Le migliori piattaforme e-commerce NON WordPress

le migliori piattaforme e-commerce non wordpress

Vuoi creare un sito e-commerce velocemente? Ti presentiamo le migliori piattaforme e-commerce non WordPress, se hon hai il tempo, le risorse o le capacità tecniche necessarie per realizzare un sito da zero.

Non c’è dubbio che creare un sito per vendere online sia un progetto complesso: si deve pensare agli aspetti più tecnici, come template, codici, sistemi di carrelli, email, ecc, così come a quelli più creativi, come il branding e la presentazione dei prodotti.

Nella guida di oggi, ti presenterò le migliori piattaforme e-commerce NON WordPress. Nello specifico, parliamo di piattaforme hosted, cioè, che ti permettono di creare un tuo sito senza dover acquistare un piano di hosting. Potrai pagare il canone di utilizzo della piattaforma, caricare i tuoi prodotti ed iniziare a vendere.

Perché usare una piattaforma e-commerce hosted? Sicuramente, la risposta è “per la comodità”. Usando i servizi offerti da questi siti potrai avviare il tuo negozio online nel giro di pochi giorni.

Questa potrebbe essere la soluzione migliore se vuoi testare una nuova idea e/o il responso del mercato – quindi, senza investire mesi di lavoro e parecchie risorse nella realizzazione di un sito.

Le 10 migliori piattaforme e-commerce NON WordPress

#1 Shopify

Shopify è un sito conosciutissimo ed usato da molti negozi online – nello specifico, oltre 165 mila. Proprio perché utilizzato da così tanti utenti, Shopify ha veramente tutte le funzionalità di cui hai bisogno, tra cui:

  • oltre 100 template per realizzare il tuo sito. I temi sono molto belli, moderni e responsive; puoi guardarli in anteprima su questa pagina. Inoltre, i temi possono anche essere modificati con HTML e CSS.
  • dominio personalizzato (potrai usare un dominio che hai già oppure acquistare uno direttamente da Shopify).
  • banda illimitata, certificato SSL e backup giornalieri inclusi,
  • integrazione con oltre 70 sistemi di pagamento,
  • calcolo automatico delle tasse ed imposte in base al paese del cliente,
  • supporto per il blog, se vuoi promuovere il tuo sito facendo content marketing,
  • strumenti di analisi,
  • piattaforma disponibile in oltre 50 lingue (+ possibilità di tradurre il tema),

e tante altre ancora. Inoltre, per le funzionalità che non sono già integrate esistono molte applicazioni sviluppate appositamente per Shopify.

Costo:

Shopify ha un costo a partire da $29/mese più una commissione pari al 2.9% + 30 centesimi di dollaro su ogni vendita.

Shopify è un’ottima piattaforma con tante funzionalità. Sicuramente ti risparmierà tanti dei grattacapi che avresti creando un sito da zero; ovviamente, avrai però meno flessibilità.

Vai al sito ufficiale Shopify

#2 BigCommerce

BigCommerce è un’altra ottima piattaforma con funzionalità e caratteristiche molto similari a quelle di Shopify: dominio personalizzato, certificato SSL, temi per ogni esigenza, ottimizzazione SEO e tante altre.

Rispetto a Shopify, con BigCommerce è più difficile gestire la traduzione del negozio online in italiano (la piattaforma non è già disponibile in molteplici lingue ed è quindi necessario tradurre manualmente i file – e verificare che tutto sia corretto ad ogni aggiornamento della piattaforma).

Costo:

BigCommerce ha un costo piuttosto competitivo; dovrai infatti pagare un canone mensile a partire da $29. 95/mese più una commissione pari al 1.5% su ogni vendita.

Vai al sito ufficiale BigCommerce

#3 Volusion

Anche Volusion è una piattaforma sul modello delle concorrenti Shopify è BigCommerce. Anch’essa, è molto utilizzata: ad oggi, è stata usata per processare oltre 18 miliardi di dollari di vendite!

Anche in questo caso, potrai scegliere un template, caricare i prodotti, fare campagne di marketing (c’è anche una funzionalità per inviare newsletter) e gestire tutte le vendite all’interno della piattaforma Volusion.

Come nel caso di BigCommerce, una piccola pecca di questa piattaforma sta proprio nella possibilità di tradurre il tuo sito in italiano: è possibile tradurre la maggior parte dei testi direttamente modificando la pagina manualmente – ci sono però alcuni elementi (in modo particolare nella parte relativa al pagamento) che sono strettamente in inglese.

Costo:

Volusion ha un costo molto competitivo; infatti, non applica commissioni sulle singole transazioni come fanno le altre piattaforme. C’è però un numero massimo di prodotti che puoi caricare per ogni fascia di prezzo. Per esempio, pagando $15/mese potrai caricarne al massimo 100. Per arrivare fino a $1000 dovrai pagare $35/mese (anche i GB di banda hanno dei limiti sulla base del piano scelto).

Volusion è quindi una piattaforma dal costo molto competitivo; però solo se prevedi di usarla per un nuovo negozio o comunque uno di piccole dimensioni.

Vai al sito ufficiale Volusion

 

home volusion

#4 BigCartel

BigCartel è molto simile alle migliori piattaforme e-commerce non WordPress già descritte. La differenza principale è probabilmente nel costo.

Costo:

A differenza delle altre piattaforme, BigCartel offre anche un piano gratuito (limitato però a 5 prodotti). Si tratta ovviamente di un piano molto limitato, che però potrebbe esserti utile se vuoi vendere solo qualche prodotto online.

Anche gli altri piani hanno però delle limitazioni. Usando questa piattaforma, non potrai infatti vendere online più di 300 prodotti.

I costi sono bassi (i piani premium partono da $9.99/mese), però BigCartel è una piattaforma secondo me piuttosto limitata.

Vai al sito ufficiale BigCartel

#5 WixStores

Wix è conosciuta da molti in Italia come la piattaforma per creare siti web gratuitamente. Effettivamente, il processo è abbastanza semplice: basta iscriverti, scegliere un template ed iniziare a configurare il tuo sito (attenzione però! Ci sono delle limitazioni – non potrai per esempio usare il tuo dominio).

Vediamo ora le funzionalità e-commerce di Wix.

Pochi lo sanno ma Wix permette di creare anche negozi online.

Costo:

Il pacchetto Wix eCommerce ha un costo di 16,17 euro mensili (il dominio personalizzato è incluso). In questo caso ci sono però dei limiti: 20GB di memoria e 10GB per la larghezza di banda.

Vai al sito ufficiale WixStores

home vixstores

#6 1ShoppingCart

Ho inserito 1ShoppingCart in questa lista perché è una delle piattaforme e-commerce non WordPress più utilizzate: pensa che conta oltre 3 milioni di utenti!

Nonostante questo, rispetto alle piattaforme già presentate, ha senza dubbio un aspetto meno moderno. Seppur 1ShoppingCart sembri una soluzione solida, le funzionalità sono abbastanza limitate ed anche il costo non è per nulla competitivo.

Costo:

1ShoppingCart ha un costo a partire da $34/mese più 1.25% di commissione su ogni transazione.

Vai al sito ufficiale 1ShoppingCart

#7 3dCart

3dCart è molto simile a Shopify, Volusion e BigCommerce. Si tratta infatti di una soluzione completa per la creazione del tuo sito e-commerce.

Anche in questo caso avrai a disposizione molti template pre-impostati per la creazione del tuo sito; le funzionalità sembrano però un po’ più limitate rispetto ai concorrenti (anche in questo caso, un aspetto negativo è legato alla traduzione del sito in italiano).

Costo:

3dCart non applica commissioni sulle vendite; c’è però un limite al volume di traffico mensile. I piani partono da $19.99/mese per i negozi fino a 200 prodotti e 4 mila visite al mese. Anche il piano più costoso (quello da $129.99/mese ha un limite di 90 mila visite al mese).

Vai al sito ufficiale 3dCart

#8 Yahoo Small Business

Il motore di ricerca Yahoo sta cercando di farsi spazio nell’arena dei servizi premium rivolti ai piccoli business.

Yahoo Small Business raccoglie una serie di servizi utili agli imprenditori per portare la propria attività sul web: c’è un servizio di hosting, acquisto dominio, marketing e, appunto, pacchetti e-commerce.

Seppur il servizio sia offerto da Yahoo, le caratteristiche e funzionalità dei piani e-commerce sono molto simili a quelle delle piattaforme che abbiamo visto fino ad ora. Anche in questo caso, ci sono vari template tra cui scegliere, integrazione con i sistemi di pagamento e di spedizione, eccetera.

I piani, anche quello più economico, sono del tipo “tutto illimitato”. Secondo me, non sono però affatto competitivi per quanto riguarda i costi.

Costo:

Il piano Basic (quello più economico) ha un costo di $26 al mese. A questo è da sommare una commissione dell’ 1.5% su ogni vendita.

Vai al sito ufficiale Yahoo Small Business

#9 Etsy

Fino ad ora abbiamo visto piattaforme e-commerce non WordPress che permettono di creare un vero e proprio sito, con un suo dominio, template, eccetera.

In questa guida, ho però voluto includere anche Etsy: si tratta di una piattaforma diversa, ma che ha il potenziale di dare una grandissima visibilità ai tuoi prodotti.

Se non conosci Etsy, ti tratta di un online marketplace dove gli utenti possono creare una pagina (l’equivalente del negozio) e mettere in vendita dei prodotti.

Un requisito della piattaforma è che i prodotti devono essere vintage oppure fatti a mano. Il vantaggio di usare Etsy è che questo è un sito amatissimo dagli appassionati del retrò e dell’artigianato; avrai quindi accesso ad un numero molto vasto di utenti – anche se la competizione è tanta.

In questo caso, le opzioni di presentazione dei prodotti sono molto limitate; c’è però il vantaggio che la piattaforma gestisce in automatico la traduzione della tua pagina a seconda del paese di provenienza dell’utente.

Costo:

Aprire un negozio su Etsy è gratuito. Ogni volta che pubblichi un prodotto, devi però pagare 20 centesimi di dollaro. A questo è da aggiungere una commissione del 3.5% sul prezzo di ogni prodotto venduto.

Vai al sito ufficiale Etsy

home etsy

#10 eBay

Infine, come non menzionare eBay: il re dei marketplace online.

eBay funziona in modo ancora diverso rispetto ad Etsy; si basa infatti sul modello ad asta. Quando metti qualcosa in vendita, ti viene richiesto di indicare una data di termine dell’asta ed il prodotto è aggiudicato all’utente che fa l’offerta più alta (esiste anche però una funzionalità per vendere il prodotto senza asta ad un prezzo fisso).

Come su Etsy, all’interno di eBay puoi creare una tua pagina negozio dove caricare tutti i prodotti. Anche in questo caso, le opzioni di personalizzazione sono veramente limitate e aggiungo inoltre, che il volume di utenti che visitano il sito ogni giorno non è comparabile ad alcuna altra piattaforma.

Costo:

eBay applica diverse tariffe ai venditori professionali con la pagina negozio ed a quelli occasionali. Per avere una pagina negozio si devono pagare 19,95 euro mensili (questo include 100 inserzioni mensili). I venditori occasionali possono invece creare 50 inserzioni mensili gratuitamente. Se un oggetto viene venduto, è applicata una commissione del 10% sul prezzo di vendita finale.

Vai al sito ufficiale eBay

Conclusione

Queste sono le dieci migliori piattaforme e-commerce NON WordPress che puoi usare per vendere online i tuoi prodotti. Come vedi, tutte le soluzioni presentate prevedono di pagare un canone mensile e/o una commissione sulla vendita. Senza dubbio, permettono però di beneficiare delle funzionalità e-commerce senza doverti preoccupare della realizzazione di un intero sito.

Ora passo a te la parola; secondo te è meglio realizzare un sito da zero oppure sfruttare la convenienza di queste piattaforme? Tu le hai mai provate? Secondo te sono una soluzione valida?

Parliamone nei commenti.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

PROMOZIONE HOSTING WORDPRESS SITEGROUND

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
6 commenti
  1. dice:

    Io mi trovo molto bene con WIX nella creazione del sito. Ho letto però in più di una recensione che
    che WIX non ottempera alla normativa europea in tema di e-Commerce.
    Vorrei sapere se è vero e nello specifico per quale motivo non ottempera alle normative.
    grazie

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Dario, è vero, Wix non ottempera alla normativa europea in tema di eCommerce. Contatta un legale esperto in web per maggiori info, ma sicuramente NON creare un ecommerce utilizzando Wix.

      Rispondi
  2. dice:

    buon giorno
    ho visitato il vostro sito avrei il piacere di essere contattato con un vostro addetto di commerce
    piattaforme per avere delucidazioni come iniziare
    al momento non ho il sito commerce
    Saluti
    Carlo Gandolfi
    3463066897

    Rispondi
  3. dice:

    io utilizzo shopmania che effettivamente è facilissimo da usare super intutitvo non bisogna conoscere troppe cose, i punti di forza sono la prova pratica gratuita per 15 giorni e la possibilità di utilizzare molte opzioni tra le quali il negozio su facebook… però la grafica è scarsa e il server posizionato in romania non da fiducia al cliente… ho comunque venduto dei pordotti sul mio sito però adesso è il momento di cambiare look

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *