Guide

Come installare WordPress in locale su Mac con MAMP

Una guida chiara, gratuita e sempre a tua disposizione su come installare WordPress in locale su Mac. Scopri quali sono tutti i passaggi da seguire.

installare WordPress in locale su Mac con MAMP

Vuoi installare WordPress in locale su Mac? Nei paragrafi che seguono troverai tutte le istruzioni per configurare MAMP ed installare il CMS su computer con sistema operativo Apple.

Sviluppare il proprio sito in locale può avere diversi vantaggi. Innanzitutto, nel caso in cui stai realizzando un restyling di un sito esistente, non sarà necessario occupare spazio web o mettere in modalità manutenzione un sito già online.

Seconda cosa, lo sviluppo in locale di un sito nuovo permette di risparmiare tempo, perché non dovrai attendere i tempi di upload di file e immagini.

Infine, se vuoi aggiungere una funzionalità, cambiare il tema, usare un plugin su un sito già online, potrai effettuare i test in tutta sicurezza, anziché farlo direttamente sul sito online.

Seppur sia un’opzione gratuita, installare WP in locale con MAMP è più difficile che installarlo su hosting remoto. Se sei determinato ad avviare un progetto web, dai un’occhiata ai piani di hosting SiteGround, che includono uno strumento per l’installazione guidata di WordPress.

Domande? Dubbi? Perplessità? Niente paura!
La nostra Assistenza Prioritaria rapida e gratuita è qui per te. E in più, se acquisti uno spazio hosting su SiteGround (o altri hosting) tramite il nostro link, in esclusiva per te 32 video del nostro Corso WordPress, il più venduto di sempre.

Qui tutte le testimonianze

Come installare WordPress in locale su Mac con MAMP

1: Installa e configura MAMP in locale

MAMP permette di creare un server personale in cui installare WordPress in locale. Questo pacchetto include Apache, MySql e PHP (necessari per l’installazione di WordPress) ed anche Python e Perl.

Per prima cosa, visita il sito ufficiale MAMP e clicca Free Download. Sarà avviato il download di un pacchetto contenente sia MAMP che MAMP Pro: non ti preoccupare, per installare WordPress in locale su Mac è sufficiente la versione gratuita.

Terminato il download del file MAMP_MAMP_PRO_5.0.pkg, aprilo per avviare l’installazione di MAMP e completa i vari passaggi. Naviga nella cartella “Applicazioni” del tuo Mac e clicca MAMP (non MAMP Pro). All’interno di questa cartella clicca nuovamente MAMP. Quindi, seleziona “Launch MAMP”.

Arrivato a questo punto, apri il menu “MAMP > Preferences”.

installare WordPress su Mac - seleziona porte

Seleziona la tab “Ports” e digita nel campo “Apache Port:” il numero 80. Nel campo “MySQL Port:” digita invece “3306”. Oppure clicca sul pulsante “Set web & MySQL ports to 80 & 3306”.

Fatto questo, clicca la tab “Web Server”. Qui trovi due opzioni, Apache e Nginx. Dovrebbe essere selezionato Apache per default, e questo è corretto.

In questa tab puoi anche decidere in quale cartella verranno salvati i file del tuo sito, ossia la tua root. Troverai già impostata la cartella Applications > MAMP > htdocs di default, ma puoi selezionarne un’altra se lo desideri. Personalmente, preferisco sempre mantenere htdocs.

A questo punto, ti consiglio di provare a navigare all’interno della cartella htdocs, così da familiarizzare con la posizione della root del tuo sito.

Quando hai finito di lavorare all’interno di Preferences, clicca su OK, poi clicca “Start Servers” per avviare il web server.

installare WordPress in locale su Mac - start servers

Appena il server instaura il collegamento, si aprirà in automatico una nuova scheda nel tuo browser, chiamata “WebStart page”.

In qualunque momento puoi avviare questa pagina manualmente cliccando “Open WebStart page” dalla finestra di controllo di MAMP sul tuo desktop.

Supporto WordPress e assistenza SEO con SOS WP

2: Crea il database per il tuo sito

Per poter far funzionare il tuo sito WordPress, la prima cosa da fare è creare un database. Apri la pagina WebStart MAMP. Quindi, clicca phpMyAdmin.

Sul pannello di controllo phpMyAdmin, clicca “Databases” nel menu in alto.

Su questa nuova pagina, trovi una sezione chiamata “Create database”. Per il tuo database, scegli un nome composto da lettere minuscole e, se necessario, usa l’underscore (_) per separare le parole. Evita caratteri speciali, maiuscole e numeri: è meglio mantenere un nome semplice. Inserisci quindi il nome nell’apposito spazio, lascia la selezione “Collation” nel menu a tendina così com’è e poi clicca “Create”.

Il tuo nuovo database apparirà ora nella lista di quelli disponibili un po’ più in basso.

Prendi nota del nome del database che hai creato; ne avrai bisogno fra poco per installare WordPress in locale su Mac.

3: Carica i file core WordPress

Creato il database, dobbiamo ora caricare la cartella Core, ossia quella contenente i file di installazione di WordPress.

Per scaricare la cartella, visita il sito ufficiale WordPress e scarica WordPress in italiano oppure WordPress in inglese.

Terminato il download della cartella .zip, cliccaci sopra per estrarla.

Quindi, naviga all’interno della cartella root che hai configurato precedentemente con MAMP (nel mio caso, ho lasciato la posizione default Applications > MAMP > htdocs).

Sposta al suo interno la cartella che hai appena scaricato ed estratto. La cartella si chiama wordpress; ti consiglio però di rinominarla con il nome che vuoi dare al tuo sito. Nel mio caso, la chiamerò sitolocale.

Arrivato a questo punto, sei pronto per configurare l’installazione.

4: Configura l’installazione di WordPress in locale

Apri una scheda nel tuo browser e digita nella barra di ricerca http://localhost/nomedeltuosito. Io digito quindi http://localhost/sitolocale.

A questo punto, si aprirà una schermata dove ti viene chiesto di configurare il file wp-config.php. Clicca “Iniziamo” per procedere con la configurazione.

Si aprirà un’altra pagina con dei campi da completare.

Nel campo “Nome database”, digita il nome che hai dato al tuo database, di cui hai preso nota qualche passo fa.

Nel campo “Nome utente”, digita root.

Nel campo “Password”, digita root.

Il campo “Host del database” è completato automaticamente con la voce localhost, mentre “Prefisso tabella” con la voce wp_. Questi due campi vanno bene così e non è necessario modificarli.

Quando hai terminato clicca “Invia”, aspetta qualche secondo e sulla nuova pagina clicca “Eseguire l’installazione”.

Fatto questo, ti sarà richiesto di digitare le “Informazioni necessarie”: il Titolo del sito, il nome dell’utente, la password ed un indirizzo email associato.

Quando hai completato tutti i campi, clicca Installa WordPress.

Dopo questo ultimo passaggio, vedrai un messaggio di congratulazioni e potrai fare il login nel tuo nuovo sito WordPress!

Questi sono tutti i passaggi per installare WordPress in locale su Mac utilizzando MAMP. Con un po’ di attenzione, non dovresti riscontrare grossi problemi nel seguire queste istruzioni ed in pochi minuti sarai pronto per iniziare a configurare il tuo sito WordPress.

Per visualizzare il tuo sito, digita nella barra di ricerca del tuo browser http://localhost/nomedeltuosito. Come prima, nel mio caso sarebbe quindi http://localhost/sitolocale.

Per accedere alla tua bacheca, dovrai invece aggiungere wp-admin: http://localhost/nomedeltuosito/wp-admin.

Hai finito di costruire il tuo sito in locale e sei pronto per trasferirlo online? Abbiamo scritto una guida su come trasferire WordPress da locale a remoto.

Come installare temi e plugin su WordPress in locale

Prima di concludere, voglio spiegarti anche come installare temi e plugin in locale sul tuo nuovo sito. Questo va un po’ oltre all’installazione della piattaforma WordPress stessa però è fondamentale affinché tu possa lavorare sul tuo sito.

Per prima cosa, naviga sul sito del tema o plugin che vuoi installare. Scarica quindi la cartella .zip di installazione ed estraila.

Fatto questo, naviga all’interno della cartella del tuo sito in htdocs e trova wp-content > themes. Qui vedrai una lista di cartelle, una per ogni tema installato sul tuo sito. Incolla qui dentro anche la cartella del nuovo template che vuoi installare. Il template che hai appena aggiunto apparirà automaticamente nella tua Bacheca, in Aspetto > Temi.

Per installare i plugin devi fare la stessa cosa, navigando però in wp-content > plugins.

installare temi plugin locale

Conclusione

Siamo ora arrivati alla fine di questa guida su come installare WordPress in locale su Mac.

Sei riuscito a seguire tutti i passaggi e ad installare WordPress in locale?

Hai qualche dubbio o consigli per gli altri utenti?

Ti invito a lasciare il tuo commento qui sotto!

NOTA: Questa guida è stata pubblicata originariamente nel Gennaio 2016 ed è stata completamente riscritta e aggiornata per accuratezza e comprensibilità.

Comprare un dominio e uno spazio hosting WordPress su SiteGround

Altre guide della stessa
categoria

96 COMMENTI
Commenta
  1. Evelyn

    Ciao, ho installato MAMP e iniziato a lavorare in locale. Ho scaricato poi il tema AVADA e nel momento in cui vado a installare una demo, mi compare l’avviso che devo alzare il PHP Time Limit e il PHP Max Input Vars. Mi sapreste aiutare?

    Rispondi
  2. marzio

    Ciao
    sto tentando di installare MAMP. Il punto è che, una volta lanciato MAMP dalle applicazioni, non c’è nessuna possibilità di entrare nelle impostazioni, ma propone di entrare nel Cloud, di entrare nel loro sito oppure di attivare i server. Ho visionato altri tutorial ma pure loro danno le vostre indicazioni, forse hanno cambiato qualcosa di recente .

    Rispondi
  3. Aurora

    Ciao!
    Quando, dopo aver impostato mamp (ho dovuto lasciare le porte di default e non cambiarle con quelle fornite dalla vostra guida perché mi dava errori di accensione dei server), devo iniziare la configurazione di WordPress, ho dei problemi ad accedere al localhost del mio sito.
    Compare un messaggio di errore che mi dice di non avere i permessi per poter accedere al server.

    Come posso risolvere il problema?

    Rispondi
  4. Luca

    Ciao.
    Durante l’esecuzione di MAMP il server Apache non diventa verde e non mi fa completare l’esecuzione e se provo a cliccare su “Start servers” si apre una tendina con scritto “MAMP could not start its helper tool with admin rights to complete your request”. Come potrei risolvere questo problema oppure cosa mi consigliate di fare?

    Rispondi
    • Team

      Ciao Luca, sei utente ospite sul MAC? Dal messaggio parrebbe di si. Per concludere le procedure richieste, dovresti avere un account amministratore. Un saluto!

      Rispondi
  5. Enzo

    Ho lavorato in locale con MAMP, tutto ok! Il problema è che adesso ho scaricato l’aggiornamento (versione 5.01), e non riesco più a vedere il sito se vado all’indirizzo localhost/miosito. Quale potrebbe essere il problema?

    Rispondi
  6. Andrea

    Ciao, ho quasi terminato di costruire un sito WordPress in locale con Mamp Pro, ma non riesco ad accedere a phpMyAdmin… mi potete aiutare?

    Grazie
    Andrea

    Rispondi
  7. AnnaMaria

    Ciao mi chiedevo, se io avessi già la configurazione MAMP avviata per un sito precedente (che ora è online) e volessi creare uno nuovo in locale, potrei seguire la stessa guida? Dovrei cambiare qualcosa? Potete informarmi? Non vorrei creare casini. Grazie mille!

    Rispondi
    • Team

      Si, puoi creare un altro sito in locale, sempre usando MAMP. Di fatto, potrai aggiungere una nuova cartella in HTDOCS e in essa copiare i file di WordPress.org.

      Rispondi
  8. Valentina

    Ciao, ho scaricato l’applicazione MAMP, ma quando la apro non vi è il tasto “Launch MAMP” ma una semplice schermata con “Cloud-webstartpage-server”

    Rispondi
  9. Deborah

    Salve,
    sapreste indicarmi i passi per poter lavorare in locale con mamp su un backup scaricato tramite filezilla di un sito che era online?
    ps.
    per passi intendo: installazione e/o configurazione (come avete fatto per wp in locale) di un sito che era on line e deve essere usato ora x prove in locale.

    Ringrazio anticipatamente,
    con i migliori saluti.
    Debs

    Rispondi
Mostra più commenti

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *