Redirect HTML: Cosa Sono e Come si Creano

Aggiornato il da | 33 commenti | Disclaimer I nostri contenuti sono supportati dai lettori. Questo significa che se clicchi su uno dei link ai servizi che raccomandiamo e poi effettui un acquisto, è possibile che ci venga accreditata una commissione. È così che finanziamo questo sito web, lo manteniamo attivo e ti forniamo continuamente le informazioni più affidabili.

Redirect HTML in WordPress cosa sono e come si creano

In questa guida scoprirai cos’è un redirect html e come si creano reindirizzamenti di pagina in modo corretto.

Ti presenterò due soluzioni: una per chi ha già un po’ di esperienza di programmazione e un’altra adatta a chi è alle prime armi e vuole usare un plugin WordPress per redirect.

Indice dei contenuti
Visualizza altro

Che cos’è un redirect html?

Che cos'è un redirect html

Un redirect html serve a creare un collegamento tra due URL, in modo che l’utente che visita un URL sia portato automaticamente su un’altra pagina da te definita. In inglese questa pratica è chiamata nel gergo URL redirection.

Si possono fare redirect HTML di singoli URL o anche di interi domini.

Per esempio, se hai acquistato il tuo dominio con due estensioni, .it e .com, e poi hai costruito il tuo sito sulla .com, potrebbe essere una buona idea creare un redirect dal .it al .com. In questo modo, chi digita erroneamente .it nella barra di ricerca del browser, raggiungerà comunque il tuo sito.

Questo tipo di redirect html è senza dubbio una funzionalità molto utile, che puoi gestire all’interno del servizio che usi per la registrazione e la gestione dei domini. In questa guida, andremo invece ad approfondire il redirect di singoli URL.

Ricorda infine che esistono molti codici di stato HTTP e che questo argomento dei Redirect ne fa parte in quanto ci aiuta a gestirne alcune casistiche.

A cosa servono i redirect HTML?

I redirect HTML servono a gestire cambi di URL e rimozioni di pagine, evitando che l’utente si trovi davanti ad un errore 404.

L’errore 404 è un messaggio di risposta dal server che indica “Pagina non trovata”. Come sai, tutte le pagine del web sono associate ad un URL unico. Se questo URL viene modificato o rimosso, ma l’utente prova comunque a visitarlo, il server genera un codice di risposta HTTP 404 (“Non trovato”).

Quando si gestisce un sito web per molto tempo e si hanno centinaia di pagine e post, di tanto in tanto capita di trovarsi in questa situazione (potrebbe anche capitare senza che tu te ne accorga). 

A questo proposito, ti consiglio di leggere la guida su come personalizzare la tua pagina errore 404 nell’eventualità che si presenti questo errore! Ovviamente, è meglio prevenire che curare, e i redirect HTML servono proprio a questo.

Quando conviene creare un redirect html?

Ecco alcuni esempi di situazioni in cui avrai bisogno di creare un redirect html:

  1. Quando vuoi cancellare una pagina o un post e vuoi che l’utente sia portato su un altro URL del tuo sito;
  2. Quando cambi l’URL di una pagina o un post e vuoi che l’utente sia rediretto al nuovo URL;
  3. Quando condividi accidentalmente un URL non corretto (per esempio, in una newsletter o sui social) e vuoi che chi lo clicca arrivi comunque alla pagina di destinazione corretta;
  4. Quando cambi la struttura permalink del tuo sito WordPress;
    • Non è consigliato cambiare la struttura permalink quando un sito è già avviato;
    • Se però è proprio indispensabile dovrai organizzare il lavoro in modo da creare tutti i necessari reindirizzamenti prontamente.

Quando valuti se impostare un redirect o meno, pensa anche a tutti gli URL condivisi sul web: se qualcuno ha inserito un link al tuo sito e l’URL non risulta più valido, sarà generato un errore 404 anche in quel caso.

Quali tipi di redirect HTML esistono?

Esistono diversi tipi di redirect HTML che possono essere configurate. I diversi tipi sono identificati da un codice numerico, per esempio: 300, 301, 302, 303, 304…

1. Redirect 301

Il tipo di redirect che userai più frequentemente è il redirect 301. Questo numero indica un redirect permanente, cioè, che non è reversibile.

Quando sei assolutamente certo di voler ridirigere tutto il traffico da un URL all’altro, la ridirezione 301 è consigliata anche perché permette di trasferire al nuovo URL il posizionamento ed il “link juice” della pagina originale. 

Configurando le ridirezioni sul tuo sito attraverso i plugin WordPress – di cui parleremo nelle prossime sezioni – potresti avere bisogno di sapere anche cosa indicano i codici 302 e 307.

Redirect 302 e 307

I numeri 302 e 307 indicano redirect temporanei, cioè, reversibili. Quando configuri un redirect di questo tipo, Google e gli altri motori di ricerca mantengono indicizzati entrambi gli URL.

Non farti però ingannare dalla possibilità di creare un redirect temporaneo: proprio per motivi di SEO ed indicizzazione, se sai già che il redirect sarà permanente, è molto meglio crearne una con codice 301.

Redirect 410

Questo codice indica invece una pagina eliminata. Attraverso di esso, comunicherai ai motori che l’URL in questione non esiste più e non intendi sostituirlo con un altro.

L’URL verrà quindi rimosso dall’indice, non comparirà più nei risultati di ricerca e Google non lo scansionerà più. Non si tratta di un vero e proprio reindirizzamento, bensì semplicemente di una “comunicazione”.

Infatti, se qualcuno digita comunque quell’indirizzo, visualizzerà una pagina 404.

Come scoprire se un sito web ha errori 404

Potrebbe essere che il tuo sito abbia già degli errori 404. Per esempio, potresti aver cancellato una pagina senza però sapere che era stata collegata via link da un altro sito o sui social.

Prima di iniziare a lavorare sui redirect HTML, è quindi importante analizzare il sito per scoprire eventuali errori 404. Per sapere se il tuo sito ha generato errori, procedi in questo modo:

  1. Accedi al tuo account Google Search Console
    • Se non hai mai utilizzato questo strumento, si tratta della piattaforma ufficiale Google che serve a monitorare e gestire il tuo sito per quanto riguarda l’indicizzazione sul motore di ricerca;
    • Anche Yahoo e Bing hanno strumenti simili;
  2. Seleziona il sito su cui desideri lavorare;
  3. Quindi, naviga in Copertura e seleziona la voce Errori del grafico;
    • Qui potrai vedere una lista degli URL che hanno generato errori 404.

Oltre alla Search Console – che ti consiglio in ogni caso di iniziare ad usare – anche alcuni dei plugin che vedremo più avanti in questa guida permettono di monitorare errori 404.

Come creare redirect HTML usando il file .htaccess

Per prima cosa, vediamo come creare redirect html lavorando direttamente sul file .htaccess.

Lavorare direttamente sul file .htaccess prevede di accedere al File Manager del tuo pannello di gestione hosting (o di accedere ai file tramite FTP) e di inserire alcuni codici.

Ti consiglio di lavorare sul file .htaccess solo se hai esperienza di programmazione. Fare errori in questo file potrebbe infatti rendere il tuo sito non accessibile.

Per creare una ridirezione, ti sarà sufficiente aggiungere questo codice (ovviamente adattato con i tuoi url) in fondo al file .htaccess:

Redirect 301 /nomepagina.php https://www.example.com/nomenuovapagina.html

Procedi allo stesso modo con tutte le altre ridirezioni. Ricorda che questo è un tipo di redirect permanente che viene segnalato ai motori di ricerca e in teoria non è reversibile.

Ricorda inoltre che potrebbero volerci diverse settimane affinché Google riconosca che è stato rimosso.

I migliori Redirect Plugin WordPress

Il secondo modo, più semplice, per creare redirect HTML in WordPress è attraverso i plugin.

Gli strumenti che vedremo nei prossimi paragrafi ti permettono di gestire i redirect senza toccare una riga di codice (ricorda che comunque le ridirezioni 301 sono permanenti!)

1) Redirection Plugin

Redirection è il plugin per creare redirect HTML in WordPress in assoluto più popolare. Ad oggi conta oltre 2 milioni di download. Redirection permette di monitorare eventuali errori 404 e creare redirect, senza dover lavorare direttamente sul file .htaccess.

Il plugin crea poi una lista di tutti gli URL per cui sono state create ridirezioni, in modo che siano sempre a portata di mano e facili da gestire. Installato il plugin, trovi tutte le opzioni in Settings > Redirection.

Su questa schermata, puoi aggiungere una ridirezione compilando i campi del form. Qui puoi inserire l’URL sorgente e quello di destinazione.

Per creare ridirezioni semplici, seleziona dai menu a tendina “ URL only” e “Redirect to URL”. Infine, clicca “Add redirection” ed il gioco è fatto!

Redirect HTML con Plugin

Per monitorare eventuali errori 404, clicca la voce “404s” nel menu che si trova nella schermata di configurazione del plugin. Ci sono poi tante altre opzioni, per esempio, Groups, Modules, eccetera che non approfondiremo in questa guida.

Se ti interesserebbe leggere una guida approfondita sul plugin Redirection, fammelo sapere nei commenti.

2) Quick Page/Post Redirect Plugin

Redirect HTML - Quick Page Post Redirect Plugin

Quick Page/Post Redirect permette di creare ridirezioni di tipo 301, 302 e 307 e ha molte funzionalità interessanti, come ad esempio:

  1. Quando configuri un redirect, puoi anche spuntare le voci per far sì che la nuova pagina si apra in una nuova scheda (new window) e che sia un link di tipo no follow;
  2. Puoi usare la funzionalità di esportazione per fare un backup di tutte le ridirezioni che hai impostato;
    • In caso di necessità, potrai poi importare il file e ripristinare i redirect;
  3. Puoi lavorare su delle impostazioni globali che vengono applicate a tutte le ridirezioni create;
    • Per esempio, puoi far sì che siano tutte di tipo nofollow, che aprano tutte in una nuova finestra, che sia attivo il riconoscimento maiuscole/minuscole – case sensitive – o addirittura disattivarle tutte;
  4. Come nel plugin precedente, puoi poi accedere ad una lista riassuntiva di tutte le ridirezioni che sono state configurate.

3) 301 Redirects

310 redirects plugin

Il plugin 310 Redirects è molto semplice da utilizzare e ti permette di consultare un report degli errori 404 presenti sul tuo sito. Infatti tiene un log di tutti i reindirizzamenti che sono stati utilizzati e include una funzionalità di importazione/esportazione dei dati.

La versione Pro del plugin include anche un sistema di wildcard ed espressioni regolari, cioè una funzione che ti permette di effettuare redirect “in blocco” sulla base di parametri comuni a diversi URL.

Ad esempio, se hai modificato il nome di una categoria, puoi effettuare un redirect di tutti gli URL che contengono quel prefisso.

4. SEO Redirection Plugin

Infine, l’ultimo redirect plugin WordPress che andiamo ad approfondire in questo post si chiama SEO Redirection Plugin. Si tratta di uno strumento semplice ma molto efficace. Vediamo le caratteristiche principali:

  1. Possibilità di creare redirect impostando la tipologia di redirect (301, 302 o 307);
  2. Possibilità di monitorare eventuali errori 404 e configurare un redirect automatico per tutti quelli che vengono scoperti;
  3. Schermata con l’archivio di tutte le ridirezioni create;
  4. Possibilità di salvare le impostazioni qualora si volesse disinstallare il plugin ed installarlo di nuovo in un secondo momento;
    • Questa funzionalità potrebbe essere utile se sul tuo sito appare un errore ed hai bisogno di disattivare tutti i plugin per identificarlo.

Rispetto agli altri strumenti presentati, SEO Redirection Plugin ha senza dubbio un numero nettamente inferiore di download (al momento 40.000).

Avendolo testato, sembra comunque un plugin valido.

plugin seo redirection

Gestire i redirect con Yoast SEO

Anche Yoast SEO include una funzionalità per la gestione dei redirect. Questo utile e versatile plugin per la SEO, infatti, include la voce Redirects che ti permette di impostare redirezioni di tipo:

  • 301
  • 410
  • 302 e 307
  • 451 (rimozione di un contenuto per motivi legali)

Inoltre, ogni volta che modifichi uno slug, in automatico viene creato il reindirizzamento al nuovo URL, senza che tu debba fare nulla.

Questi sono i migliori plugin WordPress per creare redirect html. Ovviamente, ce ne sono tanti altri. In questo caso, ti consiglio però di andare sul sicuro e scegliere uno di quelli più utilizzati, che sicuramente faranno bene il loro lavoro.

Conclusione

Oggi abbiamo visto come creare redirect HTML in WordPress. Facciamo un breve riassunto di quello di cui abbiamo parlato:

  1. Per prima cosa, abbiamo visto che cosa sono le ridirezioni;
  2. Quindi, abbiamo parlato delle situazioni in cui potrebbe essere necessario configurare dei redirect;
  3. Abbiamo poi visto quali tipi di ridirezioni esistono;
    • Facendo una distinzione tra ridirezioni permanenti (301) e
    • temporanee (302 e 307);
  4. Poi, siamo passati a vedere come creare ridirezioni in WordPress lavorando direttamente sul file .htaccess;
    • Come ho già menzionato, questa opzione è valida per chi ha già lavorato sul file .htaccess ed ha conoscenza di programmazione;
  5. Infine, ti ho presentato quattro plugin WordPress per creare redirect.

Ovviamente, quello deli redirect HTML è un argomento piuttosto vasto. Spero però che questa guida introduttiva ti sia stata utile per sapere come muoverti così da evitare il terribile “Errore 404”.

Ti sei mai ritrovato a dover gestire un “Errore 404” per il tuo sito? Quale soluzione hai adottato?

Hai usato uno dei plugin segnalati in questa guida, oppure hai abbandonato l’errore?

Hai mai monitorato il tuo sito per verificare la presenta di errori 404?

Come sempre, ti invito a condividere la tua esperienza nei commenti qui sotto. Alla prossima guida!

Guide correlate che ti potrebbero interessare:

Domande? Lascia un commento!

  1. Immagine avatar per Nino Faccì
    Nino Faccì

    Ciao Andrea e grazie per quest’altra utilissima guida!
    Anche se l’argomento è solo indirettamente collegato, volevo chiedere è mai possibile che su un sito appena creato e non ancora correttamente indicizzato (Rank Math…), mi sia ritrovato in un solo giorno ben 2565 (2.5 K!) hits segnalati da rank math nella mia sezione “404 monitor”? Se può aiutare l’errore 404 riguarda la stringa di ricerca “Perchè “sito” e non “blog””, che ho inserito come h2 in un articolo di presentazione del mio nuovo sito/bog. Non so se c’entri qualcosa, ma immagino che non siano in ogni caso numeri normali… Ho subito un attacco di forza bruta o cos’altro? E dovrei preoccuparmi?… PS: Dopo l’episodio ho creato una pagina 404 personale.

    1. Immagine avatar per SOS WP Team
      SOS WP Team

      Ciao Nino, monitora nei prossimi giorni e vediamo se si ripresenta la stessa situazione. Facci sapere!

  2. Immagine avatar per Francesco
    Francesco

    Il tuo sito e le tue guide come gli articoli del blog sono come sempre FENOMENALI. Visto che nella tua guida dei 10 errori da evitare in un sito web parli della grammatica e dell’ortografia, mi permetto di segnalarti un piccolo errore di battitura in questo articolo, quando parli del plugin Redirection.
    Nel terzultimo paragrafo prima dell’immagine è scritto compilano invece di compilando.
    Per il resto che dire, grazie di esistere! I tuoi corsi e i tuoi articoli sono i meglio che si possa trovare nel web. GRAZIE!

    1. Immagine avatar per SOS WP Team
      SOS WP Team

      Grazie Francesco dei tuoi complimenti e grazie della segnalazione in merito al refuso, correggiamo al più presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati*