La guida completa a GetResponse

La guida completa a GetResponse

Quale strumento usi per inviare le newsletter alla tua lista di contatti? Forse, la tua risposta è “MailChimp” o “aWeber”. Questi sono entrambi strumenti molto validi e popolari.

Negli ultimi tempi si sta però facendo conoscere sempre più GetResponse: è ormai diventato uno degli strumenti preferiti da alcuni tra i marketer più famosi e rispettati al mondo – tra cui Neil Patel di QuickSprout.

Iniziamo quindi la guida vedendo alcune delle caratteristiche che fanno di GetResponse uno strumento molto interessante.

Perché scegliere GetResponse

GetResponse

Prezzo competitivo

GetResponse ha moltissime funzionalità ed un costo piuttosto competitivo, in linea con altri servizi come MailChimp ed aWeber. I piani partono da €12 al mese.

Tradotto in italiano

Per chi ha meno di 2000 iscritti, MailChimp è ovviamente la soluzione più economica (è inizialmente gratuito. Se però superi i 2000 contatti e/o vuoi inviare email automatiche – i cosiddetti autorisponditori – dovrai in ogni caso sottoscrivere un piano a pagamento). MailChimp è inoltre interamente in inglese.

GetResponse ha invece un pannello di controllo interamente in italiano, che lo rende più facile da usare sia per te che per i tuoi collaboratori.

Generatore Landing Page

Questa è una funzionalità che non ho visto su altre piattaforme. All’interno del pannello di controllo GetResponse potrai creare una vera e propria pagina landing, ed assegnare ad essa un url personalizzato, così da renderla parte integrante del tuo sito.

Collega poi l’iscrizione attraverso la pagina landing ad un autorisponditore in cui invii, per esempio, le istruzioni per scaricare un e-book gratuito – e GetResponse diventerà un potentissimo strumento di marketing per il tuo business.

Raramente, gli strumenti per creare pagine landing (per esempio, OptimizePress e LeadPages) sono gratuiti. Non sottovalutare quindi questa funzionalità di GetResponse.

Nota! La funzionalità Landing Page è inclusa fino a 1000 visualizzazioni mensili. Attivare le Landing Page avanzate con visualizzazioni illimitate ha un costo di $14/mese.

Tasso di deliverability pari al 99%

GetResponse ha implementato diverse policy anti-spam. Per esempio, monitorare che le email inviate attraverso la piattaforma siano genuine, aiuta ad evitare che i messaggi invitati tramite GetResponse vengano contrassegnati dai servizi email come spam (e sfuggano probabilmente all’attenzione dei destinatari). Puoi accedere a maggiori informazioni su come GetResponse mantiene un tasso così alto di deliverability su questa pagina.

Immagini iStock gratuite

GetResponse è integrato con iStockphoto, un marketplace di immagini stock premium.

Sottoscrivendo uno dei piani a pagamento, avrai accesso a ben 1000 immagini gratuite. Per i progetti più importanti, potrai anche acquistare altre immagini premium dalla libreria iStockPhoto.

Le immagini sono disponibili all’interno del Multimedia Studio (questo si trova all’interno dell’area Account) e possono essere comodamente inserite direttamente all’interno del template che hai scelto per le tue newsletter.

immagini istock

GetResponse ha anche tutte le altre funzionalità “standard” di un ottimo strumento di email marketing, tra cui:

  • Autorisponditori per l’invio automatico di sequenze di email
  • Funzionalità per fare A/B split testing (non sai cos’è l’A/B slit testing? Leggi questa guida)
  • Centinaia di template responsive pronti da utilizzare
  • Strumenti per analizzare la performance delle tue newsletter
  • Funzionalità per vedere un’anteprima delle newsletter su dispositivi con schermi di diverse dimensioni
  • Strumento per la creazione di moduli di iscrizione da integrare sul tuo sito

eccetera.

GetResponse offre anche un periodo di prova gratuito della durata di 30 giorni.

Oltra ad avere tutte queste funzionalità interessanti, GetResponse è anche molto facile da usare.

Nella prossima sezione approfondiamo proprio il funzionamento base della piattaforma.

La guida completa a GetResponde – il funzionamento della piattaforma

Campagne ed iscritti

Quando crei un account GetResponse, la prima cosa che ti sarà richiesto di fare è creare una cosiddetta campagna.

Cos’è una campagna?

Pensa ad una campagna come ad una sezione delle tue attività di email marketing, che include iscritti, newsletter, autorisponditori, eccetera.

Per esempio, tutto ciò che riguarda l’invio di messaggi agli iscritti alla newsletter gratuita del tuo blog rientrerà in una campagna.

I messaggi e gli indirizzi email relativi alle persone che hanno acquistato un prodotto a pagamento, rientreranno invece in una campagna separata.

Le campagne sono, effettivamente, aree di lavoro nel contesto dell’email marketing.

Quando ti trovi all’interno della pagina principale del tuo account GetResponse (chiamata Dashboard) sotto al menu principale vedrai una piccola fascia grigia con un menu a tendina per selezionare la campagna su cui lavorare.

Da qui puoi anche creare nuove campagne e modificare le informazioni di quelle esistenti (cliccando la rotellina alla destra del menu).

campagne getresponse

Come tradurre le tue campagne in italiano

Se vuoi che tutti i messaggi relativi alla tua campagna – tra cui anche le pagine di conferma – siano in italiano, segui questi passaggi:

  • seleziona la campagna e clicca la rotellina per modificarne le impostazioni generali
  • all’interno della pagina contrassegnata dalla tab “Generale”, assicurati che nel campo “Lingua campagna” sia selezionato “Italiano”.

Come aggiungere iscritti ad una campagna?

Continuiamo questa guida su GetResponse vedendo come aggiungere indirizzi email alle tue campagne.

Ci sono diversi modi:

  • Importare iscritti Probabilmente, questa funzionalità ti sarà utile se passerai a GetResponse da un altro servizio di email o se raccogli indirizzi email con carta e penna e li aggiungi poi manualmente online. Semplicemente, nel menu principale naviga in Contatti > Aggiungi Contatti.

importa contatti getresponse

Qui puoi incollare indirizzi email nell’area di testo, caricare un file oppure anche creare un collegamento tra GetResponse ed altri servizi integrati (per esempio, Google docs e zendesk).

E’ importante notare che gli indirizzi email aggiunti attraverso una delle funzionalità di importazione non risultano immediatamente all’interno della tua campagna GetResponse.

Infatti, proprio per evitare che la piattaforma venga usata in modo legittimo e non a fini di spam, gli indirizzi email vengono controllati ed approvati manualmente dal team GetResponse.

  • Moduli web Gli utenti possono iscriversi alle tue campagne attraverso moduli personalizzati. Per creare un modulo, naviga in Moduli Web > Crea nuovo.

 Qui potrai creare un form personalizzato e, arrivando alla tab “Pubblica”, copiare i codici Javascript/HTML da incollare sul tuo sito.

  • Inserire un modulo su Facebook

Sotto ai codici Javascript/HTML vedrai anche un bottone chiamato “Pubblica sulla pagina fan di Facebook”. Usando questa funzionalità, abiliterai l’app GetResponse per Facebook ed inserirai un modulo di iscrizione direttamente all’interno della tua pagina sul social network.

Questa è una funzionalità particolarmente utile se al momento non hai un sito web, ma vuoi comunque che gli utenti possano iscriversi alle tue campagne automaticamente.

  • Landing Page

Ho già menzionato questa funzionalità in una sezione precedente. Usando GetResponse potrai creare una Landing Page a cui assegnare un url GetReponse oppure un url contenente il tuo dominio. Per trovare questa funzionalità, naviga in Landing Page > Crea.

  • Iscrizioni via email

Se desideri, puoi anche permettere agli utenti di iscriversi alle tue campagne via email, semplicemente inviando un’email ad un indirizzo del tipo: campaign@getresponse.net (dove “campaign” sarà sostituito dal nome della tua campagna)

E’ necessario attivare questa funzionalità nelle impostazioni generali della singola campagna.

Creare newsletter

Configurata la campagna ed importati gli indirizzi email degli iscritti, sei pronto per creare la tua prima newsletter.

Dal menu di navigazione principale, naviga in Messaggi > Crea newsletter. Da qui puoi accedere al Generatore e-mail.

Qui puoi scegliere uno dei template preprogettati o iniziare da zero (se crei un template personalizzato iniziando da zero, puoi comunque salvarlo come modello per le newsletter successive).

template getresponse

Il procedimento per creare ed inviare le newsletter è poi abbastanza semplice. Ci sono vari passaggi da seguire e, arrivato al termine, potrai selezionare i destinatari, vedere un’anteprima dell’email, inviarla immediatamente oppure programmarla per il giorno e l’ora che desideri.

Tutte le tue newsletter (sia quelle inviate che le bozze) vengono salvate in Messaggi > Mie Newsletter.

Autorisponditori

L’ultima funzionalità che vedremo in questa guida completa a GetResponse sono gli autorisponditori.

Un autorisponditore è un’email che viene inviata in automatico all’utente, solitamente dopo un certo intervallo di tempo dall’iscrizione alla campagna. 

Questa funzionalità è estremamente potente perché ti permette di tenerti in contatto con gli iscritti per la durata di un arco di tempo piuttosto prolungato… facendo effettivamente nulla! 

Usando GetResponse potrai iniziare a creare i tuoi autorisponditori in Messaggi > Crea autorisponditore.

I messaggi vengono creati come le newsletter standard. L’unica differenza è che potrai, appunto, specificare dopo quale intervallo di tempo inviarli all’utente. Nell’immagine qui sotto vedi la schermata di configurazione:

getresponse autorisponditore

Anche in questo caso, il processo di configurazione degli autorisponditori è guidato e molto semplice. Inoltre, essendo interamente in italiano non dovresti riscontrare grosse difficoltà.

Conclusione

Siamo arrivati alla conclusione di questa guida a GetResponse. Come ho menzionato, questo strumento ha tante altre funzionalità: oggi abbiamo visto quelle fondamentali.

Ora ti chiedo: hai mai provato questo strumento? Ti è sembrato valido oppure ne preferisci un altro, come MailChimp? Ti invito a lasciare il tuo commento qui sotto all’articolo. Alla prossima guida.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

[PROMO LIMITATA] 50% SU HOSTING SITEGROUND + ASSISTENZA SOS WP GRATIS

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
96 commenti
  1. dice:

    Ciao Andrea,
    complimenti per l’articolo molto chiaro. Attualmente sto usando Aweber ma sto riscontrando una serie di problemi tecnici non da poco e una strana mancanza di risposte da parte dell’assistenza e quindi sto pensando di cambiare… Aweber ha una funzionalità molto utile che permette in automatico di spostare un iscritto da una lista ad un’altra (tipo da lead a customer); sai se su getresponse è possibile fare la stessa cosa?
    Grazie
    Giovanni

    Rispondi
  2. dice:

    ciao Andrea , buongiorno , oggi inizio a gestire getresponse, sono ai primi passi. Hai qualche suggerimento da darmi su gli indirizzi email da utilizzare? Devo utilizzar il mio vecchio indirizzo Yahoo o conviene crearne uno nuovo? deve essere collegato al sito che sto costruendo ? grazie. non vorrei dar i primi passi, e poi pentirmi per non avermi presso cura dal inizio. grazie ancora

    Rispondi
  3. dice:

    Ciao,
    sto iniziando ad utilizzare GetResponse e sto cercando prima di tutto di capire come funziona.
    Per ora abbiamo due possibilità di arrivo sulla nostra Landing Page, una tramite una ricerca su google ed una tramite una mailing lista nostra. Visto che è una domanda che riguarda una funzione non immediata di GetResponse, nel senso che nei tutorial ci sono informazioni solo sulle impostazioni preliminari, non sull’utilizzo successivo dei risultati, volevo sapere se era possibile sapere che tipo di informazioni offre GetResponse in questi due casi e se secondo voi sarebbero da elaborare separatamente oppure anche con una unica campagna. Conosci Tutorial loro e hai scritto articoli su questo?

    Grazie comunque per l’articolo approfondito e ben fatto

    Rispondi
  4. dice:

    Ciao Andrea,
    vorrei registrare la sessione di un webinar ( funzione che uso abitualmente ) ma all’attivazione della funzione compare questo messaggio:
    “La capacità di registrazione della libreria è piena. Per favore rimuovere le vecchie registrazioni nel pannello per fare spazio per le nuove”
    Non ho memoria di avere registrato altri filmati, ma comunque, dove posso verificare ed eventualmente cancellare tali filmati ? dalla funzione webinar non si accede a nessun pannello.
    Grazie per la disponibilità
    Stefano

    Rispondi
      • dice:

        Ciao Andrea,
        dovrei avere il 500 ( devo verificare), ma in passato registravo senza problemi.Ho scaricato ed eliminato i video, ho cancellato i precedenti webinar. Dal pannello sono andato nella sezione Studio Multimediale e tutto è vuoto, la memoria disponibile è massima. In teoria, avendo cancellato tutto dovrei avere ancora 2 o 4 ore di registrazione ( dipende dal piano) ma invece sono bloccato.
        Quindi la domanda è la seguente: come posso sbloccare ( o verificare ) la memoria residua ?
        Stefano

        Rispondi
  5. dice:

    Ciao Andrea, post veramente interessante. Utilizzo getresponse ma qualcosa sfugge sempre.

    Volevo chiederti se sai dirmi innanzitutto per far scaricare un ebook dal mio sito se è obbligatorio la casellina con il flag della privacy e se la risposta è si, sai come inserirlo nella creazione dei moduli di getresponse? Non trovo da nessuna parte la possibilità di inserire un link sotto al nome e cognome.

    Grazie mille

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Attilio, puoi inserire (a tua discrezione) il campo Privacy nel form. Crei l’etichetta “Privacy”, e poi selezioni il campo personalizzato “Checkbox”, selezionando la casella “Obbligatorio”, durante la creazione. Un saluto!

      Rispondi
    • dice:

      Ciao, dovresti andare nel menù “Contatti” e cliccare poi su “Aggiungi campo personalizzato”. Nella prima riga scriverai “privacy” (tutto minuscolo). Nella seconda riga non indicherai nulla; nella terza riga scegli “Checkbox” e, infine, nell’ultima riga, scrivi “Autorizzo al trattamento dati…”
      Spero di esserti stata d’aiuto.

      Rispondi
  6. dice:

    Ciao, avrei una domanda dato che uso già Getresponse. Nel mio modulo da far compilare al cliente ho inserito i campi: nome, telefono, mail e Cap per poter vedere la zona geografica che per noi è molto importante dato che dobbiamo smistare i clienti x zona. Ti chiedo: perché non c’è modo di vedere il cap che loro inseriscono? Non lo leggo ne nella lista di contatti ne nella mail di notifica che ricevo sulla mia mail…. Allora è inutile come campo??

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Silvio, saranno eventualmente degli utenti a farti presente che le NL sono arrivate nella loro cartella SPAM. Un saluto!

      Rispondi
  7. dice:

    Ciao, grazie mille per quello che scrivi.

    Volevo sapere se c’è un modo peer spostare la persona presente da “LiSTA MAIL X” alla “LISTA MAIL CLIENTE” in automatico subito dopo che ha pagato su paypal.

    Grazie mille

    Rispondi
  8. dice:

    Ciao Andrea, i miei complimenti di cuore, pensa sono 28 anni che lavoro online e su siti e blog, micidiali per chi fa internet-marketing e per chi fa, come me, networking da multilevel puro di struttura… Ma diciamo… Propio per tutto e tutti…
    Pensa, mi complimento veramente, sebbene arrivi dalla scuola di molti anni fa, dei due soci di Empower Network ancora quando non esisteva in italia, blogger famosi su cui hanno costruito un impero sulle basi dell’insegnamento di boggare, il che sembra semplice ma non lo è… Infatti, sia la parte SEO, indicizzazione, che la parte tecnica è in continuo mutamento e personalmente, utilizzandoli ancora siti blog, land-in e quant’altro, il tuo sito mi piace, costruito con criterio, all’apparenza semplice ma attraente, poi di semplice per chi ha studiato un po’ il settore, non lo è per niente e da questo senza dilungarmi, mi piacerebbe molto conoscerti, sia per valore di amicizia e sia per una eventuale collaborazione, sempre se vuoi, concedimi un abbraccio ed un’augurio di una serena continuazione … Davide Zanella / Email: dzanella7@gmail.com

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Davide,
      grazie dei tuoi complimenti, fanno molto piacere a me e al mio team. Continua a seguirci, abbiamo tante nuove guide in arrivo!

      Rispondi
  9. dice:

    Ciao, Sto riscontrando Dei problemi con gli autorisponditori. Ne ho impostati 5. Ieri sarebbe dovuto partire l’invio della seconda mail e lo avevo impostato alle 13:00 e invece è stata inviata alle ore 16:36. Oggi invece la mail che ieri è partita in ritardo ha funzionato alla perfezione, ma la 3 mail non è proprio partita. Sai per caso da cosa potrebbe dipendere?
    Grazie mille in anticipo per l’eventuale risposta
    Lia

    Rispondi
  10. dice:

    Ciao Andrea,
    complimenti per la tua guida e grazie grazie grazie per dare una mano a una persona come me che ha delle grosse difficoltà a capire il linguaggio informatico :-)
    Io ho creato landing page con optimizepress, che contiene ovviamente un modulo web suo di acquisizione e-mail. Voglio usare getresponse per l’autorisponditore… per cui ti chiedo: adesso come faccio a integrare le 2 piattaforme?

    Rispondi
  11. dice:

    Ciao Andrea, intanto complimenti per la tua iniziativa.
    E’ spiegato veramente bene.
    Ciò che volevo chiederti, non essendo abbastanza ferrato per l’argomento, è la seguente:
    dal momento che voglio utilizzare getresponse per tutto (autorisponditore, creatore di webform e di landing page) come faccio a collegare la landing page fatta con getresponse al mio sito?
    e poi ancora, ho visto che per i webform, non appena pubblicati, getresponse ti rilascia un modulo in java che deve essere collegato al proprio sito ma come faccio invece ad avere il codice html?
    Grazie.

    Rispondi
  12. dice:

    Ciao Andrea
    sono un neofita. Ho creato un modulo web, l’autorisponditore e la landig page.
    ora vorrei impostare una campagna su Facebook ma non riesco a collegare il modulo web a facebook poichè facebook ads mi chiede di rifare il modulo.
    Come si fa a far dialogare facebook con il mio modulo web

    Rispondi
  13. dice:

    Ciao e complimenti per la guida,
    ho acquistato questo servizio e non riesco a creare la casella download, ho caricato il file sullo studio multimediale, ma non capisco come agganciare un modulo per attivare il download.
    Grazie in anticipo

    Rispondi
  14. dice:

    Ciao Andrea, complimenti per il sito e per questo interessante articolo, mi hai quasi convinto ad acquistare GetResponse. Stavo valutando il piano da 39/mese. Sai se anche con questo piano c’è il limite per le landing page di 1.000 visualizzazione al mese?

    Questo piano prevede 3 account, che tu sappia il limite di 5.000 mail è per ogni account?

    Grazie
    Marco

    Rispondi
  15. dice:

    Ciao Andrea,
    complimenti per questa guida e per l’utilissimo sito che tanto mi ha aiutato anche nel passato.
    Utilizzo GetResponse ed ho una lista composta da utenti che scaricano un mio ebook gratuito e di conseguenza danno il consenso all’iscrizione della newsletter.
    Vorrei chiederti invece qual’è il procedimento corretto per inserire in GetResponse chi acquista un prodotto al di fuori di quella lista, in modo da poterlo ricontattare con una newsletter per aggiornamenti ecc.. Il pagamento dei clienti avviene tramite PayPal e la loro email. (E il loro consenso in questo caso?)
    Grazie! Cordiali saluti. Fabio

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Fabio,
      ti suggerisco di creare una landing page che prevede un box per attivare il loro consenso alla iscrizione dei clienti alla tua newsletter, prima di processare il pagamento direttamente.
      Un saluto!

      Rispondi
  16. dice:

    Ciao Andrea.
    Ho notato che aprendo le email da smartphone risultano scritte con caratteri molto piccoli.
    Da pc e da tablet invece nessun problema di visualizzazione troppo piccola.
    Con quale misura devo scriverle per essere sicuro che vengano visualizzate anche da uno smartphone senza bisogno di impazzire per leggerle?
    Ti risulta? Magari sbaglio qualcosa nelle impostazioni?

    Rispondi
    • dice:

      Salve Angelo,
      prova a dare una occhiata alle impostazioni, considera che però non hai il massimo come qualità responsive da questo strumento.
      Jn saluto!

      Rispondi
  17. dice:

    Segnalo che i moduli di GetResponse non sono responsive. Ripeto: NON sono responsive.

    Hello

    Thank you for contacting GetResponse,

    The webforms created on the GetResponse system are not mobile responsive at
    this time
    https://support.getresponse.com/faq/are-the-web-forms-mobile-responsive
    This is a requested feature but there is no turn around time for then this
    will be implemented

    We do apologize for this inconvenience

    Thank you and if you have any other questions please let us know

    Matt
    Customer Success Team
    GetResponse.com

    Customer:

    Question:
    Hi GetResponse! Is this for real? I tried to insert a form into a blogpost,
    and it really seems to be not responsive. In 2016 still exist something not
    responsive?

    Please, tell me that it was my fault and that I didn’t understand how to.

    Thank You
    Cosimo

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Cosimo,
      grazie della segnalazione. So che ci stanno lavorando, ma appunto non hanno una deadline per questa implementazione.
      Grazie ancora, un saluto!

      Rispondi
  18. dice:

    Ciao, e complimenti per il tuo lavoro. Utilizzo get response da circa un’anno e non essendoci supporti, se non in lingua inglese, che parlo poco, ho trovato nel tuo sito alcune risposte alle mie domande.
    Ma ne avrei una in particolare:
    alcuni iscritti mi hanno comunicato che ricevono l’email con l’oggetto leggibile, ma quando la aprono è vuota, nel senso che appare senza testo.
    Sai a cosa possa essere dovuto?
    Non credo sia una questione di spam, altrimenti non la riceverebbero nemmeno….in alcuni test che ho fatto, con altri indirizzi va tutto bene, ma con alcuni ho avuto questo problema…ti è mai capitato?

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Angelo,
      bisognerebbe capire quale strumento utilizzano per aprire la posta.
      Valuta questo aspetto, e fammi sapere! Un saluto!

      Rispondi
  19. dice:

    Ciao Andrea
    Bellissima è utilissima guida.. Ma non riesco a trovare come assegnare un dominio già di mia proprietà alla landingpage da me creata..
    Grazie mille per l’aiuto…
    Giacomo

    Rispondi
  20. dice:

    Ciao Andrea…complimenti…una domanda…con getresponse si può quindi creare una landing page a cui collegare un autoresponder e fare pubblicità su una pagina fan di facebook per vendere un prodotto?..non ho intenzione infatti né di avere un blog né di avere un sito

    Rispondi
  21. dice:

    Buongiorno Andrea;
    Sto apprezzando molto i contenuti del suo Blog ed avrei una domanda al riguardo dell’ autorisponditore Getresponse: tutto mi pare magnifico solo che c’è ancora una cosa che mi trattiene dall’adottarlo…, per me fondamentale: Nel sito ufficiale si parla di una Delivery del 99% (superamento dei filtri anti-spam) ma non sono proprio certo che sia così.
    Mi spiego meglio: ricevo di quando in quando delle newsletter alle quali mi sono iscritto, fra le quali, -appunto-, da parte di fruitori del nominato autoresponder. Il problema? Me li trovo nella cartella degli spam!!
    => Come devo interpretare ciò? => Le newslettter che invece provengono dai fruitori di Aweber, puntualmente mi arrivano correttamente.
    =>> Mi attira molto il vasto ventaglio di “accessori” offerti da Getresponse, per molti versi mi paiono di gran lunga superiori a quelli di Aweber, solo che… => che me ne faccio di mirabolanti accessori se poi i miei messaggi non arrivano drittti dritti ai miei utenti?

    Attendo con vivo interesse la sua considerazione in merito.
    Complimenti per il modo con il quale sa condividere il suo sapere!

    Cordialità,
    Denis D.

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Denis,
      sinceramente non ho avuto problemi di spam con ambedue i servizi.
      Grazie alla integrazione di SpamAssassin in Getresponse, ritengo che sia improbabile che le email non superino i controlli anti spam.
      Può darsi che chi ti ha inviato le email utilizzando Getresponse, non abbia utilizzato questa risorsa nella maniera adeguata.
      Questa è la mia esperienza, ti invito ad effettuare dei test per verificare anche tu questo livello di sicurezza.
      Fammi sapere, un saluto, e grazie dei tuoi complimenti!

      Rispondi
  22. dice:

    Ciao Andrea
    Prima cosa straaa complimenti per la guida!! Io ho un problema con getresponse che davvero non riesco a risolvere Allora ho comprato in associazione a getresponse anche leadpages perché avevo bisogno di creare una leadbox per Facebook e così ho fatto sono riuscita ed è tutto funzionante il mio problema è che poi ho creato un autoresponder con getresponse che vorrei fosse inviato ogni volta quando qualcuno mi compila il form con leadbox ma non succede..ovvero entrambi funzionano ma non riesco a collegarlimi puoi aiutare?? Sto impazzendo grazie mille!!!

    Rispondi
  23. dice:

    Ciao Andrea,
    ho una domanda.
    Mi chiedevo se ci fosse un modo per inviare una newsletter a molte persone, come fosse una Ccn di una mail tanto per intenderci.
    Esiste un’opzione che mi permetta di fare questo su GetResponse?

    Grazie in anticipo! :)

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Giorgia,
      puoi creare una lista di contatti, a cui mandare una email simultaneamente.
      Ho capito bene la tua domanda?
      Un saluto, e grazie del tuo commento!

      Rispondi
      • dice:

        Ciao Andrea,
        ti spiego quel che ho fatto.
        Ho importato i contatti da un foglio Excel e una volta inviata la newsletter agli indirizzi importati succedono due cose:
        1) Il destinatario è seguito dalla voce A: Friend: blabbla@.com.
        Cosa vuol dire? Come posso cambiare la voce “Friend”?
        2) Su alcuni Apple, se clicchi “Friend”, esce la lista degli indirizzi mail ai quali spedisci la newsletter, su altri computer no. Mi chiedevo se ci fosse un’impostazione per nascondere i recapiti sempre fin dall’inizio.
        Quando ricevo una newsletter non vedo mai altri destinatari e soprattutto leggo solo il mio indirizzo senza voci strane, come “Friend” in questo caso.
        Potrebbe essere dovuto al fatto che sto usufruendo di Getresponse nel periodo di prova?

        Grazie mille per la disponibilità!

        Rispondi
        • dice:

          Ciao Giorgia,
          ti consiglio di contattare direttamente il supporto di GetResponse, https://support.getresponse.com/faq.
          Per quanto riguarda la voce “Friend”, puoi gestire le tue liste nelle impostazioni del plugin.
          Controlla attentamente i settings, e manda anche a te la newsletter come verifica e test.
          Un saluto, fammi sapere!

          Rispondi
  24. dice:

    Ciao, volevo sapere cosa è possibile fare con un singolo autoresponder e quanti autoresponder possono essere creati. Sui piani di affiliazione non è specificato questo dato. Grazie

    Rispondi
  25. dice:

    Ciao Andrea, come sempre i tuoi articoli sono una manna dal cielo.
    Sai dirmi perché dopo aver creato un modulo con getresponse, nell’andare a inserire il codice che esso genera
    “” in una pagina di wordpress quando vado a pubblicarla non me lo fa vedere?
    Grazie mille

    Rispondi
  26. dice:

    Ciao Andrea, da pochissimo ho preso in mano il mio sito, che prima mi gestiva un amico, che però è fatto con wix. (le mie modifiche non le ho ancora pubblicate). Ho scaricato il getresponse e volevo collegarlo al sito, seconde te è possibile con wix?

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Rossana,
      mi dispiace, non ho mai lavorato con Wix e non posso dunque rispondere alla tua domanda.
      Ho aiutato diversi miei clienti a passare da Wix a WordPress, perché volevano realizzare un sito più personalizzabile e performante.
      Se ti serve aiuto scrivi a supporto@sos-wordpress.it
      Fammi sapere, un saluto!

      Rispondi
  27. dice:

    Ciao Andrea,

    complimenti per la guida ben fatta e chiarissima. Sto testando da qualche settimana GetResponse e mi sembra veramente una spanna sopra a Mailchimp; l’unica parte che mi convince poco è la gestione dei contatti, ma forse non l’ho capita bene io…

    Fino a qualche settimana fa utilizzavo Mailchimp e se volevo aggiungere ad esempio il campo “data di nascita”, era molto semplice: aprivo la lista di contatti, inserivo il custom field ed era praticamente attivo per tutta la lista, quindi mandavo una newsletter a tutta la lista in cui chiedevo di aggiornare la propria data di nascita.

    Sto provando ad implementare la stessa cosa su GetResponse ma sto diventando pazzo, sembra quasi impossibile farla; dall’assistenza mi dicono che l’unico modo è inserire un campo nascosto con un valore di default all’interno del modulo web creato. Mi sembra assurdo che io non possa decidere di avere dei campi personalizzati già attivi per la mia lista di contatti, anche vuoti ma debba utilizzare un web form…

    Hai qualche consiglio?

    Grazie mille!

    Rispondi
      • dice:

        Grazie mille, avevo dato un occhio alla guida.
        Comunque tutti gli indirizzi mail importati sono stati associati correttamente a i campi personalizzati ;) | Ho impostato anche i campi nascosti come suggerito dalla guida di GetResponse ed ora funziona tutto a meraviglia.

        Devo dire però che Mailchimp su questo aspetto è migliore ;)

        Rispondi
        • dice:

          Ciao,
          Senza dubbio MailChimp per questo è un po’ più semplice, però mi fa molto piacere che tu sia comunque riuscito a trovare una soluzione ;)
          A presto,
          Andrea

          Rispondi
  28. dice:

    Ciao Andrea! Ringraziandoti per i tuoi sempre opportuni spunti ed interessanti consigli, voglio chiederti:
    come mai, dopo aver creato la pagina autoresponder collegata alla mia landing page, non riesco a raccogliere le mail inserite e (le stesse) non ricevono la mia mail di benvenuto?
    Grazie in anticipo!

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Antonio,
      Grazie a te per il commento!
      La lista collegata alla landing, e la stessa collegata all’autorisponditore?
      Buona giornata,
      Andrea

      Rispondi
  29. dice:

    Non so a chi chiedere, ho postato un post di leadpage su facebook ma non si vede sono neofita mi puoi aiutare grazie. buna giornata

    Rispondi
  30. dice:

    Ciao Andrea allora una cosa volevo chiederti se io faccio la pagina HTML la monto su WordPress è possibile integrare getResponse con un plugin? O altrimenti io creo la pagina HTML poi tramite il sito di getResponse costruisco il form per i contatti e di conseguenza mi viene generato il codice HTML da integrare nella pagina scritta da me(intendo codice)?

    Rispondi
  31. dice:

    Ciao Andrea
    Tutto molto interessante.
    Volevo sapere come si fa tecnicamente ad utilizzare la Landing page ad un sito già esistente che lavora con magento.
    Come posso collegarle ??

    Rispondi
  32. dice:

    Ciao, grazie per la guida innanzi tutto. Ho un dubbio che non viene chiarito.
    Impostando gli autorisponditori, nel caso dei nuovi iscritti ad esempio, chiede se inviare subito il messaggio e subito sotto chiede di scegliere almeno un giorno della settimana. Perché devo per forza scegliere un giorno della settimana se voglio solamente che il messaggio sia inviato subito dopo l’iscrizione e basta?
    grazie in anticipo

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *