Blogger VS WordPress: Qual é La Differenza?

bloggervswordpress

Sono tanti gli utenti che mi chiedono: “Qual è la differenza tra Blogger e WordPress?”, “Qual è la piattaforma migliore per creare un blog di successo, che sia flessibile e facile da gestire?”, “Per diventare blogger famosi, è meglio usare Blogger o WordPress?”.

Ho scritto questo post per rispondere a tali richieste, ed anche per sottolineare un concetto basilare.

Prima di ogni scelta, devi capire quali sono le effettive necessità, in termini di funzionalità, che vuoi per il tuo blog.

Solo in base a questo potrai scegliere la piattaforma che è realmente migliore per te, ovvero che risponde perfettamente alle tue esigenze. Non affrettare la fase di progettazione, in quanto è assolutamente determinante per il successo del tuo progetto online.

Detto questo, passiamo adesso ad analizzare nel dettaglio le specifiche caratteristiche e le differenze tra Blogger e WordPress, le piattaforme di blogging più utilizzate e più richieste, elencando i pro e i contro di ciascuna.

In questo modo per te sarà più semplice orientarti sulla scelta da prendere.

Sito Hosted vs Self Hosted

Prima di andare avanti è bene fare una distinzione tra un sito hosted e uno self hosted.

Nel primo caso infatti è la piattaforma stessa a fornirti lo spazio server, ma non sei proprietario a tutti gli effetti del tuo blog (cioè, non sei libero di gestire come desideri tutti i file che costituiscono il tuo sito). Nel caso dei blog self hosted, invece, il sito risiede su un server privato per il quale paghi una cifra mensile o annuale.

Entrambe le piattaforme di cui stiamo parlando offrono una versione gratuita hosted.

WordPress, però, al contrario di Blogger offre anche una versione self hosted, per tutte quelle persone che vogliono avere maggiore autonomia e godere di molte più funzionalità.

Per siti che vogliono avere subito elevate prestazioni e raggiungere un più vasto pubblico nel breve periodo, ricordo che vi sono dei provider ottimizzati per ospitare uno spazio web realizzato con WordPress, come SiteGround (l’hosting di SOS WordPress).

Conosciamo adesso più nel dettaglio Blogger e WordPress.

Blogger

Google è proprietario di Blogger, una piattaforma di blogging gratuita introdotta nel 1999 da una piccola società di San Francisco.

All’inizio era poco conosciuta e venne portata avanti a livello amatoriale dai fondatori della società.

Con gli anni e con l’aggiunta di nuove funzionalità si è giunti al numero record di 20 milioni di blog creati con Blogger.

Il segreto di questo successo? E’ facile e intuitiva da utilizzare e non richiede conoscenze di programmazione.

Attraverso Blogger creare un blog è una esperienza davvero semplice, veloce, adatta anche ai meno esperti del web.

WordPress

WordPress è una piattaforma di blogging gratuita introdotta nel 2003 ed è stata senza dubbio uno degli eventi più rivoluzionari sul web, dopo l’avvento di Google e dei social.

WordPress è un CMS, acronimo che sta per Content Management System, ovvero un sistema di gestione dei contenuti, che ti permette di creare un blog o un sito e di gestirlo senza dover avere necessariamente conoscenze di programmazione.

Il punto di forza di WordPress sta nell’essere una piattaforma Open Source, cioè una risorsa in continua evoluzione, grazie ad una community mondiale che lavora ogni giorno per migliorarla e renderla ancora più funzionale, anche se gratuita.

E’ una piattaforma efficiente e intuitiva, ma la sua vera forza sta nella flessibilità con cui può essere personalizzata attraverso plugin, widget e temi professionali. Chiunque può costruire un sito professionale con WordPress, anche se non ha alcuna conoscenza di linguaggi web. Grazie a WordPress, puoi imparare come diventare blogger in poco tempo, assumendo molte competenze in maniera veloce e intuitiva.

Creare un blog con Blogger

Blogger

Pro & Contro

Adesso vediamo quali sono i pro e i contro di questa piattaforma per creare il tuo blog.

Pro:

  • E’ completamente gratuita
  • Ti permette di visualizzare banner pubblicitari
  • E’ ben collegata con la piattaforma pubblicitaria di Google Adsense
  • Caratteristiche social integrate
  • Non c’è bisogno di fare backup di file e database
  • I tuoi post saranno facilmente indicizzati da Google
  • Puoi utilizzare programmi 3rd party o temi già fatti sulla piattaforma
  • Puoi personalizzare il template con stili e colori diversi
  • Lo spam è filtrato da Google

Contro:

  • Solo 1 GB di storage
  • Le immagini devono essere caricate attraverso piattaforme esterne, come Picasa
  • Non possiedi veramente il tuo blog
  • Non è possibile espanderne le funzionalità attraverso l’inserimento di plugin
  • E’ difficile da ottimizzare in chiave SEO

Creare un Blog con WordPress.com

wordpress.com

(Versione hosted) – Pro & Contro

Abbiamo visto che WordPress ha due versioni: una hosted ovvero quella di WordPress.com e una self hosted, ovvero quella di WordPress.org.

La prima versione è quella gratuita, in cui il tuo sito viene ospitato sul server di WordPress chiamato Automattic.

Vediamo i lati positivi e negativi di questa piattaforma.

Pro:

  • E’ gratuita e molto semplice da impostare
  • Tutti i lavori di mantenimento come impostazione, aggiornamenti, spam, backup, sicurezza e molto altro sono gestite da WordPress.com
  • Otterrai traffico extra diventando parte della community di .com
  • E’ SEO friendly, ovvero la piattaforma è ottimizzata per i motori di ricerca

Contro:

  • Ci sono più di 200 temi gratuiti tra cui scegliere per il tuo sito, ma non è possibile caricarne uno diverso da quelli che offre la libreria
  • Non puoi modificare il codice PHP del tuo blog
  • Non puoi utilizzare plugin
  • Non sei proprietario del blog
  • Non ti è permesso utilizzare piattaforme pubblicitarie come AdSense, Chitika, Amazon e molto altro, per inserire banner sul tuo sito
  • Per poter visualizzare delle pubblicità devi pagare un compenso annuo

Creare un Blog con WordPress.org

wordpress.org

(Versione Self-hosted) – Pro & Contro

Questa versione di WordPress è senz’altro quella che offre maggiori funzionalità rispetto alle altre due piattaforme che ho citato prima.

Potrai accedere a migliaia di temi, plugin, widget e molto altro ancora per personalizzare al massimo il tuo sito in termini di funzionalità e aspetto.

Potrai creare il tuo blog o sito in pochi e semplici passi, ed ottenere comunque un sito professionale.

Se vuoi utilizzare questa versione di WordPress devi registrare un tuo dominio ed ospitare il sito su uno spazio server a tua scelta.

Vediamo quali sono i pro e i contro della piattaforma.

Pro:

  1. Sei il proprietario a tutti gli effetti del tuo blog e hai pieno controllo su di esso
  2. Potrai installare qualsiasi tema o plugin, anche quelli che non vengono proposti da wordpress.org
  3. E’ SEO friendly
  4. Ci vogliono pochi minuti per impostare il tuo blog
  5. Completa gestione del codice
  6. Possibilità di utilizzare piattaforme pubblicitarie
  7. Il nome del tuo sito non verrà seguito da “wordpress.com” nell’URL

Contro:

  1. Devi acquistare un dominio e un server
  2. Devi fare backup regolari del database

Conclusione

In questo articolo ti ho fornito le informazioni principali che ti permetteranno di valutare meglio queste due piattaforme di blogging.

Sicuramente la scelta di un sito self-hosted è la più consigliata per chi vuole più funzionalità e la flessibilità di aggiungere nuove caratteristiche all’aspetto e all’organizzazione del proprio sito.

Inizialmente può essere più comodo utilizzare una piattaforma gratuita, successivamente sarà inevitabile optare per un provider a pagamento se vorrai prestazioni e opzioni di personalizzazione sempre più elevate.

Fai la tua scelta, valutando i pro e i contro che ti ho elencato, e se hai qualche dubbio o vuoi farmi qualche domanda scrivimi o utilizza il box dei commenti qui sotto.

Dai un voto a questo articolo

Rating: 4.3. From 7 votes.
Please wait...
Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

PROMOZIONE HOSTING WORDPRESS SITEGROUND

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress

Un esperto WordPress che ti risponde in 1 ora o meno? GRATIS!

Assistenza WordPress Gratuita!
47 commenti
  1. dice:

    Ho già acquistato alcuni domini e vorrei fare dei minisiti di poche pagine senza utilizzare i database (per motivi economici). Ma non conosco il linguaggio Html e quindi avrei bisogno di un CMS adeguato allo scopo, intuitivo. WordPress, che conosco abbastanza bene, non può essere, visto che non funziona senza database. E allora? Grazie Andrea!

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Giorgio, io consiglio di usare WordPress perché a fronte di un investimento iniziale (minimo) ti permette di creare siti con estrema versatilità. E ricorda, minisito non equivale sempre a sito “semplice”. Richiede comunque attenzione, cura e ottimizzazione.. e WordPress ti permette con facilità di assicurare questo ai tuoi progetti, senza dover conoscere il codice!

      Rispondi
  2. dice:

    ciao andrea, i tuoi articoli sono tra i più chiari fra quelli che circolano i rete. Io ho bisogno di un chiarimento e anche di un consiglio, se puoi: vorrei aprire un blog che racchiuda tre delle mie più grandi passioni, ossia la scrittura, la fotografia, e la passione per la skincare e il make up, essendo io una professionista nel settore. alcuni giorni fa ho aperto un blog su blogger, ho scritto degli articoli, ma ho lasciato il profilo ancora privato in quanto, essendo io sono un tantiiino perfezionista, vorrei impostarlo per bene, sia nella struttura che nei contenuti. Però mi sono imbattuta in alcuni articoli come il tuo in cui si esplorano le differenze fra WP e blogger. Premetto che la mia è una passione, ma se riesco a monetizzare il blog e a ricavarci qualcosa passivamente oppure tramite le pubblicità sarebbe meglio, o no? Così ho cercato di informarmi su WP, ed ho visto che oltre alla versione gratuita, ne esistono altre a pagamento; quella ad esempio che potrebbe fare al mio caso potrebbe essere quella a 8 euro circa (a proposito il pagamento è mensile o annuale?). A questo punto mi chiedo: che differenza c’è aprire un blog a pagamento su WP.com che su WP.org? Tra l’atro ho provato a scaricare quest’ultimo ma dopo averlo estratto non sono riuscita più ad andare avanti, ma questo perché non ho molte competenze in merito! Che mi consigli? grazie

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Emma, Su wordpress.com, anche se compri il dominio e/o passi ad un piano Premium, NON potrai in nessun caso installare plugin, né effettuare modifiche al tema.
      Consulta questo post, per apprendere tutte le differenze tra wordpress.com e wordpress.org, la versione self hosted di WordPress che ti permette di installare plugin, widget, e di effettuare modifiche al codice: https://sos-wp.it/conosci-le-differenze-tra-wordpress-com-e-wordpress-org/.
      Se vuoi anche tu vuoi utilizzare wordpress.org,iscriviti alla nostra Assistenza Prioritaria Gratis: https://sos-wp.it/assistenza-prioritaria/.
      Ti diremo noi come poter importare con facilità, se lo desideri, i contenuti del tuo blog con Blogger su wordpress.orNoi siamo a disposizione per aiutarti in ogni passaggio, e voglio ricordarti che se attivi la nostra assistenza prioritaria, potrai ANCHE ricevere gratuitamente il nostro Video Corso per insegnarti a creare facilmente un sito web professionale con WordPress.
      Per ogni domanda il nostro staff esperto in WordPress è a disposizione, un saluto e a presto!

      Rispondi
  3. dice:

    Ciao!
    Intanto grazie dell’articolo. Ho un paio di domande in merito: io ho un blog Blogger e a breve passerò a dominio personalizzato (già acquistato con Godaddy, ovviamente senza hosting, dal momento che già ce l’ho con Blogger). Quello che non mi è chiarissimo è se, anche con dominio personalizzato, la memoria di hosting resta comunque 1 GB e se, quindi, in futuro, sarò costretta ad acquistare anche hosting.
    Domanda numero due: se la risposta alla precedente fosse sì, sarà possibile acquistare con Godaddy, passare da piano solo dominio a piano con hosting?
    O conviene di più passare a WordPress self hosted prima di passare a dominio personalizzato?
    Spero di essere stata chiara abbastanza!
    Grazie in anticipo,
    Elisa

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Elisa, l’aggiunta del dominio non aggiunge nulla al tuo piano hosting. Ti conviene, quindi, passare a WordPress.org come indicato in questa guida guida dettagliata: https://sos-wp.it/come-trasferire-sito-blogger-wordpress/. Ti ricordo che possiamo aiutarti noi nel passaggio, e gratis! Basta che ti iscrivi qui https://sos-wp.it/assistenza/appuntamento/ e ti manderemo istruzioni dedicate su come procedere, anche per utilizzare il dominio che hai su GoDaddy sull’hosting che consigliamo. Un saluto e a presto!

      Rispondi
      • dice:

        Ciao! Intanto grazie della pronta risposta!
        Purtroppo mi immaginavo questo e ho chiesto proprio perché nel caso avrei voluto fare il passaggio prima di usare il nuovo dominio.
        Sto acquistando anche un nuovo template e chi me lo fornisce mi farebbe gratis sia passaggio a wordpress (se volessi) che a dominio, quindi già che ci sono preferisco far fare tutto a un solo soggetto, così da non fare confusione.
        Se avessi altri dubbi vi contatterò sicuramente, sei stato davvero d’aiuto!
        Elisa

        Rispondi
  4. dice:

    Ciao Andrea,
    per prima cosa voglio farti i complimenti per il tuo articolo, che trovo molto interessante. Dopodiché vorrei esporti il mio progetto e avere una tua opinione in merito; la mia intenzione è quella di creare un blog di scommesse sportive nel quale dare statistiche e pronostici riguardo i vari eventi sportivi. L’idea è quella di inserire uno spazio dove poter anche interagire con i lettori. Vorrei sapere se, secondo la tua opinione, l’argomento che ho scelto è valido e se wordpress.org è adatto per sviluppare un blog di questo tipo.
    Un saluto e grazie!

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Fabio, certo che WordPress.org è lo strumento adatto per creare un blog come desideri, in grado di intrattenere i lettori e interagire con loro.
      Pre-iscriviti alla nostra Assistenza Prioritaria Gratis https://sos-wp.it/assistenza-prioritaria/, per avere direttamente nella tua casella email le istruzioni passo passo per attivarla, e scegliere il miglior hosting sul mercato per creare il tuo sito web con WordPress.org! Siamo a disposizione, per ogni domanda.

      Rispondi
  5. dice:

    Salve,
    mi chiamo Valeria e vorrei avventurarmi nel mondo del blog. Ho scelto WordPress (versione hosted gratuita) per via dell’argomento che vorrei trattare. Vorrei in particolar modo creare un blog per espandere il mio account di instagram, cioè vorrei creare un blog che sia principalmente una vetrina dei miei disegni. Il dubbio è se WordPress sia adatto alla mia idea. Che consiglio mi può dare? Grazie per la disponibilità.

    Rispondi
  6. dice:

    Ciao andrea,
    molto interessante e sopratutto semplice la tua guida,sopratutto per chi,come me,non ne capisce davvero nulla di computer,e quindi veniamo alla mia domanda,vorrei aprire un blog,stavo per farlo su siteground ma poi ho scoperto blogger che,per chi come me,non ha alcuna idea in merito e non sa’come puo’essere,mi sembra forse il piu’ adatto,tu cosa mi consigli?ed infine,con blogger avro’ comunque un mio indirizzo di blog ma sara’accessibile a google poiche’ non e’uno spazio mio,giusto?E’ questa uno dei grossi limiti..se non ho capito male…

    Rispondi
  7. dice:

    Ciao! Articolo interessantissimo, bravi! Volevo chiedervi una cosa. Io ho creato 2 settimane fà un blog con il servizio virgilio myblog. Stavo pensando peró di passarlo a wordpress, perche con virgilio mi compare in alto una barra nera di virgilio veramente brutta alla vista. Potreste dirmi come fare passo spasso per passare dal blog di virgilio ad un blog fatto con wordpress, preferibilmente senza dover riscrivere completamente gli articoli? Grazie

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Simone,
      non conosco questo servizio di Virgilio, hai utilizzato WordPress per creare il blog o un altro strumento?
      Un saluto, fammi sapere!

      Rispondi
  8. dice:

    Salve,
    Ho un blog da qualche mese (https://inkpressione.blogspot.it/), su blogger. Da qualche tempo mi viene da pensare che forse quella della piattaforma di google sia stata una scelta sbagliata, ma non ne sono ancora sicuro. Per questo avrei qualche domanda:
    – WordPress è così migliore?
    – E’ possibile trasferire un blog blogger direttamente su un hosting come siteground? (installando blogger impostato su quel sito?) Oppure dovrei passare prima da blogger a wordpress, e poi trasferire l tutto su siteground?
    Grazie

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Gabriele,
      dalla mia esperienza, posso dirti che WordPress è una risorsa più professionale, e indubbiamente più completa di Blogger.
      Se scegli SiteGround, il loro servizio di assistenza ti aiuterà a trasferire tutti i contenuti dal vecchio blog al nuovo sito con WordPress.
      Se hai altre domande siamo a tua disposizione,
      Un saluto!

      Rispondi
  9. dice:

    Ciao Andrea,innanzitutto grazie per le preziose informazioni che ci fornisci.Volevo chiederti sto usando un template di Aruba(terribile),sono deciso a passare a word press.org,mi consigli un template adatto per magazine e notizie(gia ricco di tutte le principali funzioni) e già che ci siamo, se e compatibile con hosting arauba (come hosting mi pare che vada bene).Grazie.Ciao

    Rispondi
  10. dice:

    Devo ammettere che sono ancora ai prodromi di questa idea ma è tanta la voglia di aprire un blog in cui posso consigliare come guadagnare on line. Ora la mia domanda al momento è solo questa: avendone io già uno vorrei differenziare un po’ la linea giocando su consigli decisivi per chi ha come me la passione del gioco. Quale piattaforma mi consigli? E che layout? grazie

    Rispondi
    • dice:

      Ciao!
      Complimenti per la tua iniziativa.. per quanto riguarda la piattaforma da utilizzare, non posso che consigliarti WordPress, il più potente e utilizzato CMS al mondo.
      Per quanto riguarda il tema, ti consiglio Enfold, lo stesso che utilizziamo su SOS WordPress e che abbiamo inserito in numerosi progetti per i nostri clienti: semplice da utilizzare, ma estremamente personalizzabile e professionale.
      Guarda questo video, per vedere come sia facile ottenere uno spazio web, un dominio e l’installazione di WordPress per iniziare subito a lavorare sul tuo progetto.
      Sono qui se hai ulteriori domande, un saluto e grazie del commento!

      Rispondi
  11. dice:

    Ciao, sono una webmaster con esperienza e ho provato tutto. Posso dirvi che il servizio migliore per creare un sito web gratis è senz’altro Google sites. Semplice e intuitivo, con un ottimo CMS e con infinite potenzialità date dall’integrazione con tutti i prodotti Google.

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Silvana,
      grazie della tua segnalazione, anche se riteniamo che WordPress sia la soluzione migliore per creare un sito web professionale, e con costi contenuti.
      Un saluto!

      Rispondi
  12. dice:

    Ciao Andrea e grazie per le tue utilissime guide. Vorrei chiederti dei consigli: vorrei aprire un Blog/Portfolio e spenderci davvero poco a livello “monetario”. Ho trovato 2 possibili alternative, Aruba e Netsons. Aruba offre “spazio illimitato” e altri servizi al costo di 42 euro annuali e il database di 1 giga (compreso il Backup). Netsons invece con 18 euro annuali offre 10 GB di spazio e Database da 100 MegaByte. Le domande sono le seguenti: un Database da 100 Megabyte è sufficiente per un Blog/Portfolio? E 10 GB di Spazio Web? Tu quale sceglieresti?
    N.B: Netsons, a livello di costi, è quello che mi attira di più, ma ho questo dubbio sulle dimensioni del Database che spero tu possa chiarirmi.
    Grazie in anticipo!

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Andrea,
      è importante, prima di sottoscrivere un piano di hosting, considerare assieme al prezzo anche le prestazioni garantite dal provider.
      Tutto questo ovviamente in relazione ai tuoi contenuti (quanti sono effettivamente) e quale è la mole di utenti che vuoi raggiungere.
      In base a questo, prova a contattare il servizio clienti di Netsons per specificare subito di cosa hai bisogno e capire se il loro piano fa al caso tuo.
      La nostra esperienza, comunque, ci suggerisce sempre di indicare ai nostri lettori gli hosting GoDaddy e SiteGround, che a fronte di un prezzo leggermente maggiorato (per SiteGround si tratta di 44.50 Euro annuali) offrono davvero un ottimo servizio, ovvero per noi quello con il miglior rapporto qualità/prezzo. Per tutta questa serie di ragioni, SiteGround è diventato il nostro provider, e siamo davvero soddisfatti di questa scelta.
      Facci sapere per quale soluzione opterai, e grazie per il commento!

      Rispondi
      • dice:

        Salve Andrea,
        grazie davvero per questo articolo illuminante! Tempo fa ho acquistato un dominio su Tophost e ho creato il mio sitino col cms Joomla, ma non sono tanto soddisfatta (di Joomla). Preferisco di gran lunga WordPress, da ciò che ho visto, e ho deciso di rimpiazzare con esso il povero Joomla… Non credo proprio che il server di Tophost sia ottimizzato per WordPress, ma ho rinnovato il dominio qualche giorno fa e per un altro anno ormai sto con loro. Speriamo bene!

        Rispondi
        • dice:

          Ciao Fiorella,
          in genere è prevista dai provider la possibilità di rescissione del contratto entro un periodo stabilito.
          Valuta se questa opzione è ancora possibile per optare su altro hosting specifico per WordPress, in ogni caso se è la tua “prima volta” con questo CMS contiamo che SOS WordPress possa darti tante informazioni utili!
          Facci sapere come procede il lavoro sul tuo sito, e grazie per il tuo commento.

          Rispondi
  13. dice:

    ciao Andrea vorrei aprire un blog con wordpress, ma non ho capito bene con il suffisso worpress non posso mettere adsense, o ci sono strumenti adatti, o devo proprio comprare un dominio?

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Luke,
      se vuoi utilizzare Adsense devi per forza acquistare uno spazio web, su cui installare wordpress.org.
      Un saluto!

      Rispondi
    • dice:

      Ciao Azazello,
      Grazie per il commento; è possibile, però non lo consiglierei in quanto la migrazione non è “automatica”. Se si decide di passare dalla versione hosted a quella self-hosted è possibile esportare/importare articoli, commenti, tag, ecc. ma non migrare direttamente anche il tema; si dovrà quindi lavorare di nuovo sulla grafica e sulle configurazioni del sito.
      Buona giornata!

      Rispondi
    • dice:

      Ciao Ivana, grazie per la richiesta.

      Sì, è possibile migrare il tuo sito dalla versione .com a quella .org di WordPress; tuttavia, ci sono alcuni aspetti a cui ti consiglio di prestare attenzione:

      questo processo è abbastanza complesso; comporta, infatti, di utilizzare una funzionalità per esportare i contenuti del tuo blog (post, commenti, menu di navigazione… ; qui trovi i dettagli su quali contenuti sono esportati http://en.support.wordpress.com/export/); non è però possibile esportare il tema e le sue configurazioni. Anzi, i temi Premium della versione .com non possono essere trasferiti a quella .org. Una vostra trasferiti i contenuti, dovrai quindi installare e configurare il tuo nuovo tema.

      Se non ti senti sicura ad effettuare la migrazione, WordPress offre un servizio di trasferimento dei blog da .com a .org, che ha un costo di $129; trovi maggiori dettagli sul sito ufficiale WordPress http://en.support.wordpress.com/guided-transfer/ .

      Infine, se sei ancora nel processo di scegliere quale versione di WordPress usare, ti consiglio questo articolo, in cui trovi tutte le principali differenze fra le due: https://sos-wp.it/conosci-le-differenze-tra-wordpress-com-e-wordpress-org/ (per esempio, sulla versione .com non è possibile installare plugin).

      Grazie per averci scritto, ti auguro un buon weekend!

      Rispondi
  14. dice:

    Ciao Michela,

    Grazie per la tua richiesta; credo tu ti stia riferendo ai siti WordPress costruiti su piattaforma .com; ti suggerisco di dare un’occhiata anche a questo articolo sulla differenza tra .com e .org https://sos-wp.it/conosci-le-differenze-tra-wordpress-com-e-wordpress-org/

    Come leggerai, per avere certe funzionalità anche la versione .com (cioè hosted ha dei costi) implica dei costi; usando quella .org devi pagare per il server, ma puoi crearti uno spazio tuo.

    A presto!

    Rispondi
  15. dice:

    Ciao,

    forse non ho capito bene io.. però mi sfugge un passaggio.

    Mi spiego: ci sono delle “ditte” (non so come chiamale) che offrono la possibilità di creare dei siti, mi sembra che abbiano dei modelli in genere preimpostati (gratis o a pagamento a seconda delle funzioni) e di ospitarli anche. Perché con wordpress.org invece il server va acquistato a parte? cioè a cosa mi serve pagare worpress.org se poi devo anche pagare un server che mi ospiti, quando invece posso travare server che oltre a ospitarmi mi danno anche un sito già preimpostato?

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Michela,
      con uno spazio acquistato hai la possibilità di personalizzare la tua piattaforma e implementarla come desideri, inserire pubblicità, e fare tante altre cose.
      Si tratta di una scelta di autonomia, in primo luogo, che ti ripaga presto in termini di professionalità acquisita.
      Spero di aver chiarito qualche tuo dubbio, un saluto!

      Rispondi
  16. dice:

    Complimenti per l’articolo, solo qualche piccolo chiarimento in merito.

    Nei CONTRO di Blogger vengono annoverati:
    – E’ difficile da ottimizzare per il SEO;
    – Non può essere completamente personalizzabile
    Dal mio punto di vista sono entrambi affermazioni discutibili.

    In più, da quanto ne so, anche Blogger può avere la versione “Self-hosted”
    ma nell’articolo non ve ne è nota, che fondamentalmente è un bel PRO ma
    anche uno dei “contro” peggiori della piattaforma, visto che non da la gestione
    FTP (a differenza di WP).

    Rispondi
  17. dice:

    dire che l’articolo risulta spudoratamente di parte e troppo?
    non credo propio che vorresti dire con su blogger non si possono mettere plugin, non esiste, i plugin ci sono e come e tu lo sai di certo ^^.
    che vuoi dire con non sei propietario del tuo blog?
    lo sai che i diritti di propieta’ intellettuale dei contenuti vanno al di la del fatto che sia self o meno hosted, ma certo che lo sai ^^.
    inoltre blogger non è solo personalizzabile sotto ogni punto di vista essendo il codice aperto alla modifica diretta, ma e anche indicizzato da google stesso essendo una sua piattaforma, ma vogliamo davvero far passare come vero il “mito” che blogger la piattaforma di blogging del re dei motori di ricerca non sia “SEO Friendly”
    inoltre essendo hostato sui server di google il nostro blog ha banda illimitata quindi anche con traffico stratosferico nessun rallentamento neanche minimo.
    e poi meno attacchi da parte di hacker, lo spam te lo gestisce google direttamente, e molto altro.
    il punto e che chi usa wordpress tende a considerare blogger come un fratello meno fortunato.
    comunque capisco il vostro punto di vista essendo voi qui per vendere servizi esclusivamente per wordpress che veramente e un cms ottimo.
    ma non trovo giusto sparare sentenze gratuite su blogger che è una delle piattaforme più intuitive e potenti sulla piazza.

    il vero problema di blogger è che e talmente intuitivo da non aver bisogno affatto di servizi terzi, comprendi bene le mie motivazioni di un così aspro commento Giulia,
    tirare l’acqua al propio mulino e giusto ma cerchiamo di essere trasparenti e vedrai che la trasparenza è senzaltro la migliore campagna Marketing

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Alex,
      pubblichiamo volentieri la tua opinione, anche se noi continuiamo a preferire WordPress, per le ragioni che ci hanno fatto aprire questo sito e che ci fanno lavorare ogni giorno a stretto contatto con questa piattaforma.
      Un saluto!

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *