Guide

WordPress 5.0 e Gutenberg: ecco a voi 18 domande e risposte!

Ci siamo quasi, questa settimana verrà rilasciato l’aggiornamento di WordPress 5.0 con il nuovo editor Gutenberg. Le domande che ci stiamo ponendo tutti sono veramente tante! Rispondiamo alle principali.

Gutenberg WordPress 5.0

Come annunciato, martedì 27 novembre 2018 è stata la data di rilascio di WordPress 5.0, che ha la novità storica di cambiare totalmente il proprio editor, passando a Gutenberg.

Tra chi è intimorito, chi è curioso, chi proprio non accetta il cambiamento, le domande che ci poniamo tutti i giorni sono veramente tante. Eccone alcune delle più interessanti. Spero di riuscire a soddisfare la tua curiosità e a tranquillizzarti anche se sei tra i più preoccupati.

Hai altre domande? Hai bisogno di un supporto professionale? Attiva subito la nostra Assistenza Prioritaria rapida e gratuita. E in più, se acquisti uno spazio hosting su SiteGround (o altri hosting) tramite il nostro link, in regalo 32 video del nostro Corso WordPress, il più venduto di sempre.

Qui tutte le testimonianze

1: Cos’è Gutenberg?

Gutenberg è il nuovo editor di WordPress, già disponibile come plugin e come demo, che diventa parte integrante di WordPress a partire dalla versione 5.0.

È caratterizzato da una struttura a blocchi: ogni blocco è un tipo di contenuto – testo, immagine, gallery, tabella, shortcode ecc. – che può essere personalizzato con semplicità grazie all’editor visuale, senza dover pensare troppo alle configurazioni.

2: Quando esce?

Come già detto, il plugin è già disponibile da diversi mesi, ma la data di uscita della versione WordPress 5.0 con Gutenberg incluso è il 27 Novembre 2018.

3: Cosa sono i blocchi e perché li usiamo?

Gutenberg paragrafo

I blocchi sono i pezzi di contenuto che andranno a costituire la tua pagina. Anziché avere un unico spazio nel quale inserire testi, immagini, shortcodes e tutto ciò che fa parte dei tuoi contenuti, avrai dei singoli “mattoni” che potrai organizzare come vuoi e saranno indipendenti l’uno dall’altro.

Lo scopo dell’uso dei blocchi è di rendere la creazione di un sito web e delle pagine più intuitiva e più semplice.

4: Mi si spacca il sito?

Sebbene sia stato fatto tutto il possibile per prevenire malfunzionamenti, può esistere la remota possibilità che qualcosa vada storto. Un sito costruito con WordPress è composto da innumerevoli elementi di terze parti, temi, plugin, codici personalizzati ecc. Praticamente a tutti è capitato almeno una volta un problema di compatibilità tra plugin.

Perciò è possibile che si verifichi qualche problema. Effettua dei test in un ambiente di sviluppo, prima di aggiornare WordPress e attivare Gutenberg nel tuo sito online. Puoi procedere in questo modo:

  1. Effettua un backup del tuo sito, con uno strumento come Duplicator;
  2. Installa WordPress in locale, usando la stessa versione che usi attualmente per il tuo sito;
  3. Effettua la migrazione con Duplicator per avere l’esatta copia del tuo sito;
  4. Installa il plugin WordPress Beta Tester per un controllo degli eventuali problemi;
  5. Nella sezione Tools > Beta testing scegli WordPress 5.0;
  6. Avvia l’aggiornamento.

Se ci sono problemi, li rileverai nel tuo ambiente test senza compromettere il sito online.

Assistenza WordPress rapida e veloce con SOS WP - 2

5: Cosa succede ai contenuti che ho già?

I tuoi contenuti rimarranno identici, ossia saranno convertiti nel blocco Classico. Entra nella pagina di modifica del post, clicca sui tre puntini che aprono le impostazioni del blocco e seleziona Converti in blocchi.

Non esiste una conversione automatica dei tuoi vecchi contenuti in blocchi. Puoi convertirli manualmente una pagina per volta, oppure lasciare le cose come stanno, non sarà un problema.

6: Funziona con i plugin che uso?

Uno dei vantaggi di WordPress è che, qualsiasi funzionalità desideri aggiungere al tuo sito, ci saranno diversi plugin che soddisfano la tua necessità. Uno degli svantaggi, però, è che non è possibile testare tutte le possibili combinazioni tra di essi per garantire che non ci siano problemi di compatibilità.

Il mio consiglio è di usare plugin che vengono aggiornati spesso. Questo è indice di una buona manutenzione del plugin e della volontà degli sviluppatori di adattarsi agli aggiornamenti.

7: Funziona col tema che uso?

In teoria, WordPress 5.0 dovrebbe funzionare con tutti i migliori temi WordPress, ma il discorso è simile a quello sui plugin. Se gli sviluppatori sono pronti a intervenire, saranno loro stessi a individuare eventuali problemi e risolverli al più presto. Altrimenti è possibile che sia necessario qualche tuo intervento per correggere alcuni stili.

8: Quali browser supportano Gutenberg?

Gutenberg è supportato da tutti i principali browser aggiornati almeno alla penultima versione. Inoltre, può essere utilizzato con Internet Explorer 11.

9: Posso disattivarlo?

Esiste la possibilità di configurare Gutenberg in modo da disabilitare alcune funzioni ed è possibile utilizzare il blocco Classico che riproduce il vecchio editor. Inoltre, puoi scegliere di utilizzare due plugin che ripristinano l’editor classico.

Classic Editor permette di mantenere entrambi, e di scegliere con quale vuoi modificare un post o una pagina.

Disable Gutenberg, invece, permette di conservare l’editor classico ovunque, oppure solo per determinati ruoli, per tipo di post (articoli o pagine), o perfino per determinati post, indicandone l’id.

10: Com’è l’esperienza di scrittura?

Dato che lo scopo di Gutenberg è migliorare l’esperienza dell’utente, il funzionamento dell’editor è studiato in modo da automatizzare l’inserimento dei blocchi, permettendo a chi scrive di concentrarsi sul contenuto piuttosto che sugli aspetti tecnici.

Per esempio, esiste il blocco Paragrafo, ma, se devi scrivere un post, non sarà necessario aggiungere manualmente un blocco ogni volta che vorrai inserire un ritorno a capo. Scrivi tranquillamente il tuo post, e i blocchi dei paragrafi verranno creati in automatico.

11: Gutenberg abilita la modifica front-end?

No. Non confondere il front-end, cioè quello che viene visto da chi naviga sul tuo sito, con un editor WYSIWIG (What I See Is What I Get, cioè Ciò che vedo è ciò che ottengo). Gutenberg usa un editor che permette di vedere in tempo reale quale sarà l’aspetto della pagina, ma non modifica direttamente la pagina.

12: Come funzionano gli shortcodes? Devo inserirli come blocchi?

Gli shortcodes continueranno a funzionare come sempre, ma è raccomandato inserirli utilizzando il blocco apposito. Dove possibile, sostituisci lo shortcode aggiunto semplicemente nel testo con il blocco Shortcode. Così avrai un maggiore controllo nella loro configurazione e potrai visualizzare l’anteprima.

13: Ci sono scorciatoie da tastiera?

Ci sono tantissime scorciatoie da tastiera per Gutenberg. Con la combinazione Shift+Alt+H (⌃⌥H nel Mac) visualizzerai l’elenco completo dei comandi, suddivisi per tipo di funzione:

  • Comandi globali dell’editor
  • Comandi di selezione
  • Comandi per i blocchi
  • Comandi di formattazione del testo

Ad esempio, salva le modifiche con Ctrl+S, apri il menu dei blocchi con Shift+Alt+O (lettera O come open), converti il testo in link con Ctrl+K…

14: Come posso fare pratica?

Gutenberg blocchi

Scrivi il più possibile all’interno di WordPress, anziché creare i tuoi testi in un documento che poi copi-incolli su WordPress.

Sperimenta, sii creativo, aggiungi, modifica, sposta… Avrai bisogno di un po’ di tempo per abituarti e per scoprire tutte le funzionalità di Gutenberg.

15: Avrà effetto sul mio ranking o altri aspetti SEO?

Non ci sarà alcuna conseguenza SEO nel passaggio a Gutenberg. Dovrai solo fare attenzione a eventuali errori causati dall’aggiornamento, come problemi di compatibilità dei plugin. E poi, ovviamente, se già hai problemi ed errori, è meglio correggerli il prima possibile.

Sembrerebbe, comunque, che il codice HTML generato da Gutenberg sia un po’ più pulito rispetto a quello di altri editor, quindi è possibile un leggero miglioramento da questo punto di vista.

16: Si può usare con le tecnologie assistive?

Gutenberg, purtroppo, non è ancora completamente accessibile. Nonostante WordPress abbia dichiarato che l’accessibilità non sia per loro un optional, in realtà stavolta è proprio ciò che sembra. Se usi uno screen reader o altri tipi di ausili, ti consiglio di mantenere l’editor classico finché non si risolvono i problemi.

17: Non voglio cambiare adesso. Posso aspettare?

Sì, puoi attendere qualche tempo e intanto consultare i feedback e le reazioni di chi già ha fatto il passaggio. Non è necessario aggiornare immediatamente.

18: E se proprio mi rifiutassi di passare a Gutenberg?

Capiamo perfettamente il tuo stato d’animo, ma la tecnologia, in qualsiasi campo, si evolve di continuo. E quindi anche in WordPress. Il vecchio editor era effettivamente percepito come veramente “vecchio” e aveva bisogno di un aggiornamento. Ovviamente, tutti avremo bisogno di tempo per adattarci, chi più chi meno.

Conclusione

Spero di aver risposto a tutti i tuoi dubbi su Gutenberg e WordPress 5.0. Se hai ancora qualche domanda, siamo pronti a rispondere.

Cosa pensi di Gutenberg e della nuova versione di WordPress?

Usa la sezione dei commenti qui sotto per lasciare la tua opinione.

Registrare un dominio e uno servizio di hosting WordPress con SiteGround

Altre guide della stessa
categoria

11 COMMENTI
Commenta
  1. Fabio

    Gestisco un sito scolastico. Dopo aver installato e attivato l’apposito plug in, ho provato a passare da ‘Classic Editor’ a ‘Block Editor’. Ho riscontrato tre problemi: 1) il passaggio funziona solo se scrivo un nuovo ‘articolo’; se invece scelgo ‘nuova circolare’ compare sempre e comunque l’editor classico. 2) In ogni caso, nell’editor classico non risultano più attivi i comandi per l’inserimento di allegati (clicco sul pulsante e non succede nulla); 3) di conseguenza non è più possibile nemmeno inserire lo shortcode contenente le informazioni sull’allegato e richiesto per l’accessibilità (inserisco il link al documento caricato in Media, ma il comando per lo shortcode non lo considera un allegato, quindi mi dice che “non ci sono allegati per questo articolo”…). Per ovviare, sono entrato nella ‘libreria’ dei media, ho scelto la visualizzazione “dettagli” e non quella “anteprime” ed ho effettuato il collegamento tra media e articolo da lì; a quel punto, tornando all’articolo, funzionava anche il comando per lo shortcode. Beh, era decisamente più semplice prima!…

    Rispondi
    • Team

      Ciao Fabio, grazie di aver condiviso con noi la tua esperienza. Di certo sarà utile conoscerla per altri utenti che come te stanno approcciando il nuovo editor a blocchi. Sono proprio commenti come il tuo che potranno permettere il miglioramento di questa nuova feature di WordPress, quindi sono estremamente preziosi.

      Rispondi
  2. Jacopo

    Sto riscontrando diversi problemi, ho già dovuto sostituire dei plugin come ad esempio EWWW Image Optimizer e attualmente sembra non funzionare più nemmeno tinymce-advanced. Ritengo la scelta piuttosto sciocca rispetto agli utenti che invece che proseguire in una curva di apprendimento già stabilita devono rimettersi a zero e ripartire. Il sistema precedente andava migliorato sicuramente ma seguendo la stessa strada. Dover tornare al sistema usuale attraverso un ennesimo plugin mi sembra assurdo, potevano lasciare una scelta se rimanere con il vecchi o con il nuovo.

    Rispondi
    • Team

      Ciao Jacopo, stiamo raccogliendo tanti pareri su questo aggiornamenti, alcuni entusiasti ed altri decisamente scontenti. Vedremo, nel prossimo futuro, come verrà sviluppata l’interazione tra il nuovo Editor e i più diffusi plugin. Siamo certi, conoscendo ormai bene la community di WordPress.org, che anche le valutazioni negative serviranno a migliorare il CMS, rendendolo ancora di più la prima scelta per chi desidera costruire un sito professionale in autonomia. Grazie del tuo commento, continua a seguirci!

      Rispondi
  3. Marco

    Ciao Andrea, ho riscontrato un problema con questa nuova versione di WP. Come tema uso Enfold e dopo aver aggiornato WP sono tornato a modificare dei blocchi testo in una pagina con l’editor di Enfold ma cliccando su modifica non vedo più il testo e viene fuori questo errore:
    ”Sembra che tu stia attualmente aggiungendo qualche markup HTML o altri caratteri speciali. Una volta chiusi tutti i tag HTML, l’anteprima sarà nuovamente disponibile. Se il messaggio persiste, controlla l’input per i caratteri speciali e prova a rimuoverli.”

    Cancellando il blocco testo e inserendone uno nuovo è uguale.
    Avete riscontrato questo problema?
    Grazie

    Rispondi
  4. Sabrina

    Sono passata a wordpress da appena 3 mesi, il tempo di ambientarmi che già si cambia. Io l’ho installato e questo nuovo editor proprio non mi piace. Secondo me, per semplificare le cose a chi non sa usare wordpress, l’hanno complicata a chi piace metterci le mani e modificare ogni cosa personalmente. Non so, forse può essere comodo con siti statici ma non con un blog… al momento non ci trovo vantaggi. Oltretutto è da stanotte (quando ho aggiornato) che faccio test con pagespeed e gtmetrix e ho notato che mi prende un secondo in più a pagina, il sito però non sembra avere problemi o rotture ma questo è quanto.

    Rispondi
  5. Mina

    Ciao Andrea, nonostante io non sia più proprio giovanissima e anche se ho imparato tutto da zero e da autodidatta adoro i cambiamenti sopratutto le innovazioni e questa di gutemberg mi piace molto
    Certamente con le dovute cautele prima di installare come tu hai spiegato molto bene
    Grazie per il tuo articolo sempre utile e prezioso

    Rispondi

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *