La mia visita a SiteGround

SOS WP visita SiteGround

Qualche giorno fa, ho preso un aereo in direzione Sofia. La destinazione finale? Il quartier generale di SiteGround.

Proprio così, sono andato a conoscere di persona il team che si occupa del servizio di hosting che ho scelto per SOS WP, e che consiglio agli utenti che vogliono realizzare un sito con WordPress. 

Nelle prossime righe, ti racconto com’è andato l’incontro. 

Perché ho voluto visitare SiteGround?

Oltre ad usare SiteGround per SOS WP, ho consigliato questo servizio a migliaia di persone che desiderano creare un sito web.

Sulla performance e la qualità del supporto offerto da SiteGround non avevo dubbi. Essendo diventato uno dei loro affiliati top in Italia, volevo però conoscere da vicino la realtà in cui operano, e conoscere di persona il loro team dirigente.

L’incontro è andato molto bene. Ho visitato il loro quartiere generale (SiteGround ha ben cinque uffici, dove lavorano 350 dipendenti) ed abbiamo parlato di come possiamo aiutare ancora più utenti a raggiungere i loro obiettivi con il web. 

Il dialogo è stato particolarmente ricco e stimolante, ed ho potuto verificare di persona quali siano stati gli strumenti che hanno permesso a questa Azienda di crescere esponenzialmente nell’ultimo decennio.

ufficio siteground 2

ufficio siteground

SiteGround nasce nel 2004, dall’ambizioso progetto di un gruppo di studenti universitari che ha deciso di offrire il massimo della tecnologia in fatto di hosting,  insieme ad un supporto di eccellenza che accogliesse le esigenze dei clienti di tutto il mondo: dai beginner, agli utenti più avanzati.

I numeri parlano chiaro: ad oggi sono oltre 500.000 i domini ospitati da SiteGround, e questo numero è in costante aumento.

Vedere la loro operosità, a tutti i livelli, mi ha confermato che si tratta del provider migliore al mondo.

Questo ultimo aspetto mi ha colpito particolarmente: tutti gli addetti al supporto SiteGround ricevono un training intensivo di ben tre mesi. Ciò serve ad assicurare che abbiano tutte le conoscenze necessarie per offrire ai clienti il miglior servizio possibile, e rispondere prontamente ad ogni eventuale problematica.

Per tutto questo lo consigliamo, e abbiamo anche attivato un servizio di Assistenza Prioritaria in italiano per gli utenti di SOS WP che sottoscrivono un piano di hosting SiteGround.

 

Il team di SiteGround

Il team di SiteGround

 

Conclusione

La visita al quartiere generale di SiteGround è stata un’esperienza fantastica. Mi ha fatto molto piacere conoscere di persona il team con cui lavoro da ormai due anni. Inoltre, ho anche potuto constatare la serietà del servizio che offrono e del business che lo supporta. 

Se hai qualunque domanda su SiteGround, lascia pure un commento qui sotto. Come al solito ti risponderemo al più presto. 

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

[PROMO LIMITATA] 50% SU HOSTING SITEGROUND + ASSISTENZA SOS WP GRATIS

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
8 commenti
  1. dice:

    Ciao Andrea.
    E’ da un po’ che mi sto guardando intorno per un nuovo provider di hosting.
    Dovrò realizzare il mio primo lavoro importante. Creare una intranet per una grossa azienda con 40.000 dipendenti in tutto il mondo (sicuramente la useranno solo 5.000 approsimativamente).
    Volevo quindi puntare su un server dedicato, visto l’importanza del lavoro, la sensibilità dei dati trattati e che faranno anche file sharing per i loro tool di marketing.
    Vi sto seguendo da parecchio leggendo i vari articoli che scrivi sgli hosting, ma sono ancora un po’ in confusione (non essendo al 100% preparato a tali realtà, ma solo a piccoli siti web).
    Mi consigliersti Siteground? Perchè stavo sentendo anche Bluehost e Hostgator. Fin’ora gli unici che mi hanno risposto velocemente e in maniera corretta sono quelli di Siteground. Bluehost mi ha risp in maniera secca dicendo che non sia possibile fare tale lavoro con i loro server. Hostgator invece non mi ha ancora risposto.
    La cosa che un po’ mi preoccupava era anche l’assistenza che non è in italiano (anche se mi hanno scritto che stanno lavorando per implementare personale italiano).
    Grazie mille anche per l’ottimo lavoro che svolgete con il vostro blog!

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Patrick, grazie per i complimenti.
      Ti consiglio di proseguire il discorso con SiteGround.
      Al momento sono il Top, anche per soluzioni dedicate, sia per la tecnologia messa a disposizione, che per l’eccellente supporto.
      Fammi sapere come prosegue il tuo progetto, mi raccomando!

      Rispondi
      • dice:

        Sì sì con loro sto già scambiando email, ma volevo giusto anche un parere esperto esterno (è ovvio che loro non tireranno mai fuori punti negativi su loro stessi :) )
        Mi puoi cortesemente anche spiegare cos’è questa “assistenza prioritaria” di cui ho letto?
        Eventualmente un giorno con più calma se posso vi contatto tramite la vostra chat che vedo qua a lato :)
        Grazie ancora

        Rispondi
  2. dice:

    Andrea Di Rocco i miei complimenti! Hai creato un progetto davvero eccellente e ti ringrazio infinitamente perché l’anno scorso, quando mi avvicinavo al mondo wordpress avevo tutti i giorni una paura enorme di fare cavolate ma grazie al tuo blog ho sempre risolto tutto…adesso che più o meno so fare tutte le cose basilari voglio ringraziare col cuore te e gli altri autori…buona serata!

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Francesco!
      Grazie mille di questa tua testimonianza, che ci fa molto piacere ricevere e ci sprona ad offrire sempre il meglio ai nostri utenti.
      Ovviamente, continua a seguirci ;-)

      Rispondi
  3. dice:

    Si, sono sicuro anche io che con la lingua Italiana sarebbe molto meglio. Me la cavo con l’Inglese ma nella propria lingua sarebbe un’altra cosa.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *