Come trasferire WordPress da locale a remoto

come trasferire wordpress da locale a remoto

Oggi imparerai come trasferire WordPress da locale a remoto. Se hai sviluppato un sito sul tuo pc ed ora vuoi renderlo visibile online, questa è la guida che fa per te.

Ci tengo a specificare che il processo illustrato di seguito è interamente manuale. Ci sono strumenti che permettono di trasferire WordPress da locale a remoto anche in modo “automatico”, però oggi lo faremo trasferendo file, database e lavorando su tutte le necessarie configurazioni.

Detto così, potrebbe sembrarti complicato, ma non lo è. Seguendo con attenzione i passi illustrati di seguito, dovresti riuscire a fare il trasferimento senza grossi problemi (ovviamente, prima di cancellare file e database dal server locale assicurati che il trasferimento sia andato a buon fine; vuoi sempre avere un backup in caso di errori!)

Prima di trasferire WordPress da locale e remoto…

Sei pronto ad iniziare? Prima di trasferire WordPress da locale a remoto facciamo il punto su ciò di cui avrai bisogno:

  • Server locale installato con MAMP se usi Mac o Wamp se usi Windows. Se hai costruito il tuo sito in locale, dovresti già avere una cartella in cui sono contenuti tutti i file: se usi Mac, probabilmente il percorso è del tipo Applicazioni>MAMP>htdocs>nomedeltuosito; se usi Windows, probabilmente è del tipo c:\wamp\www\nomedeltuosito. Dovresti avere anche un database che hai creato e gestisci attraverso phpMyAdmin.
  • Dominio e spazio hosting remoto compatibile con WordPress. Questo è il server remoto sul quale sposterai il tuo sito WordPress, che sarà poi visibile online. Per seguire il metodo illustrato in questa guida avrai bisogno di un piano di hosting che dia accesso al cPanel ed a phpMyAdmin. La maggior parte degli hosting provider che offrono spazi server compatibili con WordPress hanno queste caratteristiche. Se sei indeciso su quale provider scegliere, ti consiglio SiteGround per un’ottima performance e massima stabilità.
  • Un FTP client per trasferire i file da locale a remoto. Ai fini di questa guida useremo Filezilla, uno degli FTP client più conosciuti.

Passo 1: trasferimento dei file

La prima cosa che faremo è trasferire i file tramite FTP. In questa guida non spiegherò nel dettaglio come usare Filezilla; se non hai mai usato questo strumento trovi alcune informazioni generali nella guida su come installare plugin e temi via FTP.

Quando accedi a Filezilla, usa la parte sinistra per navigare all’interno della cartella in locale dove si trovano tutti i file del tuo sito WordPress.

Sulla destra, naviga invece all’interno della directory dove vuoi caricare i file. Se vuoi trasferire il sito sul dominio principale associato al tuo hosting dovrai navigare solo all’interno della cartella public_html. Se invece vuoi trasferire il sito su un sottodominio o una sottodirectory, dovrai navigare all’interno di public_html e quindi all’interno della cartella relativa al sottodominio/sottodirectory (se non c’è già, puoi crearla direttamente da Filezilla oppure accedendo al cPanel sul tuo piano di hosting).

Quando ti trovi all’interno di queste cartelle, puoi avviare il trasferimento. Seleziona tutte le cartelle ed i file in locale e clicca “Upload”, in modo che siano caricati sul server remoto.

Passo 2: trasferimento database

Nota! Per motivi di sicurezza, nelle immagini che seguono le credenziali del sito live sono in parte oscurate. Se hai dubbi su come modificare i file scrivi pure un commento sotto al post e saremo felici di aiutarti. 

Esportazione

Mentre i file vengono caricati, puoi lavorare sul trasferimento del database.

Per prima cosa, da Wamp/MAMP accedi a phpMyAdmin per esportare il database creato in locale.

Quando ti trovi nel pannello di controllo phpMyAdmin seleziona il database che andrai a trasferire: si aprirà una schermata con tutte le tabelle del database; qui, clicca “Export” (“Esporta” in italiano) in alto.

Nella pagina successiva, seleziona queste opzioni:

  • Export method: Custom;
  • Table(s): Select all (per far sì che siano esportate tutte le tabelle del database)
  • Output: Save output to a file > Compression gzipped
  • Format: SQL

(se il pannello è in italiano, vedrai Esportazione > Metodo di esportazione > Personalizzato > Tabelle > Seleziona tutto > Output > Salva l’output in un file > Compressione: compresso con gzip > Formato: SQL. Per avviare l’esportazione devi quindi cliccare “Esegui” a fondo pagina.)

Le altre opzioni default dovrebbero andare bene; per sicurezza trovi qui sotto uno screenshot della schermata di esportazione che puoi confrontare con la tua. Quando hai finito di lavorare sulle varie opzioni, clicca “Go”. Sarà automaticamente scaricato un file in formato .sql.gz

esportazione database phpmyadmin per trasferire WordPress da locale a remoto

Importazione

Crea un database in remoto ed assegna ad esso un utente

Arrivato a questo punto, per trasferire WordPress da locale a remoto dovrai creare un nuovo database all’interno del tuo piano di hosting e sovrascriverlo con quello che hai appena scaricato.

Per prima cosa, accedi al cPanel del tuo account di hosting. Quindi, clicca su MySQL Databases.

cpanel mysql databases per trasferire WordPress dal tuo computer a remoto

Qui, vedrai subito una sezione chiamata Create new database. Il prefisso è già preimpostato a seconda del tuo account, digita invece il nome del database nel campo bianco e clicca “Create Database” (per comodità, io do al database in remoto lo stesso nome che avevo dato a quello creato in locale).

crete new database cpanel

Quando hai creato il database, bisogna assegnare ad esso un utente con tutti i permessi. Qui hai due opzioni: creare un nuovo utente (sempre sulla stessa pagina, nella sezione chiamata “Add a New User”) OPPURE assegnare al database un utente esistente (scorrendo un po’ più in basso, dove c’è scritto “Add a User to a Database”).

Che tu crei un nuovo utente o ne selezioni uno esistente, sarai portato su una schermata dove selezionare i permessi da assegnare ad esso. Spunta la voce All privileges in alto al centro e clicca “Make Changes”. I permessi saranno quindi aggiornati.

mysql privileges per portare il tuo sito web da locale a remoto

Fatto questo, torna all’homepage del tuo cPanel. Da qui potrai continuare il procedimento per trasferire WordPress da locale a remoto.

Sovrascrivi il nuovo database

Tra le applicazioni disponibili, seleziona ora phpMyAdmin. Cliccando su “Database” in alto, vedrai ora nella lista il nuovo database che hai appena creato. Cliccaci sopra.

cpanel phpmyadmin per mettere online il tuo sito costruito in locale

Arrivato a questo punto, vedrai che al momento il nuovo database non contiene alcuna tabella. Nel menu di testa, clicca “Importa”.

Qui, clicca Choose file per selezionare il file da caricare dal tuo pc. A questo punto devi selezionare il file di esportazione che avevi scaricato precedentemente dal server locale. Selezionato il file, clicca “Esegui” (o “Ok” se usi phpMyAdmin in inglese) a fondo pagina.

importazione database

Finita l’importazione, il nuovo database sarà popolato con le tabelle esportate dal sito in locale.

Cambia gli URL nel database

E’ arrivato il momento di aggiornare gli URL presenti in alcune tabelle del tuo database, così che si riferiscano al dominio che sarà visibile online piuttosto che al tuo sito sviluppato in locale.

Quando ti trovi all’interno di phpMyAdmin, nel nuovo database che hai creato e sovrascritto, cerca una tabella chiamata wp-options e cliccaci sopra.

wpoptions database

Qui, nella colonna option_name, cerca le voci siteurl e home. Vedrai che in entrambe le righe, nella colonna option_value è presente il percorso del tuo sito in locale. L’obiettivo è sostituire questo valore con il dominio dove vuoi che sia visibile il sito online.

Per farlo, copia il dominio (inclusivo di http:// ecc.). Quindi, nella riga contente i valori da modificare clicca “Modifica” – se usi phpMyAdmin in inglese “Edit”.

Nel campo di testo che si apre, incolla al posto dell’URL già presente il tuo dominio. Quando sei sicuro che il dominio incollato sia corretto, clicca “Esegui”.

modifica url database

Assicurati di fare la stessa cosa per entrambe le righe, quella relativa alla voce siteurl e quella relativa alla voce home.

modifica url wpoptions

Finito questo passaggio, puoi chiudere phpMyAdmin.

Passo 3: modifica wp-config.php

Fatti questi passaggi, hai caricato sul tuo hosting sia il database che i file che costituiscono il tuo sito, ed abbiamo quasi finito di trasferire WordPress da locale a remoto. Se però provi a visitare il sito dal browser, vedrai un errore di connessione al database. Questo accade perché dobbiamo modificare il file wp-config.php in modo che i file vengano collegati al nuovo database creato.

Torna alla home del cPanel e clicca File Manager. Qui, naviga all’interno della cartella dove hai caricato i file core WordPress e trova wp-config.php. Per prima cosa, seleziona il file e clicca “Download” in alto, così da avere una copia di backup in caso di errori.

Seleziona di nuovo il file e questa volta clicca “Edit”. Si aprirà una nuova scheda dove puoi modificare i codici del file. Ovviamente, fai moltissima attenzione a cosa e come digiti (assicurati di modificare solo i valori indicati di seguito)!

I campi su cui dobbiamo lavorare si trovano sotto all’intestazione

** Impostazioni MySQL - È possibile ottenere queste informazioni dal proprio fornitore di hosting **

Vedrai che al momento, in corrispondenza delle voci DB_NAME, DB_USER e DB_PASSWORD sono presenti le credenziali del sito sviluppato in locale (mi riferisco a ciò che è scritto tra le due virgolette). Dobbiamo andare a sostituirle con le informazioni del database che abbiamo appena creato.

  • DB_NAME è il nome del database, come lo vedi all’interno di phpMyAdmin.
  • DB_USER è il nome dell’utente associato al database.
  • DB_PASSWORD è la password che hai creato per l’utente.

Quando hai modificato queste informazioni, clicca “Save” in alto a destra.

Di seguito trovi due immagini, una prima delle modifiche ed una dopo le modifiche ai codici:

Prima delle modifiche, con credenziali del sito locale

wpconfig prima delle modifiche

Dopo le modifiche, con credenziali del sito online (parzialmente oscurate)

wpconfig dopo modifiche

Ora il processo per trasferire WordPress da locale a remoto è stato completato ed il tuo sito sarà visibile online all’URL specificato.

Fai qualche aggiustamento su WordPress

Quando il tuo sito è live, effettua l’accesso a WordPress è fai le seguenti cose:

  • Naviga in Impostazioni > Generali e ed assicurati che nei campi Indirizzo WordPress (URL) ed Indirizzo Sito (URL) ci sia il dominio corretto. Quindi, salva.
  • Naviga in Impostazioni > Permalink e clicca salva a fondo pagina.
  • Testa il sito per link rotti ed immagini mancanti. E’ possibile che trasferendo il sito da locale a remoto si creino dei link rotti oppure manchino delle immagini.  Se ti accorgi di avere questo problema, ci sono due modi per risolverlo:
  1. Usare il plugin Velvet Blues Update URLs, oppure
  1. Aggiungere una query SQL al tuo database (è meno complicato di quanto sembri). Per farlo, apri phpMyAdmin dal cPanel. Quindi, clicca sul database sul quale vuoi lavorare ed in alto seleziona SQL. Qui, incolla le seguenti righe di codice, personalizzate con gli url del tuo sito locale e quello del tuo sito nuovo.
UPDATE wp_posts SET post_content = REPLACE(post_content, 'localhost/sitolocale/', 'www.example.com/');

Devi sostituire

  • localhost/sitolocale con l’url del vecchio sito locale e
  • www.example.com con il tuo nuovo dominio.

In questo caso, fai molta attenzione a non cancellare parentesi, virgolette, ecc, e a modificare solo gli URL dei siti.

Quando hai finito e controllato che sia tutto corretto, clicca Esegui.

Conclusione

Abbiamo finito! Questi sono tutti i passi per trasferire WordPress da locale a remoto. Se non hai familiarità con il cPanel e, soprattutto, con phpMyAdmin non farti spaventare. Quando inizi a conoscere i vari strumenti risulterà tutto molto più semplice. Fai però particolare attenzione quando modifichi le tabelle del database ed il file wp-config.php. Se però ti trovi in difficoltà, ti consiglio di rivolgerti al servizio di supporto del tuo hosting provider o ad un esperto di fiducia.

Ora passo a te la parola: hai mai provato a trasferire WordPress da locale a remoto? E’ stato abbastanza semplice oppure hai riscontrato difficoltà? Stai seguendo alla guida e ti sei bloccato? Non esitare a lasciare il tuo commento qui sotto, ti risponderemo al più presto!

Il nostro team è a tua disposizione

Se hai difficoltà o problemi sul trasferimento del tuo sito WordPress, o hai bisogno di qualsiasi tipo di intervento, contatta subito il nostro servizio di Assistenza Tecnica per avere un preventivo rapido ed una soluzione efficace per ogni problema.

Chiara Buzzi

Chiara Buzzi

Chiara è una blogger a tempo pieno. Esperta di content marketing, aiuta imprenditori e liberi professionisti a sfruttare la rete per promuovere online la loro attività. Quando non sta lavorando sul web, Chiara ama leggere riviste e cucinare, ed ha una strana ossessione per tutto ciò che riguarda il mondo del beauty.

[PROMO LIMITATA] 50% SU HOSTING SITEGROUND + ASSISTENZA SOS WP GRATIS

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
85 commenti
  1. dice:

    Emiliano ciao,
    sono sempre io Fabio! : ))
    Sono riuscito ad accedere al sito in locale, mi sono accorto che i campi dei dati relativi a DB userDB e password nel file wp-config.php erano praticamente vuoti e non puntavano più a nulla..che pirla che sono!! ( cmq non stavo più lavorando in locale ma il sito è gia online)
    Detto questo il sito online funziona ma nonostante abbia fatto Salva nella pagina Impostazioni>generali e Impostazioni>Permalink ho ancora qualche link che mira al vecchio url..
    Cosa faccio?se ti lasciassi la mia mail oppure il mio numero sarebbe fattibile sentirci(ovviamente sono disposto a pagare).
    Come sempre grazie mille del supporto!!
    ; )

    Rispondi
  2. dice:

    Ciao, prima di tutto complimenti per la chiarezza con la quale vengono fornite le informazioni.
    Ho una domanda, sto creando il mio primo sito web con wordpress in locale, appena pronto seguirò queste istruzioni per trasferirlo (su Aruba). Il sito però andrà a sostituire uno già esistente creato da un altra persona che non collabora più con noi, ci sono accorgimenti particolari? Devo solo sostituire le cartelle su cPanel o crearne di nuove e cancellare quelle esistenti? Ho già creato un backup del sito esistente, non si sa mai…
    Grazie

    Rispondi
  3. dice:

    Salve Andrea,
    Sono il Fabio di qualche giorno fa..avevo(e ho) un problema con l importazione delle tabelle. Mi avevi consigliato di contattare il supporto ma non lo ancora fatto perché mi sono accorto che il file gzip me lo salva come .sql e non .sql.gzip …..potrebbe essere questo il motivo del fatto che non vedo tutte le tabelle importate compresa quella wp-options dove cambiare gli url??
    Grazie mille ancora per il supporto

    Rispondi
  4. dice:

    salve. tutto chiaro
    io ho solo un problema. Molte volte quando passo da locale a remoto perdo alcuni contenut scritti dal backend di wordpress: contenuti dei widget, foto di una slide principale che torna quella di default etc… in pratica il sito va online, i media cmq non li perdo (restano li) ma mi tornano le impostazioni di default del tema. (in pratica tutti i contenuti che posso cambiare da backend e non da codice). cosa sbaglio? grazie :)

    Rispondi
  5. dice:

    Buongiorno e grazie per essere i “salvatori ” di chi come me si approccia per le prime volte a tutto ciò!
    Ho letto la guida e mi sono fermato a metà, più o meno, al paragrafo “Cambia gli URL nel database”.
    Tra le 9 tabelle importate non ne ho una chiamata wp-options…cosa devo fare?..ho sbagliato qualcosa nei passaggi precedenti??..
    Grazie mille per la vostra disponibilità
    FABiO

    Rispondi
  6. dice:

    Ciao, io ho una situazione inversa: da remoto lo devo trasferire in locale su MAMP, solo che ha una versione del db precedente (5.5.42) contro la 5.6.33 del remoto, percui importando in locale il backup del remoto, mi importa solo 6 tabelle (invece di 13) e mi da questo errore:

    Errore
    Query SQL:

    — ——————————————————–


    — Struttura della tabella `wp_post_views`

    CREATE TABLE IF NOT EXISTS `wp_post_views` (
    `id` bigint(20) unsigned NOT NULL,
    `type` tinyint(1) unsigned NOT NULL,
    `period` varchar(8) COLLATE utf8mb4_unicode_520_ci NOT NULL,
    `count` bigint(20) unsigned NOT NULL,
    PRIMARY KEY (`type`,`period`,`id`),
    UNIQUE KEY `id_period` (`id`,`period`) USING BTREE,
    KEY `type_period_count` (`type`,`period`,`count`) USING BTREE
    ) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=utf8mb4 COLLATE=utf8mb4_unicode_520_ci;

    Messaggio di MySQL: Documentazione

    #1273 – Unknown collation: ‘utf8mb4_unicode_520_ci’

    Rispondi
  7. dice:

    Ciao ti volevo fare i complimenti per l’ottima guida. Io ho fatto il procedimento inverso cioe da remoto ho portato il mio sito il locale, ha funzionato tutto, fino alla home page. Ti spiego meglio, quando vado in localhost/invaldicornia sarebbe la home del mio sito tutto ok, si apre perfettamente, appena apro un link oppure se voglio effettuare il login mi appare Oggetto non trovato!

    L’URL richiesto non esiste su questo server. Il link della pagina da cui sei arrivato potrebbe essere errato o non essere più valido. Per favore, informa dell’errore l’autore della pagina.

    Se pensi che questo sia un errore del server, per favore contatta il webmaster.
    Error 404
    localhost
    Apache/2.4.23 (Win32) OpenSSL/1.0.2h PHP/5.6.24

    Hai qualche vaga idea del perchè? non riesco a trovare niente sul web. Ti ringrazio anticipatamente

    Rispondi
  8. dice:

    Grazie per l’utilissima guida, e’ filato tutto liscio tranne qualche voce di menu’ che ho dovuto aggiornare perchè era stata impostata come custom link. Sarebbe molto utile anche capire come creare un quickstart package (o demo package) che permetta di creare da un sito in locale (o in remoto) un pacchetto per una nuova installazione personalizzata. Grazie ancora!

    Rispondi
  9. dice:

    Ho un problema col sito che si è verificato dopo qualche settimana dal trasferimento da locale a remoto. Non riesco più ad accedere al pannello di controllo di wordpress.Dopo che inserisco la password mi appare questo messaggio:

    Internal Server Error

    The server encountered an internal error or misconfiguration and was unable to complete your request.

    Please contact the server administrator, postmaster@anshinpalermo.it and inform them of the time the error occurred, and anything you might have done that may have caused the error.

    More information about this error may be available in the server error log.

    ho già provat ad accedere al pannello di controllo hosting linux di aruba e ad utilizzare lo strumento “riparazione permissions” ma non è cambiato nulla.

    Potete aiutarmi?

    Rispondi
      • dice:

        Grazie mille Andrea della tua disponibilità. Ho risolto il problema contattando direttamente l’hosting aruba tramite il servizio di assistenza. Il problema era che dovevo aggiornare il mio FTP ad una versione più recente che funzionasse con WordPress.
        Grazie ancora!

        Rispondi
  10. dice:

    Ciao!
    Ottima guida:chiara e precisa…Solo che io non ho capito un passaggio (è dovuto al fatto che sono alle prime armi! ;) eheheh)… Il passaggio in questione è “Fai qualche aggiustamento su WordPress” … come accedo a worpress?? cioè con quale utente e password? Non è il localhost:8888/mio sito?!?!?

    PS. tra l’altro fatti tutti i passaggi la pagina “under costruction” non si toglie

    Scusami e Grazie

    Rispondi
  11. dice:

    Ciao Andrea, mi facevo questa domanda: dato che il back-up del database alla fine è un enorme file di testo , non sarebbe più pratico con un buon editor di testo fare un replace sistematico dei collegamenti LOCAL con quelli OnLine?
    Si ridurrebbe il rischio di errori casuali, non ti pare?

    Rispondi
  12. dice:

    Ciao,

    Complimenti per le guide e tutti i contenuti del sito.
    Provo a sottoporvi questo problema, ho caricato tutti i file sul server ma se cerco di visualizzarlo online si vede il tema originale senza nessuna modifica. L’unico elemento che cambia è il menù, le voci sono corrette ma non sono nell’ordine in cui dovrebbero essere ed in cui sono sul sito in locale.
    Secondo voi dove potrebbe essere l’errore?
    Dove potrei andare a sistemare?

    Grazie in anticipo e saluti,
    Riccardo

    Rispondi
  13. dice:

    Buongiorno a tutti, grazie per la guida chiara e semplice da seguire innanzitutto,
    ho seguito tutti i passaggi, il sito è online e la homepage si apre però quando vado a cliccare su una qualsiasi voce del menù di navigazione mi si apre una pagina di errore:

    “Internal Server Error
    The server encountered an internal error or misconfiguration and was unable to complete your request.
    Please contact the server administrator at postmaster@www.annabragagnolo.com to inform them of the time this error occurred, and the actions you performed just before this error.
    More information about this error may be available in the server error log.”

    Ho controllato su wordpress e i link sono tutti corretti, secondo voi dove sta il problema?

    Rispondi
  14. dice:

    ciao.
    Ho seguito tutte le istruzioni ma quando provo a visualizzare il sito o ad entrare nel pannello di controllo mi appare questo:

    Parse error: syntax error, unexpected T_FUNCTION in /web/htdocs/www.anshinpalermo.it/home/wp-config.php on line 110

    Potete aiutarmi?

    Grazie!

    Rispondi
          • dice:

            Problema risolto! In realtà tutto era dovuto ad un mio errore di fondo, avevo creato il sito in locale usando bitnami anziché wamp credendo che si equivalessero. Invece Bitnami creava un file wp-config anomalo. Adesso usando Wamp funziona tutto! Grazie, ottimo tutorial e ottima assistenza!

            Rispondi
  15. dice:

    salve, ho seguito al procedura suscritta per il trasferimento su Aruba.
    “Errore nello stabilire una connessione al database”
    Nel wp-config ho impostato nome database (Sql974412_1) e nome utente e psw che mi hanno fornito loro.
    Inoltre ho trasferito con Filezilla il contenuto della cartella wp locale in cartella http://www.progettorianimazione.it del remoto.

    Rispondi
  16. dice:

    Ciao. Io ho chiesto aiuto ad un mio collega programmatore che ha seguito questa guida passo passo. Il sito è parzialmente online, nel senso che dal mio sito online, se provo dalla bacheca di wordpress ad andare a modificare una pagina il sito mi da questo errore:
    Fatal error: Allowed memory size of 134217728 bytes exhausted (tried to allocate 40961 bytes) in /membri/…/wp-content/plugins/siteorigin-panels/siteorigin-panels.php on line 421
    Ho provato a far aggiornare i collegamenti al programma Velvet blues Update URLs, dopo aver provato coi comandi manuali suggeriti da voi, ma non essendo esperto non ho ottenuto un gran chè. Probabilmente il problema che causa quell’errore non è nemmeno quello. Se poteste darmi una mano sarebbe fantastico.

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Riccardo,
      è un problema di memoria.
      Ovvero vuol dire che stai provando a caricare in memoria dei dati in MB superiore alla soglia permessa nel file php.ini che hai su nuovo server.
      Per risolvere, o modifichi il dato memory_limit nel file php.ini (lo aumenti a 64MB) oppure inserisci questa stringa ini_set(“memory_limit”,”64M”); nel file wp-config.php.
      Spero di esserti stato di aiuto,
      Un saluto!

      Rispondi
  17. dice:

    Ho lavorato con WP in locale su un nuovo sito da sostituire ad un altro su server Aruba e naturalmente su hosting windows (database MSSQL). cambia qualcosa nel trasferimento?

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Davide,
      devi prima cambiare hosting, ovvero passare ad un hosting Linux, altrimenti avrai parecchi problemi.
      Tale scelta non è opzionale, ma praticamente obbligata se vuoi lavorare con WordPress.
      Un saluto!

      Rispondi
  18. dice:

    Ciao Ragazzi, mi compliemto per la chiarezza della procedura!
    Nonostante ciò ho avuto una serie di difficoltà a gestire i database, superato questo sono arivato fino in fondo e scopro che wordpress è online ma non ha trasferito il mio sito.
    Si presenta come l’interfaccia di benvenuto di WordPress.
    So che possono esserci un sacco di varianti ma ho fatto la procedura più volte e non capisco dov’è il problema. Sapreste darmi una mano?
    Grazie anticipatamente
    Swan NNC

    Rispondi
  19. dice:

    Buondi,Ottima guida, seguo sempre questa,ma ti inoltro il mio problema…ho creato un wordpress in locale con WAMP, ora devo metterlo online per mostrarlo ai clienti, cosa faccio:
    – Creo cartella su dominio web
    – creo database vuoto ed anche utente
    – esporto database del sito in locale
    – copio tutta la cartella del sito in locale tramite ftp remoto
    – cambio url in wp-option
    – sistemo file htaccess.

    Ma niente pagina bianca sia su sito che su wp-admin.

    Aprendo il debug mi da ” Fatal error: Class ‘WP_Query’ not found in ../wp-settings.php on line 296″

    Heeeelp hai qualche info da potermi dare? grazie infinite.

    Rispondi
  20. dice:

    Buonasera a tutti,
    prima di tutto ringrazio per l’ottima guida che ho avuto modo di usare in molte occasioni.
    In questo caso però ho riscontrato degli errori.
    Dove aver trasferito il database e il sito, riesco ad accedere nell’area amministrazione senza problemi ma oltre alla home non riesco a visualizzare le altre pagine.
    Mi restituisce il classico errore 404

    Rispondi
      • dice:

        Problema risolto.
        L’errore stava in alcuni parametri nel file .htaccess.
        Lo scrivo nel caso si presentasse ad altri

        Codice errato:
        RewriteRule ^NOMECARTELLALOCALE\index\.php$ – [L]
        RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
        RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
        RewriteRule . NOMECARTELLALOCALE/index.php [L]

        Codice funzionante:
        RewriteRule ^index\.php$ – [L]
        RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
        RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
        RewriteRule . /index.php [L]

        Grazie per la disponibiltà e buon lavoro

        Rispondi
  21. dice:

    Ciao a tutti, la guida è stata molto utile, infatti il mio sito creato con wordpress è online, solo che ho un problema riguardante il caricamento delle nuove foto o dei media in generale rispetto a quelle che sono già presenti quando ho caricato il sito, non me le fa caricare, c’è una soluzione?
    Attendendo una vostra risposta vi ringrazio
    Ale

    Rispondi
  22. dice:

    Rinnovo i miei complimenti per l’esposizione degli argomenti… in questi giorni ho trasferito un sito da mac a online, dopo una serie di problemi ho dovuto sovrascrivere le tabelle del database di default perché se ne facevo uno nuovo non me lo riconosceva… a parte questo ho il grosso problema del link delle foto, più precisamente hanno mantenuto tutte l’indirizzo del localhost sul mac, quelle delle pagine le ho cambiate manualmente, ora mi sono accorto che ho 16 gallery da circa 20/30 foto fatte con Envira, si vede l’anteprima ma la lightbox quando ci clicchi non si apre dando errore… ho provato con Valvet ma non cambia nulla…. conoscete qualche sistema per fare la modifica in blocco…???
    grazie
    Luca

    Rispondi
  23. dice:

    Ciao Andrea,
    io ho eseguito tutto come specificato e funziona solo la home: tutti gli altri link (pagine) non ci sono, come se non esistessero…
    Questo il messaggio che esce:
    “HTTP Error 404.0 – Not Found
    The resource you are looking for has been removed, had its name changed, or is temporarily unavailable.”

    Eppure in localhost c’è tutto…

    Rispondi
  24. dice:

    Salve, ho seguito la guida, il sito è online in tutte le sue parti ma ho un problema con l’accesso al pannello admin dopo aver fatto il login e premo collegati non fa nulla…

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *