quindi di segnalare eventuali errori allo sviluppatore.
  • Se lo sviluppatore non risponde, o se non riesce a rispondere il problema, sostituisci il plugin con uno strumento alternativo. In questo caso, bisogna sperare che i plugin alternativi disponibili siano validi.

E’ importante notare che ci sono delle categorie di plugin che solitamente contribuiscono ad un consumo anomalo di CPU. Tra questi:

  • plugin per l’implementazione di chat sul sito,
  • plugin per la gestione dei commenti,
  • plugin per la gestione delle interazioni social.

Queste aree potrebbero essere un buon punto di partenza per lavorare sull’ottimizzazione del tuo sito.

Installa solo i plugin che ti servono veramente!

Quando si usa WordPress è fondamentale installare solo ed esclusivamente i plugin che sono essenziali per il funzionamento del tuo sito. Infatti, senza che tu te ne accorga, un plugin che serve ad implementare una funzionalità del tutto banale e superflua potrebbe essere proprio la causa di un consumo eccessivo di CPU.

Elimina tutti i plugin che non sono necessari per il funzionamento del tuo sito.

Usa uno strumento di caching

Una delle strategie più facili da implementare ed efficaci per migliorare la performance di un sito WordPress consiste nell’installazione di uno strumento di caching. Tra i più popolari vi sono sicuramente WP Super Cache e W3 Total Cache.

Ottimizza il database del tuo sito

Questo è un altro passaggio particolarmente delicato, quindi mi raccomando: assicurati di avere un backup integrale del tuo sito che possa essere utilizzato in caso di necessità!

Talvolta ottimizzare il database funziona per migliorare la performance del sito e ridurre il consumo di CPU. Ci sono vari strumenti per ottimizzare i database di siti WordPress, in questa guida parleremo di WP-Optimize.

Installa ed attiva WP-Optimize come un qualunque plugin. Quindi, dalla Bacheca naviga all’interno della pagina relativa a WP-Optimize per configurare le opzioni di ottimizzazione. Vedrai che, di default, tutte le voci per le quali possono essere fatte delle ottimizzazioni sono spuntate. Tra queste, vi sono per esempio la rimozione dei commenti non approvati e delle bozze automatiche.

Quando viene avviato il processo di ottimizzazione, questi elementi saranno rimossi in modo permanente dal database e non possono quindi essere recuperati! 

Prima di cliccare il bottone blu ‘Run all selected optimizations” assicurati quindi si spuntare solo le voci che veramente ti interessano.

plugin wp optimize

Quindi, avvia il processo. Alla fine vedrai in corrispondenza di ogni voce un piccolo resoconto dell’ottimizzazione effettuata.

Conclusione

Arrivato a questo punto, spero che tu sia riuscito a risolvere i problemi di CPU su WordPress che stai riscontrando per il tuo sito.

In questa guida abbiamo parlato delle cause e delle soluzioni più comuni. E’ però vero che ogni sito ha una configurazione differente, e problemi di CPU potrebbero essere quindi dovuti ad altro.

Se il tuo sito continua a registrare un consumo eccessivo di CPU e non riesci ad individuarne la causa, ti consiglio di rivolgerti ai nostri esperti, che saranno in grado di fare un’analisi dettagliata del tuo sito ed indicarti le possibili soluzioni.

Alla prossima guida.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea Di Rocco, il fondatore di SOS WP. La mia missione - insieme al mio Team - è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

SOS WP raccomanda SiteGround come migliore hosting in Italia


Acquista SiteGround tramite il nostro link e ricevi gratuitamente la nostra Assistenza Prioritaria

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *