La struttura tecnica di WordPress: guida base

struttura-tecnica-di-wordpress-guida-base

In questa guida troverai un’introduzione alla struttura tecnica di WordPress. Vedremo come sono organizzati i file che costituiscono un sito costruito con WordPress, e quali sono i linguaggi di programmazione utilizzati.

Anzi, iniziamo proprio da quest’ultimi.

I linguaggi di programmazione di WordPress

La piattaforma WordPress è scritta utilizzando i seguenti linguaggi:

  • PHP
  • CSS
  • HTML
  • JavaScript

Per quanto riguarda il database, WordPress utilizza invece MySQL.

Sei ti interessa iniziare a programmare su WordPress, il linguaggio principale che dovrai imparare è sicuramente il PHP. Sono infatti scritti in PHP tutti i file che contengono le funzioni principali della piattaforma, anche quelle usate per comunicare con il database.

C’è poi il CSS, usato per definire il look della piattaforma e quindi molto importante per personalizzare l’aspetto dei siti, differenziandoli da tutti gli altri.

L’HTML è invece il linguaggio di markup usato per formattare ed impaginare i contenuti.

CSS ed HTML sono senza dubbio molto, molto più semplici da imparare rispetto al PHP. Inoltre, potrai iniziare a sperimentare con entrambi direttamente nell’Editore Visuale disponibile all’interno della Bacheca.

A questo proposito ti consiglio di leggere le due guide introduttive che abbiamo pubblicato su questi linguaggi di programmazione: qui trovi quella sul CSS, mentre qui è disponibile quella sull’HTML.

Oltre a PHP, HTML e CSS, WordPress utilizza in misura molto minore anche un po’ di JavaScript.

Bene, ora che sai quali sono i linguaggi usati, passiamo alla struttura tecnica di WordPress, guardando come sono organizzati i file.

La struttura tecnica di WordPress: installazione base

Tutti i siti costruiti con WordPress hanno in comune il pacchetto ‘core’, cioè l’installazione base della piattaforma. Questo pacchetto di file serve ad implementare le principali funzionalità del CMS, comuni a tutti i siti che lo usano.

Se vuoi navigare tu stesso all’interno delle cartelle e dei file che costituiscono WordPress ti consiglio, prima di tutto, di fare un’installazione di prova su un sotto-dominio. Avere un sito di prova ti permetterà di evitare errori accidentali sul tuo sito principale!

Quindi, connettiti al tuo server tramite un FTP client (puoi usare FileZilla). In alternativa, puoi anche accedere alla directory public_html dal File Manager disponibile all’interno del cPanel.

Iniziamo a dare un’occhiata al contenuto della cartella public_html. Solitamente, qui è dove si trova l’installazione di WordPress. Vedrai alcune cartelle (tecnicamente chiamate directories) ed alcuni file.

File nella cartella public_html

In questa cartella ci sono diversi file; i più importanti sono:

  • wp-config.php dove si trovano alcune configurazioni molto importanti, come i codici per collegare i file al database.
  • index.php, di solito usato per visualizzare l’homepage.
  • .htaccess, dove ci sono i codici per configurare gli url, eventuali ridirezioni, eccetera.

Directories nella cartella public_html

All’interno della cartella public_html ci sono poi altre directories.

public-html

Cartella wp-admin

Come puoi intuire dal nome, nella directory wp-admin si trovano i file usati per implementare le funzionalità di amministrazione di WordPress.

All’interno di wp-admin ci sono diversi file in formato php, ed altre cartelle chiamate css e js. All’interno di queste directory, ci sono a loro volta i file in formato CSS e JavaScript utilizzati per le pagine di amministrazione.

Cartella wp-include

Nella directory wp-include si trovano file particolarmente importanti che con molta probabilità non avrai bisogno di modificare. Si tratta di file che stanno al cuore del funzionamento di WordPress e dovrebbero essere modificati solo da programmatori molto esperti.

Cartella wp-content

Questa è invece la directory all’interno della quale forse lavorerai più spesso. Infatti, è qui che si trovano i file dei temi e dei plugin – rispettivamente, in una cartella chiamata themes ed in un’altra chiamata plugin.wp-content

Ti interessa sapere come installare temi e plugin via FTP? Leggi il nostro tutorial!

Ciascun tema / plugin ha, a sua volta, una directory. In questo modo, gestire temi e plugin diventa molto semplice. Per installare un nuovo strumento ti basterà caricare all’interno di themes o plugins la cartella .zip fornita dallo sviluppatore ed estrarla.

Conclusione

Ovviamente, questa è solo una brevissima introduzione alla struttura tecnica di WordPress. Potremmo parlarne per numerosi post. Se sei agli inizi, questo è comunque un buon punto di partenza.

Se vuoi fare un po’ di pratica, ti consiglio senza dubbio di iniziare a navigare tra le directory, in particolare quelle di temi e plugin. In un altro post, parleremo invece dell’organizzazione del database.

Come sempre, per qualunque domanda ci vediamo nei commenti qui sotto al post.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

[PROMO LIMITATA] 50% SU HOSTING SITEGROUND + ASSISTENZA SOS WP GRATIS

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *