Guide

La guida ai migliori Visual Builder per WordPress

5 visual page builder per WordPress

I visual builder per WordPress sono degli strumenti che ti permettono di costruire dei siti web in tempi record. In questo articolo, vedremo insieme 5 visual page builder che possono aiutarti a mettere su il tuo sito in tempi più contenuti.

A cosa servono i visual page builder?

Grazie ai page builder puoi inserire degli elementi pre-costruiti nelle pagine, spostarli e vedere subito come vengono visualizzati.

I page builder visuali sono un’invenzione recente. Agli inizi di WordPress, chi non sapeva scrivere codice non aveva vita facile e doveva rivolgersi a degli sviluppatori anche per lanciare un semplice sito vetrina, una landing page, oppure per modificare una pagina esistente.

Con la successiva introduzione degli shortcode, il processo di sviluppo si è accorciato, permettendo anche a chi non conosceva bene l’HTML di modificare il proprio sito.

Le cose sono cambiate davvero, però, solo con l’arrivo dei visual page builder. Grazie a questi strumenti, gli sviluppatori riescono a costruire siti in tempi record e gli utenti meno esperti possono costruire da soli pagine e articoli.

Come scegliere un page builder?

Come abbiamo visto, i page builder permettono agli utenti di trascinare elementi nelle pagine, in modo da aggiungere caroselli, video, immagini, colonne, portfolio, gallerie di prodotti e molto altro.

Esistono tanti strumenti gratuiti e a pagamento che, pur avendo lo stesso scopo finale, funzionano in modo diverso. Sta a te capire quale si adatta meglio alle tue esigenze.

I fattori principali da considerare quando scegli quale strumento usare sono:

  • Moduli disponibili – i vari page builder offrono dei modelli unici. Assicurati che la tua scelta ricada su una soluzione che includa tutti gli elementi che ti servono.
  • Interfaccia – alcuni degli strumenti più completi possono richiedere tempo per capire come usarli al meglio. Non abbatterti alla prima difficoltà, ma non scegliere nemmeno uno strumento troppo difficile da usare.
  • Rapporto qualità / prezzo – se scegli una soluzione a pagamento, assicurati di usarne al meglio le funzionalità.
  • Opzioni – è possibile personalizzare i moduli, il design e i permessi dei vari utenti?

Adesso che sappiamo quali aspetti considerare, passiamo a esaminare i 5 page builder che ci piacciono di più.

#1 Page Builder by SiteOrigin

Site Origin Page Builder

Con oltre 1 milione di installazioni attive, il Page Builder di Site Origin è una delle soluzioni più popolari su WordPress.

È disponibile in versione gratuita sul catalogo di WordPress e in versione premium a $29.

Page Builder ti permette di inserire dei widget all’interno delle pagine del tuo sito. 6 elementi di base sono inclusi nella versione gratuita: galleria, imagine, video, post loop, pulsanti, call to action, liste, riquadro prezzo, immagine animata e testimonial.

Vantaggi

  • Supporta i widget per WordPress
  • Registra la cronologia dei cambiamenti, permettendoti di tornare agevolmente alle version precedenti.
  • L’interfaccia è intuitiva e funzionale.

Svantaggi

  • Si tratta di una soluzione meno sofisticata rispetto alle alternative.
  • La versione gratuita comprende solo una piccolo selezione di moduli di contenuto.
  • Le opzioni di personalizzazione sono limitate.

#2 WPBakery Page Builder (prima chiamato Visual Composer)

WPBakery Page Builder

Oltre ad essere facile da usare WP Bakery Page Builder include delle funzionalità che piaceranno anche agli sviluppatori.

Il plugin dà accesso a oltre 50 elementi di contenuto pronti da usare, più di 100 modelli dal design professionale e 250 add-ons premium per aggiungere funzionalità al tuo sito.

Ti permette di costruire un sito responsive e gestire il contenuto sia dal front end che dal back end.

WPBakery Page Builder ti consente di scaricare dei modelli di layout già pronti e di costruire una struttura a griglia con più di 40 stili predefiniti.

Il plugin è compatibile con Yoast SEO, WPML e WooCommerce.

Vantaggi

  • Permette di lavorare con l’editor back end e front end.
  • Vanta un impressionante gamma di opzioni di personalizzazione, funzionalità e modelli.
  • Le funzionalità possono essere ampliate usando degli add-on.
  • È compatibile con molti plugin popolari.

Svantaggi

  • L’elevato numero di opzioni può rendere il plugin più complicato da usare.
  • Molte delle funzionalità aggiuntive sono da acquistare separatamente.

#3 Divi Builder

Divi Builder plugin per WordPress

Divi è uno dei temi multiuso più venduti su WordPress. Tra le sue caratteristiche più apprezzate c’è il page builder drag and drop, chiamato Divi Builder.

In passato era solo disponibile per chi acquistava il tema, mentre adesso può essere acquistato anche separatamente.

Divi Builder include 46 moduli di contenuto, che possono essere combinati e organizzati in modi diversi per creare virtualmente qualsiasi tipo di sito web. Gli elementi disponibili includono pulsanti social, slider video, mappa, moduli di contatto e accordion.

L’interfaccia di Divi Builder si trova all’interno dell’editor degli articoli ed è molto intuitiva. Per modificare la pagina, dovrai semplicemente trascinare e rilasciare righe e colonne nella pagina per poi inserire gli elementi di contenuto.

La libreria di Divi Builder comprende molti layout già pronti da usare sul tuo sito.

Vantaggi

  • Comprende un editor sia per il front end che per il back end.
  • La membership di Elegant Themes ti dà accesso a molti strumenti a un prezzo contenuto.
  • Il design del plugin, dei moduli e dei template è semplice e curato.
  • I vari elementi sono responsive e supportano CSS personalizzato.

 Svantaggi

  • Non puoi esportare i dati da WordPress quando disattivi il plugin.
  • La scelta è limitata ai moduli disponibili su Divi.
  • Divi Builder usa molti shortcode e questo rfende difficile passare a un altro tema o page builder in futuro.
  • È un page builder avanzato e questo lo rende meno immediato da usare.

#4 Elementor Page Builder

Guida al plugin Elementor Page Builder

L’intefaccia colorata di Elementor ti permette di modificare il tuo sito direttamente dal front end.

Elementor ti dà accesso a 28 elementi di contenuto e supporta widget esterni per aggiungere funzionalità.

Il plugin include 20 modelli a pagamento e ti permette di salvare i tuoi modelli e usarli ovunque sul tuo sito.

Potrai impostare CSS personalizzato e scegliere di usare determinati moduli in varie aree del sito.

La versione a pagamento del plugin include anche supporto per WooCommerce, moduli addizionali per gli sliders, per MailChimp e per Twitter. Ti dà anche accesso a dei modelli premium.

Vantaggi

  • L’editor del front end è veramente semplice da usare.
  • Il plugin supporta molti widget per WordPress.
  • Molte delle funzioni chiave sono disponibili anche nella versione gratuita.
  • La cronologia delle revisioni ti permette di ripristinare la versione precedente della pagina.
  • Il plugin si adatta ai dispositivi mobili e supporta l’uso di CSS personalizzato.
  • Fornisce l’accesso a una libreria di template già pronti, che includono modelli per pagine manutenzione, coming soon e landing page.
  • È compatibile con i maggiori strumenti per traduzione e siti multilingua, come Polylang e WPML.

Svantaggi

  • Non c’è alcuna cronologia delle revisioni.
  • Non permette di cambiare lo stile dei link e non eredita quello del tema in uso.
  • La quantità di opzioni disponibili può confondere gli utenti alle prime armi.

#5 Beaver Builder

Beaver Builder - visual page builder per WordPress

BeaverBuilder è un plugin a pagamento che ti permette di costruire le pagine tramite drag and drop degli elementi. Include più di 15 modelli di pagina e supporta tipi di articoli personalizzati e WooCommerce.

C’è anche una funzione per importare ed esportare i layout verso e da altri siti.

Il plugin include un tema, 20 moduli di contenuto, support per widget e shortcode.

I moduli di base e quelli avanzati coprono praticamente qualsiasi tipo di contenuto tu voglia aggiungere al tuo sito. Ci sono caroselli, slider, sfondi, blocchi di contenuto e pulsanti.

Anche se include tante opzioni, Beaver Builder è facile da usare anche per gli utenti non esperti.

Il plugin è disponibile in versione gratuita o a pagamento.

Vantaggi

  • È ottimizzato per i dispositive mobile
  • L’interfaccia carica velocemente ed è molto intuitiva.
  • Il plugin offre un’ampia gamma di modelli dal design professionale.
  • Supporta widget e shortcode per WordPress,  nonché l’uso di classi e ID CSS.

Svantaggi

  • I moduli di contenuto hanno un design molto semplice.
  • Mancano le opzioni per annullare o ripristinare i cambiamenti quindi puoi solo tornare all’ultimo salvataggio del layout.
  • Il prezzo della versione a pagamento è abbastanza elevato.

Conclusione

Costruire un sito dal nulla non è un’impresa da poco. I page builder per WordPress possono aiutarti a farlo nel giro di poche ore, senza mettere mano al codice.

Questi strumenti ti aiutano, infatti, ad aggiungere degli elementi complessi con pochissimi clic.

La scelta del page builder da usare dipende dalle tue esigenze e dalla presenza tra le opzioni disponibili dell’elemento di contenuto che vuoi usare.

Se il budget è una delle tue preoccupazioni, ma non vuoi rinunciare ad avere un buon numero di funzionalità, Elementor, Divi Builder e Beaver Builder sono decisamente da considerare.

Se vuoi un plugin valido, ma semplice e veloce da usare, Page Builder di SiteOrigin potrebbe fare al caso tuo.

Se cerchi, invece, uno strumento più potente, che supporti anche codice più avanzato, Divi Builder e WPBakery Page Builder sono delle scelte molto valide.

Infine, considera che spesso i temi a pagamento includono un page builder nel prezzo. Se prevedi di acquistare un tema, controlla se include anche un page builder, prima di procedere ad acquistarne uno separatamente.

Hai mai utilizzato o prevedi di usare un visual page builder?

Con quale ti sei trovato bene e quale non ti ha convinto?

Come al solito, ti invito a condividere le tue esperienze e a inviarci pareri o domande nei commenti qui sotto.

Altre guide della stessa
categoria

5 COMMENTI
Commenta
  1. Michel

    Salve, sto riscontrando un problema con Visual Composer sul mio sito WordPress.org. In pratica ora nel backendeditor, su Visual composer non mi salva piu le modifiche.. Per dirla tutta, in anteprima modifiche e nell’editor vedo i cambiamenti che ho apportato, ma una volta aggiornato, se visualizzo il sito, mi appare come prima delle modifiche, ossia come se non avessi apportato alcun cambiamento. Un dettaglio che potrebbe aiutarvi è che la spunta di VC, invece di diventare verde quando si salva, diventa rossa.
    Grazie, spero possiate aiutarmi

    Rispondi
  2. Marco

    Ciao a tutti! Volevo chiedere una cosa: leggendo le milioni di recensioni in giro a proposito di WPBakery Page Builder mi sono fatto un’idea piuttosto confusa sulle sue performance. Alcuni dicono che utilizzandolo (forse massicciamente) i siti tendono a perdere di velocità e performance, ma altri dicono invece che va bene. Voi che ne pensate?
    Ve lo chiedo perché stavo vedendo il tema Porto, molto bello graficamente, ma è tutto incentrato su quel plugin…
    Grazie ancora!

    Rispondi
    • Team

      Ciao Marco, consideriamo questo plugin ottimo per ciò che rende possibile fare, ovvero creare layout anche complessi senza dover mettere mano al codice. Non è possibile però consigliarlo o sconsigliarlo a priori; serve conoscere il progetto e vedere se effettivamente può garantire un aiuto importante alla sua realizzazione. Molti temi comunque lo includono, evidentemente a ragion veduta :)

      Rispondi

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *