fbpx
SOS WP Logo

Chiedi un preventivo
06 92 93 90 73

Quali saranno i trend 2024? Colori e spunti per i prossimi 12 mesi

come lavorare con i colori per il tuo sito web
Tabella dei Contenuti

Come succede ogni volta che arriva gennaio, si comincia a guardare a quello che è il futuro ravvicinato anche per il web design. Nel 2024, secondo gli esperti del settore, ci saranno alcuni colori che faranno girare la testa a tutti e alcuni trend che detteranno legge più di altri.

Se stai pensando che è arrivato il momento di cambiare qualcosa sul tuo sito web, perché magari non ti rappresenta più, potresti prendere spunto proprio dai colori e dalle combinazioni previsti in ascesa allo scoccare della mezzanotte.

Il mondo ogni anno attende per esempio di sapere quale sarà il colore Pantone per l’anno successivo e il 2024 sarà l’anno di un colore denominato Peach Fuzz. Una tinta che è stata definita dalla società come “vellutato”, “gentile” e “sottilmente sensuale“. Nei fatti si tratta di una tinta che si avvicina al color pesca ma più sfumato. Forse non è il colore che fa per te ma può comunque servire come trampolino per guardare a come puoi cambiare il tuo sito web o la tua brand identity.

Trend 2024, tanti colori o niente colore!

Il 2024 per qualcuno forse si appresta a ricordare molto da vicino gli Anni ’90, con i colori neon accesi e giustapposti in una apparente totale mancanza di gusto ma con una sottesa voglia di farsi notare. In apparente contrasto con il colore Pantone 2024 che sembra pronto per i monaci buddisti, uno dei trend 2024 è proprio quello che vede la creazione di palette ad altissimo contrasto. Per creare un buon contrasto quello che puoi fare è per esempio utilizzare i colori che nella ruota cromatica si trovano agli antipodi, scegliendone per uno la versione più satura e piena e per l’altro una versione di una tinta più scura.

Oppure, seguendo invece il trend 2024 immaginato dai guru del colore perché senti che ti rappresenta, potresti abbracciare proprio la filosofia rilassante di Peach Fuzz e giocare creando una brand identity più delicata. Qualcuno potrebbe obiettare che l’utilizzo dei colori tendenti al rosa può creare un sito eccessivamente femminile ma con la giusta miscela, per esempio accompagnando il rosa a generose porzioni di grigio e celeste polvere con qualche sprazzo di terracotta puoi invece dare vita ad una palette elegante e non per forza incasellata in un genere.

colori neon o super delicati per il 2024, i trend in arrivo
Colori insoliti e potenti se Peach Fuzz non fa per te – sos-wp.it

Abbiamo accennato ai grigi e un altro trend 2024 è proprio il ritorno del grigio, sia inteso come colore dominante sia inteso in termini di sfumature. Un sito bianco e nero con un uso sapiente del grigio è un sito che nella sua linearità e pulizia può oggettivamente sfidare qualunque trend momentaneo. E se cerchi un colore ma Peach Fuzz non fa per te puoi sempre guardare alla parte blu della ruota cromatica. andando per esempio a pescare nella zona dell’indaco: un colore questo che non vediamo troppo spesso, forse perché è anche difficile da descrivere, ma che regala eleganza a qualunque cosa ci si avvicini.

Per creare un ambiente virtuale rilassante un altro trend da guardare da vicino sono le sfumature che non necessariamente devono essere monocromatiche. Un buon punto di partenza per creare per esempio uno sfondo sfumato sul tuo sito è quello di andare a guardare ciò che piace di più agli utenti che sono il tuo target di riferimento. Hai mai pensato che potresti creare una tua brand identity basandoti anche sul tipo di sfondo che il tuo target di riferimento sceglie per il proprio smartphone? Nell’ultimo periodo e per il 2024 anche per quello che riguarda questo aspetto della vita comune c’è un trend in ascesa che è quello che riguarda le immagini astratte, fluide e rilassanti in cui l’effetto è dato dalla creazione di sfumature dinamiche.

Non solo colore

Probabilmente Pantone non sbaglia nel pensare che per il 2024 ci serva un po’ di pace e di ordine mentale e per questo propone come colore dell’anno il suo pesca rivisto e corretto. E accanto ai trend che riguardano i colori è bene anche andare a guardare quelli che sono i trend 2024 per il web design. In cerca di calma, un trend che probabilmente crescerà è quello della cosiddetta bento box. Si tratta di organizzare i contenuti del tuo sito come se fossero i cibi all’interno di una scatola bento. Ogni cosa ha un suo posto, che ovviamente cambia in base alla dimensione dello schermo in cui viene visualizzato ma sempre mantenendo un ordine e una sorta di disciplina interna.

In questo modo avrai da dare ai tuoi utenti un’esperienza che sarà più facile. Perché proprio l’esperienza utente è al centro dei trend per il web design 2024. E sempre parlando di esperienza utente è importante anche guardare alla accessibilità, che rimarrà un tema costante anche per il prossimo anno. Riuscire a creare un sito web che sia accessibile significa avere a cuore realmente il tuo target audience e, di riflesso, ampliarlo accogliendo tutti quegli utenti che sono ancora troppo spesso visti come lontani.

trend 2024, con che colori costruire la tua brand identity
Ancora Anni ’90 tra i trend 2024 – sos-wp.it

Tra i trend per il web design 2024 ci sono due parole che impareremo molto presto: la prima è parallasse e la seconda è scheumorfismo.

La parallasse è l’effetto ottico per cui elementi diversi si muovono a velocità diverse dando l’impressione di trovarsi su piani separati nella profondità. Nella costruzione di siti web, questo può essere utilizzato per creare l’illusione di uno spazio tridimensionale, qualcosa che grida visori per realtà virtuale a squarciagola. Puoi utilizzarlo per giocare nella costruzione dello spazio in cui l’utente si muove, creando l’illusione di un sito one page che si muove e si sperimenta come una mappa. L’utilizzo della parallasse è utile per creare profondità e attenzione soprattutto se utilizzi elementi visivi in movimento.

Scheomorfismo, che sembra qualche forma di allergia, è in realtà semplicemente l’idea di ricreare degli oggetti digitali con sembianze naturali e realistiche. Immagina di avere sul tuo sito web per esempio un pulsante per attivare o disattivare la modalità scura (e ricorda che se fai molto uso del bianco una modalità scura è utile per il risparmio energetico) costruito per sembrare un vero e proprio interruttore di quelli con cui si accendono le luci in soggiorno. Oppure indicare la pagina dei contatti con una lettera che non è semplicemente un’icona ma sembra una busta tridimensionale fluttuante nello spazio virtuale. Questo è lo schermorfismo.

Entrambi i trend strizzano l’occhiolino al passato. La parallasse è stata circa 10 anni fa uno dei trend più forti nella creazione dei siti web mentre lo scheomorfismo che riproduce nello spazio digitale il mondo reale è ovviamente un rimando al passato pre-internet, pre-computer: quei famosi Anni ’80 e ’90 che per qualcuno sono una novità assoluta.

Parole, parole, parole dappertutto

come costruire un sito web elegante
La tipografia è un’arma segreta per siti web minimal ma d’effetto – sos-wp.it

Abbiamo guardato ai colori che saranno dominanti nel web design nel 2024 e abbiamo anche visto alcuni dei trend per l’anno prossimo per quello che riguarda la costruzione del tuo spazio virtuale. Abbiamo però deciso di lasciare da parte un elemento che è tornato in auge e che vedrà una vera e propria esplosione nel corso dell’anno prossimo: la tipografia.

L’utilizzo delle parole nello spazio digitale avrà una importanza sempre maggiore. Perché se da una parte ci sarà forse la corsa a creare siti un po’ chiassosi e accattivanti, dall’altra chi cercherà di rimanere minimal ma impresso sfrutterà proprio gli elementi tipografici come elementi di web design. Unire il lavoro sulla tipografia a effetti come la parallasse o la tipografia dinamica può aiutarti a distinguerti ancora di più.

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Hai già ricevuto i nostri Webinar gratuiti?

Impostazioni privacy