Guide

I migliori siti per creare ed inviare le tue newsletter gratis

Qual è lo strumento di marketing più usato nel web? Sicuramente, è la newsletter. Inizia anche tu a comunicare con i visitatori del tuo sito, a costo zero.

Hai finito di costruire il tuo sito e creato i tuoi contenuti? Vuoi creare newsletter gratis, dando aggiornamenti, offerte o le ultime notizie della tua piattaforma?

A questo punto diviene fondamentale scegliere un servizio di newsletter che ti permetta di comunicare direttamente con i lettori che si sono iscritti alla tua mail o al tuo RSS feed.

Dopo aver selezionato e testato un buon numero di servizi, abbiamo scelto i tre migliori siti per creare una newsletter gratis che hanno dimostrato di raggiungere i loro clienti o lettori fidelizzati tramite uno stile professionale e allo stesso tempo gratuito.

I 3 migliori siti per creare le tue newsletter gratis

Ecco l’elenco di questi strumenti che ti raccomandiamo di utilizzare per sfruttare appieno le potenzialità del tuo spazio web:

#1 Tinyletter

Tinyletter

Tinyletter è senza dubbio il servizio di newsletter gratuito più facile da utilizzare, mantenendo la personalizzazione dello stile. Infatti, il rich text editor o l’html editor ti consente di creare facilmente i testi da inviare, permettendoti di scegliere il format più idoneo al tuo messaggio.

Basta solo un minuto per aprire il tuo account su Tinyletter ed iniziare a spedire gli aggiornamenti agli iscritti.

Il form di signup è personalizzabile e puoi incorporarlo al tuo sito, oppure potresti invitare i tuoi utenti a iscriversi direttamente da Twitter.

Puoi sempre chiedere il nostro aiuto se dovessi incontrare difficoltà. Attiva l’Assistenza prioritaria gratuita inclusiva di accesso all’Area Membri e oltre 100 videolezioni!

#2 MailChimp

Template per Mailchimp

MailChimp ti permette di inviare newsletter gratis ai tuoi iscritti e di impostarne il formato scegliendo tra una vasta gamma di template professionali. Inoltre, il sistema di analisi dei dati raccolti è molto semplice e ti permette di confrontare i tuoi report con la media del tuo settore.

La versione gratuita consente di spedire fino a 12.000 email al mese a 2.000 iscritti. Se superi questo limite, potrai accedere a uno dei piani premium, che arrivano fino a un numero illimitato di email e iscritti.

Questo strumento è sicuramente uno dei più raccomandabili, vista la grande flessibilità e le possibilità di personalizzazione.

#3 Letterpop

Letterpop per creare newsletter gratis

Letterpop, invece, ha la principale caratteristica di creare formati di newsletter dallo stile più originale e accattivante allo stesso tempo. Un servizio quindi che è consigliabile maggiormente a quelle piattaforme web che fanno del proprio stile personale un loro punto di forza. L’editor di Letterpop è talmente semplice che basta copiare ed incollare testi, immagini o immagini da Flickr e spedirli successivamente via email, RSS feed, social network ed altri mezzi di comunicazione. Davvero uno strumento efficace per raggiungere il più vasto numero possibile di sottoscrittori.

Vuoi aumentare le registrazioni alla tua Newsletter? Impara a farlo con le nostre strategie.

Conclusione

Ti ho presentato i tre migliori strumenti per la newsletter gratuiti. Ti sarai reso conto che con una spesa pari a zero puoi ottenere un grandissimo risultato. Quindi, se sei all’inizio della tua attività, ti consiglio vivamente di scegliere uno di questi tre servizi e attivarlo subito. Più avanti potrai decidere di passare a dei servizi a pagamento che sono più professionali e offrono maggiori funzionalità.

Qualunque cosa tu scelga, ricordati comunque che il contenuto la fa sempre da padrone e quindi ti raccomandiamo di fornire sempre contenuti di qualità, scorrevoli e utili al tempo stesso.

Quale strumento utilizzi per inviare newsletter?

Hai un altro servizio da consigliare?

Condividi con noi la tua esperienza lasciandoci un commento qui sotto.

Altre guide della stessa
categoria

46 COMMENTI
Commenta
  1. Ambra

    Articolo molto utile. Mi farebbe comodo sapere quante mail massimo posso inviare con ciascun servizio. Da Mailchimp non posso piu’ utilizzare i servizi gratuiti a cause dell’alto numero di mail da inviare e sto cercando un sito alternativo. grazie

    Rispondi
  2. Paolo

    Che ne pensi di GetResponse? Me lo hanno consigliato in quanto tra quelli a pagamento sembrerebbe il più economico (e pare finisca meno in spam rispetto a Mailchimp).

    Rispondi
  3. Federico

    Qualcuno di voi conosce o usa OpenDEM? Per i volumi di contatti che dovrei gestire i costi sono molto convenienti e ho visto qualche buona recensione ma si tratta di un servizio giovane…Avete in programma di testarlo?

    Rispondi
  4. Marta

    Grazie per i tuoi consigli e complimenti per l’articolo. Ho un sito wprdpress e fino ad ora è wprdpress che invia un’ email ogni volta che scrivi un post, ma vorrei qualcosa di più efficiente e utile, se possibile da inserire anche come plug-in da far comparire quando un utente di collega.
    Vorrei sapere:
    1- i contatti già in essere devo semplicemente ricopiarli in mailchimp?
    2-la newsletter di wordpress devo disattivarla?
    Grazie

    Rispondi
  5. Marco

    ciao
    sto scegliendo un’applicazione per invio news letter e oltre a Mail chimp mi avevano parlato bene anche di Voxmail…Lo conoscete? avete riscontri da darmi?
    Grazie!
    Marco

    Rispondi
  6. Paolo

    Buonasera, ho cominciato a usare Mailchimp e devo dire che è un prodotto.
    L’unico difetto che trovo sta nel fatto che l’indirizzo per le risposte non è l’indirizzo dichiarato dal mittente ma un indirizzo del tipo us7-xxxxxxxxxxx@inbound.mailchimp.com. Ho provato varie impostazioni ma non mi sembra di poter modificare tale impostazione. Il risultato è che chi rice la mail e fa rispondi, si vede questo indirizzo e pensa che sia un “fake” o qualcosa di peggio. C’è la possibilità di impostare il reply-to con l’indirizzo reale del dominio mittente?

    Grazie

    Rispondi
    • Andrea Di Rocco

      Ciao Max,
      attualmente è disponibile il servizio base a $4.95 all’anno, effettivamente non gratis ma comunque un prezzo contenutissimo.. grazie della segnalazione, aggiorneremo il post ;-).

      Rispondi
Mostra più commenti

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *