Guide

Come inviare la sitemap a Google tramite Yoast SEO

Avere una sitemap costruita seguendo un preciso obiettivo e ottimizzata per i motori di ricerca può essere uno dei principali fattori di successo del tuo sito. A volte l’importanza di questo elemento è sottovalutata e magari è creata in modo sbrigativo e senza troppe ottimizzazioni.

Uno dei migliori modi per far trovare facilmente il proprio sito è inviare la sitemap a Google con Yoast, il validissimo plugin per la SEO.

Una sitemap ben strutturata renderà il tuo sito facilmente accessibile per tutti i motori di ricerca e fornirà risultati precisi ai navigatori del Web alla ricerca di particolari parole chiave. I motori di ricerca utilizzano degli strumenti chiamati “crawler” che leggono il contenuto del tuo sito e dipendono fortemente dalle sitemap che gli indicano quali siti racchiudono il contenuto che è stato cercato.

Approfondiamo insieme cos’è e perché è importante la mappa del sito. Vediamo poi come inviare la sitemap a Google con Yoast.

Infine ricorda che se hai domande o hai bisogno di supporto puoi attivare immediatamente la nostra Assistenza Prioritaria rapida e gratuita - inclusiva di 32 video del Corso WordPress - quando acquisti uno spazio hosting su SiteGround (o altri hosting) tramite il nostro link. Abbiamo già aiutato migliaia di persone e possiamo aiutare rapidamente anche te.

Qui tutte le testimonianze

Che cos’è una sitemap?

Mappa del sito - come inviare la sitemap a Google con Yoast SEO

La sitemap è una lista delle pagine web che compongono un sito e viene usata principalmente per informare i motori di ricerca (come Google) su come è organizzato. Questa lista aiuta anche i crawler dei motori di ricerca a leggere correttamente il tuo sito e fornisce risultati precisi alle ricerche degli utenti.

I tipi principali di sitemap sono due: XML e HTML. La differenza principale tra i due tipi è che il primo è destinato ai motori di ricerca e all’ottimizzazione dei risultati, il secondo agli utenti finali, i visitatori del sito. Se ti stai chiedendo quale usare, la risposta è entrambi i tipi.

La sitemap XML si prende cura dei crawler dei motori di ricerca, rendendo accessibile e leggibile il contenuto del tuo sito. Se per esempio hai molte pagine secondarie o post che non sono linkate alla pagina principale, la sitemap informerà Google della presenza di questo contenuto.

La sitemap HTML rappresenta la mappa del tuo sito che utilizzeranno i visitatori. In genere è una pagina con vari link (importante usare parole chiavi chiare e descrittive) che organizza e sintetizza il contenuto. I visitatori utilizzeranno questa pagina per conoscere facilmente cosa hai sul tuo sito per poi accedervi facilmente. Avere entrambi i tipi ti permetterà di avere un sito ben indicizzato nei motori di ricerca e di facile navigazione per gli utenti.

Perché è importante avere una sitemap?

La sitemap rappresenta le fondamenta del tuo sito, uno strumento importantissimo sia per la pianificazione e creazione delle pagine che lo comporranno sia per la navigazione dello stesso.

Sin dalla pianificazione del sito è importante avere una mappa prima di procedere alla creazione delle pagine stesse. Avere una sitemap sin dall’inizio ti permetterà di avere le idee chiare su cosa deve essere incorporato nel sito e su come avverrà la navigazione.

Assistenza WordPress rapida e veloce con SOS WP - 2

Il modo migliore per creare una mappa in fase di pianificazione è disegnare delle bozze su di una lavagna, o su di un pezzo di carta in modo tale da avere un supporto visuale per poter confermare il design e identificare i punti da modificare.

Esistono anche dei tool come Writemaps che ti faciliteranno di molto la vita. Questo processo vale anche per chi il sito già ce l’ha e magari vuole soltanto ottimizzarlo. Ma ora passiamo all’azione e vediamo come inviare la sitemap a Google con Yoast.

Creazione della sitemap XML con Yoast SEO

Yoast SEO tra i migliori plugin per WordPress

Prima di cominciare ti invitiamo a leggere la nostra guida in italiano a Yoast SEO: nella parte inziale ti spieghiamo come installare il plugin e come configurarlo.

Con WordPress creare una sitemap è molto facile, soprattutto se si utilizza il plugin Yoast SEO.

Dopo aver installato e attivato Yoast SEO, nella schermata principale della tua installazione di WordPress, selezionate SEO (nel menu a sinistra dello schermo).

Vai sulla tab Funzionalità e cerca la voce XML Sitemaps. Clicca sul punto interrogativo, visualizzerai una scritta. Clicca sul link See the XML sitemap per visualizzare la sitemap creata in automatico da Yoast. Salva il suo URL perché ti servirà in seguito. Ora che hai la sitemap XML dobbiamo inviarla a Google.

attivare sitemap con Yoast

Inviare la sitemap a Google con Yoast

come inviare la sitemap a google con Yoast

Dirigiti sulla Google Search Console, ed effettua il login. Nella pagina principale di Google Search Console, verrà visualizzata una casella dove dovrai inserire l’URL del tuo sito.

Clicca sul pulsante Aggiungi una proprietà e, se non hai nessun sito registrato, Google avvierà la procedura di verifica di proprietà, altrimenti dovrai cliccare sull’URL di una delle proprietà esistenti.

Nella nostra guida a Google Search Console, spieghiamo quali sono i metodi di verifica della proprietà del sito utilizzati da Google.

Google Search Console

Nell’interfaccia di verifica della proprietà del tuo sito richiesta da Google, seleziona Verifica utilizzando un altro metodo, poi su tag HTML per ottenere un codice di verifica. Copia e incolla il codice di verifica (esempio: <meta name=”google-site-verification” content=”ErXtmp4BGmob3jBF7oDCBVA0LgwVi2p7lBw3Tni7F1E” />) e torna sulla schermata principale di WordPress.

Avendo installato Yoast SEO possiamo utilizzare il plugin per facilitare anche questo passaggio. Nella schermata principale della tua installazione di WordPress clicca di nuovo su SEO e, nella sezione Webmaster tools, incolla il codice di verifica nella casella per Google verification code e poi clicca su Salva le modifiche.

Ritorna su Google Search Console e vai sulla schermata per la verifica della proprietà, clicca sul pulsante Verifica e se tutto è andato a buon fine, vedrai un messaggio di successo. Clicca su Continua per visualizzare la schermata di controllo per il tuo sito.

Nella nuova schermata sarà visibile la sezione Scansione > Sitemap, cliccaci su per accedere alla lista siti. Clicca su Aggiungi sitemap e inserisci l’URL della tua sitemap generato in precedenza grazie al plugin Yoast SEO. La sitemap principale è sitemap_index.xml (contiene tutta la sitemap del sito).

Ora che hai inviato la sitemap a Google con Yoast, Google si prenderà un po’ di tempo per leggere il contenuto del tuo sito. Quando il processo sarà completo, saranno disponibili varie statistiche.

Nel caso ti interessi, lo stesso procedimento si applica per Yahoo e Bing, ovviamente utilizzando gli strumenti per Webmaster dedicati.

Hai bisogno di assistenza per migliorare la SEO del tuo sito? Prendi appuntamento con i nostri esperti.

Conclusione

Con questa guida abbiamo visto che cos’è una sitemap, perché è importante crearle e come inviare la sitemap a Google con Yoast. Le sitemap sono uno strumento essenziale e alla portata di tutti per migliorare di gran lunga il successo del proprio sito. Creare una sitemap XML e condividerla con i motori di ricerca ti aiuterà senza dubbio a ricevere più visite.

Hai già creato la sitemap?

Hai dei consigli da condividere?

Usi plugin diversi da Yoast SEO?

Fammelo sapere lasciando un commento qui sotto.

Registrare un dominio e uno servizio di hosting WordPress con SiteGround

Altre guide della stessa
categoria

28 COMMENTI
Commenta
  1. mattia

    ciao rocco! aprendo la sitemap, noto che ne ho 3, una per l’autore, una per le categorie e una per gli articoli, dovrei inserirle tutte e tre? se si poi non le devo più toccare o di tanto in tanto vanno rimandate?

    Rispondi
  2. Giulia

    Ciao, se clicco su Funzionalità >XML sitemaps mi da solo l’opzione ON/OFF. Pur selezionando ON, non compare la finestra sotto come da te indicato. Come devo fare?

    Rispondi
  3. Claudia

    Ciao Andrea, grazie per l’interessante articolo.
    Avrei una domanda: ho installato su wordpress un template che contiene circa un centinaio di pagine fac simile, che ho importato tutte, mantenendole in modalità “privato”. Per ora ho creato e pubblicato una sola pagina “coming soon”, che vorrei già indicizzare. La domanda è la seguente: se creo con yoast una sitemap e la invio a Google, invierò tutta l’architettura del sito con tutte le pagine fac simile private oppure solo la pagina pubblicata? Inoltre, nel primo caso, è’ possibile far indicizzare a Google solo la pagina “coming soon”?
    Grazie mille in anticipo!
    Claudia

    Rispondi
    • Team

      Ciao Claudia, consigliamo di rimuovere le pagine demo, almeno quelle non strettamentee necessarie, oppure di aspettare ad indicizzare il sito. Un saluto!

      Rispondi
  4. Dani

    ..però, in definitiva non è che yoast invia una nuova sitemap a google ad ogni nuovo articolo generato, fa semplicemente un ping per richiamare il bot a rileggersi la sitemap direttamente nel sito.. se vogliamo che nell’area webmaster di google avvenga l’upload della nuova sitemap dobbiamo farlo a manina, o capito bene? Mi chiedo quindi a cosa serva inserire il codice di verifica nello spazio predisposto dal plugin..

    Rispondi
    • Team

      Ciao, non serve inviare una nuova sitemap, per ogni post aggiunto. Invia la sitemap nuovamente solo in caso di rimozione o aggiunta delle pagine.

      Rispondi
      • Dani

        Ciao grazie per la risposta, ma un nuovo articolo non è comunque un nuovo url con nuovo e diverso contenuto al pari di una nuova pagina?

        Rispondi
          • Dani

            esaminando le sitemap generate da yoast vedo che c’è la lista delle url di ogni singolo articolo, resa obsoleta da ogni nuovo articolo generato, mi veniva quindi da pensare che in ogni caso la sitemap dovesse essere periodicamente re-inviata a google e bing..

            Rispondi
              • Dani

                Scusa Team:) ..nell’area webmaster di google ci sono le sitemap che ho inviato io e non cambino finché non le sostituisco, pur avendo attivato yoast il numero di files inviati/indicizzati rimane il medesimo articoli compresi.. Può essere che per qualche motivo il plugin non funzioni correttamente?

                Rispondi
                  • Dani

                    Forse ho sbagliato perché ho prima verificato il sito attraverso il file di google da mettere nella root, e solo dopo ho scaricato ed inserito su yoast il codice da mettere nell’head..

                    Rispondi
  5. Mauro

    Ciao, io ho lo stesso problema nel tab funzionalità e’ attiva la sitemap pero’ continuo a non vederla. Nella Search Appearance – Yoast SEO vedo generale content tipe media tassonometrie archivi breadcrumber ess ma non c’è la sitemap dove sbaglio?
    Grazie
    Mauro

    Rispondi
  6. Giusy

    Ciao, ho istallato yoast ma dopo un recente aggiornamento se vado sul menù SEO non trovo più il menù Sitemap XML.
    Come posso configurare la sitemap?

    Grazie

    Rispondi
    • Roberto Giannini

      Infatti, stessa cosa rilevata da me mesi fa. Purtroppo quelli di Yoast hanno la mania di modificare l’interfaccia un mese si e l’altro pure. Tante modifiche come avviene anche per altri plugin o temi di WordPress non sempre facilitano la vita agli utilizzatori e sviluppatori web. L’interfaccia utente di un software è una delle cose più importanti del software stesso ed andrebbe progettata bene sin dall’inizio e cambiata il meno possibile e solo quando la si migliora realmente, no per far vedere che c’è un aggiornamento del plugin! Ma che dobbiamo fare questo è il mondo WordPress, lo ami e lo odi allo stesso tempo, soprattutto per la schizzofrenia di aggiornamento del core dei Temi e plugin. Capisco gli aggiornamenti di sicurezza del core e dei plugin e temi ma se manchi una settimana nel tuo pannello di controllo e vedi che hai quasi sempre tra i 4-10 plugin da aggiornare….beh questa è pura schizzofrenia o il codice è scritto veramente con i piedi e rilasciato in tutta fretta.

      Rispondi
      • Team

        Ciao Roby, gli aggiornamenti correggono piccoli bug e dovrebbero comunque migliorare l’esperienza utente. Inoltre, garantiscono una migliore integrazione con altri plugin, il tema e WordPress stesso. Riteniamo quindi che sia comunque un segnale positivo :)

        Rispondi

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *