100 domande e risposte sulla SEO

100 Domande e Risposte sulla SEO

Hai mai avuto domande in materia di SEO che avresti voluto fare direttamente a Google? In passato, io ne ho avute tante.

Nell’articolo di oggi, mi sono permesso di selezionare le domande più interessanti pubblicate sul sito The Short Cutts, e tradurle in italiano.

Su questo sito, sono raccolti tutti i video realizzati da Matt Cutts. Matt Cutts è l’ingegnere a capo del team anti spam di Google. E’ L’ESPERTO su tutto ciò che riguarda posizionamento, link in entrata ed in uscita, penalizzazioni, eccetera. Nel corso degli ultimi anni, ha risposto a centinaia e centinaia di richieste inviate dagli utenti.

Non ci resta che iniziare e vedere le 100 domande che ho selezionato per i lettori di SOS-WP.

Ne approfitto per ricordarti che se vuoi crescere DAVVERO sui motori di ricerca e ottimizzare al massimo il tuo sito web lato SEO, hai a disposizione il nostro servizio di consulenza. Fissa subito una call gratis con il nostro esperto, che risponderà a tutte le tue domande, indicandoti le migliori strategie.

Fare SEO domande e risposte

Posizionamento

1. Se un contenuto non ha link in entrata, come può migliorare il proprio posizionamento?

Lavorando su altri elementi, come i contenuti, le parole chiave, eccetera.

2. I siti piccoli possono diventare popolari su Google?

Certo, pubblicando molti contenuti di valore su un argomento specifico (nicchia). Quando ottengono un buon posizionamento per quella nicchia, possono espandersi in una più ampia.

3. Come fa Google a distinguere tra un sito popolare ed uno autorevole?

Solitamente, i siti più autorevoli hanno un PageRank più alto (più link di qualità in entrata). I siti più popolari sono invece quelli che hanno più traffico.

4. Come faccio a  sapere se il mio sito è stato penalizzato da un particolare algoritmo?

Se la penalizzazione è manuale, riceverai un messaggio all’interno del tuo account WebMaster Tools.

Google rilascia modifiche all’algoritmo molto spesso – quasi ogni giorno. Quando sono rilasciati aggiornamenti che possono avere un impatto notevole sui risultati di ricerca, viene fatto un annuncio.

In generale, è difficile determinare se il proprio sito è stato penalizzato da un algoritmo. Spesso, una variazione nel posizionamento è una naturale conseguenza del costante lavoro di indicizzazione di Google. Questo significa che, se si perdono posizioni, è allo stesso modo possibile recuperarle lavorando sui contenuti.

Video Corso SEO

5. E’ possibile ottenere buoni risultati su Google senza usare tecniche di ottimizzazione molto aggressive – per esempio, senza acquistare link?

Assolutamente sì! Tutti possono ottenere ottimi risultati usando tecniche SEO legittime. Una buona user experience, ottimi contenuti e link in entrata genuini producono migliori risultati nel lungo termine.

6. Come può un sito che esiste da tempo mantenere un buon posizionamento?

Per mantenere un buon posizionamento anche dopo anni di presenza online, è utile aggiornare il proprio sito, mantenerlo al passo con i tempi, lavorare sul design e sulla user experience.

7. I social media hanno un impatto sul posizionamento?

No, al momento non sono inclusi come fattori nell’algoritmo.

Talvolta, Google ha difficoltà ad accedere i contenuti pubblicati sui social. Inoltre, queste piattaforme sono aggiornate spessissimo e Google non è sempre in grado di seguire tutti i cambiamenti.

8. Un sito si posiziona meglio quando ha molte pagine indicizzate?

Un grande numero di pagine non è sinonimo di qualità e non garantisce un migliore posizionamento. Tuttavia, avere più pagine permette di corrispondere a più ricerche degli utenti. Inoltre, generalmente i siti con più pagine hanno anche più link in entrata – un fattore considerato da Google per misurare la qualità dei contenuti.

9. Ci si deve focalizzare su altri aspetti, oltre che sul posizionamento?

Sì – sul pubblicare contenuti realmente apprezzati dagli utenti e sul creare diverse fonti di traffico (tra cui anche i social).

10. Se il mio servizio di hosting ospita molti siti che fanno spam, ci saranno ripercussioni sul mio posizionamento?

Nella stragrande maggioranza dei casi, no. Google sa che i servizi di hosting ospitano molti siti diversi non correlati tra loro.

11. Perché il posizionamento di una nuova pagina cambia nel corso del tempo? Per esempio, perde posizioni dopo 2 settimane che è stata pubblicata?

Nel tempo, Google acquisisce  informazioni sulla pagina che non erano disponibili quanto è stata pubblicata.

12. Un business legittimo può competere online?

Certamente,

  • Assicurati di avere un bel sito, che sia facilmente navigabile ed accessibile anche da dispositivi mobile
  • Cerca di promuovere il tuo sito tra i tuoi clienti e a livello locale

Purtroppo Google non è in grado di conoscere la reputazione offline delle attività. Per questo motivo, bisogna curare anche la presenza online al meglio.

13. Come ripristino il posizionamento delle mie pagine dopo che il mio sito è stato offline?

Assicurati che il tuo sito sia di nuovo online e che tutte le pagine siano raggiungibili. Tutto dovrebbe ritornare alla normalità abbastanza velocemente.

14. Perché un sito non ottimizzato si posiziona meglio di un sito ottimizzato per la SEO?

Google considera diversi fattori per determinarne il posizionamento di una pagina. L’ottimizzazione non è l’unica cosa importante – altri elementi sono, ovviamente, la qualità dei contenuti, i link in entrata, eccetera.

Pagina SERP

Nota

SERP sta per Search Engine Results Page. Questo termine indica la pagina dei risultati su Google.

15. Come vengono scelti i titoli visualizzati sulla SERP?

Google predilige titoli brevi, correlati alla ricerca fatta dall’utente e che riflettono l’argomento trattato sia dal sito che dalla pagina. Se il titolo HTML indicato dal web master soddisfa questi criteri, Google lo userà. Altrimenti, verrà sostituito con un titolo più efficace.

16. E’ necessario che ogni pagina abbia una descrizione meta?

Non è necessario. Le pagine più importanti dovrebbero averla, però per tutti gli altri contenuti è meglio evitare descrizioni duplicate e lasciare che Google generi gli snippet.

17. Perché Google mostra più risultati dallo stesso dominio?

Perché talvolta uno stesso sito ha diverse pagine o post che rispondono bene alla ricerca fatta dall’utente.

18. Google smetterà mai di aggiornare algoritmi e risultati sulla pagina SERP?

No! Il web è in continua evoluzione e Google farà tutti i cambiamenti necessari per rispondere sempre meglio alle ricerche degli utenti.

 fare SEO domande e risposte

Contenuti, Design e Performance

19. Quanto è importante il contenuto della pagina che si trova nella sezione <body>?

E’ fondamentale. Non bisogna focalizzarsi nell’ottimizzare solo la sezione <head>, ma anche includere contenuti ricchi nel <body>.

20. Quando si crea un contenuto, è meglio prediligere la chiarezza o l’uso di un gergo tecnico?

In linea generale, i contenuti dovrebbero essere facilmente comprensibili a tutti gli utenti che visitano il sito.

Va benissimo includere gergo tecnico, ma con moderazione ed in modo tale che il significato della pagina sia comunque chiaro.

21. Devo correggere gli errori grammaticali nei commenti sul mio blog, oppure non approvarli?

No, non è necessario preoccuparsi della grammatica nei commenti (assicurati però che siano commenti genuini e non spam). E’ invece importante che i contenuti pubblicati siano di qualità e scritti correttamente.

22. C’è qualcosa che si dovrebbe sapere prima di fare guest blogging?

E’ necessario evitare di pubblicare lo stesso articolo (o versioni leggermente diverse) su più siti.

23. Ci sono svantaggi, a livello SEO, nell’usare un design responsive piuttosto che una versione mobile del sito?

No, anzi. Talvolta usare una versione mobile è più difficile da gestire rispetto ad un design responsive. L’importante è che la user experience sia ottima sia su desktop che su mobile.

24. E’ consigliabile usare il markup schema.org per tutti i video, anche per quelli pubblicati su YouTube?

Sì! Più informazioni ci sono per un contenuto, più facile è per Google indicizzarlo in modo corretto.

25. La velocità di caricamento è più importante per i siti mobile?

Un sito molto lento potrebbe avere un posizionamento inferiore ad altri siti che sono di uguale qualità ma più veloci. La velocità è un fattore importante sia per siti mobile che desktop.

26. Avere il sito offline per un giorno ha ripercussioni sul posizionamento?

Se si tratta di un giorno solo, il sito non sarà penalizzato. Se invece Google nota che il sito è offline per un periodo più lungo – per esempio, due settimane – eviterà di mandare traffico su quelle pagine.

27. Se creo un contenuto facendo riferimento ad una risorsa esterna, dove devo inserire il link a quella pagina?

Va bene inserire il link sia all’inizio che alla fine della pagina. L’opzione migliore è comunque all’inizio.

28. Usare immagini stock ha ripercussioni negative sul posizionamento?

No, usare immagini stock od originali al momento non influenza il posizionamento delle pagine web.

29. Le traduzioni possono essere considerate come contenuti duplicati?

No, però evita di usare Google Translate. Collabora invece  con un traduttore.

30. Cosa ne pensa Google dei siti a pagina singola (con molto CSS e Javascript) ?

Google riesce a capire ed elaborare gli elementi Javascript sempre meglio. Assicurati però che tutti i contenuti siano accessibili da parte dei crawler. La cosa più importante è che il sito sia facilmente navigabile per gli utenti.

Nota

Dubbi su crawler e processo di indicizzazione? Leggi questo approfondimento.

31. Google ha ancora bisogno di testo per capire il contenuto delle pagine?

Sì – se vuoi usare molte immagini, aggiungi il tag alt. Piuttosto che caricare testi come immagini, usa i webfont Google.

32. Consigli specifici per siti di notizie?

  • Quando si acquisiscono maggiori informazioni su una notizia, è consigliabile aggiornare sempre la stessa pagina. In questo modo, non si rischia di frammentare link in entrata e traffico.
  • Leggere la documentazione Google News.

33. E’ bene usare sinonimi di keyword importanti all’interno del mio sito? Google è in grado di capire quando due termini hanno lo stesso significato?

Sì – fintanto che sono usati in modo naturale all’interno dei testi. Google è in grado di comprendere i sinomini. C’è un team dedicato proprio a questo.

34. Come vengono gestiti gli Advertorial da Google?

Come regola generale, Google cerca di penalizzare i link a pagamento. Il modo migliore di gestire gli Advertorial è questo:

  • I link inseriti dovrebbero essere nofollow, quindi non trasferire PageRank (cioè, non cercare di manipolare la SERP).
  • Dovresti segnalare che il contenuto è di natura promozionale.

Errori SEO

35. Qual è l’errore SEO più comune?

Sicuramente non avere un sito web. Senza un sito, non si ha alcuna visibilità online.

36. Quali sono gli errori più comuni commessi da chi usa lo strumento Disavow?

  • Caricare un file che non è in formato .txt (non dovrebbero essere caricati file Excel, Word, eccetera)
  • Usare lo strumento disavow solo per link individuali, piuttosto che l’intero dominio
  • Usare la sintassi sbagliata quando si indicano i domini
  • Includere anche le informazioni per la richiesta di riconsiderazione
  • Includere troppi commenti nel file

Nota

Lo strumento Disavow serve a rifiutare i link in entrata da siti non correlati o che fanno spam. Leggi la documentazione Google.

37. Quali sono i 3-5 errori SEO più comuni?

  • Non avere un dominio, non permettere a Google di accedere ai contenuti o pubblicare quest’ultimi in un formato non leggibile dai crawler (per esempio, in PDF)
  • Non usare le parole chiave usate dagli utenti
  • Focalizzarsi solo sui backlink (link in entrata) piuttosto che creare ottimi contenuti e fare marketing
  • Non inclure titolo e descrizione nelle pagine più importanti
  • Non usare risorse e strumenti per i WebMaster offerte da Google

38. A quali aspetti  SEO gli esperti prestano troppa attenzione?

Al numero di parole chiave all’interno dei contenuti.

39. Alcuni miti sulla SEO?

  • Google fa modifiche all’algoritmo per portare le persone ad usare AdWords
  • Usare AdWords ha effetti sul posizionamento
  • Esistono schemi molto ingegnosi per guadagnare online e/o posizionarsi primi su Google

Strumenti per WebMaster ed Aspetti Tecnici

40. Esiste un modo per segnalare a Google la versione mobile di una pagina?

Per prima cosa, è opportuno non bloccare la visibilità di codici Javascript e CSS. Infatti, questi  permettono a Google di capire se il design di un sito è reponsive e quindi accessibile da mobile.

Se invece si hanno due versioni del sito (una per desktop e una per mobile) è essenziale avere sulla homepage della versione desktop l’attributo rel=alternate che punta alla versione mobile.

Quindi, aggiungere alla homepage del sito mobile l’attributo rel=canonical che punta alla versione desktop, per segnalare che esistono due versione del sito ed evitare penalizzazioni per contenuti duplicati.

Inoltre, se si configura una ridirezione verso il sito mobile per gli utenti che usano smartphone e tablet, Google capisce che ci sono due versioni.

In ogni caso, è meglio non bloccare Googlebot su alcuna versione del sito.

41. Cosa fare di una pagina quando un prodotto non è più disponibile?

Dipende da diversi fattori: numero di prodotti, per quanto tempo sono stati disponibili online ed altri.

Se si hanno pochi prodotti, è una buona strategia segnalare all’utente che il prodotto è terminato e mostrare articoli correlati. Questo permette di ridirezionare il traffico su un’altra pagina.

Se invece si hanno migliaia di pagine, è consigliabile usare un 404. Esiste anche un meta tag (unavailable_after) per segnalare a Google che dopo una certa data una determinata pagina non sarà più valida e dovrebbe quindi essere rimossa dagli indici. Questo è uno strumento utile per rimuovere dalla SERP le pagine dei prodotti non più disponibili.

42. Posso usare lo strumento disavow anche se  non è stata applicata una penalizzazione manuale al mio sito?

Sì, quando ci sono dei link in entrata che non sei in grado di far rimuovere.

43. Da un punto di vista SEO, c’è una differenza tra i tag <strong> e <b> (usati per rendere il testo grassetto)?

No, Google considera i tag <strong> e <b> allo stesso modo.

44. Ai Googlebot importa che l’HTML sia valido?

No, Google non applica penalizzazione alle pagine che non hanno HTML valido.

45. Se si vuole caricare un archivio di centinaia di migliaia di pagine, è meglio farlo in una sola volta o a scaglioni?

Google è in grado di gestire il caricamente di migliaia di pagine allo stesso tempo. Caricare un archivio molto grande potrebbe però attirare l’attenzione del team antispam che ne verificherà la qualità.

46. Quale piattaforma è migliore da un punto di vista SEO: WordPress o Blogger?

Sia WordPress che Blogger hanno vantaggi e svantaggi. Blogger è più semplice per iniziare e da gestire. WordPress è più flessibile. Entrambi sono validi da un punto di vista SEO e permettono di posizionarsi bene su Google.

47. Se negli strumenti per i WebMaster vedo un messaggio che segnala la presenza di link innaturali, come faccio a sapere quali sono quelli da rimuovere?

All’interno degli strumenti per Webmaster puoi ordinare i backlink per data – i più recenti potrebbero essere proprio quelli segnalati da Google. WebMaster Tool fornisce anche esempi dei link che ha segnalato come innaturali. Non vengono elencati tutti, ma questo può esserti comunque di aiuto per identificare i link di bassa qualità.

48. E’ consigliabile usare caratteri speciali e lettere maiuscole negli URL?

Di solito, Google è in grado di gestire i caratteri speciali. Nella maggior parte dei casi è meglio evitare di usarli negli URL. La stessa cosa vale per le lettere maiuscole. E’ meglio evitarle perché confondono gli utenti.

49. Come faccio notare ai Googlebot un ridirezione 301, per far sì che le vecchie pagine siano rimosse dall’indice?

La cosa migliore è aspettare che i bot si accorgano della ridirezione.

50. Google distingue l’errore 404 da quello 410?

Errore 404 significa che la pagina non è stata trovata. Errore 410 significa che una pagina è stata permanentemente rimossa.

Quando Google vede un errore 404, lascia un margine di 24 ore nel caso che l’errore sia accidentale. Se invece Google trova un errore 410, considera che la pagina è stata rimossa volontariamente.

51. Posso posizionare diverse breadcrumb sulla stessa pagina, per esempio, quando su un e-commerce i prodotti rientrano in varie categorie?

Generalmente, è meglio avere un solo gruppo di breadcrumb. Se però lo stesso prodotto rientra in diverse categorie, averne più di uno può aiutare Google a capire meglio la struttura del sito. Viene però posta maggiore attenzione al primo.

Nota

Le breadcrumb sono le cosiddette “briciole” di pagine. Servono a mostrare la struttura del sito all’interno di post e pagine.

52. In che modo Google offre e prevede di offrire migliore supporto ai web master?

Google non è in grado di rispondere manualmente a tutti i web master. Per questo motivo, vengono inviate risposte automatiche ed offerti approfondimenti sul sito dedicato ai WebMaster. La priorità di Google rimane migliorare la qualità dei risultati di ricerca.

53. Google segue uno standard preciso per rimuovere manualmente webspam?

Sì, Google segue delle regole standard. Per prima cosa, verifica se sono state violate le linee guida relative allo spam.

54. E consigliabile usare l’attributo autocompletetype sui moduli onine?

Sì, assolutamente. Questo attributo è uno standard usato da Google Chrome che permette di rendere più semplice per gli utenti compilare moduli online. Non ci sono aspetti negativi nell’usare autocompletetype.

55. Google penalizza i siti che fanno keyword stuffing con numeri di telefono?

Sì. Google riceve molte lamentele riguardo a pagine web che contengono solo liste di numeri di telefono. Questi siti vengono penalizzati per keyword stuffing.

56. Come vengono gestiti da Google i contenuti che sono visibili solo quando si clicca un bottone?

Se non stai intenzionalmente cercando di oscurare informazioni spam, non ti devi preoccupare. Questa è infatti una funzionalità molto comune e Google è in grado di gestirla.

57. E’ consigliabile bloccare il crawling di tutti i file JavaScript?

No. A Google è molto utile accedere il JavaScript. Se temi che gli URL nel Javascript possano essere considerati come link, usa l’attributo nofollow.

Domini e Multilingua

58. Come si fa a segnalare a Google che diversi domini sono correlati?

Se si tratta dello stesso dominio con diverse estensioni localizzate (per esempio, .it per l’Italia e .fr per la Francia) è possibile indicare a Google che lo stesso sito è disponibile in diverse lingue usando l’attributo hreflang nell’<head>. Per maggiori informazioni sull’utilizzo di questo attributo, clicca qui. In alternativa, è possibile mandare una Sitemap che include le versioni del sito in diverse lingue.

59. Se ho un sito multilingua, devo usare diversi indirizzi IP per le versioni del sito in diverse lingue?

Idealmente, sarebbe ottimo avere un indirizzo IP diverso per ciascun dominio localizzato. Nella pratica, Google è in grado di distinguere tra domini localizzati anche se usano lo stesso indirizzo IP.

60. Si possono usare ccTLDs senza targetizzare un paese specifico?

E’ meglio evitare di usare ccTLD (Country Code Top Level Domains) se si desidera targetizzare un’area diversa da quella indicata nell’ estensione, in modo particolare se l’estensione è molto utilizzata nel paese di riferimento.

Esistono domini generici (gTLDs). Puoi trovare la lista qui.

61. Se ho 20 domini, dovrei linkarli tutti? Se sono linkati, è meglio usare rel=”nofollow”?

Dipende dai domini e dal perché vuoi linkarli. Tanti link possono sembrare sospetti.

Un utilizzo valido è quando lo stesso sito è tradotto in diverse lingue e permette agli utenti di navigare verso la versione nella loro lingua.

62. E’ possibile acquistare un dominio che veniva usato per fare spam e che è ancora indicizzato? Come posso azzerare la SEO di quel dominio?

E’ possibile “ripulire” un dominio che era stato usato per fare spamming. Però è molto difficile e richiede tempo. Quindi, bisogna essere molto attenti prima di acquistare un dominio di questo tipo e nella maggior parte dei casi evitarlo.

63. Come posso trovare informazioni su un dominio che voglio acquistare?

Per prima cosa, cerca il dominio digitando Site: nomedominio su Google. Se non ci sono risultati, di solito non è un buon segno.

Cerca anche il dominio senza estensione, per vedere se qualcuno ha pubblicato online commenti o segnalazioni di spam.

Quindi, usa la Wayback Machine su Archive.org per vedere quale sito era presente su quel dominio. Se ha un aspetto sospetto, non usare lo stesso nome.

Se vuoi acquistare un dominio direttamente da chi lo gestisce, chiedi di vedere i dati di Analytics.

64. C’ è differenza nell’usare il simbolo / alla fine del dominio?

No, Google è in grado di capire che il dominio con / alla fine e quello senza sono lo stesso sito. E’ però importante considerare che www.example.com e www.example.com/ sono effettivamente domini diversi.

La cosa ideale è però uniformare il dominio.

65. I domini con estensione .co sono considerati generici o localizzati alla Colombia?

Sono considerati generici. E’ comunque meglio specificare all’interno di WebMaster Tools quale paese si desidera targetizzare.

Link e Backlink (link in entrata)

66. Come fa Google a determinare quando un link è a pagamento?

Quando è evidente che è stato offerto un compenso notevole in cambio di tale link.

67. Esiste una versione di Google che non tiene in considerazione i backlink?

Esiste una versione che Google usa internamente. Però i test hanno dimostrato che, se non vengono considerati i backlink, la qualità della SERP è notevolmente inferiore a quella attuale.

I backlink sono molto utili per misurare la qualità delle pagine web e sono usati in modo legittimo nella maggioranza dei casi.

68. Le directory di articoli (eg. Ezine) sono utili per generare link in entrata?

Spesso, le directory vengono usate per condividere contenuti di bassa qualità. Non sono quindi particolarmente efficaci e non è consigliabile usarle.

69. Quanti link dovrebbero esserci su una pagina? C’è un limite?

Non esiste una regola precisa. L’importante è che i link siano pertinenti e riconducano a risorse realmente utili per l’utente.

70. I commenti con link sono tutti da considerarsi spam?

No. Se i commenti includono link a risorse pertinenti, non sono da considerarsi spam. E’ però consigliabile usare il proprio nome – non un acronimo – ed usare i link con moderazione.

71. Come posso fare guest blogging senza dare l’idea io abbia pagato per ottenere link in entrata?

Fai guest blogging di qualità e con moderazione: creare un contenuto approfondito, che sia pertinente al blog sul quale è pubblicato e che non contenga un numero eccessivo di parole chiave e link.

72. E’ meglio usare rel=”nofollow” per i link interni?

Generalmente, no. E’ meglio permettere al PageRank di passare da una pagina all’altra.

73. I link nofollow possono danneggiare il posizionamento del mio sito?

No, tipicamente i link nofollow non possono danneggiare il tuo posizionamento. Se però il loro utilizzo viene abusato (e vengono segnalati come spam) potrebbero essere applicate penalizzazioni manuali.

74. Quando si crea un’infografica o un widget, e si fornisce agli utenti il codice per incorporarla, nei link è meglio aggiungere rel=”nofollow”?

Talvolta l’inserimento di link in widget ed infografiche viene abusato – per questo motivo è meglio usare il rel=”nofollow”.

75. Mi devo preoccupare se un sito che non conosco e che non c’entra niente col mio linka ad una mia pagina?

No: è sufficiente richiedere la rimozione del link e, se questo non funziona, usare lo strumento disavow. Se necessario, è possibile usare questo strumento anche a livello di dominio.

76. E’ possibile che più link interni con lo stesso testo anchor penalizzino il posizionamento di un sito?

Solitamente no. Nella maggior parte dei casi, i link interni (usati per migliorare la navigabilità del sito) non causano penalizzazioni.

77. Viene scoperto che un sito che linka al mio ha venduto link. Ci saranno ripercussioni sul mio sito?

In questo caso, Google ritiene non validi tutti i link in uscita dal sito che li vende. Quindi il tuo sito non sarà penalizzato, però non avrai più il beneficio di quel link in entrata.

78. Cosa succede se linko ad una pagina con buoni contenuti, e in seguito questa viene usata per fare spam?

In generale, non sarai penalizzato. Se però ci sono molti link che puntano a contenuti spam, questi potrebbero avere ripercussioni negative sul tuo posizionamento.

79. I backlink diventeranno un fattore meno importante per il posizionamento?

Google è sempre più capace di comprendere il significato dei testi ed i contenuti stanno diventando più importanti. Nel tempo, i backlink saranno considerati sempre meno.

80. E’ possibile che Google sospetti che link utili su un sito siano a pagamento?

No. Se i link sono verso siti di buona qualità e coerenti con i tuoi contenuti, Google non sospetterà che siano link acquistati.

Contenuti Duplicati

81. Come posso gestire i contenuti duplicati?

Si può usare l’attributo rel=”canonical” per puntare al contenuto originare ed evitare penalizzazioni.

82. Come vengono gestiti i contenuti duplicati da parte di Google?

Tipicamente, Google non considera i contenuti duplicati come spam. Semplicemente, cerca di capire come e perché sono utilizzati, e non tende a penalizzarli.

Se però è evidente che molti contenuti sono stati copiati intenzionalmente, cerca di capire la fonte originale e fa apparire solo quest’ultima sulla pagina SERP.

Molti contenuti duplicati possono anche causare penalizzazioni manuali.

83. Va bene creare un contenuto che raccoglie una selezione di testi da altre pagine web?

Nella maggior parte dei casi, no. I contenuti vengono infatti considerati duplicati. E’ importante che sulle pagine ci sia sempre un’alta percentuale di contenuto originale e di buona qualità.

84. Avere una lista di ingredienti/caratteristiche per un prodotto riportata anche su un altro sito pone problemi di contenuti duplicati?

Se il contenuto duplicato è breve e la pagina è arricchita da contenuti originali, una lista di caratteristiche simile a quella riportata su un altro sito non porta a penalizzazioni.

85. Esistono contenuti duplicati necessari (privacy policy, termini e condizioni di vendita,ecc) . Possono avere un impatto sul posizionamento?

Se si tratta di contenuti necessari per motivi legali, non vale la pena preoccuparsi di essere penalizzati.

86. Se pubblico una notizia già riportata su un altro sito, il mio contenuto viene considerato duplicato?

Anche se pubblichi una notizia già presente  altrove, cerca di creare un testo originale.

87. Ridirigere utenti in base alla loro posizione geografica è considerato spam?

No, fintanto che viene fatto per migliorare l’esperienza degli utenti.

Penalizzazioni e Richieste di Riconsiderazione

Nota

La richiesta di riconsiderazione viene inviata quando il proprio sito non risulta nell’indice Google. Clicca qui per leggere la documentazione ufficiale.

88. Come posso recuperare dopo un periodo di link spamming?

Facendo sforzi notevoli per eliminare il problema. Per esempio, usando lo strumento disavow per tutti i link ricevuti nel periodo interessato.

89. Cosa dovrebbe essere incluso in una richiesta di riconsiderazione?

  • Dire chiaramente che tutte le attività di SPAM sono state bloccate e tutti i link coinvolti sono stati rimossi
  • Assicurare che non accadrà di nuovo
  • Esempi di siti che hai contatto per rimuovere i link
  • Spiegare se l’attività di spamming è stata condotta da un consulente esterno e in quale modo un problema simile sarà evitato in futuro

E’ meglio includere tutte le informazioni possibili. Se vuoi inserire link o documenti, puoi creare Google Docs.

L’importante è mostrare che è stato fatto uno sforzo genuino per rimuovere i link di bassa qualità e far sì che non siano più svolte attività di spamming.

90. Quanto tempo è necessario per processare una richiesta di riconsiderazione?

Solitamente le richieste di riconsiderazione vengono processate nel giro di 2 settimane. Quando si invia una richiesta, si riceve un messaggio di conferma.

91. Le richieste di riconsiderazione sono processate da vere persone?

Se non è stata applicata un’azione manuale, le richieste di riconsiderazione sono processate in modo automatico.

Se però è stata applicata un’azione manuale, la richiesta viene processata da una vera persona.

92. Informazioni sulla SEO negativa

Google cerca di migliorare gli algoritmi per evitare che qualcuno possa penalizzare altri siti attraverso SEO negativa.

La maggior parte dei siti non ne sono vittima. Chi invece ne è vittima, può usare lo strumento disavow per segnalare a Google i link da ignorare.

93. Google penalizza pagine generate automaticamente che non offrono valore aggiuntivo?

Il problema principale è che l’esperienza degli utenti è molto negativa. In questo caso, gli utenti invieranno segnalazioni di SPAM e Google applicherà penalizzazioni manuali se necessario.

PageRank

94. Perché il mio PageRank non cambia?

Lo strumento PageRank sta diventando sempre meno utilizzato. Al momento, viene aggiornato solo qualche volta all’anno.

95. Quale percentuale di PageRank viene persa quando si fa una ridirezione 301?

La stessa che viene trasferita attraverso un link standard.

96. Il PageRank viene trasferito anche attraverso link nelle immagini?

Sì!

97. Perché la funzionalità PageRank non viene rimossa dalla barra degli strumenti Google?

Molti utenti continuano a guardare al PageRank come misura dell’autorevolezza di un sito.

Pubblicità

98. Perché i link a pagamento violano le linee guida Google mentre le pubblicità no?

I link a pagamento cercano di manipolare il posizionamento delle pagine – trasferendo PageRank – mentre le pubblicità no.

99. Chi usa AdWords viene avvantaggiato nei risultati organici?

No. Fare pubblicità su AdWords non offre alcun vantaggio sia a livello di posizionamento che di supporto da parte di Google.

Per finire…

100. In 10 anni, come sarà la ricerca Google?

Google potrebbe essere un vero e proprio assistente, che riceve informazioni in diversi formati (Google Glasses, voce, eccetera).

In 10 anni, Google dovrebbe essere in grado di gestire sintassi più complessa, e ricordare e processare le ricerche degli utenti, così da fornire risultati sempre più accurati.

Conclusione

Oggi abbiamo visto 100 domande SEO risposte direttamente da Google.

Cosa ne pensi? Questa guida ha risposto a qualche tuo dubbio in materia di SEO? Ci sono altre domande alle quali vorresti ricevere una risposta da Matt Cutts? Parliamone nei commenti.

Consulenza SEO per Siti in WordPress

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea, il webmaster di SOS WordPress. La mia missione è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

[PROMO LIMITATA] 50% SU HOSTING SITEGROUND + ASSISTENZA SOS WP GRATIS

SiteGround - Miglior hosting per Wordpress
24 commenti
  1. dice:

    Ciao!
    Innanzitutto grazie per l’articolo. E’ davvero ben scritto.
    Io però, da ignorantissima, avrei una domanda: ho un sito internet con diverse pagine al suo interno e ogni pagina corrisponde ad un servizio differente che offre la mia agenzia. L’acquisto di diversi domini che attraverso redirect rimandano a quella pagina, mi penalizza su Google?

    Non riesco a trovare sul web risposte chiare in merito.
    Attendo tue.

    Rispondi
    • dice:

      Salve!
      Bene siamo contenti, a breve lanceremo anche un servizio di formazione legato alla SEO assai specifico e professionale.
      Rimanete in contatto con noi :-)

      Rispondi
  2. dice:

    Ottimo articolo, come sempre! Domandina: Se Google ad un certo punto visualizza un titolo differente di una pagina rispetto a periodo precedente cosa posso fare? Cambiarlo? Esempio: prima si chiamava “Caricaturista matrimonio milano, Caricature sposi”. Ora vedo il titolo “Caricature – Musica Matrimonio Milano”. Grazie!

    Rispondi
      • dice:

        No, in automatico Google se come chiave di ricerca metto “caricaturista matrimonio milano” mi visualizza un altro titolo per la mia pagina relativa al servizio di caricaturista: “Caricature – Musica matrimonio milano”. Musica Matrimonio è il titolo del mio sito. La stessa cosa me la fa sulla pagina del servizio di animazione bimbi. Visualizza un altro titolo rispetto a quello da me inserito. Vedo “Animazione bambini matrimonio – Musica Matrimonio Milano”

        Rispondi
          • dice:

            Si certo il titolo in Yoast è quello che ho scelto e inserito io. Esattamente questo: Caricature sposi matrimonio, Caricaturista Laurea, Caricature Eventi Milano.

            Rispondi
              • dice:

                Grazie, ho provato a dare un occhio ma non mi è chiaro cosa posso fare per far si che non sia Google a scegliere per me e soprattutto a far comparire il nome del mio sito in altre pagine. Il nome del mio sito è musica matrimonio milano (e non ha quindi il mio nome). Offro servizi di intrattenimento alternativi alla musica quindi è dannoso per me se compare: Caricature – Musica matrimonio milano, quando magari stanno cercando un caricaturista per una festa di laurea…

                Rispondi
                  • dice:

                    Ciao Andrea, io sono una cantante che fornisce oltre alla musica anche altre proposte di intrattenimento per eventi. Siccome la parola chiave per me più importante in funzione del numero di ricerche mensili è “Musica matrimonio Milano” ho chiamato il sito così pensando potesse esser utile per la seo

                    Rispondi
                    • dice:

                      Ciao Sonia,
                      dipende, se nel sito parli in realtà più di altre proposte che della offerta di musica, questo potrebbe essere fuorviante per lo stesso motore di ricerca.
                      In ogni modo, per il problema dei titoli, segui le indicazioni contenute nel link che ti ho dato.
                      Un saluto!

  3. dice:

    Ottimo articolo di raccolta di domande e risposte SEO da parte di Matt Cutts che continua a dire che i contenuti sono il “Re” e che i backlink andranno a svalutare sempre di più nel tempo. Dalle prove negli ultimi anni su molti siti, sembra proprio così. Una pagina web con oltre 5000 parole, foto e molto altro ancora, è molto più potente di una pagina web con 300 parole di testo e molti link.

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Cesare,
      Grazie per il commento! Proprio così, il testo diventa sempre più importante, e Google sempre più bravo ad individuare quando i link sono genuini e realmente utili, oppure inseriti solo per motivi di SEO ;)
      Buon lavoro!
      Andrea

      Rispondi
  4. dice:

    Ciao Andrea,
    Hai fatto veramente un buon lavoro, un articolo per riassumere le domande fatte a Matt Cutts è molto utile per chi ha un primo approccio con la SEO..

    è interessante e curioso il fatto che nelle risposte di Matt si parli sempre di penalizzazione anche per i filtri algoritmici.. non solo per quelle manuali..

    Nel forum webmaster di Google c’è l’abitudine a distinguere le due cose..

    Tu pensi che Matt intendesse proprio usare il termine penalizzazione anche per i filtri o può esserci un’altra spiegazione?

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Miry,
      Matt Cutts nelle risposte allarga il campo anche alle penalizzazioni per filtri algoritmici, perché in fin dei conti il risultato è lo stesso, ovvero la penalizzazione che si deve cercare in tutti i modo di evitare, anche se è stata effettuata in modalità non manuale.
      Diciamo però che la penalizzazione manuale è più facile da rintracciare.. quella per filtri algoritmici è più insidiosa, ma possiamo evitarla lo stesso con opportuni strumenti di “prevenzione”.
      A tal proposito, ti segnalo che su Webipedia.it è partito il Video Corso dedicato agli Strumenti per Webmaster di Google: https://webipedia.it/corso/google-strumenti-webmaster/.
      Un saluto, e grazie del tuo commento!

      Rispondi
  5. dice:

    Ciao Andrea,
    ho visto un tuo video su Webipedia e poi mi sono letto dei tuoi post sul seo, ma ho ancora una domanda oscura, ovvero, in un video ho visto che da Google Analytics, controllavi i termini di ricerca per cui vieni visitato ( rankato ), mi puoi dire come fare ?

    Grazie

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Cristian,
      per tutto ciò che concerne webipedia.it, scrivimi utilizzando la chat che si apre sulla piattaforma.
      Un saluto!

      Rispondi
  6. dice:

    Ciao, articolo utilissimo per me che sto iniziando a fare seo da sola! :-)
    Una domanda che sicuramente ti suonerà ingenua (ma non trovo la risposta da nessuna parte): posso modificare la keyword madre del mio blog? e le keywords dei singoli post se vedo che non si indicizzano?
    Ho un blog con una home page che ho intitolato “articoli”..gli articoli presenti sono tutti ottimizzati, invece la pagina intera no..devo ottimizzare anche quella? e la pagina “biografia” va ottimizzata?
    Scusa le domande ma sono all’inizio e nei vari siti sembra che tante cose si diano già per scontate!
    Grazie!!!

    Rispondi
  7. dice:

    semplicemente un grazie enorme, queste sono veramente informazioni utili e precise. Un altro ringraziamento per il tuo preziosissimo lavoro di condivisione!!!

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *