I 10 errori più comuni di chi usa WordPress

Come ben sappiamo, utilizzare WordPress è molto semplice ed intuitivo, anche se non si hanno conoscenze di programmazione o sviluppo web.

Tuttavia, accade spesso che gli utenti WordPress trascurino alcuni dettagli molto, molto importanti.

Le conseguenze? Un sito dalle performance scadenti, poco ottimizzato e che presenta errori!

A differenza di quanto si possa pensare, è piuttosto semplice mantenere alto il livello di sicurezza e prestazioni del proprio sito WordPress. Infatti, è sufficiente adottare degli accorgimenti relativamente semplici da implementare, ma molto importanti per una buona manutenzione del sito.

Se stai pensando di creare un sito web o ne hai già uno, leggi con attenzione questa guida per scoprire i 10 errori più comuni commessi da chi usa WordPress… ed imparare come evitarli.

10 errori da evitare quando si usa WordPress

Errore #1: utilizzare plugin scadenti o non aggiornati

Se vuoi aggiungere una nuova funzionalità al tuo sito, scegli il plugin da installare con molta, molta attenzione. Innanzitutto, quando si parla di plugin è bene non farsi prendere la mano ed installare solo quelli strettamente necessari (idealmente non più di 15). 

Poi, se sei proprio convinto di aggiungere un nuovo strumento al tuo sito, assicurati che questo sia utilizzato da un numero elevato di utenti (dalle 10mila installazioni attive in su), e che sia compatibile con l’ultima versione di WordPress, che dovrebbe essere anche quella installata sul tuo sito.

Ricordati poi di fare sempre tutti gli aggiornamenti per i plugin. Infatti, non fare gli aggiornamenti potrebbe causare problemi di compatibilità tra i plugin ed il tema installato sul tuo sito, e tra i plugin e WordPress stesso.

Se noti che un plugin non viene aggiornato dall’autore per un lungo periodo, valuta se sostituirlo con uno strumento alternativo.

notifica non aggiornamento

Se vedi questa notifica, non installare il plugin in quanto non è stato aggiornato da oltre 2 anni.

 

Errore #2: non effettuare il backup del tuo sito

E’ fondamentale avere sempre a disposizione almeno una copia di backup integrale del tuo sito (questo significa sia file che database, oltre ad un export dei contenuti nel formato fornito da WordPress).

Avere un backup è l’unica soluzione che ti permetterebbe di ripristinare celermente il tuo sito nell’eventualità che si presentino gravi errori nel codice, attacchi hacker, eccetera. Non averne una copia è un errore di cui potresti pentirti amaramente.

La maggior parte degli hosting provider forniscono strumenti per generare e scaricare copie di backup del tuo sito, assicurati di capire se questa funzionalità è inclusa nel tuo piano di hosting e come utilizzarla.

Errore #3: usare la struttura permalink sbagliata

La configurazione default dei permalink su WordPress non è ottimizzata in chiave SEO (cioè, la struttura dei permalink non è ottimizzata per i motori di ricerca).

Ti consigliamo quindi di rivedere questo aspetto e, in Impostazioni > Permalink, scegliere l’opzione Nome Articolo / Post Name.

Attenzione! Se sei ancora nella fase di creazione del tuo sito, questa è un’opzione su cui puoi lavorare senza grossi problemi. Se però hai già pubblicato contenuti, fai attenzione, in quanto cambiare questa impostazione di fatto cambia tutti i permalink del tuo sito (potrebbe quindi generare errori 404 se non viene gestita correttamente). Se necessario, configura delle ridirezioni.

Impare come ottimizzare la struttura permalink del tuo sito con la nostra guida.

Errore #4: ignorare la performance del tuo sito

La maggior parte degli utenti che visitano siti web si aspettano che le pagine carichino in meno di 3 secondi. Se il tuo sito è lento, non ti sorprendere se il tasso di abbandono delle pagine è alle stelle, mentre le conversioni rasentano lo zero. Oltre a questo, la velocità di un sito è importante anche da un punto di vista SEO.

Per fortuna, ci sono strumenti molto utili sia per monitorare che per migliorare la performance di WordPress:

  • Per scoprire qual è il tempo di caricamento delle tue pagine web, usa uno strumento come Pingdom Website Speed Test.
  • Ottimizza il tuo sito usando uno strumento di caching, come WP Super Cache.
  • Ottimizza le immagini del tuo sito. Spesso, sono proprio le immagini ad allungare il tempo di caricamento delle pagine web. Fortunatamente, questo è un problema che può essere risolto piuttosto facilmente.

Mano a mano che fai queste ottimizzazioni, testa nuovamente la velocità del tuo sito.

pingdom website speed test

Errore #5: ignorare gli aggiornamenti di WordPress

Assicurati di fare sempre gli aggiornamenti di WordPress.

Con un singolo click puoi migliorare la velocità, l’efficienza e riparare i bugs della tua versione. Non dimenticarti di questa necessità fondamentale: aggiornare WordPress significa non solo sfruttare al massimo tutte le potenzialità del CMS, ma significa anche mantenere il tuo sito in sicurezza.

Prima di effettuare un aggiornamento, assicurati sempre di avere una copia di backup del tuo sito (vedi il punto 2 di questa guida).

Errore #6: usare un pessimo servizio di hosting

Il risparmio non è sempre un guadagno. Scegli l’hosting che meglio risponde alle tue esigenze, ma senza farti influenzare esclusivamente dal prezzo.

Un buon servizio di hosting infatti garantirà buone performance, un alto livello di sicurezza e supporto efficiente in caso di necessità. Al contrario, un hosting scadente potrebbe ostacolare non poco la crescita ed il successo del tuo sito web.

In questo articolo trovi una selezione di quelli che sono secondo noi i migliori hosting provider per WordPress.

Il provider che usiamo per questo sito è SiteGround, e lo consigliamo sempre anche ai nostri utenti perché ne siamo molto soddisfatti.

Errore #7: scegliere un tema di bassa qualità

Come per i plugin, anche il tema che scegli per il tuo sito dovrebbe essere abbastanza popolare, aggiornato e ben supportato dall’autore.

Scegliere un tema scadente potrebbe porre problemi di funzionamento e compatibilità con altri strumenti.

Leggi la nostra guida Temi WordPress: Come Scegliere Quello Giusto! per sapere quali sono tutti i fattori da considerare prima di installare un tema sul tuo sito, in modo che questo risponda a tutte le tue esigenze e sia anche una base solida per la realizzazione e crescita del tuo progetto online.

Errore #8: avere un sito non compatibile con i dispositivi mobile

Sempre più utenti navigano sul web da smartphone e tablet. Per questo, è importante che il tuo sito sia responsive, cioè perfettamente visibile da dispositivi con schermi di qualunque misura.

In questo è fondamentale la scelta del tema. Assicurati di usarne uno che abbia questa caratteristica.

Errore #9: non ottimizzare il sito in chiave SEO

Fare SEO, cioè ottimizzare il proprio sito per i motori di ricerca, è ciò che ti permetterà di posizionarti al meglio su Google ed ottenere traffico organico gratuito.

Se ti interessa imparare come fare SEO, ti consiglio di iscriverti al corso gratuito che trovi all’interno della nostra Area Membri (anche la registrazione all’Area Membri è gratuita per tutti gli utenti).

Entra in Area Membri ed iscriviti al corso gratuito sulla SEO

Errore #10: non avere una newsletter ed una lista di contatti

Tutti gli utenti che visitano il tuo sito sono in qualche modo alla ricerca delle informazioni che offri. Quindi, sono anche potenziali clienti se e quando vorrai offrire prodotti, servizi, eccetera.

Da questo puoi dedurre quanto sia importante iniziare a costruire quanto prima una lista di contatti. Per farlo, il metodo più efficace è senza dubbio quello di creare una newsletter e, per aumentare il numero di contratti, anche offrire una risorsa gratuita a chi si iscrive alla lista.

Conclusione

Fare degli errori è normale, in particolare se sei alle prime armi con WordPress.

Adesso che conosci quali sono gli errori più comuni, potrai dedicarti al tuo sito web ottimizzandolo al meglio, riducendo la possibilità che si presentino problemi.

Hai già commesso qualcuno di questi errori? Sei riuscito a risolverli?

Condividi con noi la tua esperienza lasciandoci un commento qui sotto al post.

Andrea Di Rocco

Andrea Di Rocco

Ciao! Sono Andrea Di Rocco, il fondatore di SOS WP. La mia missione - insieme al mio Team - è di aiutarti a diventare autonomo nel creare il tuo sito web, posizionarti sui motori di ricerca e guadagnare online grazie al tuo progetto. Oltre a questo voglio far si che tu spenda il minor quantitativo di soldi e tempo mentre raggiungi i tuoi obiettivi sul web. Conosciamoci nell'area commenti di questo articolo!

10 commenti
  1. dice:

    Ottima guida!!!
    Aggiungerei anche un punto #11: non prestare attenzione alle impostazioni di sicurezza di WordPress.
    I pirati informatici sono sempre in agguato!

    Ciao e buon lavoro.
    Riccardo

    Rispondi
    • dice:

      Ciao Riccardo, grazie del tuo intervento! Parleremo presto anche della sicurezza, dedicando una guida a parte a questo importante tema. A presto, continua a seguirci.

      Rispondi
  2. dice:

    Ciao Andrea e grazie di questa utile guida.
    Ho una domanda per te.
    Sul mio blog ho la struttura dei permalink settata su http://www.upgradeyourmind.it/category/nome-articolo.
    E’ da un bel po’ che vorrei passare a http://www.upgradeyourmind.it/nome-articolo, come da te suggerito, ma ho molti post pubblicati. Sono circa 140 e fare dei redirect manualmente mi ha sempre fatto desistere.
    Chiedo a te se c’è un modo (Plugin?) che possa facilitarmi le cose?
    In caso sia da fare tutto manualmente… il gioco vale la candela?
    Ti ringrazio e complimenti!
    Marco

    Rispondi
  3. dice:

    Sono un neofita, da pochi giorni sono entrato nel mondo della creazione di siti web.
    L’articolo mi è piaciuto.
    Come al solito ne ho fatto un riassunto.
    Grazie.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *