Pingback e trackback: cosa sono e qual è il loro ruolo nella SEO

Immagine avatar per Andrea Di Rocco

Pubblicato da Andrea Di Rocco in

1K+ Visite sul post corrente.

Pingback e trackback sono utili per la SEO?

Se usi WordPress da un po’ di tempo, o se sei nuovo ma hai occhio per i dettagli, ti sarai accorto della presenza delle voci Pingback e Trackback.

Sai di cosa si tratta?

Te lo spiego subito in breve.

Quando inserisci un link ad un altro blog, il proprietario del sito che hai linkato riceverà un commento che lo avvisa della presenza del link da te inserito. In breve, il pingback è la ricezione della notifica, mentre il trackback è l’invio di questa notifica.

È possibile attivare o disattivare pingback e trackback dalle impostazioni generali del sito oppure dai singoli articoli.

La notifica verrà inviata sotto forma di commento all’articolo.

Come si attivano i pingback e i trackback

Opzioni generali pingback e trackback

Per attivare pingback e trackback sul tuo sito, vai su Impostazioni > Discussione e seleziona la casella Tentare di notificare tutti i blog che hanno un link nell’articolo.

Questo attiverà l’invio automatico di notifiche ogni volta che inserisci un link ad un altro blog all’interno di un tuo articolo.

Seleziona poi la casella Permetti i link di notifica da altri blog (pingbacks and trackbacks) per i nuovi articoli, così attiverai la ricezione delle notifiche in caso di backlink verso un tuo articolo.

Oltre alle impostazioni generali, puoi anche agire all’interno del singolo articolo.

Puoi infatti scegliere se permettere queste notifiche nell’area Discussione > Permetti pingback e trackback.

Opzioni pingback e trackback articolo

Se hai disattivato l’invio automatico delle notifiche, ma solo se usi il Classic Editor, troverai invece un’ulteriore voce, Invia trackback a.

Qui potrai inserire l’URL al quale vuoi inviare manualmente il trackback.

Il rapporto tra pingback/trackback e la SEO

Ora che è chiaro cosa siano pingback e trackback, avrai sicuramente intuito che si tratta di uno strumento molto utile per costruire una rete di link con i blogger che fanno parte del tuo stesso settore.

La link building è una delle strategie SEO più efficaci per riuscire a guadagnare autorevolezza.

Google premia i siti che hanno un buon profilo backlink, ossia che contengono numerosi link, ma di buona qualità.

Attivare trackback e pingback, quindi, ti aiuterà a tenere traccia dei link in entrata verso il tuo sito.

Potrai dunque stabilire immediatamente se il link ricevuto sia valido oppure se si tratta di spam.

Trackback e pingback sono quindi un buon modo per tenere sotto controllo un importante aspetto SEO del tuo blog.

Per di più, ti aiuterà a capire quali articoli del tuo blog godono di una certa popolarità.

Se ricevi numerosi pingback in riferimento a un determinato articolo, capirai che si tratta di un contenuto molto apprezzato e puoi produrne altri simili.

Trackback e pingback sono molto utili anche per ricevere traffico sul tuo sito.

Se invii un trackback ad un altro sito e questo lo pubblica, gli utenti che visitano quella pagina vedranno il tuo link all’interno della sezione Commenti.

Se ritengono che il tuo contenuto sia interessante, potrebbero cliccare sul link e visitare il tuo articolo.

È un modo molto efficace per guadagnare nuovi visitatori e farti conoscere all’interno della tua nicchia.

Ricorda, comunque, che i link nei commenti sono impostati come nofollow in automatico da WordPress, perciò non riceverai page rank direttamente dai pingback.

Nonostante ciò, si tratta sempre di un po’ di visibilità in più per il tuo blog.

Come disattivare i pingback per domini specifici

No Self Ping

Può capitare che desideri tenere traccia dei pingback, ma non vuoi riceverli per determinati siti web.

Ad esempio, se si tratta di blog che gestisci tu stesso, inserisci spesso dei link dall’uno all’altro e non ti interessa tracciare ogni backlink.

Per disattivare i pingback da domini specifici, installa il plugin No Self Pingback.

Nella sezione Impostazioni > Discussione troverai un campo nel quale inserire tutti i domini per i quali non vuoi ricevere pingback.

Basterà inserirne uno per riga.

Problemi con pingback e trackback

Lo spam, purtroppo, è all’ordine del giorno, lo sappiamo tutti.

Ricevere molti commenti di spam può avere influenze negative sul tuo sito web:

  • Google potrebbe rilevare alti livelli di spam sul tuo blog;
  • Gli utenti che leggono i commenti ai tuoi articoli possono perdere fiducia nei tuoi confronti.

Se hai impostato l’accettazione automatica dei pingback, allora potresti avere qualche problema sotto questo punto di vista.

Il mio suggerimento è quello di moderare queste notifiche, o ancora meglio tutti i commenti, anche se usi un plugin di protezione dallo spam come Akismet.

Questo plugin è sicuramente una protezione molto valida, però non è in grado di filtrare alla perfezione qualsiasi commento.

Se, invece, approvi manualmente i commenti e i pingback ricevuti, puoi stare tranquillo che il tuo sito rimarrà pulito.

Inoltre, potrai approvare solo quelli che potrebbero realmente interessare ai tuoi lettori, fornendo contenuti di valore aggiuntivi.

Conclusione

Riepilogando, i pingback e i trackback sono utili per la SEO del tuo sito web, perché ti permettono di tenere sotto controllo i backlink ricevuti, e ti permettono anche di ottenere una certa visibilità all’interno della tua nicchia.

In ogni caso, è bene fare attenzione e non lasciare che vengano pubblicati in automatico.

Tieni sempre sotto controllo le notifiche ricevute e approva solo quelle che ritieni valide.

Sapevi cosa sono pingback e trackback?

Li hai mai utilizzati prima d’ora?

Pensi che possano aiutarti a migliorare la SEO del tuo sito?

Discutiamone nei commenti!

Guide correlate:

Immagine di Andrea Di Rocco autore articoli SOS WP
Andrea Di Rocco Fondatore di SOS WP™
La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero che troverai utili le oltre 700 guide su WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Se ne hai voglia ti invito a leggere la mia storia, cliccando sul pulsante qui sotto.
4Commenti
Lascia un commento
  1. Immagine avatar per Francesca
    Francesca

    Ottimo articolo, molto chiaro e utile!

    1. Immagine avatar per Andrea Di Rocco
      Andrea Di Rocco

      Grazie Francesca!

  2. Immagine avatar per Taira Ciciriello
    Taira Ciciriello

    Ciao Andrea!
    Una domanda… ma è normale ricevere le notifiche anche quando sei tu stesso a citare un tuo articolo in caso di link building interna?

    Grazie in anticipo

    1. Immagine avatar per SOS WP Team
      SOS WP Team

      Ciao Taira, sono i cosiddetti “self-pingback” e si verificano perché WordPress legge il prefisso http:// del link. Puoi impedire che si verifichi questa situazione inserendo nel tuo link solamente il percorso e lo slug della risorsa linkata, per esempio al posto di https://miosito.it/mio-articolo/, scrivi solamente /mio-articolo/. In automatico verrà generata la parte https://miosito.it, perciò tutto funzionerà correttamente. Facendo così, il pingback non verrà inviato. Se hai altre domande, siamo a disposizione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *