Come aumentare il traffico verso il tuo blog

3 tattiche per aumentare il traffico verso il tuo Blog

Aprire un blog è veramente facile, ci vogliono pochi minuti. Pensi però di essere in grado di attirare sempre più visitatori e soprattutto di mantenerli, ovvero fidelizzarli?

Se la risposta è no, ti insegneremo 7 tattiche per aumentare il traffico verso il tuo blog e soprattutto per attirare e mantenere nuovi visitatori. Se le metterai in pratica, vedrai presto ottimi risultati in termini  di incremento dei tuoi utenti e dei loro tempi di permanenza sul tuo sito web.

Aumentare il traffico verso il tuo blog con 7 tattiche diverse

1) Ottimizza i contenuti per i motori di ricerca

contents is king

Rendere il tuo contenuto SEO – friendly, ovvero ottimizzato per i motori di ricerca, è una delle tecniche fondamentali che ogni blogger o webmaster deve saper utilizzare.

Cosa significa? Devi semplicemente fare in modo che il tuo sito appaia tra i primi risultati di Google, Yahoo o Bing per le parole chiave che hai scelto. Ovviamente l’utilizzo delle parole chiave deve rispettare tutta una serie di parametri, come ad esempio la densità, l’ottimizzazione delle immagini e così via.

Se non sai come ottimizzare i tuoi articoli in base alle parole chiave ti consigliamo di leggere il nostro articolo: “Le Basi Su Come Ottimizzare i Tuoi Articoli Per i Motori Di Ricerca”.

Attenzione: ricorda sempre che “il contenuto la fa da padrone” e quindi cerca di non renderlo illegibile mettendoci una parola chiave in più. Se i lettori si accorgono di forzature in ciò che scrivi abbandoneranno la pagina!

Contenuto non vuol dire solo testo, anche le immagini vanno ottimizzate per la ricerca. Ci sono, inoltre, altri elementi da considerare, come il file robots.txt, la struttura dei permalink e, anche se non incide direttamente sul posizionamento, la meta description.

Non dimenticare che anche la velocità del tuo sito viene considerata dall’algoritmo di Google. Anche se puoi essere tentato di utilizzare diversi plugin, widget ed elementi grafici pesanti, questo potrebbe aumentare le richieste effettuate al server, rallentando il tuo sito. Gli utenti, specie se utilizzano un dispositivo mobile, si aspettano che le pagine carichino velocemente. In caso contrario tenderanno ad abbandonare il sito, con effetti negativi sulle conversioni e sul posizionamento tra i risultati delle ricerche. Abbiamo raccolto dei consigli per migliorare la performance del tuo sito in questa guida.

Se pensi che migliorare la SEO del tuo sito sia complicato, ti consiglio di usare uno plugin come Yoast SEO per guidarti nell’ottimizzazione.

Impara a scrivere articoli ottimizzati a livello SEO, e coinvolgenti al tempo stesso.

2) Condividi i contenuti sui social network

Facebook, Twitter e Google+ sono solo alcuni dei social network dove aprire un account e condividere posts, foto o video. Tieni presente che a livello di posizionamento i motori di ricerca tengono fortemente in considerazione la presenza di profili social di un sito.

La prima cosa da fare è aprire una pagina ed essere il più dettagliati possibili. Fornisci il maggior numero di informazioni: profili generici, senza foto, immagini o descrizioni spesso possono far credere agli utenti che siate degli spammers.

Condividi i tuoi contenuti e cerca di farli condividere alle persone più strette, ma se vuoi fare veramente il salto di qualità cerca di imparare “dai migliori”. Se condividi regolarmente i contenuti sui loro siti o pagine e se sei attivo nelle discussioni otterrai dei risultati sorprendenti.

A questo scopo siti quali Followerwonk o Findpeopleonplus ti potranno aiutare ad individuare le persone che sono delle vere e proprie autorità nella tua nicchia.

Puoi anche usare uno strumento come Buzzsumo, di cui ti ho parlato qui, per capire quali sono gli articoli più condivisi su un certo argomento, in modo da capire cosa funziona per la tua nicchia e da essere aggiornato sulle notizie di tendenza.

Condividere i post altrui non è l’unico modo per aumentare la visibilità dei tuoi contenuti e attirare traffico verso il tuo blog WordPress. Hai mai pensato di dedicarti al guest blogging e al comment marketing? Queste attività non ti danno solo l’occasione di mettere in mostra le tue conoscenze e farti conoscere tra coloro che seguono siti importanti per il tuo settore. Ti possono anche fornire l’opportunità perfetta per condividere dei link ai tuoi prodotti e servizi, a contenuti rilevanti o ai tuoi profili social.

3) Usa Google Analytics per misurare il traffico

Usare Google Analytics

Google Analytics è il software di analisi più potente che esista e ha una quantità di dati tali da essere allo stesso livello di quelli a pagamento. Ti consente di vedere chi sono i tuoi visitatori, da dove vengono, che lingua parlano e quali pagine visitano, se si fermano alla prima pagina oppure se proseguono nella visita del tuo blog.

Ti consigliamo di installarlo in quanto ti aiuterà ad individuare quelli che sono i “punti deboli” del tuo sito che devono essere migliorati.

Leggi come collegarlo al tuo sito WordPress in questa guida.

4) Studia gli articoli più condivisi nella tua nicchia con BuzzSumo

Se vuoi creare contenuto virale, la prima cosa da fare è metterti a studiare cosa funziona nella tua nicchia. Un ottimo strumento per vedere i post più condivisi per ciascuna parola chiave si chiama BuzzSumo. Inserisci la parola chiave che ti interessa, seleziona le impostazioni corrette per lingua e paese e poi cerca.

Usare Buzzsumo per generare idee per contenuti

BuzzSumo ti mostra il numero di condivisioni di ciascun contenuto sui vari social media. In questo modo puoi studiare quali tipi di contenuto e quali titoli funzionano meglio, ma anche quali siti li producono. Se ad esempio noti che i tutorial o le liste funzionano particolarmente bene, o che un argomento particolare viene condiviso molto, puoi produrre dei post di quel tipo.

5) Pubblicizza il tuo contenuto

Il traffico organico si costruisce nel tempo, ma come fare se hai budget e vuoi iniziare a farti conoscere? Ovviamente la strategia nel lungo termine resta sempre quella di produrre contenuto di valore per i tuoi utenti, ma promuoverlo può aiutare a farti notare. Per farlo puoi creare una campagna pubblicitaria con Google Adwords o Facebook.

Nel primo caso, l’obiettivo è acquisire traffico pubblicando un’inserzione che compaia in cima ai risultati di ricerca su Google. Dovrai puntare su alcune parole chiave, costruire un’inserzione e specificare quanto vuoi “scommettere” per accaparrarti quello spazio pubblicitario. Il costo ti verrà addebitato solo se la tua inserzione verrà pubblicata e gli utenti la cliccheranno. Proprio per questo, le pubblicità di questo tipo sono spesso chiamate Pay–per-click (PPC), ovvero pagamento per clic.

Il processo di asta su Google viene influenzato dalla concorrenza e dalla qualità della pagina verso cui indirizzi gli utenti. Prima di creare una campagna PPC, ricerca le parole chiavi più popolari e il loro costo, crea variazioni delle inserzioni per condurre A/B test e ottimizza le pubblicità.

Se i tuoi utenti sono molto attivi su Facebook, puoi promuovere i tuoi contenuti anche su questa piattaforma. In questo caso l’inserzione verrà pubblicata sul feed degli utenti, su Instagram oppure sui siti partner, in base alle opzioni che sceglierai.

Strumenti pubblicitari di Facebook

Puoi pubblicare i tuoi link sulla tua pagina Facebook e poi promuoverli, oppure creare delle inserzioni ad hoc. Le opzioni di targeting sono molto dettagliate: puoi costruire il tuo audience in base alle caratteristiche di chi visita il tuo sito (se hai installato il pixel), agli interessi o alle caratteristiche demografiche.

Puoi creare delle inserzioni pubblicitarie in modo simile anche su LinkedIn e gli altri social media. La piattaforma da scegliere dipende dal tuo business e dalla nicchia a cui ti rivolgi.

6) Inserisci il link al tuo blog nelle email e nella firma che usi per inviarle

Probabilmente invii molte email a clienti, partner e utenti che hanno interesse nel tuo business e possono aiutarti a farlo conoscere. Non sottovalutare questo canale e, se ti si presenta un’occasione opportune, includi nei tuoi messaggi il link al tuo blog o a dei post specifici.

Puoi anche utilizzare la tua firma digitale per promuovere i tuoi contenuti. Basta includere i link al tuo blog o alle tue pagine social sotto al nome e al titolo, come probabilmente fai gia per il tuo indirizzo. Se usi un servizio per creare URL brevi, puoi anche tracciare questi link in modo da vedere quanto traffico portano al tuo sito.

7) Crea dei post che aggreghino i migliori contenuti per la tua nicchia

Tutti gli autori amano e odiano essere messi a confronto e questo può generare discussioni e attenzione verso il tuo sito. Spesso, quando si viene inseriti nella lista dei migliori x blogger o articoli su un certo argomento, si è più inclini a condividere quel link, portando più traffico al tuo sito.

esempio di post lista

Inoltre, molti utenti cercano informazioni su un argomento e una lista di letture consigliate fa sempre comodo. Che siano link da utenti o da autori, il risultato non cambia: il tuo sito può ricevere più visibilità online e, magari, più traffico.

Se decidi di creare un contenuto del genere, ti incoraggio a restare più accurate e trasparente possibile. Un post di alta qualità ti conferisce più autorevolezza e trasferisce maggior valore ai lettori, migliorando la tua reputazione.

Una volta pubblicato, assicurati di informare gli autori inclusi. Puoi usare Twitter oppure la loro email per raggiungerli.

Dopo aver portato più utenti sul tuo sito, impara come aumentare le conversioni per raggiungere i tuoi obiettivi.

Conclusione

Anche se queste tattiche per aumentare il traffico sul tuo blog possono sembrare piuttosto “elementari”, sono estremamente efficienti se applicate con costanza.

Crearsi una buona reputazione ti porta molti visitatori e creare contenuti accattivanti e interattivi fa si che tu riesca a creare un nocciolo duro di visitatori fidelizzati che poi condivideranno a loro volta ogni tuo contenuto.

Che pensi di quanto detto sopra? Hai qualcosa da aggiungere? Condividi con noi la tua esperienza lasciandoci un commento nel box qui sotto.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea Di Rocco, il fondatore di SOS WP. La mia missione - insieme al mio Team - è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

4 commenti
    • dice:

      Ciao Barbara,
      bene, sono contento di sapere che i consigli riportati nel post ti siano stati utili!
      Tiemmi aggiornato sulla crescita del tuo blog, e ovviamente continua a seguirci ;-)

      Rispondi
  1. dice:

    Andrea Buon giorno, ti ringrazio per le dritte che continui a darci nei tuoi post. ti segnalo però che il link al corso gratuito “Lanciare un blog di successo” non funziona. potresti cortesemente verificare? ci terrei molto a seguirlo. Grazie mille

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Chiara, grazie per la segnalazione!
      Abbiamo aggiustato il link e ora puoi aprire la pagina di registrazione. Se hai problemi, scrivi pure alla nostra email del supporto – la trovi nella pagina “Altro” > “Contattaci” ;)

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *